FAST FIND : AR985

Ultimo aggiornamento
06/10/2014

Politiche territoriali e trasformazioni urbane: quale futuro?

A fine luglio il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti ha presentato il progetto di legge «Princìpi in materia di politiche pubbliche territoriali e trasformazione urbana». La prima settimana di agosto il Senato della Repubblica ha approvato, in prima lettura, il disegno di legge che modifica la Costituzione in vari punti, compresa la ripartizione delle competenze tra lo Stato e le Regioni nelle varie materie che concorrono a definire le politiche territoriali. Nello stesso periodo è stato annunciato il provvedimento “Sblocca Italia”, che comprende anche interventi per accelerare la realizzazione delle infrastrutture e per semplificare (ancora una volta) le autorizzazioni edilizie. C’è da chiedersi se, per conseguire effettivamente gli obiettivi dichiarati, il coordinamento dei provvedimenti lo debbano fare i cittadini e/o i professionisti.
A cura di:
  • Roberto Gallia

Dalla redazione

  • Pianificazione del territorio
  • Urbanistica

Standard urbanistici, dotazioni territoriali, regolamento edilizio unico nazionale

Non è stato ancora prodotto il regolamento edilizio unico nazionale, annunciato entro novembre 2015, ma nelle more sono state diffuse 42 definizioni tecniche, che comprendono anche le “dotazioni territoriali” che sembra debbano sostituire gli “standard urbanistici”. L’argomento meriterebbe una attenzione maggiore di una estemporanea innovazione, poiché riguarda il governo delle città nel rilevante aspetto della dotazione di servizi, finalizzati all’innalzamento della qualità della vita dei residenti e alla creazione di un contesto favorevole all’insediamento ed allo sviluppo di impresa.
A cura di:
  • Roberto Gallia
  • Aree urbane
  • Urbanistica

Il futuro delle città: politiche urbane in ordine sparso

Gli scenari sul futuro delle città, confermati dalle tendenze del mercato delle costruzioni sostenuto dalla riqualificazione dell’edilizia residenziale e dalla realizzazione delle infrastrutture di interesse locale, concordano su un arresto dell’espansione e su una rigenerazione urbana fondata, oltre che sulla riqualificazione fisica degli immobili, sull’implementazione dei servizi che consentano di migliorare la qualità della vita dei residenti e creare un clima favorevole allo sviluppo delle attività imprenditoriali. Tuttavia la politica sembra ignorare queste indicazioni e, in luogo di elaborare e proporre strategie in grado di incidere sulle dinamiche in atto, propone iniziative episodiche e non coordinate fra loro.
A cura di:
  • Roberto Gallia
  • Urbanistica

L’insediamento delle attività commerciali e produttive: la tutela della concorrenza e la tutela del territorio sono alternative?

Il c.d. «decreto fare» ha modificato la disciplina dell’insediamento delle attività commerciali e produttive, nella parte che regolamenta il loro insediamento in assenza di contingenti e di vincoli (ostativi alla libera iniziativa e, quindi, anticoncorrenziali), consentendo ai Comuni di prevedere limitazioni all’insediamento ovvero l’interdizione all’insediamento in determinate aree. Si pone quindi la necessità di definire quali principi e quali criteri adottare per individuare, all’interno degli strumenti urbanistici comunali, le aree ove inibire ovvero limitare l’insediamento di attività produttive e commerciali.
A cura di:
  • Roberto Gallia
  • Aree urbane
  • Urbanistica

Le nuove sfide per il governo delle città

Tra le modifiche apportate al cd "Decreto Fare" dalla legge di conversione, rileva la possibilità di utilizzare, per attuare i progetti predisposti dai Comuni per il Piano nazionale delle città, la disponibilità finanziaria dei programmi cofinanziati dai fondi strutturali europei 2007-2013 relativi ad assi territoriali o urbani; anticipazione, di fatto, delle risorse che verranno dedicate nel prossimo periodo di programmazione 2014-2020. E’ bene ricordare che, per non sprecare le possibilità che offrono queste norme, si renderà necessario prestare la dovuta attenzione ai cambiamenti in atto, sociali ed economici, che richiedono nuove capacità di orientamento e di scelta nel governo delle città.
A cura di:
  • Roberto Gallia
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Pianificazione del territorio
  • Impianti alimentati da fonti rinnovabili
  • Impiantistica
  • Urbanistica
  • Energia e risparmio energetico

Sviluppo urbano sostenibile: un percorso complesso ma possibile

L’articolo illustra un possibile approccio che un Comune può adottare per perseguire gli obiettivi di sostenibilità ambientale e protezione del clima, di efficienza energetica, risparmio energetico e promozione delle fonti rinnovabili di energia nel proprio territorio amministrato. Oggi sono disponibili per le Amministrazioni Comunali le tecnologie innovative idonee ad assicurare un miglioramento dell’efficienza energetica negli usi finali, sono intercettabili fondi extra civici bilanci, mediante la partecipazione a programmi e bandi comunitari, nazionali e regionali, sono disponibili figure professionali in grado di guidare il programma comunale verso tali obiettivi.
A cura di:
  • Pasquale Capezzuto

Dalle Aziende

  • Norme tecniche
  • Costruzioni
  • Costruzioni in zone sismiche
  • Informatica

Nel nuovo numero di Progettazione e calcoli il dossier di confronto tra IperSpace e Straus7 !

Nel numero di dicembre della rivista edita da Soft.Lab, dossier e casi studio con uno speciale dedicato al PNRR.
  • Edilizia e immobili
  • Alberghi e strutture ricettive
  • Edilizia scolastica
  • Impianti sportivi
  • Locali di pubblico spettacolo
  • Edilizia residenziale
  • Edifici di culto
  • Edilizia penitenziaria
  • Condominio

Forme armoniose e superfici inedite per il nuovo Cantiere Rossini di Pesaro rivestito con alluminio PREFA

Il lattoniere Jürgen Niederfriniger si è occupato della realizzazione della facciata dell’hangar di manutenzione che si trova nel nuovo porto di Pesaro di recente ristrutturazione, mettendo d’accordo investitori e architetti.
  • Catasto e registri immobiliari
  • Edilizia e immobili

ACTAGEST Contabilità – Il software per la contabilità di chi opera per progetti, pratiche e commesse

I moduli e le funzioni di ACTAGEST Contabilità, una delle dieci soluzioni che compongono ACTAGEST, il sistema di gestione modulare per professionisti, società ed enti che operano per progetti, pratiche e commesse.

FaTA Next . La soluzione per il calcolo strutturale

FaTA Next è il software ideale per chi cerca versatilità e potenza nello stesso ambiente. Esso consente di affrontare diverse problematiche: dal semplice edificio in c.a. ad analisi più complesse riguardanti analisi non lineari, dispositivi antisismici e gli effetti del degrado strutturale.
  • Costruzioni
  • Costruzioni in zone sismiche
  • Informatica
  • Norme tecniche

Nasce IperWall BIM: nuovo software per il calcolo non lineare di strutture in murature e miste.

IperWall BIM è il primo software per le murature con un’architettura multipiattaforma.
  • Impiantistica
  • Impianti alimentati da fonti rinnovabili
  • Impianti di riscaldamento e condizionamento
  • Impianti elettrici

Configuratore Contact Italia: dimensiona la corretta struttura di montaggio di un impianto fotovoltaico

Un configuratore progettato per schierarsi dalla parte dei professionisti del fotovoltaico.In pochi click ottieni la distinta base, dettagliata di tutto quanto necessario al montaggio dei moduli fotovoltaici su tetti e superfici di ogni genere e dimensione.
  • Edilizia e immobili
  • Materiali e prodotti da costruzione
  • Alberghi e strutture ricettive
  • Agevolazioni
  • Norme tecniche

Isolamento interno, non sempre l’umidità è un pericolo

Al contrario delle soluzioni isolanti che necessitano di barriera al vapore, B/ISOLA permette di isolare termicamente gli edifici dall’interno mantenendo la traspirabilità delle pareti agendo da regolatore dell’umidità interna.
  • Norme tecniche
  • Informatica
  • Costruzioni in zone sismiche

STS - Import da Revit® a CDB Win (Calcolo Paratie)

Nuova implementazione del workflow BIM all’interno del software CDB Win, per ottimizzare i tempi e la qualità di elaborazione del progetto di un’opera di sostegno del tipo a paratia.