FAST FIND : NN14562

Deliberaz. Aut. Vigilanza LL.PP. 14/10/2004, n. 157

2586692 2586692
Contratto di subappalto - Insussistenza di alcun obbligo solidale della Stazione appaltante insieme alla ditta aggiudicataria per il pagamento del corrispettivo dovuto all’impresa subappaltatrice - Autonomia del contratto di appalto principale rispetto al contratto di subappalto.

Come più volte affermato anche dalla Suprema Corte (si veda, ad es., Cass. Civ., sez. II, 29/5/1999, n. 5237) il contratto di appalto principale mantiene un’assoluta autonomia nei confronti del contratto di subappalto (salve specifiche prescrizioni inserite dalle parti nei singoli contratti). Pertanto non può affermarsi alcun obbligo solidale della stazione appaltante, insieme alla ditta aggiudicataria, per il pagamento del corrispettivo dovuto all’impresa subappaltatrice (si veda, in senso conforme, T.A.R. Toscana, sez. II, 23/11/2001, n. 1637 e Consiglio di Stato, sez V, 20/5/2003, n. 2755). L’autonomia dei due contratti comporta dirette conseguenze anche sulla possibilità di affidare direttamente ai subappaltatori l’esecuzione dei lavori rimanenti dopo la risoluzione del contratto con l’appaltatore aggiudicatario. La fattispecie in esame non può qualificarsi come novazione oggettiva (art. 1230, c.c.), in quanto le parti del contratto di subappalto sono l’appaltatore ed il subappaltatore, per cui la stazione appaltante, che rappresenta un soggetto terzo estraneo al rapporto di subappalto, non può concordare con le imprese subappaltatrici la novazione di un’obbligazione originaria della quale non era parte. La risoluzione dell’originario contratto di appalto comporta la risoluzione dei contratti di subappalto da esso individualmente derivati e, quindi, la presunta novazione risulterebbe comunque priva di effetti, in quanto, ai sensi dell’art. 1234, c.c. “la novazione è senza effetto se non esisteva l’obbligazione originaria”. L’affidamento diretto ai subappaltatori si configura, dunque, come un affidamento che deve trovare i propri limiti nell’ambito della restrittiva disciplina dell’art. 24, legge 11 febbraio 1994, n. 109 e s.m. e, in relazione al caso in esame, non ricorre alcuna delle fattispecie che, ai sensi della disposizione citata, giustifichi l’affidamento diretto di tali lavori, atteso, altresì, il superamento del limite di importo di 300.000 euro.

Dalla redazione

  • Finanza pubblica
  • Demanio
  • Opere idrauliche, acquedottistiche, marittime e lacuali
  • Provvidenze
  • Pubblica Amministrazione
  • Infrastrutture e opere pubbliche

Sardegna: contributi per la rimozione di posidonia dai litorali

La Regione Sardegna ha messo a disposizione dei Comuni costieri contributi destinati alle attività di gestione della posidonia depositata sui litorali finalizzata alla fruizione sostenibile del litorale ed al contrasto all’erosione costiera.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Fisco e Previdenza
  • Agevolazioni per interventi di risparmio energetico
  • Imposte sul reddito

Asseverazioni Ecobonus 110%, indicazioni per il Tecnico redattore

In questa scheda si riporta il modello di asseverazione a fine lavori - contenuto nel D.M. 06/08/2020, c.d. "Decreto Asseverazioni" - da compilare in relazione agli interventi di efficientamento energetico ammessi a usufruire del Super-Ecobonus 110%, corredato da note e indicazioni redazionali.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Impiantistica
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze
  • Impianti di sollevamento e a fune

Veneto: bando di finanziamento impianti di risalita per l’anno 2020

La Regione Veneto ha approvato il bando relativo all'anno 2020 per il finanziamento di interventi sui nuovi impianti di risalita, o per l’ammodernamento di quelli esistenti, finalizzati allo sviluppo delle aree sciistiche interessate dagli eventi sportivi internazionali, con particolare riferimento alle Olimpiadi invernali Cortina-Milano 2026. I finanziamenti, che saranno erogati in conto capitale, ammontano a 11,7 milioni di euro, con un massimo di 4 milioni per ogni nuovo impianto e 500.000 euro per gli ammodernamenti.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze
  • Impianti sportivi

Abruzzo: contributi per interventi di impiantistica sportiva

Il bando della Regione Abruzzo, riservato ai Comuni, è finalizzato alla concessione di contributi in conto capitale per l’attuazione di interventi di impiantistica sportiva, ai sensi della L.R. 12/01/2018 n. 2. La dotazione finanziaria ammonta complessivamente a 3.950.000,00 euro da ripartire per il triennio 2020/2022. La scadenza delle domande, da far pervenire esclusivamente tramite P.E.C, è fissata al 02/11/2020.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Titoli abilitativi
  • Provvidenze
  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica

Piemonte: 26 milioni per i costi dei titoli edilizi

Per favorire la ripartenza dell'attività edilizia a causa dell'emergenza da COVID-19, la Regione Piemonte ha stanziato per l'anno 2020 euro 26.000.000,00 in favore dei Comuni a copertura parziale o totale del contributo del costo di costruzione relativo al rilascio dei titoli abilitativi in edilizia, di cui all'articolo 16 del Testo Unico edilizia (D.P.R. 380/2001). Si tratta di contributi e fondo perduto e le relative domande dovranno essere presentate da professionisti abilitati per la presentazione di istanze edilizie, a nome e per conto di privati e imprese.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Tutela ambientale

Bando Horizon 2020 sul Green deal europeo

  • Efficienza e risparmio energetico
  • Energia e risparmio energetico

Impianti di riscaldamento e condizionamento - Sistemi di automazione e controllo

  • Energia e risparmio energetico
  • Efficienza e risparmio energetico

Punti di ricarica edifici non residenziali