FAST FIND : CM1323

Fatturazione elettronica forfettari: procedura di compilazione, inserimento bollo virtuale e sanzioni

Chiarimenti in merito al nuovo obbligo di fatturazione elettronica per tutti i contribuenti anche in regime di vantaggio.
Blumatica

Con il decreto legge 36/2022, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 100 del 30 aprile 2022, il Governo adotta ulteriori misure per accelerare l’attuazione del Piano nazionale di ripresa e resilienza PNRR 2 che entreranno in vigore dal 1° luglio 2022.
Tra le principali novità si rileva l’estensione dell’obbligo della fatturazione elettronica anche a soggetti sinora esonerati.

Chi sono i nuovi soggetti con obbligo di fatturazione elettronica
Dal 1° luglio 2022 sono state aggiunte le seguenti categorie di soggetti, prima escluse, che ricadono nell’obbligo di emissione delle fatture elettroniche utilizzando il Sistema di interscambio (Sdi) gestito dall’Agenzia delle entrate:
• i contribuenti che rientrano nel regime di vantaggio (articolo 27, c. 1 e 2, Dl 98/2011);
• i contribuenti che applicano il regime forfettario (articolo 1, c. da 54 a 89, legge 190/2014), che nell’anno precedente hanno percepito ricavi o compensi superiori a € 25.000;
• i soggetti passivi (associazioni sportive dilettantistiche ed assimilabili di cui agli articoli 1 e 2 della legge 16 dicembre 1991, n. 398) che nel periodo d’imposta precedente hanno conseguito proventi per un importo non superiore a 65mila euro (con proventi superiori, la fattura andava già emessa).
Fino al 31 dicembre 2023, saranno ancora esclusi i contribuenti con partite Iva che, nell’anno precedente, hanno percepito compensi inferiori a 25mila euro, per cui l’obbligo di fatturazione elettronica sarà previsto dal 1° gennaio 2024.

Sanzioni
Al fine di dare gradualità nell’applicazione di quanto previsto, la norma prevede che, per il terzo trimestre 2022 (cioè da luglio a settembre), le sanzioni per omessa fatturazione non si applicano ai forfettari se la fattura viene emessa entro il mese successivo a quello dell’operazione effettuata.
La sanzione amministrativa è compresa tra il 5% e 10% dei corrispettivi non registrati. Quando la violazione non rileva neppure ai fini della determinazione del reddito si applica la sanzione amministrativa da euro 250 a euro 2.000.

Esterometro
L’estensione dell’obbligo di fatturazione elettronica anche ai soggetti esonerati, genera anche l’obbligo di trasmettere telematicamente all’Agenzia delle Entrate i dati relativi alle cessioni di beni e prestazioni di servizi, effettuate e ricevute, verso e da soggetti non stabiliti nel territorio dello Stato (esteri).

Come si procede dal 1 Luglio ad emettere la fattura elettronica in regime forfettario o di vantaggio?
La fatturazione elettronica prevede l’invio della fattura al SDI (sistema di interscambio) dell’Agenzia delle Entrate in formato ufficiale .xml dopo aver apposto la firma digitale.

Con l’utilizzo del software Blumatica e’fatto tale procedura viene completamente automatizzata. Sarà solamente necessario completare i principali dati della fattura e si potrà trasmettere direttamente la fattura all’Agenzia delle Entrate senza doversi preoccupare.
Si procede tramite un’interfaccia semplice con diversi step da completare:
1. Inserimento intestazione della fattura con tipologia del documento (TD01 per le fatture ordinarie – TD06 per le parcelle), numero e data;
2. Inserimento del fornitore (mittente della fattura) dove verranno riproposti in automatico tutti i dati personali;
3. Inserimento del cliente (destinatario della fattura), dove sarà possibile inserire la prima volta i dati ex novo del cliente e poi memorizzarli per riutilizzarli nelle successive fatture. Si potrà fattura sia verso una P.IVA sia verso un CF, specificando per tutti il codice destinatario (7 zeri se il destinatario finale non ha un indirizzo telematico specifico);
4. Inserimento dati fattura, dove inserendo il valore del bene o della prestazione, verranno in automatico calcolati gli eventuali importi della cassa previdenziale e/o dell’aliquota IVA e/o della ritenuta d’acconto, ecc. Sarà inoltre possibile inserire i dati del pagamento con l’indicazione automatica dell’IBAN completato preventivamente nei dati personali;
5. Viene infine proposta una pagina finale per verificare i dati inseriti con la possibilità di trasmettere direttamente la fattura oppure di salvarla come bozza e poi inviarla in un secondo momento.

Come si inserisce il bollo virtuale in fattura?
Con Blumatica e’fatto è molto semplice completare i dati per la fattura elettronica. Per l’inserimento del bollo virtuale è possibile abilitare il relativo check dall’elenco già presente nel software come mostrato di seguito:


Successivamente è possibile aggiungere tale importo anche come imponibile in fattura specificando l’aliquota IVA=0 con la Natura di esclusione con codice N1= “Escluse ex art. 15”:


Quali possono essere gli esiti della fattura elettronica dopo l’invio?
Dopo aver trasmesso la fattura elettronica, entro massimo 5 giorni dall’invio, viene recapitato l’esito da parte dell’Agenzia delle Entrate. Gli esiti principali sono:
Ricevuta consegna: quando la fattura è stata accettata e consegnata direttamente al destinatario (nel caso di inserimento di un codice univoco oppure di un indirizzo pec)
Mancata consegna: quando la fattura è stata accettata ma non consegnata al destinatario direttamente (nel caso di inserimento dei “7 zero” come codice destinatario). In tal caso l’iter è completo e si può inviare una copia di cortesia cartacea al cliente finale.
Notifica di scarto: quando la fattura non supera i controlli previsti e viene indicato anche il motivo ufficiale dello scarto per poter poi procedere alla correzione e alla nuova trasmissione.
Blumatica è fatto contiene in un’unica applicazione sia le fatture attive trasmesse sia le fatture passive ricevute, e consente di verificare tutti gli aggiornamenti di stato delle fatture e di scaricare le notifiche ufficiali sincronizzate direttamente dall’Agenzia delle Entrate:

Con Blumatica e’fatto è possibile gestire anche gli alert per le notifiche di ricezione di un aggiornamento di stato di una fattura inviata e/o di una fattura passiva, sia tramite mail che abilitando il servizio SMS. Tale sistema di avvisi, consente di rimanere sempre aggiornati sull’evoluzione della fattura trasmessa e su eventuali comunicazioni dell’Agenzia delle Entrate.

Come vengono conservate le fatture elettroniche?
La normativa prevede l’obbligo della conservazione sostitutiva delle fatture elettroniche per un periodo di 10 anni. Blumatica e’fatto garantisce anche la conservazione a norma di tutte le fatture inviate e ricevute attraverso un ente accreditato.
Non si dovranno più conservare in forma cartacea tutti i documenti in faldoni, facilitandone sia la consultazione nel tempo, sia azzerando i rischi di perdita di tali dati.

 

 

 

 

Via Irno s.n.c.
84098 Pontecagnano Faiano (SA)
Tel: 089.848601
Fax: 089.848741
e-mail: info@blumatica.it
Sito Web: www.blumatica.it

Dalla redazione

Clima, ambiente, salute. Quali misure di prevenzione e adattamento in edilizia e in urbanistica?

I cambiamenti climatici non costituiscono, ormai, solo argomento di dibattiti teorici, ma si manifestano con una evidenza le cui conseguenze, che si sommano a quelle derivate dalla crisi pandemica, producono effetti negativi sia nei confronti della salute umana sia nella gestione del territorio. Si rende quindi necessario affrontare il problema, non solo con politiche di contrasto ma anche con il ricorso a politiche di prevenzione delle conseguenze negative sulla salute umana (dovute, in particolare, alle ondate di calore) e di adattamento agli effetti sul territorio (siccità, inondazioni, incendi). L’articolo si occupa degli aspetti di prevenzione e adattamento, cercando di analiz-zare le misure che possono essere adottate in edilizia e in urbanistica.
A cura di:
  • Roberto Gallia

Le indagini documentali nella Due Diligence immobiliare

L’indagine rappresenta il “verbo” della Due Diligence immobiliare. Saper condurre un’indagine è un’attività, infatti, assolutamente basilare, che può essere esiziale se condotta superficialmente. L’indagine serve a svelare gli aspetti non immediatamente percepibili a un primo approccio con il bene immobiliare oggetto di un eventuale investimento, ma non solo, serve anche a prevedere conseguenze economiche rispetto ad alcune potenziali “scelte”. L’indagine nella Due Diligence immobiliare, e la capacità di condurla correttamente, costituiscono l’impalcato fondamentale della prestazione professionale.
A cura di:
  • Graziano Castello

Il comfort indoor, strumenti legislativi: panorama legislativo internazionale e nazionale

Già da qualche decennio si parla di IEQ (Indoor Environmental Quality) con particolare attenzione sulla salubrità dell’ambiente costruito e alla sua possibile influenza sulla sostenibilità ambientale. Tale interesse si è riversato per lo più sulla qualità dei prodotti e delle tecnologie dell’edilizia, incentrando la questione sulle prestazioni di essi e sugli effetti ambientali che essi generano.
A cura di:
  • Elvira Nicolini
  • Edilizia e immobili
  • Mutui e finanziamenti immobiliari
  • Catasto e registri immobiliari

Nuovi spazi professionali, codifica e compensi della Due diligence immobiliare

Le professioni tecniche hanno l’impellente necessità di allargare il proprio intervento competente ad altri fasi del processo produttivo del bene immobiliare, ciò per consentire di allargare notevolmente lo spazio d’azione e di evitare così, ingorghi professionali e concorrenza agguerrita; circostanza che porta inevitabilmente a far soccombere le realtà professionali più piccole, le quali significativamente non coincidono quasi mai con situazioni di minore capacità prestazionale, ma più semplicemente con minore capacità relazionale sul mercato o, peggio, economica di base. La Due Diligence Immobiliare (ovviamente insieme ad altre nuove competenze) rappresenta, rispetto a tale scenario, un’occasione unica e irripetibile per sapersi proporre come soggetto first mover in tali nuove fasi del processo.
A cura di:
  • Graziano Castello

L’economia circolare tra rifiuti e risorse

Il settore edilizio in Europa comporta il consumo del 50% di materie prime vergini e del 35% di energia, oltre alla produzione del 36% di rifiuti, cifre che testimoniano la pesante impronta ambientale del comparto. Il ricorso a procedure legate all’edilizia circolare, che consentono di trasformare gli scarti in risorse, è la strada da percorrere per restringere l’ampio margine di miglioramento. I concetti chiave da applicare in questo senso sono la prevenzione della produzione di rifiuti, ed eventualmente il loro riuso e riciclo, l’impiego di sistemi a secco per agevolare operazioni di demolizione programmata e l’allungamento della vita utile dei componenti.
A cura di:
  • Beatrice Spirandelli

Dalle Aziende

  • Edilizia e immobili
  • Edilizia residenziale
  • Edilizia scolastica
  • Impianti sportivi
  • Locali di pubblico spettacolo
  • Edifici di culto
  • Edilizia penitenziaria
  • Condominio
  • Alberghi e strutture ricettive

La palestra per arrampicata a Škofja Loka avvolta in Scandole Prefa

Nel bel mezzo dell’idillica e romantica campagna slovena vicino a Škofja Loka, vicino al paese di Pevno, gli architetti dello studio ARHITEKTURA PETERNEL hanno costruito una palestra per praticare l’arrampicata boulder, rivestita in scandole e doghe metalliche colore antracite. L’edificio singolare ed armonico, presenta un design moderno ma ispirato ai tradizionali kozolec, i fienili che sono diventati oggi simboli architettonici della Slovenia rurale.
  • Edilizia e immobili
  • Energia e risparmio energetico
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Certificazione energetica

Deumidificazione della muratura nell'Accademia di Arte e Vita a Breno (BS)

Il progetto è stato veramente appropriato, ma esso, per concretizzarsi ha dovuto superare alcuni scogli, dato che l’edificio doveva essere ristrutturato, ampliato e portato a norma secondo le leggi vigenti.
  • Costruzioni
  • Costruzioni in zone sismiche
  • Informatica
  • Norme tecniche

Soft.Lab presenta "Stati generali del cemento armato" in diretta streaming

A partire dal 20 settembre, ogni martedì alle 16:00, quattro webinar gratuiti con i proff. Ingg. Pecce, Nunziata, Petti e De Matteis.
  • Informatica

Decreto Costi Massimi per Ecobonus e Riqualificazioni

La soluzione Blumatica che soddisfa tutti i professionisti! Blumatica ha ideato una soluzione software per calcolare in modo puntuale le detrazioni fiscali per tutti i bonus in edilizia.
  • Informatica
  • Edilizia e immobili

SOS prezzario infrannuale per i Lavori Pubblici? Gestiscilo con SUITE MOSAICO 19.0

SUITE MOSAICO è il pacchetto multi-software per la Progettazione, Costruzione e Manutenzione Edilizia. Nell’ultima versione, la 19.0, abbiamo integrato delle funzioni ad hoc per la gestione del Decreto Aiuti 50/22 convertito in Legge 91. In particolare, le nuove funzioni permettono di adeguare i tuoi progetti e la tua contabilità ai nuovi prezzari infrannuali.
  • Informatica

Digitalizzazione di processo e innovazioni tecnologiche nelle costruzioni

Le potenzialità delle piattaforme openBIM per migliorare il lavoro del professionista nel settore delle costruzioni.
  • Costruzioni
  • Costruzioni in zone sismiche
  • Norme tecniche

Il monitoraggio strutturale

La definizione del Piano di Monitoraggio.
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Energia e risparmio energetico
  • Fonti alternative

CHINT WCP-2 Stazione di ricarica a parete per veicoli elettrici con lettore RFID card

Compatta, dal design accattivante e dal profilo tecnologico avanzato: è CHINT WCP-2, stazione di ricarica a parete di modo 3 di nuova generazione dotata di lettore RFID card per l’abilitazione all’uso.