FAST FIND : AR1164

Ultimo aggiornamento
03/01/2021

Determinazione del valore dei diritti di usufrutto, uso, abitazione, rendite e pensioni

USUFRUTTO, USO E ABITAZIONE: COSA SONO E NORME DI RIFERIMENTO - DETERMINAZIONE DEL VALORE DEI DIRITTI DI USUFRUTTO, USO E ABITAZIONE (Indicazioni normative; Valore dell’usufrutto vitalizio; Valore dell’usufrutto a termine; Usufrutto costituito a favore di più soggetti) - DETERMINAZIONE DEL VALORE DI RENDITE E PENSIONI.
A cura di:
  • Dino de Paolis
2318956 7022288
USUFRUTTO, USO E ABITAZIONE: COSA SONO E NORME DI RIFERIMENTO

L’usufrutto è il diritto reale di godimento che consiste diritto di un soggetto (usufruttuario) di godere di un bene di proprietà di un altro soggetto (nudo proprietario), nonché di raccoglierne i frutti, con l’obbligo di rispettarne la destinazione economica, ed è regolato dagli artt. 978-1020 del Codice civile.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2318956 7022289
DETERMINAZIONE DEL VALORE DEI DIRITTI DI USUFRUTTO, USO E ABITAZIONE
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2318956 7022290
Indicazioni normative

Sorge in determinate circostanze la necessità di calcolare il valore dell’usufrutto: si pensi ad esempio al caso di compravendita o donazione con riserva di usufrutto vitalizio, alla compravendita di una proprietà gravata dal diritto di usufrutto, alla costituzione di un usufrutto a titolo oneroso o ancora ad un lascito testamentario che preveda l’usufrutto di un bene.

Secondo l’art. 48 del D.P.R. 131/1986 (ai fini dell’Imposta di registro)

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2318956 7022291
Valore dell’usufrutto vitalizio

Alla luce di quanto visto sopra, per determinare il valore del diritto di usufrutto vitalizio sono necessari i seguenti passaggi:

A) determinare il valore della piena proprietà;

B) moltiplicare il valore della piena proprietà per il saggio legale di interesse, determinando in questo modo il valore dell’annualità;

C) moltiplicare il valore dell’annualità così determinato per il coefficiente indicato nel prospetto allegato al D.P.R. 131/1986 applicabile in relazione all’età dell’usufruttuario.


A) La prima cosa da fare è dunque determinare il valore complessivo della piena proprietà, che corrisponde:

- per i trasferimenti di immobili ad uso abitativo e relative pertinenze nelle quali la parte acquirente sia una persona fisica che non agisca nell’esercizio di attività d’impresa o professionale, al valore determinato secondo il criterio di valutazione automatica (o “catastale”), cioè tramite applicazione dei c.d. “moltiplicatori catastali” alla rendita catastale rivalutata del 5% (si veda in proposito I moltiplicatori catastali nelle compravendite immobiliari);

- per gli altri casi, al maggiore importo tra il valore di mercato (o “valore normale”) dei beni e dei diritti oggetto del trasferimento ed il corrispettivo pattuito e riportato nell’atto dispositivo.

Il moltiplicatore catastale per gli immobili ad uso abitativo è pari a 120, ridotto a 110 in caso di applicazione delle agevolazioni prima casa. Si riportano di seguito due esempi di calcolo.


Esempi

Si riportano di seguito due esempi per il calcolo del valore della piena proprietà.

(1) Immobile accatastato A/1 con rendita catastale pari a 1.000 Euro ed applicazione agevolazioni prima casa:

- Rendita catastale (RC) = 1.000;

- RC rivalutata = 1.000 x 1,05 = 1.050;

- Valore dell’immobile con il metodo catastale = RC rivalutata x moltiplicatore = 1.050 x 110 = 115.500 Euro (allo stesso risultato si giunge moltiplicando la rendita catastale direttamente per 115,5).

(2) Immobile accatastato A/7 con rendita catastale pari a 1.000 Euro e senza applicazione agevolazioni prima casa:

- Rendita catastale (RC) = 1.000;

- RC rivalutata = 1.000 x 1,05 = 1.050;

- Valore dell’immobile con il metodo catastale = R.C. rivalutata x moltiplicatore = 1.050 x 120 = 126.000 Euro (allo stesso risultato si giunge moltiplicando la rendita catastale direttamente per 126).


B) Come secondo passo, occorre calcolare il valore dell’annualità, che come detto è pari al valore della piena proprietà (calcolato come spiegato in precedenza) moltiplicato per il saggio di interesse legale. Considerando che, ai sensi del

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2318956 7022292
Usufrutto a termine

Alla luce di quanto visto sopra, per determinare il valore del diritto di usufrutto a termine sono necessari i seguenti passaggi:

A) determinare il valore della piena proprietà, come spiegato in precedenza;

B) moltiplicare il valore della piena proprietà per il saggio legale di interesse, determinando in questo modo il valore dell’annualità, come spiegato in precedenza;

C) determinare il valore attuale dell’annualità in base al saggio di interesse legale vigente.

Si riporta di seguito una tabella di ausilio al calcolo, per durate fino a 60 anni. Le colonne della tabella rappresentano quanto segue:

- VATT.: il coefficiente da moltiplicare al valore dell’annualità per determinarne il valore attuale, e pertanto il valore dell’usufrutto per la corrispondente durata;

- %USUF.: il conseguente e corrispondente valore in percentuale del diritto di usufrutto sul valore della piena proprietà;

- %N.P.: il conseguente e corrispondente valore in percentuale della nuda proprietà sul valore della piena proprietà.


ANNI

VATT.

%N.P.

%USUF.

ANNI

VATT.

%N.P.

%USUF.

1

0,9999000

99,9900010

0,0099990

31

30,9504545

99,6904955

0,3095045

2

1,9997000

99,9800030

0,0199970

32

31,9472598

99,6805274

0,3194726

3

2,9994001

99,9700060

0,0299940

33

32,9439654

99,6705603

0,3294397

4

3,9990002

99,9600100

0,0399900

34

33,9405713

99,6605943

0,3394057

5

4,9985003

99,9500150

0,0499850

35

34,9370776

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2318956 7022293
Usufrutto costituito a favore di più soggetti

Occorre fare alcune precisazioni per il caso in cui l’usufrutto sia costituito a favore di più soggetti. In particolare:

- se il termine finale è stabilito in coincidenza con il decesso di uno qualsiasi dei ben

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2318956 7022294
DETERMINAZIONE DEL VALORE DI RENDITE E PENSIONI

Il valore di rendite e pensioni è calcolato:

- per le rendite a tempo indeterminato, moltiplicando il valore dell’annualità per un coefficiente stabilito in misura variabile a seconda del saggio di interesse legale vigente, ed attualmente pari a 10.000,00 (

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Indici, tassi e costi di costruzione
  • Prezzari
  • Ritardi nei pagamenti commerciali
  • Istat
  • Costi di costruzione
  • Tasso di mora per gli appaltatori

Indici Istat, costi di costruzione e tassi di interesse

A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Compravendite e locazioni immobiliari
  • Fisco e Previdenza

I moltiplicatori catastali nelle compravendite immobiliari

Cosa sono i moltiplicatori catastali e come si utilizzano per determinare, a partire dalla rendita catastale, il “valore catastale” di un immobile (terreno o fabbricato) ai fini sui trasferimento; tabella aggiornata ed esempi di calcolo.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Agevolazioni per la prima casa
  • Imposte indirette
  • Fisco e Previdenza
  • Compravendite e locazioni immobiliari

Le agevolazioni prima casa sugli atti di trasferimento immobiliare

A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Compravendite e locazioni immobiliari
  • Compravendita e locazione
  • Imposte sul reddito
  • Edilizia e immobili
  • Fisco e Previdenza

La Cedolare secca sui contratti di locazione

PREMESSA E QUADRO NORMATIVO; NATURA, PRESUPPOSTI E AMBITO DI APPLICAZIONE (Natura della Cedolare secca; Tributi sostituiti dalla Cedolare secca; Ambito soggettivo e oggettivo di applicazione; Applicazione in relazione ad uno solo dei comproprietari/contitolari; Precisazioni sulla figura del conduttore; Unità immobiliari di proprietà condominiale; Contratti di durata inferiore a 30 giorni nell’anno; Locazione di più immobili con lo stesso contratto; Locazione di solo una o più porzioni di unità abitative; Applicazione alle pertinenze; Sublocazioni, immobili all’estero e terreni; Locazioni concluse tramite agenzie immobiliari) - ALIQUOTE DELLA CEDOLARE SECCA (Aliquota ordinaria; Aliquota ridotta) - ESERCIZIO DELL’OPZIONE ED EVENTUALE REVOCA, CONSEGUENZE (Esercizio dell’opzione per la Cedolare secca ed eventuale revoca; Comunicazione preventiva al conduttore e rinuncia agli aggiornamenti del canone; Effetti dell’opzione ed ipotesi di pluralità di locatori) - CALCOLI DI CONVENIENZA (Variabili da considerare; Esempio pratico; Calcolo del reddito ai fini di benefici fiscali in caso di Cedolare secca; Cedolare secca e applicazione di altre detrazioni e deduzioni fiscali) - CASI PARTICOLARI CHIARITI DALL’AGENZIA DELLE ENTRATE (Trasferimento di immobile locato in ipotesi di successione, donazione o cessione; Comproprietario non risultante dal contratto di locazione).
A cura di:
  • Stefano Baruzzi
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Fisco e Previdenza
  • Compravendite e locazioni immobiliari

Trattamento fiscale delle convenzioni urbanistiche e degli atti conseguenti

AGEVOLAZIONI FISCALI PER EDILIZIA POPOLARE E CONVENZIONATA (Agevolazioni per edilizia economica e popolare e Piani degli insediamenti produttivi; Estensione all’edilizia convenzionata in genere ad opera della L. 10/1977; Ampliamento dell’agevolazione per l’edilizia convenzionata dal 2018; Permanenza in vigore delle agevolazioni; Approfondimenti sulle convenzioni urbanistiche) - TIPOLOGIE DI ATTI RIENTRANTI NELL’AGEVOLAZIONE E REQUISITI (Tipologie di atti in generale; Dettagli e interpretazioni nella prassi e nella giurisprudenza; Ulteriori requisiti soggettivi ed oggettivi) - ALTRE AGEVOLAZIONI SOPPRESSE DAL 01/01/2014 (Agevolazioni per trasferimenti di immobili compresi in piani urbanistici particolareggiati; Agevolazioni per trasferimenti di immobili compresi in piani di recupero).
A cura di:
  • Dino de Paolis