FAST FIND : GP12713

Sent. C. Cass. civ. 10/04/1996, n. 3301

1801773 1801773
Appalti privati - Rovina e difetti di cose immobili - Responsabilità dell'appaltatore - Gravi difetti ex art. 1669 cod. civ. - Configurabilità - Requisiti - Fattispecie.

Nei gravi difetti dell'edificio idonei a configurare una responsabilità del costruttore nei confronti del committente e dei suoi aventi causa, a norma dell'art. 1669

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
Scarica il pdf completo
1801773 1804913
SENTENZA

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE II

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1801773 1804914
FATTO

Nel gennaio del 1984 il Condominio di Via Rio Filetto nn. 1-3 in Civitacastellana e i condomini Loredana Pascucci, Angelo Proietti, Tito Mascarucci, Bruno Barduani Proietti, Nazareno Monetini, Rosanna Morosetti, Gino Romitelli, Averaldo Crestoni, Paola Lanzi e Simeone Perinovich convennero in giudizio, avanti il Tribunale di Viterbo, l'impresa costruttrice "Rosci V. ed Evangelisti D." e, assumendo che l'edificio condominiale, da questa realizzato per incarico della Cooperativa Edilizia Ugo Foscolo ed ultimato nel 1980, presentava gravi vizi e difetti sia nelle parti comuni, sia nelle parti di proprietà esclusiva, come emerso in sede di indagini tecniche conclusesi il 24.11.1983, ne chiesero la condanna al risarcimento dei conseguenti danni, con rivalutazione monetaria e interessi legali. La ditta convenuta, costituitasi in persona del suo amministratore Domenico Evangelisti, oltre ad eccepire il difetto di legittimazione attiva dei condomini in proprio, perché estranei al contratto di appalto intercorso con la Cooperativa, e la prescrizione del diritto alla garanzia ex art. 1667 cod. civ. e del diritto al risarcimento ex art. 1669 stesso codice, contestò la fondatezza nel merito della

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1801773 1804915
DIRITTO

Con il primo motivo di ricorso si denunzia violazione e falsa applicazione dell'art. 102 cod. proc. civ. in relazione all'art. 360 n. 3 stesso codice, chiedendosi dichiararsi la nullità della sentenza d'appello e di quella di primo grado per non integrità del contraddittorio, in quanto Vincenzo Rosci non era stato convenuto davanti al Tribunale sebbene si trattasse di litisconsorte necessario e nel costituirsi in appello aveva fatto presente tale situazione, sicché si sarebbe dovuta annullare d'ufficio la sentenza di prime cure perché inutiliter data.

La censura è priva di fondamento.

Basti osservare al riguardo che ad essere evocata in giudizio con l'atto di citazione iniziale fu l'impresa costruttrice "Rosci V. ed Evangelisti D." e che questa si costituì regolarmente in persona del suo contitolare Domenico Evangelisti, sicché è del tutto fuori luogo parlare di non integrità del contraddittorio in primo grado per non essersi ivi costituito personalmente anche il Rosci, in quanto l'impresa a carattere individuale con più titolari o soci di fatto non è un soggetto distinto dalle persone di costoro ai quali spetta disgiuntamente l'amministrazione degli affari e la rappresentanza in giudizio, come si desume agevolmente dal combinato disposto degli artt. 2297, 2257 e 2266 cod. civ. (v. sent. 28.4.1977 n. 1615, 22.10.1976 n. 3754, 15.7.1967 n. 1779), con la conseguenza che ciascuno di essi è legittimato a stare in giudizio per la società, sia come attore, sia come convenuto, senza che sia necessario integrare il contraddittorio nei confronti degli altri soci solidalmente coobbligati (v. sent. 2.2.1977 n. 477). È del tutto irrilevante, quindi la circostanza che l'appello contro la sentenza del Tribunale sia stato proposto congiuntamente dall'Evangelisti e dal Rosci, espressamente qualificatisi come legali rappresentanti dell'impresa edile, dal momento che era pur sempre questa a doversi considerare parte nel giudizio di appello come lo era stata in quello di primo grado ed è del pari irrilevante la sopravvenuta cessazione, per altro meramente asserita, della società di fatto, poiché ciò non incide in alcun modo sulla sua crescita di parte in giudizio in persona dei suoi soci o anche di uno solo

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1801773 1804916
P.Q.M.

La corte rigetta il ricorso.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Edilizia e immobili

La responsabilità del costruttore per gravi difetti dell’opera

Punto della giurisprudenza sui casi nei quali è applicabile la responsabilità del costruttore per rovina, pericolo di rovina o gravi difetti dell’opera, con particolare riguardo ai lavori di ristrutturazione, riparazione o modifica di edifici esistenti. A seguito del contrasto giurisprudenziale sorto sul caso, le Sezioni Unite della Corte di Cassazione si sono pronunciate con la sentenza 27/03/2017, n. 7756.
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Edilizia e immobili
  • Appalti di lavori privati
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Condominio

Condominio e gravi vizi costruttivi delle parti comuni

Questo articolo approfondisce dettagliatamente, attraverso un’analisi puntuale della normativa nazionale e della giurisprudenza di legittimità, la responsabilità dell’appaltatore nei confronti del committente per gravi vizi costruttivi di immobili. Possono incorrere in tale responsabilità, in concorso con l’appaltatore, anche il direttore lavori e il progettista.
A cura di:
  • Giuseppe Bordolli
  • Edilizia e immobili
  • Titoli abilitativi
  • Edilizia privata e titoli abilitativi

La modulistica unica per l'edilizia e le attività produttive

Inquadramento normativo; Iter di adozione della modulistica a livello locale; Modulistica per l'edilizia; Modulistica per attività commerciali o assimilabili; Tutto quello che non può più essere richiesto a cittadini e imprese; Quadro riepilogativo regionale; Modulistica precedente.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Professioni
  • Attività in cantiere (direzione lavori, collaudo, coordinamento sicurezza, ecc.)
  • Edilizia e immobili
  • Abusi e reati edilizi - Condono e sanatoria

Responsabilità del direttore dei lavori negli appalti privati

PREMESSA - NORMATIVA DI RIFERIMENTO Le disposizioni del Codice civile; Il Testo unico edilizia - D.P.R. 380/2001 - RESPONSABILITÀ CIVILE DEL DIRETTORE DEI LAVORI Obbligo di controllare la regolarità dell’esecuzione dell’opera; Il DL non è obbligato a vigilare sulle attività di semplice esecuzione; Responsabilità solidale del DL e dell’impresa per vizi dell'immobile; Responsabilità di DL e progettista; Responsabilità extracontrattuale del DL ex art. 1669 c.c. - RESPONSABILITÀ PENALE DEL DIRETTORE DEI LAVORI Responsabilità per mancata osservanza a permesso di costruire e leggi urbanistiche; Presupposti per l’esonero della responsabilità del DL; Responsabilità del DL per omessa vigilanza anche in caso di assenza dal cantiere; Responsabilità del DL anche per opere non rientranti nell'incarico.
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Edilizia e immobili
  • Appalti di lavori privati
  • Edilizia privata e titoli abilitativi

Il subappalto di lavori privati in materia edilizia

NOZIONE E CONTESTO NORMATIVO - L’ASSENSO DEL COMMITTENTE (Assenso come mera autorizzazione; Possibilità di un consenso preventivo e generico; Assenza di rapporto diretto tra committente e subappaltatore) - AUTONOMIA TRA CONTRATTO DI SUBAPPALTO E CONTRATTO DI APPALTO (Autonomia contrattuale delle parti; Responsabilità per mancata consegna dell’area di cantiere; Accettazione senza riserve) - RESPONSABILITÀ DEL SUBCOMMITTENTE (Responsabilità per danni a terzi; Responsabilità per lavorazioni pericolose); RESPONSABILITÀ DEL SUBAPPALTATORE (Responsabilità per difformità e vizi dell’opera; Responsabilità per rovina e difetti di cose immobili; Denuncia dei vizi; Riconoscimento dei vizi; Obbligo di segnalare le istruzioni errate del subcommittente; Responsabilità in caso di infortuni sul lavoro).
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Terremoto Centro Italia 2016
  • Calamità/Terremoti
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Edilizia e immobili
  • Costruzioni in zone sismiche
  • Protezione civile
  • Norme tecniche

Contributi per la ripresa delle attività economiche e produttive nei territori colpiti dal sisma a far data dal 24/08/2016