FAST FIND : NN14411

Par. Aut. Vigilanza Contratti Pubbl. 03/11/2010, n. 193

2532584 2532584
Istanza di parere per la soluzione delle controversie ex articolo 6, comma 7, lettera n) del D.Lgs. n. 163/2006 presentata dall’impresa TEQ SA – Fornitura di un sistema di bigliettazione basato su tecnologia contactless con integrate la localizzazione e il monitoraggio dei mezzi e sistema di videosorveglianza – Importo a base d’asta € 1.450.000,00 – S.A.: SUN S.p.A. di Novara.

1. Il DURC è qualificato dalla giurisprudenza come una dichiarazione di scienza, resa però con riguardo al periodo considerato, per cui lo stesso non può essere inteso che come attestante la regolarità contributiva soltanto fino alla propria scadenza, senza alcuna possibilità di essere considerato valido al di là del termine in esso espressamente stabilito (si veda, in tal senso Cons. Stato, Sez. V, 26 febbraio 2010, n. 1141). Come ritenuto anche da questa Autorità (parere n. 112 del 16 giugno 2010), il DURC privo di un requisito intrinseco, ossia l’essere in corso di validità, è per ciò stesso inidoneo a comprovare il possesso della regolarità contributiva.

2. Se è vero che rientra nella discrezionalità amministrativa l’individuazione dei criteri di valutazione e la ponderazione relativa attribuita a ciascuno di essi, nel risp

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
Scarica il pdf completo
2532584 2537202
[Premessa]


Il Consiglio

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2532584 2537203
Considerato in fatto

In data 10 marzo 2010, è pervenuta all’Autorità l’istanza di parere indicata in epigrafe, con la quale l’impresa TEQ SA, pur non contestando la legittimità della propria esclusione dalla gara in oggetto, ha lamentato la sussistenza di molteplici vizi della procedura posta in essere dalla stazione appaltante e della stessa lex specialis, idonei a travolgere in radice la procedura medesima ed a consentire la rinnovazione della gara, con conseguente facoltà di riproposizione della domanda di partecipazione.

Nello specifico, l’impresa istante ha evidenziato quattro profili di criticità della procedura di gara di cui trattasi di seguito esposti.

La prima eccezione sollevata dall’istante concerne l’asserito illegittimo diniego di accesso agli atti, a seguito della presentazione di rituale istanza di accesso, in data 14 dicembre 2009 (dopo la propria esclusione dalla gara con provvedimento del 30 novembre 2009, comunicato con nota del 4 dicembre 2009), reiterata in data 19 gennaio 2010.

Al riguardo la TEQ SA ha riferito di aver chiesto esclusivamente di accedere a documenti prodotti dagli altri partecipanti attestanti i requisiti di ammissione e, precisamente: - certificato d’iscrizione alla Camera di Commercio completo di Dichiarazione Antimafia; - dichiarazione del Casellario giudiziario del firmatario dell’offerta; - certificato di qualità valido al 10 novembre 2009; - audit annuale obbligatorio per il mantenimento della validità del certificato nel caso lo stesso fosse stato emesso nell’anno precedente la scadenza della gara; - procure dei firmatari della documentazione presentata; - lettera dichiarazione prevista dall’art. 17 della l. n. 68/1999R, in ordine al rispetto della normativa sui disabili; - lettera di richiesta di dimidiazione della cauzione prevista dall’art. 75, comma 7, del D.Lgs. n. 163/2006R. Tuttavia, la stazione appaltante SUN S.p.A., ai sensi dell’art. 13, comma 2, lett. c) del D.Lgs. n. 163/2006, invitava l’impresa odierna istante a ripresentare la domanda dopo l’aggiudicazione della gara e, a seguito della reiterazione della suddetta richiesta di accesso agli atti, concedeva unicamente l’accesso ai verbali di gara, differendo l’accesso agli altri atti al momento dell’aggiudicazione.

Di contro, con specifico riferimento all&r

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2532584 2537204
Ritenuto in diritto

Al fine di definire la controversia sottoposta a questa Autorità con l’istanza di parere in oggetto, in ordine al primo rilievo dedotto dall’istante TEQ SA, relativo alla asserita violazione dell’art. 13 del D.Lgs. n. 163/2006R, va osservato, in via preliminare, come, in materia di appalti pubblici, la ratio del differimento del diritto di accesso sia da individuarsi nella necessità di mantenere la competizione indenne da meccanismi di collusione, di impedire intese tra operatori economici volte a concordare i rispettivi comportamenti per influenzare l’esito della selezione, di evitare flussi informativi (anche involontari) tra potenziali concorrenti, e di eliminare il rischio di condizionamenti commerciali, economici e tecnici nella formulazione e presentazione delle offerte.

Ciò premesso, la giurisprudenza amministrativa evocata dall’impresa istante - e dalla stessa stazione appaltante - ha coerentemente escluso la possibilità di applicare il principio del differimento, quando la richiesta di accesso abbia ad oggetto i documenti attestanti i requisiti di ammissione, i verbali di gara e i provvedimenti della stazione appaltante nella parte in cui sanciscono l’esclusione dalla procedura delle imprese concorrenti, ovvero la loro riammissione (TAR Puglia, Bari, Sez. I, 18 novembre 2008, n. 2612; TAR Puglia, Lecce, Sez. II, 31 gennaio 2009, n. 178); trattasi, invero, di atti che, non potendo affatto minare gli equilibri concorrenziali e la correttezza dell’andamento del procedimento, non giustificano il differimento.

Pertanto, deve ritenersi non conforme all’art. 13 del D.Lgs. n. 163/2006, il provvedimento con il quale la stazione appaltante ha disposto il differimento dell’accesso agli atti inerenti alla procedura in questione, con riferimento ai documenti attestanti i requisiti di ammissione dei singoli concorrenti oggetto dell’istanza di accesso presentata dall’istante TEQ SA in data 14 dicembre 2009.

Quanto all’asserito vizio da eccesso di potere per difetto di motivazione che inficerebbe il provvedimento di differimento dell’accesso agli atti di cui trattasi, si deve rilevare che, ai sensi dell’art. 3, primo comma, della l. n. 241 del 1990 “ogni provvedimento amministrativo, compresi quelli concernenti l’organizzazione amministrativa, lo svolgimento dei pubblici concorsi ed il personale deve essere motivato, salvo che nelle ipotesi previste dal comma 2. La motivazione deve indicare i presupposti di fatto e le ragioni giuridiche che hanno determinato la decisione dell’amministrazione, in relazione alle risultanze dell’istruttoria”.

La norma citata individua, dunque, quali elementi strutturali della motivazione del provvedimento, l’esternazione dei “presupposti di fatto”, vale a dire degli elementi e dei dati fattuali acquisiti durante l’istruttoria e valutati da parte dell’amministrazione, e delle “ragioni giuridiche”, e cioè delle norme considerate applicabili al caso concreto.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2532584 2537205
Il Consiglio

ritiene, nei limiti di cui in motivazione, che l’operato della stazione appalta

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Finanza pubblica
  • Fisco e Previdenza
  • Energia e risparmio energetico
  • Edilizia e immobili
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Terremoto Centro Italia 2016
  • Terremoto Emilia Romagna, Lombardia e Veneto
  • Servizi pubblici locali
  • Edilizia scolastica
  • Impianti sportivi
  • Urbanistica
  • Pubblica Amministrazione
  • Protezione civile
  • Professioni
  • Patrimonio immobiliare pubblico
  • Pianificazione del territorio
  • Marchi, brevetti e proprietà industriale
  • Mediazione civile e commerciale
  • Ordinamento giuridico e processuale
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici
  • Agevolazioni per interventi di risparmio energetico
  • Impresa, mercato e concorrenza
  • Strade, ferrovie, aeroporti e porti
  • Fonti alternative
  • Infrastrutture e reti di energia
  • Leggi e manovre finanziarie
  • Disposizioni antimafia
  • Imposte indirette
  • Compravendita e locazione
  • Lavoro e pensioni
  • Imposte sul reddito
  • Partenariato pubblico privato
  • DURC
  • Appalti e contratti pubblici
  • Enti locali
  • Calamità/Terremoti
  • Compravendite e locazioni immobiliari

Il D.L. 50/2017 comma per comma

Analisi sintetica e puntuale di tutte le disposizioni di interesse del settore tecnico contenute nel D.L. 24/04/2017, n. 50 (c.d. “manovrina correttiva” convertito in legge dalla L. 21/06/2017, n. 96), con rinvio ad approfondimenti sulle novità di maggiore rilievo.
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Alfonso Mancini
  • Disciplina economica dei contratti pubblici
  • Lavoro e pensioni
  • Appalti e contratti pubblici
  • Fisco e Previdenza

La responsabilità solidale tra committente, appaltatore e subappaltatore negli appalti pubblici e privati

Norme di riferimento sulla solidarietà retributiva e contributiva; Disciplina della solidarietà retributiva e contributiva (generalità, somme oggetto dell’obbligazione in solido, contratti che rientrano nell’applicazione della disciplina, distinzione tra appalto e contratti similari, soggetti che possono essere chiamati a rispondere in solido, estensione ai contratti di subfornitura con Sentenza Corte Costituzionale 254/2017, schema grafico riepilogativo, durata del vincolo di obbligazione in solido, soggetti beneficiari della tutela, le modifiche introdotte dal D.L. 25/2017); Ulteriori norme specifiche per gli appalti pubblici; La tutela generale in via residuale disposta dal Codice civile; Sicurezza sul lavoro; Solidarietà fiscale, le norme ora soppresse.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Fisco e Previdenza
  • DURC
  • Lavoro e pensioni

DURC (Documento unico di regolarità contributiva): richiesta e rilascio online, procedure, requisiti e validità

Questo articolo approfondisce tutti i dettagli relativi al DURC, e del suo rilascio tramite la modalità telematica introdotta dall’art. 4 del D.L. 34/2014 ed in seguito attuata dal D.M. 30/01/2015 (successivamente modificato dal D.M. 23/02/2016). Il tutto combinando, in forma schematica e tabellare, i vari chiarimenti forniti dal Ministero del lavoro, dall’INPS, dall’INAIL e dalle Casse edili, con rispettivi documenti di prassi, in modo da costituire un unico punto di riferimento sul tema, di pratica e veloce consultazione. Aggiornamento all’art. 54 del D.L. 50/2017 che ha disciplinato il caso del soggetto che si avvalga della definizione agevolata dei debiti contributivi ai sensi dell’art. 6 del D.L. 193/2016.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Requisiti di partecipazione alle gare
  • Soglie normativa comunitaria
  • Appalti e contratti pubblici

Il principio di rotazione degli affidamenti e degli inviti nei contratti pubblici sotto soglia

IL PRINCIPIO DI ROTAZIONE NEGLI AFFIDAMENTI SOTTO SOGLIA (Quando si applica; Quando non si applica; Cosa comporta; Schema grafico riepilogativo) - LA GIURISPRUDENZA SUL PRINCIPIO DI ROTAZIONE (Cogenza del principio; Principio di rotazione negli inviti; Invito all'affidatario uscente e motivazione; Necessità di valutazione caso per caso; Irrilevanza del tipo di procedura utilizzata per l’affidamento precedente; Mancato invito all'aggiudicatario uscente e pretese di quest’ultimo; Mancato rispetto del principio e scorrimento della graduatoria; Disapplicazione occasionale; Principio di rotazione nei contratti pubblici di concessione; Recesso prima del termine e precedente aggiudicatario).
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Requisiti di partecipazione alle gare
  • Esecuzione dei lavori pubblici
  • Appalti e contratti pubblici

Il subappalto nei contratti pubblici: nozione, limiti e condizioni

NOZIONE DI SUBAPPALTO E DIFFERENZA CON ALTRI TIPI DI CONTRATTO (Contratti che rientrano nella nozione di “subappalto”; Differenza tra subappalto e avvalimento; Esclusioni; Subcontratti che non costituiscono subappalto) - AUTORIZZAZIONE E LIMITI AL SUBAPPALTO (Autorizzazione al subappalto; Requisiti del subappaltatore; Limiti quantitativi del subappalto; Divieto del subappalto “a cascata” (o sub-subappalto); Limite dei ribassi al subappaltatore) - CONDIZIONI E ONERI VERSO LA STAZIONE APPALTANTE (Dichiarazione all’atto dell’offerta; Indicazione e requisiti dei subappaltatori; Violazione in sede di offerta delle percentuali subappaltabili; Mancato uso della modulistica; Trasmissione alla stazione appaltante dei documenti relativi al subappalto; Adempimenti verso la stazione appaltante - Autorizzazione del subappalto; Variazioni all’oggetto del subappalto).
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Studio Groenlandia
  • Appalti e contratti pubblici
  • Disciplina economica dei contratti pubblici

Accesso al Fondo per l'aggregazione degli acquisti di beni e servizi per l'anno 2019

  • Terremoto Emilia Romagna, Lombardia e Veneto
  • Protezione civile
  • Fiscalità immobiliare locale (IMU-TARI-TASI)
  • Fisco e Previdenza
  • Calamità/Terremoti

Sisma maggio 2012: termine ultimo esenzione IMU per i fabbricati dichiarati inagibili

  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici
  • Appalti e contratti pubblici

Obbligo BIM nei progetti di lavori complessi di importo pari o superiore a 50 milioni di Euro