Flash news del
31/05/2019

Nuove Linee guida ANAC n. 1 su affidamenti di servizi attinenti all'architettura e all'ingegneria

Le Linee guida n. 1, recanti "Indirizzi generali sull'affidamento dei servizi attinenti all'architettura e all'ingegneria" sono state aggiornate con Delibera dell'ANAC depositata presso la Segreteria del Consiglio il 27/05/2019.

L’ANAC ha ritenuto opportuno fornire alcune indicazioni di natura interpretativa volte a coordinare la disciplina della determinazione del corrispettivo da porre a base di gara con l’introduzione del principio dell’equo compenso ad opera dell’articolo 19-quaterdecies, comma 3, del D.L. 16/10/2017, n. 148. Tale articolo, con l’inserimento dell’articolo 13-bis della Legge 247/2012, ha sancito l’obbligo per la pubblica amministrazione di garantire il principio dell’equo compenso per le prestazioni rese dai professionisti in esecuzione di incarichi conferiti dopo il 06/12/2017.

L'ANAC, con la Delib. ANAC 15/05/2019, n. 417, non ancora pubblicata in G.U., ha quindi integrato le indicazioni inerenti il rispetto del principio dell’equo compenso nelle Linee guida n. 1 - Indirizzi generali sull’affidamento dei servizi attinenti all’architettura e all’ingegneria - di cui alla Delib. ANAC 21/02/2018, n. 138, procedendo ad un nuovo aggiornamento delle stesse.

In particolare, nelle Linee guida n. 1 aggiornate è stato precisato (nella parte relativa alla determinazione del corrispettivo) che al fine di garantire il principio dell’equo compenso, al professionista non possono essere richieste prestazioni ulteriori rispetto a quelle a base di gara, che non sono state considerate ai fini della determinazione dell’importo a base di gara.

Nella parte relativa all'applicazione dell'offerta economicamente più vantaggiosa secondo il miglior rapporto qualità/prezzo, viene indicato che al al fine di ridurre il ricorso a ribassi eccessivi rispetto al corrispettivo a base di gara, per l’attribuzione dei punteggi relativi al criterio del prezzo, è preferibile il ricorso alla formula bilineare in luogo del ricorso alla formula classica dell’interpolazione lineare. Inoltre, è opportuno attribuire un punteggio elevato al punto di flesso al fine di disincentivare offerte contenenti ribassi elevati non in linea con la previsione sull’equo compenso di cui all’articolo 13-bis della Legge 247/2012.

Con l’occasione, l'ANAC ha aggiornato le Linee guida n. 1 anche per alcuni aspetti emersi successivamente alla redazione delle stesse, a seguito di segnalazione da parte di operatori del settore e nell’ambito della consultazione in merito al Bando tipo n. 3 - Disciplinare di gara per l’affidamento con procedura aperta di servizi di architettura e ingegneria di importo pari o superiore a € 100.000 con il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa sulla base del miglior rapporto qualità/prezzo - di cui alla Delib. ANAC 31/07/2018, n. 723.

Nel testo delle Linee guida le disposizioni di nuova introduzione sono evidenziate in grassetto.  

Dalla redazione