FAST FIND : NN15896

Delib. ANAC 01/03/2017, n. 234

Applicabilità del d.lgs. n. 39/2013 a Inarcassa - Cassa Nazionale di previdenza ed Assistenza per gli Ingegneri ed Architetti Liberi Professionisti - e la verifica di eventuali profili di incompatibilità e di conflitto di interessi. Fascicolo n. 4142/2015.
Scarica il pdf completo
3646377 6313484
[Premessa]

Il Consiglio dell’Autorità nazionale anticorruzione

nell’adunanza del 1 marzo 2017;


visto l’articolo 1, comma 3 della legge 6 novembre 2012, n. 190, secondo cui l’Autorità esercita poteri ispettivi mediante richiesta di notizie, informazioni, atti e documenti alle pubbliche amministrazioni e ordina l’adozi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3646377 6313485
Fatto

Con note acquisite al protocollo dell’Autorità n. 99502 del 4 agosto 2015 e n. 101987 dell’11 agosto 2015 alcuni iscritti Inarcassa hanno avanzato all’Autorità la richiesta di parere in ordine all’applicabilità a Inarcassa del d.lgs. n. 39/2013. Tali richieste sono state successivamente trasmesse anche dal Direttore Generale di Inarcassa con note acquisite al protocollo dell’Autorità n. 121805 del 24 settembre 2015 e n. 123592 del 28 set

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3646377 6313486
Diritto

La questione prospettata nelle istanze in esame riguarda in primo luogo l’applicabilità ad Inarcassa delle disposizioni di cui al d.lgs. n. 39/2013 e del potere di vigilanza dell’Anac, con riferimento agli incarichi assunti e conferiti nel Comitato Nazionale dei Delegati e nel Consiglio di Amministrazione.

Al riguardo, occorre osservare che Inarcassa è la Cassa Nazionale di previdenza ed Assistenza per gli Ingegneri ed Architetti Liberi Professionisti, fondata nel 1958 come ente pubblico per la previdenza e l’assistenza degli ingegneri e degli architetti liberi professionisti e successivamente oggetto di riforma da parte del d. lgs. n. 509/1994 che, a decorrere dal 1 gennaio 1995, ha trasformato gli enti gestori di forme obbligatorie di previdenza e assistenza in associazioni o in fondazioni, senza scopo di lucro e con personalità giuridica di diritto privato.

Pertanto, a seguito del d. lgs. n. 509/1994, Inarcassa è un ente associativo senza scopo di lucro che esplica attività di interesse pubblico con personalità giuridica di diritto privato, basata su uno Statuto e un Regolamento Generale di Previdenza disposti dal Comitato Nazionale dei Delegati e approvati dai Ministeri vigilanti, ossia Ministero della Giustizia, Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e Ministero dell’Economia e delle Finanze.

Si tratta dunque di un ente in grado di operare in autonomia, ma sotto il controllo pubblico, in favore della categoria a cui si riferisce.

Occorre inoltre osservare che Inarcassa è riconducibile - ai fini dell’applicabilità della disciplina dettata dal d.lgs. n. 39/2013 – alla categoria degli enti di diritto privato in controllo pubblico, di cui all’articolo 1 comma 2 lettera c) del predetto decreto legislativo, la quale ricomprende «le società e gli altri enti di diritto privato che esercitano funzioni amministrative, attività di produzione di beni e servizi a favore delle amministrazioni pubbliche o di gestione dei servizi pubblici, sottoposti a controllo ai sensi dell’art. 2359 c.c. da parte di amministrazioni pubbliche, oppure gli enti nei quali siano riconosciuti alle pubbliche amministrazioni, anche in assenza di una partecipazione azionaria, poteri di nomina dei vertici o dei componenti degli organi». La riconducibilità alla categoria degli enti di diritto privato in controllo pubblico è dovuta al fatto che, ai sensi dell’art. 18 dello Statuto di Inarcassa, ognuno dei Ministeri vigilanti ha poteri di nomina di un componente effettivo e di uno supplente all’interno del Collegio dei Sindaci, individuato come organo di Inarcassa dall’art. 8 dello Statuto.

Si osserva peraltro che Inarcassa – sempre ai fini dell’applicabilità della disciplina dettata dal d.lgs. n. 39/2013 – è riconducibile anche alla categoria degli enti di diritto privato regolati o finanziati, di cui all’articolo 1 comma 2 lettera d) del predetto decreto legislativo, la quale ricomprende «le società e gli altri enti di diritto privato, anche privi di personalità giuridica, nei confronti dei quali l’amministrazione che conferisce l’incarico: (…) 1) svolga funzioni di regolazione dell’attività principale che comportino, anche attraverso il rilascio di autorizzazioni o concessioni, l’esercizio continuativo di poteri di vigilanza, di controllo e di certificazione…». La riconducibilità alla categoria degli enti di diritto privato regolati o finanziati è legata al fatto che Inarcassa è sottoposta ai poteri di vigilanza del Ministero della Giustizia, Ministero del Lavoro e Ministero dell’Economia e delle Finanze. Tali poteri si

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Previdenza professionale
  • Ingegneri e Architetti
  • Professioni

Ingegneri e Architetti dipendenti e iscrizione alla gestione separata Inps

PREMESSA, INQUADRAMENTO GIURIDICO DELLA VICENDA (Ingegneri e Architetti dipendenti e divieto di iscrizione all’Inarcassa; La “gestione separata” dell’Inps per i lavoratori autonomi; Gestione separata Inps e Ingegneri e Architetti dipendenti - “Operazione Poseidone”) - PUNTO DELLA GIURISPRUDENZA (L’orientamento della Corte di Cassazione; Le motivazioni della posizione assunta dalla Suprema Corte; La posizione iniziale delle corti di merito).
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Ingegneri e Architetti
  • Geometri
  • Previdenza professionale
  • Periti Industriali
  • Fisco e Previdenza
  • Previdenza professionale
  • Professioni

Professioni tecniche: nozione di reddito professionale rilevante ai fini contributivi

I professionisti sono tenuti a versare alle rispettive casse di previdenza i contributi determinati in relazione al loro “reddito professionale”. Dall'interpretazione più o meno restrittiva di tale nozione dipende la determinazione degli importi imponibili che costituiscono la base per il calcolo dei contributi dovuti. Di seguito una breve rassegna delle sentenze di legittimità in materia, con l’indicazione di alcune fattispecie concrete.
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Appalti e contratti pubblici
  • Attività in cantiere (direzione lavori, collaudo, coordinamento sicurezza, ecc.)
  • Professioni
  • Autorità di vigilanza

Direzione, esecuzione e contabilità dei lavori pubblici

NORMATIVA DI RIFERIMENTO; SOGGETTI COINVOLTI NELL’ESECUZIONE DEI LAVORI PUBBLICI E RUOLI (Responsabile unico del procedimento (RUP); Direttore dei lavori, direttori operativi e ispettori di cantiere; Rapporti tra RUP, DL, CSE ed esecutore dei lavori; DL e coordinatore per la sicurezza in fase di esecuzione; Schema grafico riepilogativo) - REQUISITI E NOMINA DEL DIRETTORE DEI LAVORI (Requisiti generali del DL; Incompatibilità del DL con l’esecutore dei lavori; Unicità della figura del direttore dei lavori; Casi in cui il RUP può o meno coincidere con il direttore dei lavori ; Compensi del direttore dei lavori) - FASE ESECUTIVA E ATTIVITÀ DEL DIRETTORE DEI LAVORI (Attestazione dello stato dei luoghi; Consegna dei lavori; Accettazione ed impiego di materiali e componenti; Verifica del rispetto degli obblighi dell’esecutore e del subappaltatore; Gestione delle modifiche, variazioni e varianti contrattuali; Contestazioni e riserve; Sospensione dei lavori; Gestione dei sinistri; Ultimazione dei lavori; Assistenza al collaudo) - CONTABILITÀ DEI LAVORI PUBBLICI (Controllo amministrativo contabile dei lavori; Documenti contabili; Forma e modalità di tenuta dei documenti di contabilità ; Contabilità semplificata).
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Emanuela Greco
  • Professioni
  • Autorità di vigilanza
  • Perizie e consulenze tecniche
  • Tariffa Professionale e compensi
  • Precontenzioso, contenzioso e giurisdizione
  • Appalti e contratti pubblici

I compensi per i CTU negli arbitrati sui contratti pubblici

Compensi del CTU negli arbitrati sui contratti pubblici; Chiarimenti applicativi forniti dall’autorità (generalità, applicazione ai contratti pubblici dei compensi previsti per il CTU, unitarietà dell’incarico, cumulo tra compensi tabellari e “vacazioni”, aumento dell’onorario oltre il massimo tabellare, rimborsi spese); Rinvio ad approfondimenti.
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Energia e risparmio energetico
  • Fisco e Previdenza
  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica
  • Impresa, mercato e concorrenza
  • Pianificazione del territorio
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici
  • Strade, ferrovie, aeroporti e porti
  • Agevolazioni per interventi di risparmio energetico
  • Marchi, brevetti e proprietà industriale
  • Mediazione civile e commerciale
  • Ordinamento giuridico e processuale
  • Patrimonio immobiliare pubblico
  • Servizi pubblici locali
  • Lavoro e pensioni
  • Impianti sportivi
  • Edilizia scolastica
  • Urbanistica
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Pubblica Amministrazione
  • Professioni
  • Protezione civile
  • Fonti alternative
  • Disposizioni antimafia
  • Imposte indirette
  • Infrastrutture e reti di energia
  • Leggi e manovre finanziarie
  • Compravendita e locazione
  • Imposte sul reddito
  • Partenariato pubblico privato
  • Terremoto Centro Italia 2016
  • Terremoto Emilia Romagna, Lombardia e Veneto
  • DURC
  • Enti locali
  • Appalti e contratti pubblici
  • Calamità/Terremoti
  • Compravendite e locazioni immobiliari

Il D.L. 50/2017 comma per comma

Analisi sintetica e puntuale di tutte le disposizioni di interesse del settore tecnico contenute nel D.L. 24/04/2017, n. 50 (c.d. “manovrina correttiva” convertito in legge dalla L. 21/06/2017, n. 96), con rinvio ad approfondimenti sulle novità di maggiore rilievo.
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Alfonso Mancini
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Energia e risparmio energetico

Impianti di riscaldamento e condizionamento - Sistemi di automazione e controllo

  • Energia e risparmio energetico
  • Efficienza e risparmio energetico

Punti di ricarica edifici non residenziali

  • Energia e risparmio energetico
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Macchine e prodotti industriali
  • Norme tecniche

Ecodesign apparecchi di refrigerazione con funzione di vendita diretta