FAST FIND : NN13657

Interp. Min. Lavoro e Pol. Soc. 24/03/2015, n. 6

Art. 9, D.Lgs. n. 124/2004 – lavoro a chiamata ex artt. 33 s.s. D. Lgs. n. 276/2003 e attività di soccorso e recupero nel settore degli ambienti sospetti di inquinamento o confinati, D.P.R. n. 177/2011.
Scarica il pdf completo
1780829 1788509
[Premessa]


Il Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Consulenti del Lavoro ha avanzato istanza di interpello al fine di avere chiarimenti da questa Direzione generale in ordine alla possibilità per una impresa appaltatrice, incaricata dei servizi di soccorso e recupero nel settore degli ambienti sospetti o confinati ai sensi del D.P.R. n. 177/2011R, di assumere operatori specializzati con contratto di lavoro intermittente ex artt. 33 e ss., D.Lgs. n. 276/2003 R, operando il rinvio alle figure dei “sorveglianti che non partecipano materialmente al lavoro”, di cui al n. 11 della

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Sicurezza
  • Uffici e luoghi di lavoro

Protezione dei lavoratori da sostanze pericolose (agenti chimici, cancerogeni e amianto)

AGENTI CHIMICI (Normativa di riferimento; Valori limite di esposizione professionale (VLEP); Obblighi del datore di lavoro nel D. Leg.vo 81/2008) - AGENTI CANCEROGENI O MUTAGENI (Normativa di riferimento; Modifiche alla Direttiva 2004/37/CE non ancora recepite; Valori limite di esposizione; Obblighi del datore di lavoro nel D. Leg.vo 81/2008) - AMIANTO (Premessa e normativa di riferimento; Valori limite di esposizione; Obblighi del datore di lavoro e valutazione del rischio) - SANZIONI.
A cura di:
  • Angela Perazzolo
  • Uffici e luoghi di lavoro
  • Sicurezza
  • Disciplina economica dei contratti pubblici
  • Appalti e contratti pubblici
  • Cantieri temporanei e mobili

Costo del lavoro nei contratti pubblici: tabelle ministeriali e giurisprudenza

COSTO DEL LAVORO E VALUTAZIONE ANOMALIA OFFERTE - TABELLE MINISTERIALI DI RIFERIMENTO - CRITERI DI VALUTAZIONE - VALORE DELLE “TABELLE” MINISTERIALI E NUOVI ORIENTAMENTI CON IL D. LEG.VO 50/2016.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Uffici e luoghi di lavoro
  • Sicurezza
  • Agenti fisici

Protezione dei lavoratori dai rischi di esposizione a campi elettromagnetici

PREMESSA E NORMATIVA DI RIFERIMENTO - AMBITO DI APPLICAZIONE - MISURE DI PREVENZIONE GENERALI (Dimostrazione del rispetto dei valori limite; Superamento dei valori limite) - VALORI LIMITE (Grandezze; Effetti non termici; Effetti termici; Deroghe ai valori limite; Deroghe ministeriali) - VALUTAZIONE DEI RISCHI E VERIFICA DEL SUPERAMENTO DEI VALORI LIMITE (Precisazione delle misure adottate; Luoghi accessibili al pubblico già oggetto di valutazione; Accesso al documento elaborato da datori di lavoro privati; Accesso al documento elaborato da datori di lavoro pubblici; Aggiornamento della valutazione dei rischi) - INFORMAZIONE E FORMAZIONE DEI LAVORATORI - MISURE SPECIFICHE ALLA LUCE DEGLI ESITI DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI (Superamento dei VA; Superamento dei VLE; Misure specifiche in caso di superamento di VLE relativi agli effetti sanitari; Personalizzazione delle misure di sicurezza; Segnaletica) - SORVEGLIANZA SANITARIA (Lavoratori che segnalano effetti indesiderati; Superamento dei VLE) - SANZIONI (Sanzioni a carico del datore di lavoro; Sanzioni a carico del datore di lavoro e/o del dirigente; Sanzioni a carico del medico competente) - RAPPORTO CON LA DISCIPLINA SUGLI AGENTI FISICI.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Studio Groenlandia
  • Uffici e luoghi di lavoro
  • Sicurezza

La delega di funzioni nella sicurezza sul lavoro

CHE COSA È LA DELEGA DI FUNZIONI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO - REQUISITI E CONDIZIONI DELLA DELEGA DI FUNZIONI (Requisiti di forma; Requisiti di sostanza) - EFFETTI DELLA DELEGA E OBBLIGHI NON DELEGABILI (Esonero di responsabilità; Obbligo di vigilanza che permane; Funzioni non delegabili; Delega parzialmente invalida; Invalidità della delega ed esercizio di fatto) - DIFFERENZE TRA LA DELEGA ED ALTRE FATTISPECIE (Nomina di altre figure; La subdelega).
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Sicurezza
  • Imprese
  • Cantieri temporanei e mobili
  • Provvidenze
  • Finanza pubblica

Toscana: prestiti alle imprese per tutelare salute e sicurezza dei lavoratori dei cantieri edili e navali

La Regione Toscana investe 1.500.000 euro per aumentare il livello di salute e sicurezza dei lavoratori con specifico riguardo alle imprese che svolgono la propria attività nei cantieri edili e navali. Per beneficiare della misura del prestito a tasso zero le imprese e i professionisti devono essere costituiti da almeno 2 anni e devono esercitare un'attività economica prevalente rientrante in specifici codici Ateco dei settori Manifatturiero, Costruzioni, Fornitura acqua, Gestione rifiuti e risanamento, Noleggio e altri servizi. Domande dal 2 settembre fino ad esaurimento risorse.
A cura di:
  • Anna Petricca