FAST FIND : GP10632

Sent. C. Cass. pen. 23/06/2011, n. 25191

1248597 1248597
1. Edilizia ed urbanistica - Concessione edilizia - Variante - Difformità totale del manufatto - Costituisce reato edilizio
1. La difformità totale di un manufatto dalla concessione edilizia si delinea allorché le modifiche comportino un’alterazione del progetto originario nelle sue caratteristiche essenziali di struttura, aspetto estetico, architettura, destinazione e, nel caso in cui vengano realizzati volumi edilizi oltre i limiti indicati nel progetto, allorquando i volumi realizzati in eccesso costituiscano «un organismo edilizio o parte di esso con specifica rilevanza ed autonomamente utilizzabile».

1. Conf. Cass. pen. III 29 gennaio 2004 n. 3350. Ved. anche Cass. pen. III 24 giugno 2010 n. 24236 R e III 15 luglio 1994 n. 8081. 1a. (CED-VAR) - Sulla concessione edilizia in variante ved. C.Stato IV 15 settembre 2010 n. 6878 e Cass. pen. III 5 marzo 2009 n. 9922 R (Variante al permesso di costruire - È tale la localizzazione dell’edificio in area diversa); Cass.pen. III 24 giugno 2010 n. 24236 R (Varianti al permesso di costruire - Varianti al progetto in senso proprio, varianti essenziali e varianti cd. minime - Nozione ed autorizzazione); III 5 marzo 2009 n. 9922 R (1. Variante al permesso di costruire - Variante alla progettazione originaria - Nozione); C.Stato IV 20 novembre 2008 n. 5743 R (Variante al permesso di costruire - Spostamento del fabbricato in area totalmente diversa - Inammissibilità); Cass. 30 novembre 2006 n. 25536 R (Concessione edilizia rilasciata ma ancora non comunicata al privato - Intervenuta approvazione di variante urbanistica che modifica la zona da centrale a periferica - Conseguente annullamento della concessione - Richiesta di risarcimento danni del privato - Suo interesse legittimo e non diritto soggettivo); C. Stato V 3 agosto 2004 n. 5429 R (Roto-traslazione modesta della sagoma dell’edificio per il quale è stata rilasciata concessione edilizia - È una mera varianteminore e non variazione essenziale); V 22 gennaio 2003 n. 249 R (Criteri di distinzione fra variante ad una concessione e nuova concessione edilizia); V 21 novembre 2001 n. 5926 (La variante in corso d’opera di una concessione edilizia, ai sensi dell’art. 15 della L. 28 febbraio 1985 n. 47 è ammissibile soltanto se si tratta di modifiche di limitata consistenza e conformi alle norme urbanistiche); V 18 ottobre 2001 n. 5496 R (Variante essenziale al progetto di un edificio, ai sensi dell’art. 8 della L. 1985 n. 47, è l’aumento, e non la diminuzione, della cubatura); V 2 aprile 2001 n. 1898 R (Per stabilire se si tratta di nuova concessione edilizia oppure di variante alla concessione già rilasciata bisogna prendere in considerazione le modificazioni quantitative o qualitative apportate al progetto originario, riguardanti in particolare la superficie coperta, il perimetro, la volumetria e le caratteristiche funzionali e strutturali del fabbricato, interne ed esterne); Cass. pen. III 29 aprile 1999 n. 5453 (In edilizia possono considerarsi varianti le opere di ristrutturazione come, ad esempio, la demolizione e ricostruzione di muri perimetrali con conseguente modifica delle unità immobiliari nonché le opere eseguite in violazione delle prescrizioni particolari contenute nella originaria concessione); Cass. pen. III 5 agosto 1998 n. 2097 (L’art. 15 L. 1985 n. 47 è stato implicitamente abrogato dalla L. 23 dicembre 1996 n. 662); C.Stato V 30 aprile 1997 n. 421 (Sulle misure di salvaguardia delle domande di concessione edilizia in caso di variante urbanistica a piano regolatore); V 11 aprile 1996 n. 392 R (In tema di concessione edilizia, sulle condizioni di applicabilità dell’art. 15 L. 1985 n. 47 per l’approvazione di variante in corso d’opera); V 2 febbraio 1995 n. 184 R; V 19 novembre 1994 n. 1333 R (Distinzione della concessione edilizia in variante da nuova concessione); V 17 novembre 1994 n. 1332 R (Obbligo di applicazione delle misure di salvaguardia della concessione edilizia, anche in caso di variante); V 4 gennaio 1993 n. 26 R (1. Sugli elementi da considerare al fine di discriminare una nuova concessione edilizia dalla variante ad altra preesistente; 2. Sull’iter procedimentale da seguire per la concessione relativa a variante edilizia); Csi 21 marzo 1992 n. 59 R (Sulla distinzione fra concessione in variante e nuova concessione).
(D.P.R. 6 giugno 2001 n. 380, art. 31, c.1) R

Dalla redazione

  • Imprese
  • Mezzogiorno e aree depresse
  • Provvidenze
  • Finanza pubblica

Agevolazioni alle PMI per investimenti innovativi nelle regioni meno sviluppate

Il nuovo bando Macchinari innovativi sostiene la realizzazione di programmi di investimento finalizzati alla trasformazione tecnologica e digitale dell’impresa nei territori delle regioni Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia. La dotazione finanziaria complessiva dello strumento è pari a 265 milioni di euro.
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Aree rurali
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze
  • Urbanistica

Emilia Romagna: Bando Montagna 2020

Contributi prima casa in montagna e lo scopo è quello di rivitalizzare le aree montane e recuperare il il patrimonio edilizio esistente. Il Bando Montagna 2020 concede contributi fino a 30.000 euro ai nuclei familiari già residenti in montagna o che desiderano trasferirvisi acquistando la prima casa, limitatamente a immobili già esistenti o recuperando il patrimonio edilizio esistente (o un mix delle due modalità).
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Strade, ferrovie, aeroporti e porti
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Sicurezza

Toscana: Bando per la sicurezza stradale 2020

Azioni Regionali per la Sicurezza Stradale. Approvazione del Bando regionale per la presentazione delle domande da parte di Città Metropolitana, Province e Comuni della Toscana in attuazione del PRIIM. Il bando regionale mette a disposizione 5 milioni di euro per mettere in atto tutte le misure necessarie al fine di contrastare il fenomeno dell'incidentalità stradale.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze
  • Informatica
  • Professioni
  • Calamità
  • Imprese

Umbria: Bridge to Digital 2020

Bridge to digital", un ponte per il digitale: tre milioni di euro messi a disposizione dalla Regione Umbria per favorire la trasformazione digitale delle micro e piccole imprese e dei liberi professionisti per renderli più competitivi nei mercati nazionali ed interazionali ed aumentarne la capacità di reazione alla congiuntura negativa dovuta al COVID-19.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Finanza pubblica
  • Energia e risparmio energetico
  • Provvidenze
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Pubblica Amministrazione
  • Enti locali

Valle D’Aosta: efficientamento energetico del patrimonio edilizio pubblico

Avviso per l'efficientamento energetico del patrimonio edilizio pubblico dei Comuni e delle Unités des Communes valdôtaines. Stanziati complessivamente due milioni di euro a favore degli enti locali valdostani per gli anni dal 2020 al 2022. Previsti contributi finalizzati alla riduzione dei consumi energetici e delle emissioni climalteranti attraverso interventi sul patrimonio edilizio di ottimizzazione energetica e/o utilizzo di fonti energetiche rinnovabili. L'importo massimo finanziabile per ogni singolo intervento è pari a 400 mila euro.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Energia e risparmio energetico

Impianti di riscaldamento e condizionamento - Sistemi di automazione e controllo

  • Energia e risparmio energetico
  • Efficienza e risparmio energetico

Punti di ricarica edifici non residenziali

  • Energia e risparmio energetico
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Macchine e prodotti industriali
  • Norme tecniche

Ecodesign apparecchi di refrigerazione con funzione di vendita diretta

  • Norme tecniche
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Energia e risparmio energetico
  • Macchine e prodotti industriali

Ecodesign display elettronici