FAST FIND : NN12141

D. Leg.vo 13/03/2013, n. 30

Attuazione della direttiva 2009/29/CE che modifica la direttiva 2003/87/CE al fine di perfezionare ed estendere il sistema comunitario per lo scambio di quote di emissione di gas a effetto serra.
Testo coordinato con le modifiche introdotte da:
- D. Leg.vo 09/06/2020, n. 47
- L. 27/12/2019, n. 160
- D.L. 03/09/2019, n. 101 (L. 02/11/2019, n. 128)
- L. 28/12/2015, n. 221
- L. 28/12/2015, n. 208
- D. Leg.vo 02/07/2015, n. 111
- D.L. 12/09/2014, n. 133 (L. 11/11/2014, n. 164)
Scarica il pdf completo
895280 6487706
[Premessa]



IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA


Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Vista la legge 4 giugno 2010, n. 96 , recante disposizioni per l’adempimento di obblighi derivanti dall’appartenenza dell’Italia alle Comunità europee - Legge comunitaria 2009, e, in particolare, l’articolo 1, commi 1 e 3;

Vista la Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici, ratificata con legge 15 gennaio 1994, n. 65 , e il Protocollo di Kyoto, ratificato con legge 1° giugno 2002, n. 120 ;

Vista la decisione 2004/280/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, dell’11 febbraio 2004, relativa ad un meccanismo per monitorare le emissioni di gas a effetto serra nella Comunità e per attuare il Protocollo di Kyoto;

Vista la direttiva 2009/29/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 23 aprile 2009 che modifica la direttiva 2003/87/CE, al fine di perfezionare ed estendere il sistema comunitario per lo scambio di quote di emissione di gas a effetto serra;

Visto il decreto legislativo 4 aprile 2006, n. 216 , recante attuazione delle direttive 2003/87/CE e 2004/101/CE, in materia di scambio di quote di emissione dei gas a effetto serra nella Comunità, con riferimento ai meccanismi di progetto del Protocollo di Kyoto;

Visto il decreto legislativo 7 marzo 2008, n. 51

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
895280 6487707
Capo I - DISPOSIZIONI GENERALI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
895280 6487708
Art. 1. - Oggetto

N21

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
895280 6487709
Art. 2. - Campo di applicazione

N21

1. Le disposizioni contenute nel presente decreto si applicano alle emissioni provenienti dalle attività indicate all’allegato I ed ai gas ad effetto serra elencati all&r

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
895280 6487710
Art. 3. - Definizioni

N21

1. Ai fini del presente decreto valgono le seguenti definizioni:

a) ‘ampliamento sostanziale della capacità’: aumento significativo della capacità installata iniziale di un sottoimpianto che comporta tutte le conseguenze seguenti:

1) si registrano una o più modifiche fisiche identificabili relative alla sua configurazione tecnica e al suo funzionamento, diverse dalla semplice sostituzione di una linea di produzione esistente;

2) il sottoimpianto può funzionare ad una capacità superiore di almeno 10 per cento rispetto alla capacità installata iniziale del sottoimpianto prima della modifica;

3) il sottoimpianto, cui le modifiche fisiche si riferiscono, raggiunge un livello di attività considerevolmente superiore che comporta l’assegnazione al sottoimpianto in questione di oltre 50.000 quote di emissioni supplementari l’anno, che rappresentano almeno il 5 per cento del numero annuo preliminare di quote di emissioni assegnate a titolo gratuito per questo sottoimpianto prima delle modifiche;

b) ‘attività di attuazione congiunta’, di seguito JI: un’attività di progetto approvata da una o più parti incluse all’allegato I della UNFCCC, ai sensi dell’articolo 6 del Protocollo di Kyoto e delle decisioni successive adottate a norma della UNFCCC o del Protocollo di Kyoto;

c) ‘attività di meccanismo di sviluppo pulito’, di seguito CDM: un’attività di progetto approvata da una o più parti incluse all’allegato I della UNFCCC, ai sensi dell’articolo 12 del Protocollo di Kyoto e delle decisioni successive adottate a norma della UNFCCC o del Protocollo di Kyoto;

d) ‘attività di progetto’: attività finalizzata alla riduzione delle emissioni di gas ad effetto serra di cui alle lettere b) e c) o realizzata a norma di accordi sottoscritti tra la Comunità e i Paesi terzi o di decisioni adottate dalla Conferenza delle Parti della Convenzione UNFCCC o del Protocollo di Kyoto e ammissibili per essere utilizzati nell’ambito del sistema comunitario;

e) ‘autorità nazionale competente’: autorità designata per l’attuazione della direttiva 2003/87/CE e della decisione 2011/278/CE, di cui all’articolo 4;

f) ‘autorizzazione ad emettere gas a effetto serra’: l’autorizzazione rilasciata a norma dell’articolo 13;

g) ‘combustione’, l’ossidazione di combustibili, indipendentemente dall’impiego che viene fatto dell’energia termica, elettrica o meccanica prodotte in tale processo, e altre attività direttamente connesse, compreso il lavaggio dei gas di scarico;

h) ‘Comitato’: il comitato di cui all’articolo 4, comma 1;

i) ‘credito’: unità rilasciata a seguito della realizzazione di attività di riduzione delle emissioni diversa da quelle di cui alle lettere b) e c), realizzate a norma di accordi sottoscritti tra la Comunità e i Paesi terzi o di decisioni adottate dalla Conferenza delle Parti della Convenzione UNFCCC o del Protocollo di Kyoto e ammissibili per essere utilizzati nell’ambito del sistema comunitario;

l) ‘decisione di assegnazione (2008-2012)’: decisione del Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare e del Ministro dello sviluppo economico, approvata con decreto interministeriale 28 febbraio 2008, di cui al Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 291 del 13 dicembre 2008;

m) &l

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
895280 6487711
Capo II - AUTORITÀ NAZIONALE COMPETENTE

N21

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
895280 6487712
Art. 4. - Autorità nazionale competente

N21

1. È istituito il Comitato nazionale per la gestione della direttiva 2003/87/CE e per il supporto nella gestione delle attività di progetto del Protocollo di Kyoto, come definite all’articolo 3, di seguito Comitato. Il Comitato ha sede presso il Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare che ne assicura l’adeguato supporto logistico e organizzativo.

1-bis. Il Comitato di cui al comma 1 è composto da un Consiglio direttivo e da una Segreteria tecnica. Il Consiglio direttivo è l'organo deliberante del Comitato; per l'istruttoria delle attività di cui al presente articolo il Consiglio direttivo si avvale della Segreteria Tecnica.N5

2. Il Comitato di cui al comma 1 svolge la funzione di autorità nazionale competente.

3. Entro il 30 aprile di ciascun anno il Comitato di cui al comma 1 presenta al Parlamento una relazione sull’attività svolta nell’anno precedente.

4. Il Comitato di cui al comma 1 ha il compito di:

a) determinare, ai sensi dell’articolo 21, comma 1, l’elenco degli impianti che ricadono nel campo di applicazione del presente decreto e le quote preliminari eventualmente assegnate a titolo gratuito;

b) notificare alla Commissione, ai sensi dell’articolo 21, comma 2, l’elenco degli impianti e le quote preliminari eventualmente assegnate a titolo gratuito di cui alla lettera a);

c) deliberare, ai sensi dell’articolo 21, comma 3, l’assegnazione finale a ciascuno degli impianti ricompresi nell’elenco di cui alla lettera a);

d) determinare l’assegnazione di quote agli impianti nuovi entranti ai sensi dell’articolo 22;

e) calcolare e pubblicare la quantità totale e annuale di quote da assegnare per il periodo di riferimento a ciascun operatore aereo amministrato dall’Italia per il quale è stata inoltrata la domanda alla Commissione a norma dell’articolo 7, comma 3;

f) definire le modalità di presentazione da parte del pubblico di osservazioni sulle materie di cui alla lettera a);

g) rilasciare le autorizzazioni ad emettere gas a effetto serra, di cui all’articolo 13;

h) riesaminare le autorizzazioni ad emettere gas a effetto serra ai sensi dell’articolo 15, comma 1, e aggiornarle, se del caso, ai sensi dell’articolo 16;

i) approvare il Piano di monitoraggio delle emissioni e il Piano di monitoraggio delle ‘tonnellate-chilometro’ e loro aggiornamenti;

l) rilasciare annualmente, ai sensi dell’articolo 23, una parte delle quote assegnate a titolo gratuito;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
895280 6487713
Capo III - TRASPORTO AEREO

N21

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
895280 6487714
Art. 5. - Ambito di applicazione

N21

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
895280 6487715
Art. 6. - Assegnazione a titolo oneroso delle quote di emissioni agli operatori aerei amministrati dall’Italia

N21

1. La messa all’asta della quantità di quote determinata con decisione della Commissione europea, ai sensi dell’articolo 3 -sexies, paragrafo 3, lettera b), della direttiva 2003/87/CE, è disciplinata dal regolamento sulle aste. A tale fine il GSE svolge il ruolo di responsabile per il collocamento di cui al regolamento aste e pone in essere a qu

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
895280 6487716
Art. 7. - Modalità per l’assegnazione delle quote di emissioni a titolo gratuito agli operatori aerei amministrati dall’Italia

N21

1. L’operatore aereo amministrato dall’Italia, che intende beneficiare delle quote destinate ad essere assegnate a titolo gratuito, presenta domanda al Comita

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
895280 6487717
Art. 8. - Modalità per l’assegnazione delle quote di emissioni di cui alla riserva speciale a titolo gratuito agli operatori aerei amministrati dall’Italia

N21

1. A partire dal periodo di riferimento che ha inizio il 1° gennaio 2013 può accedere alla riserva speciale determinata con la decisione di assegnazione della Commissione europea, adottata ai sensi dell’articolo 3 -sexies, paragrafo 3, lettera c), della direttiva 2003/87/CE, l’operatore aereo amministrato dall’Italia che si trova in una delle seguenti condizioni:

a) inizia ad esercitare un’attività di trasporto aereo di cui all’allegato I dopo l’ "anno di controllo"N2 per il quale il Comitato ha trasmesso i dati relativi alle tonnellate-chilometro ai sensi della deliberazione n. 24/2011 o dell’articolo 7, comma 3, in relazione al corrispondente periodo di riferimento e la cui attività non è una continuazione integrale o parziale di un’attività di trasporto aereo esercitata in precedenza da un altro operatore aereo;

b) i cui dati relativi alle tonnellate-chilometro sono aumentati mediamente di oltre il 18 per cento annuo tra l’ "anno di controllo"N2 per il qua

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
895280 6487718
Art. 9. - Assegnazione e rilascio delle quote di emissioni a titolo gratuito agli operatori aerei amministrati dall’Italia

N21

1. Per i periodi successivi a quello che ha inizio il 1° gennaio 2013, entro tre mesi dalla data della decisione di assegnazione della Commissione europea di cui all’articolo 3 -sexies, paragrafo 3, della direttiva 2003/87/CE, il Comitato calcola e pubblica:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
895280 6487719
Art. 10. - Piano di monitoraggio e relativi aggiornamenti

N21

1. Fatto salvo l’esito della verifica di cui al comma 5, entro 60 giorni dalla data di entrata in vigore del presente decreto ovvero entro 60 giorni dalla pubblicazione dell’elenco degli operatori aerei, l’operatore aereo amministrato dall’Italia invia al Comitato un Piano di monitoraggio predisposto conf

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
895280 6487720
Art. 11. - Applicazione di divieto operativo per gli operatori aerei amministrati dall’Italia

N21

1. Se un operatore

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
895280 6487721
Capo IV - IMPIANTI FISSI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
895280 6487722
Art. 12. - Ambito di applicazione

N21

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
895280 6487723
Art. 13. - Autorizzazione ad emettere gas ad effetto serra

N21

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
895280 6487724
Art. 14. - Domanda di autorizzazione ad emettere gas ad effetto serra

N21

1. I gestori degli impianti che esercitano le attività elencate all’allegato I che comportano emissioni di gas ad effetto serra specificati nel medesimo allegato hanno l’obbligo di presentare al Comitato domanda di autorizzazione ad emettere gas serra almeno

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
895280 6487725
Art. 15. - Rilascio, condizioni e contenuto dell’autorizzazione ad emettere gas ad effetto serra

N21

1. Il Comitato verifica la completezza e la correttezza della domanda di autorizzazione e rilascia l’autorizzazione ad emettere gas ad effetto serra ove abbia accertato che il gestore è in grado di monitorare e comunicare le emissioni dell’impianto a cui l’autorizzazione si riferisce. Il predetto Comitato riesamina, almeno ogni cinque anni,

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
895280 6487726
Art. 16. - Modifica degli impianti e aggiornamento del Piano di monitoraggio

N21

1. Il gestore di un impianto autorizzato informa il Comitato, con le mo

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
895280 6487727
Art. 17. - Revoca dell’autorizzazione ad emettere gas ad effetto serra

N21

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
895280 6487728
Art. 18. - Scambio di informazioni ai fini del rilascio dell’autorizzazione di cui al decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152

N21

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
895280 6487729
Art. 19. - Messa all’asta delle quote

N21

1. "A decorrere dall'anno 2013,”N7 la messa all’asta della quantità di quote determinata con decisione della Commissione europea, ai sensi dell’articolo 10, paragrafo 2, della direttiva 2003/87/CE, è disciplinata dal regolamento sulle aste. A tale fine il GSE svolge il ruolo di responsabile per il collocamento di cui al regolamento sulle aste e pone in essere a questo scopo tutte le attività necessarie, propedeutiche, connesse e conseguenti, ivi incluse quelle finalizzate a consentire alla Piattaforma d’Asta di trattenere le risorse necessarie per il pagamento del Sorvegliante d’Asta, in conformità al citato regolamento e agli eventuali indirizzi e norme dei Ministeri competenti.

2. I proventi delle aste sono versati al GSE in un apposito conto corrente dedicato “Trans-European Automated Real-time Gross Settlement Express Transfer System” (“TARGET2”). Il GSE trasferisce i proventi delle aste ed i relativi interessi maturati su un apposito conto acceso presso la Tesoreria dello Stato, intestato al Dipartimento del tesoro, dandone contestuale comunicazione ai ministeri interessati. Detti proventi sono successivamente versati all’entrata del bilancio dello Stato per essere riassegnati, fatto salvo quanto previsto dal comma 5, ad appositi capitoli per spese di investimento, con vincolo di destinazione in quanto derivante da obblighi comunitari, ai sensi e per gli effetti della direttiva 2009/29/CE, degli stati di previsione interessati. Le somme di cui al primo ed al secondo periodo del presente comma sono sottoposte a gestione separata e non sono pignorabili.

3. Alla ripartizione delle risorse di cui al comma 2 si provvede, previa verifica dell’entità delle quote restituite e dei corrispondenti proventi derivanti dalla messa all’asta delle quote di cui al comma 1, con decreti del Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
895280 6487730
Art. 20. - Criteri per l’assegnazione gratuita delle quote

N21

1. Il Comitato determina il quantitativo annuo di quote da assegnare a titolo gratuito ai gestori eleggibili conformemente alle misure comunitarie per l’assegnazione. In particolare, lo stesso Comitato:

a) non assegna quote a titolo gratuito per la produzione di elettricità, fatta eccezione per l’elettricità prodotta dai gas residui;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
895280 6487731
Art. 21. - Norme transitorie per l’assegnazione gratuita delle quote agli impianti esistenti

N21

1. Il Comitato adotta, previa consultazione pubblica, l’elenco degli impianti che ricadono nel campo di applicazione del presente decreto legislativo e che hanno ottenuto l’autorizzazione ad emettere gas ad effetto serra entro il 30 giugno 2011 o una autorizzazione essa equivalente. L’elenco è comprensivo delle quote preliminari eventualmente assegnate a titolo gratuito a ciascuno dei suddetti impianti, determinate con

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
895280 6487732
Art. 22. - Norme transitorie per l’assegnazione gratuita delle quote agli impianti nuovi entranti

N21

1. Il gestore di un impianto nuovo entrante trasmette al Comitato domanda di assegnazione di quote a titolo gratuito per il periodo che ha inizio a partire dal 1° gennaio 2013, entro un anno a decorrere dalla data di avvio del funzionamento normale dell’impianto, o, nel caso di impianto nuovo entrante di cui all’articolo 3, comma 1, lettera bb), punto 3), dalla data di avv

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
895280 6487733
Art. 23. - Rilascio delle quote assegnate a titolo gratuito

N21

1. Fatto salvo il caso in cui la Commissione

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
895280 6487734
Art. 24. - Comunicazione della cessazione di attività

N21

1. Ai fini del presente decreto si considera che un impianto abbia cessato le sue attività quando:

a) l’autorizzazione ambientale integrata, di cui alla parte seconda del decreto legislativo n. 152 del 2006, o altra autorizzazione all&rsq

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
895280 6487735
Art. 25. - Comunicazione della cessazione parziale di attività

N21

1. Si considera che un impianto abbia cessato parzialmente le sue attività quando uno dei suoi sottoimpianti, che contribuisce almeno per il 30 per cento o con l’assegnazione di oltre 50.000 quote di emissioni al quantitativo annuo finale di quote di emissioni ass

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
895280 6487736
Art. 26. - Comunicazione della riduzione sostanziale di capacità

N21

1. Si considera che un impianto sia stato oggetto di riduzione sostanziale della capacità nel caso di una o più modifiche fisiche che determinano una riduzione sostanziale della capacità installata iniziale di un sottoimpianto e del suo livello di attività la cui entità "comp

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
895280 6487737
Art. 27. - Misure a favore dei settori o sottosettori esposti ad un rischio elevato di rilocalizzazione delle emissioni di carbonio

N21

1. Il Comitato, sentiti i Ministeri interessati, può avanzare richiesta presso la Commissione europea di integrazione dell’elenco dei settori o dei sottosettori esposti ad un rischio elevato di rilocalizzazione delle emissioni di carbonio determinato dalla Commissione europea, ai sensi dell’articolo 10 -bis, paragrafo

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
895280 6487738
Capo V - DISPOSIZIONI APPLICABILI AL TRASPORTO AEREO E AGLI IMPIANTI FISSI

N21

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
895280 6487739
Art. 28. - Sistema di registri

N21

1. Sulla base delle disposizioni del Comitato, e conformemente a quanto stabilito dai regolamenti sui registri, l’Istituto Superiore per la protezione e la ricerca ambientale, di seguito ISPRA, svolge le funzioni di amministratore della sezione italiana del Registro dell’Unione, n

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
895280 6487740
Art. 29. - Uso di crediti, CERs ed ERUs utilizzabili nell’ambito del sistema comunitario prima dell’entrata in vigore di un accordo internazionale sui cambiamenti climatici

N21

1. Ai fini dell’adempimento dell’obbligo di restituzione per l’anno 2012, i gestori degli impianti possono utilizzare CERs e ERUs fino alla quantità stabilita dalla decisione di assegnazione (2008-2012).

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
895280 6487741
Art. 30. - Attività di attuazione congiunta e attività di meccanismo pulito

N21

1. Il Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare provvede affinché le condizioni di riferimento per le attività di progetto, definite da decisioni successive adottate a norma della convenzione UNFCCC o del Protocollo di Kyoto, che vengono effettuate in Paesi che abbiano firmato un trattato di

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
895280 6487742
Art. 31. - Norme armonizzate applicabili ai progetti di riduzione delle emissioni

N21

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
895280 6487743
Art. 32. - Trasferimento, restituzione e cancellazione di quote di emissioni

N21

1. Le quote di emissioni possono essere trasferite:

a) tra persone all’interno della Unione europea;

b) tra persone all’interno della Unione europea e persone nei Paesi terzi, quando tali quote di emissioni sono riconosciute conformemente alla procedura dell’art

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
895280 6487744
Art. 33. - Validità delle quote

N21

1. Le quote rilasciate per il periodo 2008-2012 sono v

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
895280 6487745
Art. 34. - Monitoraggio e comunicazione delle emissioni

N21

1. Il gestore di un impianto o l’operatore aereo amministrato dall’Italia monitora le emissioni rilasciate durante ciascun anno civile dall’impianto o dall’aeromobile che gestisce, secondo quanto stabilito dalle disposizioni sul monitoraggio e sulla comunicazione de

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
895280 6487746
Art. 35. - Verifica e accreditamento

N21

1. I gestori e gli operatori aerei amministrati dall’Italia trasmettono al Comitato le comunicazioni effettuate a norma del presente decreto legislativo, verificate, secondo le disposizioni sulle verifiche, da un verificatore accreditato dall’organismo di accredita

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
895280 6487747
Art. 36. - Sanzioni

N21

1. Chiunque esercita un’attività elencata all’allegato I, ad eccezione delle attività di trasporto aereo, senza l’autorizzazione di cui all’articolo 13, è soggetto ad una sanzione amministrativa pecuniaria da 25.000 euro a 250.000 euro aumentata, per ciascuna tonnellata di biossido di carbonio equivalente emessa in mancanza di autorizzazione di 100 euro, nonché di un ammontare corrispondente al costo di acquisto e di trasferimento sul Registro dell’Unione, di una quantità di quote di emissione pari:

a) alla differenza tra le emissioni rilasciate in atmosfera in assenza di autorizzazione e la quantità di quote che sarebbe stata assegnata a titolo gratuito, nel caso in cui il gestore abbia beneficiato di assegnazione di quote a titolo gratuito;

b) alle emissioni rilasciate in atmosfera in assenza di autorizzazione, nel caso in cui il gestore non abbia beneficiato di assegnazione di quote a titolo gratuito.

2. Al fine dell’applicazione della sanzione di cui al comma 1 il Comitato procede ad effettuare una stima conservativa delle emissioni rilasciate in atmosfera in assenza di autorizzazione di cui alle lettere a) e b), tenendo conto di tutti gli elementi informativi utili di cui dispone.

3. L’operatore aereo amministrato dall’Italia che non presenta il Piano di monitoraggio entro i termini di cui all’articolo 10, comma 1, è soggetto, salvo che il fatto costituisca reato, ad una sanzione amministrativa pecuniaria da 25.000 euro a 250.000 euro aumentata, per ciascuna tonnellata di biossido di carbonio equivalente emessa e non monitorata, di 100 euro, nonché di un ammontare corrispondente al costo di acquisto e di trasferimento sul Registro dell’Unione, di una quantità di quote di emissione pari:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
895280 6487748
Art. 37. - Procedure per l’inclusione unilaterale di altre attività e gas

N21

1. Il Comitato può applicare,

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
895280 6487749
Art. 38. - Esclusione di impianti di dimensioni ridotte subordinata all’adozione di misure equivalenti

N21

1. A richiesta dell’interessato il Comitato può escludere dal sistema comunitario per lo scambio delle quote di emissione di gas ad effetto serra di cui alla direttiva 2003/87/CE:

a) gli impianti che in ciascuno degli anni 2008, 2009, 2010 hanno comunicato al Comitato di cui all’articolo 3-bis del decreto legislativo n. 216 del 2006, emissioni verificate a norma della delibera n. 24 del 2010 dello stesso Comitato inferiori a 25.000 tonnellate di CO 2 equivalente;

b) gli impianti che, nel caso svolgano l’attività di combustione di carburanti in impianti di potenza termica nominale totale superiore a 20 MW di cui all’allegato I, hanno una potenza termica nominale inferiore a 35 MW, escluse le emissioni da biomassa;

c) gli impianti termici asserviti a strutture ospedaliere "che applicano le misure di cui ai commi 3 e 4."N7

2. Gli impianti di cui al comma 1, lettere a) e b), esclusi ai sensi del medesimo comma che, in uno degli anni del periodo 2013-2020, emettono più di 25000 tCO2eq. rientrano nel sistema comunitario per lo scambio delle quote di emissione di gas ad effetto serra di cui alla

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
895280 6487750
Capo VI - DISPOSIZIONI TRANSITORIE FINALI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
895280 6487751
Art. 39. - Comunicazione di informazioni, segreto professionale e accesso all’informazione

N21

1. Tutte le decisioni e le comunic

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
895280 6487752
Art. 40. - Relazione alla Commissione europea

N21

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
895280 6487753
Art. 41. - Disposizioni finanziarie

N21

1. Dall’attuazione del presente decreto non devono derivare nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica. Le amministrazioni ed i soggetti interessati provvedono agli adempimenti ed alle attività di cui al presente decreto con le risorse umane, strumentali e finanziarie disponibili a legislazione vigente.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
895280 6487754
Art. 42. - Istituzione del Sistema nazionale per la realizzazione dell’Inventario nazionale dei gas serra

N21

1. È istituito, il ‘Sistema nazionale per la realizzazione dell’Inventario nazionale dei gas serra’, conformemente a quanto stabilito all’articolo 4, paragrafo 4, della decisione 2004/280/CE del Parlamento europeo e del Consiglio dell’11

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
895280 6487755
Art. 43. - Abrogazioni

N21

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
895280 6487756
Art. 44. - Disposizioni transitorie

N21

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
895280 6487757
Art. 45. - Disposizioni finali

N21

1. I riferimenti al

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
895280 6487758
Art. 46. - Entrata in vigore

N21

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
895280 6487759
Allegato I - Categorie di attività relative alle emissioni di gas serra rientranti nel campo di applicazione del presente decreto

N21

01. Gli impianti o le parti di impianti utilizzati per la ricerca, lo sviluppo e la sperimentazione di nuovi prodotti e processi e gli impianti che utilizzano esclusivamente biomassa non rientrano nel presente decreto.N13

1. I valori limite riportati di seguito si riferiscono alle capacità produttive. Qualora varie unità rientranti nella medesima attività siano svolte in uno stesso impianto, si sommano le capacità di tali unità.

2. In sede di calcolo della potenza termica nominale totale di un impianto al fine di decidere in merito alla sua inclusione nel campo di applicazione del presente decreto legislativo, si sommano le potenze termiche nominali di tutte le unità tecniche che ne fanno parte e che utilizzano combustibili all’interno dell’impianto. Tali unità possono comprendere, in particolare, tutti i tipi di caldaie, bruciatori, turbine, riscaldatori, altiforni, inceneritori, forni vari, essiccatoi, motori, pile a combustibile, unità di «chemical looping combustion», torce e dispositivi post-combustione termici o catalitici. Le unità con una potenza termica nominale inferiore a 3 MW e le unità che utilizzano esclusivamente biomassa non sono prese in considerazione ai fini del calcolo. Tra le «unità che utilizzano esclusivamente biomassa» rientrano quelle che utilizzano combustibili fossili solo in fase di avvio o di arresto. Tuttavia nel caso in cui l’impianto ricade nel campo di applicazione del presente decreto legislativo anche le unità con una potenza termica nominale inferiore ai 3 MW e le unità che utilizzano esclusivamente biomassa devono essere oggetto di domanda o di aggiornamento dell’autorizzazione ad emettere gas ad effetto serra e le loro emissioni monitorate.

3. Se una unità serve per un'attività per la quale la soglia non è espressa come potenza termica nominale totale, la soglia espressa come capacità di produzione di tale attività è prioritaria per la decisione in merito all'inclusione nel campo di applicazione del presente decreto.N14

4. Quando in un impianto si supera la soglia di capacità di qualsiasi attività prevista nel presente allegato, tutte le unità in cui sono utilizzati combustibili, diverse dalle unità per l’incinerazione di rifiuti pericolosi o domestici, sono incluse nell’autorizzazione ad emettere gas a effetto serra.


Attività

Gas serra

Combustione di carburanti in impianti di potenza termica nominale totale superiore a 20 MW (tranne negli impianti per l’incenerimento di rifiuti pericolosi o urbani)

Biossido di carbonio

Raffinazione di petrolio

Biossido di carbonio

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
895280 6487760
Allegato II - Gas a effetto serra di cui al presente decreto

N21

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
895280 6487761
Allegato III - Criteri applicabili alle disposizioni sulle verifiche

N21


Sezione 1: Verifica delle emissioni prodotte da impianti fissi - Principi generali

1. Le emissioni prodotte da ciascuna delle attività indicate in allegato I sono soggette a verifica.

2. La verifica tiene conto della comunicazione presentata ai sensi articolo 34 e del controllo svolto nell'anno precedente. L'esercizio deve riguardare l'affidabilità, la credibilità e la precisione dei sistemi di monitoraggio e dei dati e delle informazioni presentati e riguardanti le emissioni, con particolare riferimento ai seguenti elementi:

a) dati presentati relativamente all'attività e misurazioni e calcoli connessi;

b) scelta e applicazione dei fattori di emissione;

c) calcoli per determinare le emissioni complessive, e

d) se si ricorre a misurazioni, opportunità della scelta e impiego dei metodi di misurazione.

3. Le emissioni indicate possono essere convalidate solo se i dati e le informazioni sono affidabili e credibili e consentono di determinare le emissioni con un grado di certezza elevato. Per dimostrare il «grado di certezza elevato» il gestore deve provare che:

a) i dati presentati non siano incoerenti tra loro;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
895280 6487762
Allegato IV - Principi per il monitoraggio delle emissioni

N21


Sezione 1: Monitoraggio delle emissioni prodotte da impianti fissi

Monitoraggio delle emissioni di biossido di carbonio

Le emissioni vengono monitorate attraverso l'applicazione di calcoli o in base a misurazioni.


Calcolo delle emissioni

Le emissioni vengono calcolate applicando la seguente formula:

Dati relativi all'attività x Fattore di emissione x Fattore di ossidazione.

I dati relativi alle attività (combustibile utilizzato, tasso di produzione, ecc.) vengono monitorati in base ai dati sulle forniture o a misurazioni.

Vengono utilizzati fattori di emissione riconosciuti. Sono accettabili fattori di emissione specifici alle varie attività per tutti i combustibili. Fattori di default sono accettabili per tut

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
895280 6487763
Allegato V - Elenco delle informazioni minime per la comunicazione delle emissioni

N21


Sezione 1: Comunicazione delle emissioni prodotte da impianti fissi

a) Dati identificativi del gestore dell'impianto

b) Informazioni che identificano l'impianto, compresi:

1) nome dell'impianto;

2) indirizzo, codice postale e paese;

3) tipo e numero di attività dell'allegato I svolte presso l'impianto;

4) indirizzo, numero di telefono, fax e indirizzo di posta elettronica di una persona di Contatto;

5) nome del proprietario dell'impianto e di altre eventuali società capogruppo.

c) Informazioni sulla metodologia e sul sistema di monitoraggio delle emissioni di gas ad effetto serra in particolare:

1) per ciascuna attività inserita all'allegato I svolta nel complesso e per la quale le emissioni vengono calcolate:

a) dati relativi all'attività;

b) fattori di emissione;

c) fattori di ossidazi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
895280 6487764
Allegato VI - Metodologia per il calcolo delle emissioni consentite ai sensi dell’articolo 38, comma, 3 lettera a)

N21

Per ciascun impianto eleggibile, il quantitativo annuale di emissioni consentite può essere determinato applicando la metodologia basata sui parametri di riferimento e sui livelli di attività storica di cui all’

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
895280 6487765
Allegato VII - Metodologia per la determinazione del prezzo medio ai sensi dell’articolo 38, comma 4

N21

Il prezzo medio sarà determinato ufficialmente dall’Autorità per l’Energia Elettrica e il Gas, come fa attualmente per altri scopi, secondo una metodologia che quantifica il prezzo medio delle quote per l’annon-1 come media ponderata dei prezzi di chiusura giornalieri dei titoli EUA sulle principali borse di carbonio regolamentate operanti nell'Unione europea. La ponderazione prende a riferimento i volumi dei prodotti scambiati sulle diverse borse del carbonio.

Pyn-1 = Media ponderata [(principale piattaforma europea 1, prodotto 1) yn-1, (principale piattaforma europea 2, prodotto 2) y

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Prevenzione Incendi
  • Impiantistica
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Inquinamento atmosferico
  • Impianti di riscaldamento e condizionamento
  • Impianti di riscaldamento e condizionamento

Impianti termici civili: requisiti tecnici, limiti di emissione, abilitazione alla conduzione, soggetti coinvolti, obblighi e sanzioni

PREMESSA, DEFINIZIONI E NORMATIVA APPLICABILE - REQUISITI TECNICI E COSTRUTTIVI DEGLI IMPIANTI TERMICI CIVILI (Requisiti generali; Deroga per gli impianti rientranti nella uni 11528; Disposizioni relative agli apparecchi misuratori delle pressioni, applicabili agli impianti rientranti nella UNI 11528; Adeguamento degli impianti preesistenti al 25/06/2014) - ABILITAZIONE ALLA CONDUZIONE DEGLI IMPIANTI (Requisiti generali; Rilascio del patentino e gradi di abilitazione; Revoca del patentino) - VALORI LIMITE DI EMISSIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI CIVILI E CONTROLLI (Valori limite; Valori limite per gli impianti termici civili entrati in esercizio prima del 20/12/2018; Frequenza dei controlli sul rispetto dei valori limite; Attestazione del rispetto dei valori limite; Altri documenti da allegare al libretto di centrale per i medi impianti termici; Controlli per gli impianti termici civili entrati in esercizio prima del 20/12/2018; Comunicazioni o ripristino di conformità per i medi impianti termici) - OBBLIGHI DEL PRODUTTORE, DEL FABBRICANTE E DELL’INSTALLATORE (Attestazione di conformità del produttore; Obblighi dell’installatore; Obblighi del responsabile dell’esercizio e della manutenzione - Impianti preesistenti; Obblighi del responsabile dell’esercizio e della manutenzione - Iscrizione nel registro autorizzativo per i medi impianti) - SANZIONI.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Tutela ambientale
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Energia e risparmio energetico

Emilia Romagna: contributi per la redazione del piano di azione per il clima e l'energia sostenibile

Il bando è rivolto agli Enti locali della Regione Emilia-Romagna, per sostenere l'adesione al patto dei sindaci per l'energia ed il clima e la redazione del piano di azione per l'energia sostenibile e il clima (Paesc), e prevede la concessione di un contributo a fondo perduto, a forfait, secondo le soglie di abitanti. Il contributo raddoppia per i Comuni fusi e le Unioni che partecipano con il 100% dei Comuni.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Aree urbane
  • Provvidenze
  • Tutela ambientale
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Finanza pubblica
  • Energia e risparmio energetico
  • Urbanistica

Lazio: 2,8 milioni per la tutela e il recupero dei centri storici

Concessione di contributi in conto capitale ai Comuni del Lazio, ad esclusione di Roma Capitale, per la realizzazione di opere e lavori pubblici finalizzati alla tutela e al recupero dei centri storici. Stanziato un fondo di oltre 2,8 milioni di euro destinato per il 64% ai Comuni sotto i 5.000 abitanti e per il restante 36% ai Comuni con popolazione pari o superiore ai 5.000 abitanti. Verranno stilate due distinte graduatorie e sarà attribuito un punteggio premiante a quei Comuni che presentano progetti con rilevante attenzione al tema della sostenibilità ambientale.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Energia e risparmio energetico
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Tutela ambientale
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Liguria: promozione dell'eco-efficienza e riduzione consumi di energia primaria negli edifici e strutture pubbliche

Contributi a fondo perduto nella misura massima del 70% per le Province, la città metropolitana di Genova ed i Comuni con popolazione superiore a 2 mila abitanti per interventi finalizzati alla riduzione dei consumi di energia primaria e delle emissioni inquinanti negli edifici e nelle strutture pubbliche. Le risorse previste ammontano a 5 milioni di euro e le domande dovranno essere redatte esclusivamente on line. Gli interventi dovranno riguardare l'intero immobile ed essere almeno di ristrutturazione importante di primo livello.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Imprese
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Finanza pubblica
  • Energia e risparmio energetico
  • Provvidenze

Lombardia: bando diagnosi energetiche PMI

La Regione Lombardia ha stanziato oltre 2 milioni di euro per incentivare nelle piccole e medie imprese la realizzazione di diagnosi energetiche o l'adozione di un sistema di gestione dell'energia conforme alla norma ISO 50001. L'agevolazione si configura come contributo a fondo perduto e viene coperto il 50% delle spese ammissibili, al netto dell'Iva, in ognuna delle sedi operative in cui l'azienda svolge la propria attività, fino a un massimo di dieci sedi, per importi complessivi sostenuti dall'impresa di 8 mila euro per la diagnosi energetica e di 16 mila euro per l'adozione del sistema di gestione ISO 50001.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Energia e risparmio energetico
  • Efficienza e risparmio energetico

Punti di ricarica edifici non residenziali

  • Efficienza e risparmio energetico
  • Energia e risparmio energetico

Impianti di riscaldamento e condizionamento - Sistemi di automazione e controllo

  • Norme tecniche
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Energia e risparmio energetico
  • Macchine e prodotti industriali

Ecodesign display elettronici

  • Energia e risparmio energetico
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Macchine e prodotti industriali
  • Norme tecniche

Ecodesign apparecchi di refrigerazione con funzione di vendita diretta