FAST FIND : GP8764

Sent.C. Stato 26/10/2009, n. 6529

51958 51958
1. Appalti ll.pp. - Varianti - Procedimento eccezionale - Attivabile esclusivamente nell’interesse della P.A. 2. Appalti ll.pp. - Contratto - Stipulazione - Ex art. 109, D.P.R. 99/554 3. Appalti LSF - Gara - Aggiudicazione - Revoca - Riconoscimento danni all’impresa - Criterio di determinazione
1. Negli appalti ll.pp., tutta la legislazione in tema di varianti ed atti aggiuntivi si compone di ipotesi tassative legittimanti il ricorso a tali speciali procedure negoziali, perché nella sostanza la variante costituisce un momento patologico del rapporto contrattuale risolvendosi in un affidamento diretto senza le garanzie della procedura competitiva. Si tratta dunque di un procedimento eccezionale, circondato da particolari cautele, attivabile esclusivamente nell’interesse della P.A.: né potrebbe essere altrimenti, perché le varianti sono sottese ad una integrazione dell’oggetto contrattuale originario, e giammai potrebbero inerire a lavori eccedenti quell’ambito, rispondendo all’esclusiva esigenza del committente di perseguire la completezza dell’intervento avviato laddove al contrario la posizione dell’appaltatore è garantita dal riconoscimento della facoltà di recesso. 2. La stipulazione del contratto d’appalto ll.pp. – che, ai sensi dell’art. 109 del D.P.R. 21 dicembre 1999 n. 554 deve avere luogo entro 60 (sessanta) giorni dalla aggiudicazione nel caso di pubblico incanto, licitazione privata ed appalto concorso – è condizionata, oltre che alle verifiche nei confronti dell’aggiudicatario della presenza dei requisiti di capacità economico-finanziaria e tecnico-organizzativa di cui all’art. 10, c.1 quater della legge 94/109, alle ulteriori verifiche preordinate alla sottoscrizione del verbale di constatazione del permanere delle condizioni che consentono l’immediata esecuzione dei lavori, sottoscritto dal responsabile del procedimento e dall’impresa appaltatrice, previsto dall’art. 71 del cit. D.P.R. 99/554. 3. In caso di revoca dell’aggiudicazione di una gara d’appalto ll.pp., il risarcimento del danno per responsabilità precontrattuale a favore dell’impresa è stato riconosciuto nei limiti dell’interesse negativo, rappresentato dalle spese inutilmente sopportate nel corso delle trattative e dalla perdita di ulteriori occasioni per la stipula con altri di un contratto almeno parimenti vantaggioso. Circa la quantificazione di quest’ultima voce, è stato inoltre precisato che l’ammontare del risarcimento può essere determinato in via equitativa nella misura del 10 % dell’importo dell’offerta solo se e in quanto l’impresa possa documentare di non aver potuto utilizzare mezzi e maestranze, lasciati disponibili, per l’esecuzione di altri contratti, mentre quando tale dimostrazione non sia stata offerta, dovendosi peraltro ragionevolmente ritenere che l’impresa possa avere riutilizzato mezzi e manodopera per lo svolgimento di altre, analoghe attività, così riducendo in parte la perdita di utilità, il danno va liquidato riducendo detta percentuale in via equitativa.

1. Conf. C. Stato IV 10 giugno 2004 n. 3721 R 2. Conf. C. Stato V 28 maggio 2004 n. 3470 [R=WCS28MA043470] 3. Conf. C. Stato V 14 aprile 2008 n. 1666 R 3a. (GARA-AGDZ.3) - Sul diniego, revoca od annullamento dell’aggiudicazione di una gara d’appalto di lavori pubblici, ved. Csi 15 aprile 2009 n. 230 [W=CSI15A09230]e relativa nota. Ved. anche C.Stato IV 21 aprile 2009 n. 2435, R V 12 giugno 2009 n. 3785, R V 10 settembre 2009 n. 5427, R
(L. 11 febbraio 1994 n. 109, art. 10; R D.P.R. 1999 n. 554, artt. 71, 109) R

Dalla redazione

  • Finanza pubblica
  • Demanio
  • Opere idrauliche, acquedottistiche, marittime e lacuali
  • Provvidenze
  • Pubblica Amministrazione
  • Infrastrutture e opere pubbliche

Sardegna: contributi per la rimozione di posidonia dai litorali

La Regione Sardegna ha messo a disposizione dei Comuni costieri contributi destinati alle attività di gestione della posidonia depositata sui litorali finalizzata alla fruizione sostenibile del litorale ed al contrasto all’erosione costiera.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Fisco e Previdenza
  • Agevolazioni per interventi di risparmio energetico
  • Imposte sul reddito

Asseverazioni Ecobonus 110%, indicazioni per il Tecnico redattore

In questa scheda si riporta il modello di asseverazione a fine lavori - contenuto nel D.M. 06/08/2020, c.d. "Decreto Asseverazioni" - da compilare in relazione agli interventi di efficientamento energetico ammessi a usufruire del Super-Ecobonus 110%, corredato da note e indicazioni redazionali.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Impiantistica
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze
  • Impianti di sollevamento e a fune

Veneto: bando di finanziamento impianti di risalita per l’anno 2020

La Regione Veneto ha approvato il bando relativo all'anno 2020 per il finanziamento di interventi sui nuovi impianti di risalita, o per l’ammodernamento di quelli esistenti, finalizzati allo sviluppo delle aree sciistiche interessate dagli eventi sportivi internazionali, con particolare riferimento alle Olimpiadi invernali Cortina-Milano 2026. I finanziamenti, che saranno erogati in conto capitale, ammontano a 11,7 milioni di euro, con un massimo di 4 milioni per ogni nuovo impianto e 500.000 euro per gli ammodernamenti.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze
  • Impianti sportivi

Abruzzo: contributi per interventi di impiantistica sportiva

Il bando della Regione Abruzzo, riservato ai Comuni, è finalizzato alla concessione di contributi in conto capitale per l’attuazione di interventi di impiantistica sportiva, ai sensi della L.R. 12/01/2018 n. 2. La dotazione finanziaria ammonta complessivamente a 3.950.000,00 euro da ripartire per il triennio 2020/2022. La scadenza delle domande, da far pervenire esclusivamente tramite P.E.C, è fissata al 02/11/2020.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Titoli abilitativi
  • Provvidenze
  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica

Piemonte: 26 milioni per i costi dei titoli edilizi

Per favorire la ripartenza dell'attività edilizia a causa dell'emergenza da COVID-19, la Regione Piemonte ha stanziato per l'anno 2020 euro 26.000.000,00 in favore dei Comuni a copertura parziale o totale del contributo del costo di costruzione relativo al rilascio dei titoli abilitativi in edilizia, di cui all'articolo 16 del Testo Unico edilizia (D.P.R. 380/2001). Si tratta di contributi e fondo perduto e le relative domande dovranno essere presentate da professionisti abilitati per la presentazione di istanze edilizie, a nome e per conto di privati e imprese.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Tutela ambientale

Bando Horizon 2020 sul Green deal europeo

  • Efficienza e risparmio energetico
  • Energia e risparmio energetico

Impianti di riscaldamento e condizionamento - Sistemi di automazione e controllo

  • Energia e risparmio energetico
  • Efficienza e risparmio energetico

Punti di ricarica edifici non residenziali