FAST FIND : GP4774

Sent.C. Conti 18/12/2000, n. 112

47968 47968
1. Appalti oo.pp. - Gara - Offerte - Cause di esclusione dalla gara - Art. 1 D.P.R. 2000/412 - Su errore grave del progettista - Illegittimità. 2. Appalti oo.pp. - Gara - Offerte - Cause di esclusione dalla gara - Art. 2 D.P.R. 2000/412 (parte) - Su accertamento definitivo di violazioni tributarie - Legittimità. 3. Appalti oo.pp. - Gara - Offerte - Cause di esclusione dalla gara - Art. 2 D.P.R. 2000/412 (parte) - Su sentenze di condanna. 4. Appalti oo.pp. - Gara - Documentazione - Certificato casellario giudiziale - Richiesta d'ufficio della P.A. - Norma che l'imponesse - Legittimità.
1. L'art. 1 del regolamento D.P.R. 30 agosto 2000 (contenente modifiche al Regolamento di attuazione della legge quadro sui lavori pubblici, cd. , D.P.R. 21 dicembre 1999 n. 554) è illegittimo e pertanto non può essere ammesso al visto e registrazione. Infatti si è in presenza di una norma secondo la quale costituiscono errore grave - ai sensi dell'art. 12, comma 1, del D.Lgs. 17 marzo 1995 n. 157 (sulle cause di esclusione delle offerte) - gli errori o le omissioni di progettazioni di cui all'art. 25, comma 5 bis, della legge quadro sui lavori pubblici L. 11 febbraio 1994 n. 109 qualora tali errori od omissioni abbiano comportato un aumento dell'importo originario del contratto in misura superiore al 10%; e tale norma appare lesiva delle facoltà che ha l'Amministrazione appaltante di fissare un rigido criterio basato non sulla gravità dell'errore compiuto dal progettista ma bensì esclusivamente sulle conseguenze pecuniarie dell'errore stesso. 2. L'art. 2 del regolamento D.P.R. 30 agosto 2000 nella parte in cui aggiunge la lettera g) al comma 1 dell'art. 75 del Regolamento di attuazione della legge quadro sui lavori pubblici, D.P.R. 21 dicembre 1999 n. 554, lettera g) secondo la quale occorre l'accertamento definitivo di violazione tributaria al fine di potere escludere un concorrente dalla gara d'appalto, è legittimo. Infatti si tratta di norma giustificata dall'art. 17, comma 1, lett. e) del D.P.R. 25 gennaio 2000 n. 34 il quale comprende, fra i requisiti d'ordine generale che le imprese devono possedere per potere conseguire la cd. qualificazione, quello della inesistenza di irregolarità, definitivamente accertate, rispetto agli obblighi di pagamento di tasse ed imposte. 3. L'art. 2 del regolamento D.P.R. 30 agosto 2000 nella parte in cui introduce la lettera c) al comma 1 dell'art. 75 del nuovo Regolamento oo.pp. D.P.R. 21 dicembre 1999 n. 554 - rendendo totalmente ininfluenti, ai fini dell'esclusione dalle gare d'appalto, le sentenze di condanna (specie quelle emesse in seguito a patteggiamento) pronunciate prima dell'entrata in vigore del Regolamento medesimo - è illegittimo e pertanto non può essere ammesso al visto e registrazione per contrasto con l'art. 24, comma 1, lett. c) della Direttiva 93/37/CEE del 14 giugno 1993. 4. Una norma che imponesse alle Amministrazioni appaltanti l'obbligo di richiedere d'ufficio il certificato del casellario giudiziale relativo ad un concorrente a gara d'appalto non sarebbe illegittima. Infatti, ai sensi dell'art. 688, comma 1, Cod. proc. pen., il certificato del casellario, giudiziale contenente tutte le iscrizioni può essere richiesto unicamente da ogni organo avente giurisdizione penale e dalle Amministrazioni pubbliche nonché dagli enti incaricati di pubblici servizi, quando è necessario per provvedere ad un atto delle loro funzioni in relazione alla persona a cui il certificato stesso si riferisce; mentre gli altri concorrenti alla gara non sarebbero in grado di verificare le condizioni di ammissibilità di quel concorrente.


(L. 11 febbraio 1994 n. 109, art. 25, comma 5 bisR; D.Lgs. 17 marzo 1995 n. 157, art. 12, comma 1[R=DLG15795,A=12]; D.P.R. 21 dicembre 1999 n. 554R; D.P.R. 30 agosto 2000 n. 412)R [D.P.R. 21 dicembre 1999 n. 554, art. 75, comma 1, lett. g)R; D.P.R. 25 gennaio 2000 n. 34, art. 17, comma 1, lett. e)R; D.P.R. 30 agosto 2000 n. 412, art. 21]R [Dir. 14 giugno 1993 n. 93/37/CEE, art. 24, comma 1, lett. c); D.P.R. 21 dicembre 1999 n. 554, art. 75, comma 1, lett. c)R; D.P.R. 30 agosto 2000 n. 412 art. 2]R (Cod. proc. civ. art. 688, comma 1)

Dalla redazione

  • Finanza pubblica
  • Demanio
  • Opere idrauliche, acquedottistiche, marittime e lacuali
  • Provvidenze
  • Pubblica Amministrazione
  • Infrastrutture e opere pubbliche

Sardegna: contributi per la rimozione di posidonia dai litorali

La Regione Sardegna ha messo a disposizione dei Comuni costieri contributi destinati alle attività di gestione della posidonia depositata sui litorali finalizzata alla fruizione sostenibile del litorale ed al contrasto all’erosione costiera.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Fisco e Previdenza
  • Agevolazioni per interventi di risparmio energetico
  • Imposte sul reddito

Asseverazioni Ecobonus 110%, indicazioni per il Tecnico redattore

In questa scheda si riporta il modello di asseverazione a fine lavori - contenuto nel D.M. 06/08/2020, c.d. "Decreto Asseverazioni" - da compilare in relazione agli interventi di efficientamento energetico ammessi a usufruire del Super-Ecobonus 110%, corredato da note e indicazioni redazionali.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Impiantistica
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze
  • Impianti di sollevamento e a fune

Veneto: bando di finanziamento impianti di risalita per l’anno 2020

La Regione Veneto ha approvato il bando relativo all'anno 2020 per il finanziamento di interventi sui nuovi impianti di risalita, o per l’ammodernamento di quelli esistenti, finalizzati allo sviluppo delle aree sciistiche interessate dagli eventi sportivi internazionali, con particolare riferimento alle Olimpiadi invernali Cortina-Milano 2026. I finanziamenti, che saranno erogati in conto capitale, ammontano a 11,7 milioni di euro, con un massimo di 4 milioni per ogni nuovo impianto e 500.000 euro per gli ammodernamenti.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze
  • Impianti sportivi

Abruzzo: contributi per interventi di impiantistica sportiva

Il bando della Regione Abruzzo, riservato ai Comuni, è finalizzato alla concessione di contributi in conto capitale per l’attuazione di interventi di impiantistica sportiva, ai sensi della L.R. 12/01/2018 n. 2. La dotazione finanziaria ammonta complessivamente a 3.950.000,00 euro da ripartire per il triennio 2020/2022. La scadenza delle domande, da far pervenire esclusivamente tramite P.E.C, è fissata al 02/11/2020.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Titoli abilitativi
  • Provvidenze
  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica

Piemonte: 26 milioni per i costi dei titoli edilizi

Per favorire la ripartenza dell'attività edilizia a causa dell'emergenza da COVID-19, la Regione Piemonte ha stanziato per l'anno 2020 euro 26.000.000,00 in favore dei Comuni a copertura parziale o totale del contributo del costo di costruzione relativo al rilascio dei titoli abilitativi in edilizia, di cui all'articolo 16 del Testo Unico edilizia (D.P.R. 380/2001). Si tratta di contributi e fondo perduto e le relative domande dovranno essere presentate da professionisti abilitati per la presentazione di istanze edilizie, a nome e per conto di privati e imprese.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Tutela ambientale

Bando Horizon 2020 sul Green deal europeo

  • Efficienza e risparmio energetico
  • Energia e risparmio energetico

Impianti di riscaldamento e condizionamento - Sistemi di automazione e controllo

  • Energia e risparmio energetico
  • Efficienza e risparmio energetico

Punti di ricarica edifici non residenziali