FAST FIND : GP13707

Sent. C. Cass. civ. 11/03/2015, n. 4911

2261956 2261956
Consulente tecnico d'ufficio - Compenso - Istanza di liquidazione - Art. 71 del D.P.R. n. 115 del 2002 - Termine di decadenza - Natura sostanziale - Conseguenze - Domanda autonoma di riconoscimento del compenso - Preclusione.

Solamente nel caso in cui l'ausiliario formuli tempestivamente la propria richiesta di pagamento nei termini di cui all'art. 71 del D.P.R. n. 115 del 2002, il relativo di

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
Scarica il pdf completo
2261956 2261962
Svolgimento del processo

L'ing. B.L. proponeva opposizione D.P.R. n. 115 del 2002, ex art. 170, avverso il decreto di rigetto, per intervenuta decadenza ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 71, comma 2, sulle spese di giustizia, della domanda di liquidazione degli onorari e spese sostenute per l'espletamento di incarico di Consulente tecnico della Procura della Repubblica di La Spezia, svolto unitamente al geometra C.R. e al geologo T.G. nell'ambito di un procedimento penale.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2261956 2261963
Motivi della decisione

1. Con il primo motivo il ricorrente denuncia violazione del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 71, dolendosi del rigetto dell'opposizione per ritenuta intervenuta decadenza di cui alla citata disposizione (cento giorni dalla data di compimento dell'incarico), senza considerare che la norma, pur stabilendo una decadenza, secondo le procedure speciali del D.P.R. n. 115 del 2002, non prevede la prescrizione del diritto di riscuotere quanto dovuto per l'attività peritale prestata.

Il ricorrente aggiunge:

- che il termine dell'art. 71 cit. è (a suo dire) un termine ordinatorio e che comunque è un termine che decorre solo dal momento in cui il C.T. è in grado di quantificare tutte le spese per le quali chiede il rimborso;

- che il giudice avrebbe dovuto comunque riconoscere il diritto in quanto non prescritto e liquidare il compenso;

- che il termine di decadenza riguarda solo gli onorari dell'ausiliario, ma non le spese autorizzate sostenute da soggetti dei quali l'ausiliario si è avvalso con l'autorizzazione della Procura;

- che il Tribunale non avrebbe motivato in ordine alla predette censure.

Il ricorrente, formulando il quesito di diritto ex art. 366 bis c.p.c., ora abrogato, ma applicabile ratione temporis, chiede:

- se vi è stata violazione del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 71, commi 1 e 2 e se la norma preveda la decadenza dalla domanda di liquidazione secondo le procedure speciali di cui al D.P.R. n. 115 del 2002, ma non dal diritto di riscuotere tutto quanto dovuto per l'attività peritale per il cui accertamento operano le regole generali della prescrizione del diritto, con conseguente liquidazione;

- se il termine di 100 giorni è un termine ordinatorio oppure un termine che decorre dal momento in cui il C.T. è in grado di quantificare tutte le spese per l'attività prestata da soggetti terzi e di cui deve chiedere il rimborso.

1.1 Il motivo è infondato.

Occorre premettere, quanto al richiamo alla sentenza n. 4281 del 1987 di questa Corte (che il ricorrente menziona a sostegno della propria tesi), che il principio di diritto ivi affermato era il seguente:

"In materia di compensi spettanti ai periti, ai consulenti tecnici, ... per le operazioni eseguite a richiesta dell'autorità giudiziaria - la disciplina del R.D. 3 maggio 1923, n. 1043, art. 24, assoggetta il diritto agli onorari e alla indennità ad un termine di prescrizione di cento giorni dalla data degli atti e dal compimento delle operazioni per cui sono dovuti -, senza porsi in contrasto con l'art. 3 Cost., attesa la ragionevole brevità del detto termine. Né siffatta disciplina che non è stata tacitamente abrogata, non essendo incompatibile con la successiva normativa in materia dettata dalla L. 1 dicembre 1956, n. 1426 (restando così superfluo l'art. 7 della stessa legge che faceva espressamente salve le pregresse normative non incompatibili), è venuta meno per effetto della successiva L. 8 luglio 1980, n. 319, art. 13, regolante la medesima materia, ancorché questo abbia esplicitamente abrogato, insieme con altre norme tutte specificamente indicate, la citata L. n. 1426 del 1956 ed anche il citato art. 7 della stessa".

Il decisum quindi non è pertinente al tema in esame nel quale non era in discussione il termine di decadenza previsto dal D.P.R. n. 115 del 2002, art. 71, ma un termine di prescrizione e, del resto, questa Corte aveva accolto il ricorso del Ministero che aveva lamentato la mancata applicazione del termine di prescrizione.

Nella memoria il ricorrente richiama anche la sentenza n. 1 del 2011 della Corte dei Conti, sezione giurisdizionale di Bolzano, secondo la quale, intervenuta la decadenza, opererebbero le norme generali sulla prescrizione, tesi che questa Corte non ritiene di potere condividere per le ragioni infra enunciate.

L'attuale del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 71, dispone:

- al comma 1 che "Le indennità e le spese di viaggio spettanti ai testimoni e ai loro accompagnatori, le indennità e le spese di viaggio per trasferte relative al compimento di atti fuori dalla sede in cui si svolge il processo di cui al titolo 5^ della parte 2^ e le spettanze agli ausiliari del magistrato, sono corrisposte a domanda degli interessati, presentata all'autorità competente ai sensi degli artt. 165 e 168";

- al comma 2 che "La domanda è presentata, a pena di decadenza:

trascorsi cento giorni ... dal compimento delle operazioni per gli onorari e le spese per l'espletamento dell'incarico degli ausiliari del magistrato; trascorsi duecento giorni dalla trasferta, per le trasferte relative al compimento di atti fuori dalla sede in cui si svolge il processo e per le spese e indennità di viaggio e soggiorno degli ausiliari del magistrato".

Con riferimento ai quesiti posti, che perimetrano il motivo di ricorso, si deve osservare e rispondere:

a) che la tesi per la quale, intervenuta la decadenza, permane il diritto al compenso nei termini della prescrizione ordinaria è del tutto priva di fondamento in quanto contraddetta dall'art. 2968 c.c., per il quale "nei casi in cui

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2261956 2261964
P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Perizie e consulenze tecniche
  • Professioni

Il Consulente tecnico d’ufficio e di parte nel processo civile e penale

A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Studio Groenlandia
  • Professioni
  • Perizie e consulenze tecniche
  • Ordinamento giuridico e processuale

I compensi del CTU nel processo civile

PREMESSA - L’ONORARIO (Onorario fisso; Onorario variabile; Onorario a tempo (vacazioni); Variazioni dell’onorario ed altri parametri per la sua determinazione; Pluralità di quesiti e/o di accertamenti; Riepilogo ed esempi di calcolo dell’onorario) - INDENNITÀ E RIMBORSI SPESE (Indennità di viaggio e di soggiorno; Rimborso spese di viaggio, vitto, alloggio e varie; Schema grafico riepilogativo indennità e rimborsi) - LIQUIDAZIONE E PAGAMENTO (L’istanza di liquidazione; Il decreto di pagamento; Parte obbligata al pagamento e solidarietà; Fatturazione e IVA) - I COMPENSI DELL’ESPERTO STIMATORE NEL PROCESSO ESECUTIVO (La figura dell’Esperto stimatore; Compensi dell’Esperto stimatore - Quantificazione; Compensi dell’Esperto stimatore - Liquidazione).
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Professioni
  • Precontenzioso, contenzioso e giurisdizione
  • Perizie e consulenze tecniche
  • Tariffa Professionale e compensi
  • Autorità di vigilanza
  • Appalti e contratti pubblici

I compensi per i CTU negli arbitrati sui contratti pubblici

Compensi del CTU negli arbitrati sui contratti pubblici; Chiarimenti applicativi forniti dall’autorità (generalità, applicazione ai contratti pubblici dei compensi previsti per il CTU, unitarietà dell’incarico, cumulo tra compensi tabellari e “vacazioni”, aumento dell’onorario oltre il massimo tabellare, rimborsi spese); Rinvio ad approfondimenti.
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Tariffa Professionale e compensi
  • Professioni

Compensi dei professionisti: normativa e consigli pratici (preventivo, contratto, comunicazioni varie)

LA RIFORMA DELLE PROFESSIONI DEL 2012 (Principi generali; Norme di riferimento sulla riforma delle professioni) - I COMPENSI NEL NUOVO ASSETTO DELLE PROFESSIONI - INDICAZIONI PRATICHE APPLICATIVE E CONSIGLI DI COMPORTAMENTO PER IL PROFESSIONISTA (Come redigere il preventivo; Prova di aver reso il preventivo; Polizza assicurativa, titoli e specializzazioni; Come redigere il contratto; Come rendere le comunicazioni di dettaglio; Come determinare la misura dei compensi; Visto di conformità dell’Ordine/Collegio) - PERITI E CONSULENTI TECNICI D’UFFICIO - TARIFFA URBANISTICA (Indicazioni generali; Abrogazione; Tabella fino alla data di abrogazione).
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Edilizia e immobili
  • Professioni
  • Perizie e consulenze tecniche
  • Mutui e finanziamenti immobiliari
  • Compravendita e locazione

Credito immobiliare ai consumatori, disciplina e tutele

NORMATIVA DI RIFERIMENTO - SINTESI DELLA DISCIPLINA.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Impiantistica
  • Professioni
  • Fonti alternative
  • Energia e risparmio energetico
  • Esercizio, ordinamento e deontologia
  • Impianti alimentati da fonti rinnovabili
  • Impianti di riscaldamento e condizionamento

Toscana, formazione installatori impianti alimentati da FER: avvio e proroga termine