FAST FIND : CM1280

FaTA Next . La soluzione per il calcolo strutturale

FaTA Next è il software ideale per chi cerca versatilità e potenza nello stesso ambiente. Esso consente di affrontare diverse problematiche: dal semplice edificio in c.a. ad analisi più complesse riguardanti analisi non lineari, dispositivi antisismici e gli effetti del degrado strutturale.
STACEC

Dall’esperienza di oltre 50 anni di sviluppo di software dedicati alla progettazione strutturale nasce FaTA Next, il software per la modellazione, l’analisi e la verifica di strutture della Stacec, azienda che, come poche, si è sviluppata ed evoluta insieme al “calcolo strutturale” sin dalla nascita dei primi calcolatori elettronici.

Lo sviluppo di FaTA Next pone al centro la parte concreta della progettazione strutturale: l’analisi delle problematiche strutturali, il controllo dei risultati di calcolo, la progettazione dei dettagli costruttivi e, non per ultima, la presentazione sempre chiara ed esaustiva dei risultati.

FaTA Next è il software ideale per tutti coloro che cercano versatilità e potenza: tutto nello stesso ambiente. Con quest’ottica FaTA Next consente di affrontare diverse problematiche strutturali, che vanno dal semplice edificio in c.a. ad analisi più complesse riguardanti analisi non lineari, dispositivi antisismici e persino gli effetti del degrado strutturale.

All’interno di un unico software è possibile verificare e progettare tutte le parti strutturali accessorie come: plinti, pali, collegamenti tra elementi in acciaio e legno, tamponature, solai (c.a., legno, acciaio, predalle), scale, isolatori, dissipatori.

Il campo di applicazione di FaTA Next è molto ampio. È possibile progettare sia le comuni strutture in calcestruzzo armato, acciaio, legno (anche XLam) e muratura, che le strutture con isolamento sismico e dispositivi di dissipazione viscosi. È inoltre possibile analizzare le “strutture esistenti” per gli interventi di adeguamento, miglioramento (con numerose tecniche di rinforzo) e per la vulnerabilità sismica.
Il software, così come tutti i prodotti Stacec, rispetta le NTC 2018 (con indicazioni Circ. CSLLPP 7/2019) e gli Eurocodici.

Figura 1: L'ambiente grafico di FaTA Next


Analisi e modellazione
Tipi di analisi
In FaTA Next sono disponibili tutte le analisi indicate nella normativa tecnica: analisi statica e dinamica sia che non lineare. Nel dettaglio, le analisi presenti sono:
• Analisi statica lineare
• Analisi dinamica lineare
• Analisi statica non lineare (Dominio FEM)
• Analisi dinamica non lineare (Dominio FEM)
• Analisi statica non lineare (Dominio DEM – es. per macro-elementi in muratura)
• Analisi non lineare “Pushdown”

Per le strutture in muratura si aggiunge il macro-elemento 3D, sviluppato all’Università di Catania (I. Caliò, M. Marletta, B. Pantò), disponibile all’interno del solutore agli “elementi discreti”.
Per le varie analisi che utilizzano lo spettro di risposta è possibile definire anche lo spettro per punti, in modo da considerare particolari azioni locali dovuti al sisma (Risposta Sismica Locale).

Degrado strutturale
Per le strutture esistenti il fenomeno del degrado dovuto alla corrosione è un aspetto che condiziona fortemente le verifiche strutturali.
Il problema viene affrontato con la modellazione a fibre in modo da discretizzare e differenziare ogni singolo centimetro della sezione del calcestruzzo. Le fibre di calcestruzzo interessate dalla riduzione di resistenza sono quelle a stretto contatto con le armature corrose, secondo uno schema rappresentato nella seguente figura:

Figura 2: Discretizzazione di una sezione con calcestruzzo degradato


Collegamenti tra elementi in acciaio
Il software consente la verifica delle connessioni degli elementi strutturali in acciaio, secondo quanto previsto dall’Eurocodice 3 e dalle NTC 2018.
Sono possibili numerosi tipi di collegamenti tramite l’utilizzo di piastre interposte quali flange, piastre di base, coprigiunti, squadrette o collegamenti diretti per mezzo di saldatura di testa o per sovrapposizione o bullonatura per sovrapposizione.

Nel database dei nodi sono presenti numerose tipologie personalizzabili in ogni dettaglio (spessori, nervature, bulloni, saldature, ecc.):
• Colonna – fondazione con piastra di base
• Trave con piastra di testa su elemento in c.a.
• Trave in appoggio su elemento in c.a.
• Trave – colonna con flangia
• Trave – trave o colonna – colonna in continuità con flangia
• Colonna – trave o trave – trave con squadrette
• Coprigiunti
• Trave passante su colonna
• Travature reticolari
• Controventi

Figura 3: Esempi di nodi per travature reticolari


Figura 4: Esempi di nodi di collegamento al piede


Figura 5: Esempi di nodi per telai multipiano


Edifici esistenti
FaTA Next è il software adatto per l’analisi delle strutture esistenti sia per l’analisi di vulnerabilità che per il rinforzo strutturale. Il software consente l’utilizzo di diversi tipi di rinforzi:
Rinforzi per Strutture in muratura
o Intonaco armato
o Diatoni artificiali
o Iniezioni di malta
o Cerchiature
o Tiranti
o FRP/FRCM rete rinforzo su parete
Rinforzi per Strutture in C. A.
o FRP/FRCM
 Rinforzo Nodo
 Rinforzo Pilastro
 Rinforzo Trave
o CAM
 Rinforzo Nodo
 Rinforzo Pilastro
 Rinforzo Trave
o Acciaio
 Rinforzo Nodo con piastre in acciaio
 Rinforzo Pilastro con incamiciatura in acciaio
o C. A.
 Allargamenti sezione di fondazione
 Allargamento pilastro
 Rinforzo inferiore trave
 Allargamento trave
 Rinforzo trave
 Nervatura trave spessore
• Rinforzi per Solai
o Rinforzo intradosso FRP/FRCM
o Soletta in CA e connettori
Tamponature
o Anti-ribaltamento FRP/FRCM


Figura 6: esempi di applicazione dei rinforzi


Vulnerabilità sismica
La valutazione della vulnerabilità sismica è gestita analizzando in un'unica fase l’andamento dei coefficienti di sicurezza delle verifiche al variare dell’accelerazione ag.

Il calcolo della capacità in PGA per le strutture esistenti è sviluppato secondo le indicazioni del capitolo 8 delle Norme Tecniche ed al corrispondente capitolo della Circolare esplicativa. Particolare attenzione è stata posta nell'elaborazione della definizione dei meccanismi fragili e duttili dei vari elementi strutturali, consentendo all'utente la differenziazione del fattore di struttura come richiesto dalla norma.

Il software calcola i livelli di capacità raggiunti da ogni stato limite e consente di ottenere l’indicatore di sicurezza sismica per ogni elemento strutturale: nodi, travi, pilastri, pareti, piastre, scale, tamponature. È inoltre possibile elaborare la Classe di Rischio Sismico secondo le indicazioni delle norme vigenti.


Figura 7: Visualizzazione dell'indicatore di sicurezza sismica


Output dei risultati
Ambiente tridimensionale di lettura dei risultati
I risultati delle analisi possono essere visualizzati nell’ambiente tridimensionale dedicato. In funzione del tipo di analisi è possibile visualizzare le varie grandezze calcolate: deformate, diagrammi delle sollecitazioni, stato delle sezioni.


Figura 8: Diagrammi delle sollecitazioni

 Cliccando sui singoli elementi finiti è possibile leggerne le caratteristiche, i risultati in termini di valori numerici, ed esportare le tabelle mediante la semplice funzione copia/incolla compatibile con Excel.

Figura 9: Deformate del modello strutturale

 

Per le analisi non lineari, oltre che le curve globali, è possibile visualizzare la storia temporale di spostamenti e deformazioni. Di grandi utilità per queste analisi è il “player integrato” che consente di controllare deformate e stato delle sezioni in tempo reale muovendosi sulla curva o l’accelerogramma.

 

Figura 10: Risultati di un analisi non lineare

Per le strutture in muratura, è stato concepito un ambiente appositamente sviluppato per analizzare i risultati del solutore non lineare agli “elementi discreti”.

Figura 11: Stati limite raggiunti per un modello con macro-elementi


Disegni esecutivi
FaTA Next genera automaticamente esecutivi di cantiere, piante delle carpenterie, particolari costruttivi e computo metrico dei materiali impiegati.

Figura 12: Piante delle carpenterie

Gli esecutivi sono personalizzabili con diverse opzioni grafiche e comprendono i dettagli costruttivi, nella scala di rappresentazione selezionata dall'utente, come travate, pilastrate, tabelle pilastri, plinti, pali, pareti dissipative e non dissipative, piastre, solai, scale, collegamenti tra elementi in acciaio.
Tutte le armature generate sono rappresentate anche in ambiente tridimensionale (in modo da valutare le interferenze) e possono essere esportate anche in file dxf/dwg.


Figura 13: Esempio di esecutivo di un pilastro con armature in 3D


Relazioni di calcolo
La relazione di calcolo di FaTA Next rappresenta un ulteriore punto di forza del software. La sua stesura è stata elaborata considerando le varie migliorie frutto dell’esperienza di FaTA-E e risulta chiara e comprensibile in ogni sua parte.
Le relazioni, generate direttamente in formato docx e pdf, possono essere personalizzate scegliendo, oltre alle varie impostazioni di formattazione, anche i singoli paragrafi, in modo da comporre i documenti secondo le più diverse esigenze. Ad ogni paragrafo è possibile associare una o più immagini catturate dai risultati di calcolo e verifiche.


Figura 14: Ambiente di creazione delle Relazioni di calcolo

Oltre che la relazione di calcolo, è possibile generare la relazione geotecnica e sulle fondazioni, calcolo dei solai, dei plinti, e la relazione sui materiali impiegati. Tramite la funzione “Genera lista elbaorati” vengono creati tutti gli elaborati divisi in diversi file, così come spesso richiesto dagli Uffici Tecnici di controllo.
Questo che viene descritto è solo una parte delle potenzialità di FaTA Next, un software moderno, e interamente sviluppato in Italia, che si candida a strumento essenziale per la progettazione strutturale.
Così come già fatto per varie aziende produttrici, è possibile realizzare versioni “personalizzate” di FaTA Next per l’aggiunta di tipologie costruttive particolari (es. travi PREM, SER, TBS, strutture CAP, rinforzi FRP).
 
 

 

 


STACEC
Corso Umberto I, 358 - 89034 BOVALINO (RC)
Telefono : 0964.67211 - Fax 0964.61708
 stacec@stacec.com | www.stacec.com

 

Dalla redazione

  • Catasto e registri immobiliari
  • Edilizia e immobili
  • Mutui e finanziamenti immobiliari

Nuovi spazi professionali, codifica e compensi della Due diligence immobiliare

Le professioni tecniche hanno l’impellente necessità di allargare il proprio intervento competente ad altri fasi del processo produttivo del bene immobiliare, ciò per consentire di allargare notevolmente lo spazio d’azione e di evitare così, ingorghi professionali e concorrenza agguerrita; circostanza che porta inevitabilmente a far soccombere le realtà professionali più piccole, le quali significativamente non coincidono quasi mai con situazioni di minore capacità prestazionale, ma più semplicemente con minore capacità relazionale sul mercato o, peggio, economica di base. La Due Diligence Immobiliare (ovviamente insieme ad altre nuove competenze) rappresenta, rispetto a tale scenario, un’occasione unica e irripetibile per sapersi proporre come soggetto first mover in tali nuove fasi del processo.
A cura di:
  • Graziano Castello

L’economia circolare tra rifiuti e risorse

Il settore edilizio in Europa comporta il consumo del 50% di materie prime vergini e del 35% di energia, oltre alla produzione del 36% di rifiuti, cifre che testimoniano la pesante impronta ambientale del comparto. Il ricorso a procedure legate all’edilizia circolare, che consentono di trasformare gli scarti in risorse, è la strada da percorrere per restringere l’ampio margine di miglioramento. I concetti chiave da applicare in questo senso sono la prevenzione della produzione di rifiuti, ed eventualmente il loro riuso e riciclo, l’impiego di sistemi a secco per agevolare operazioni di demolizione programmata e l’allungamento della vita utile dei componenti.
A cura di:
  • Beatrice Spirandelli

Gli impianti di ventilazione meccanica controllata e il loro uso contro il contagio aereo: caso-studio di un’aula scolastica

Per gli edifici moderni e costruiti secondo le regole impiantistiche recenti i problemi di intervento anti-contagio aereo sono semplici e ridotti essendo verificato il primo requisito di sicurezza: avere un numero di ricambi d’aria elevato e conforme alla norma UNI 10339. I problemi maggiori degli interventi di prevenzione del rischio da contagio sorgono quando la ventilazione con aria esterna è assente o è affidata alla ventilazione naturale, quando si hanno problemi architettonici o tipologie edilizie che non consentono interventi di inserimento di nuovi impianti che non permettono di installare controsoffitti, assenza di spazi tecnici per il passaggio dei canali di distribuzione dell’aria o per la posa di nuove macchine (UTA o VMC).
A cura di:
  • Giuliano Cammarata

Sistemi integrati di produzione energetica da fonti rinnovabili

Il settore elettrico italiano sta progredendo molto rapidamente nell'ambito di una ampia transizione energetica legata al raggiungimento di obiettivi di sostenibilità e sicurezza. Gli elementi più significativi del nuovo modello sono le energie da fonte rinnovabile, da integrare e gestire, con il fine di migliorare l’efficientamento energetico degli edifici.
A cura di:
  • Giuseppe Piras
  • Elisa Pennacchia

Sistemi passivi per il guadagno termico solare negli edifici: caratteristiche costitutive e di funzionamento

I sistemi solari passivi sono tecnologie che, unitamente ad accorgimenti costruttivi, consentono di utilizzare l’energia solare ai fini di realizzare ottimali condizioni di comfort ambientale negli ambienti, assorbendo, distribuendo e mantenendo il calore all’interno degli edifici durante il periodo invernale.
A cura di:
  • Domenico D'Olimpio

Dalle Aziende

  • Edilizia e immobili
  • Edifici di culto
  • Edilizia penitenziaria
  • Edilizia residenziale
  • Edilizia scolastica
  • Impianti sportivi
  • Locali di pubblico spettacolo
  • Condominio
  • Alberghi e strutture ricettive

Il sistema completo PREFA per la ristrutturazione di una villetta ad Alpago

Per rinnovare l’estetica e la funzionalità dell’involucro di una villetta ad Alpago sono stati scelti i rivestimenti PREFA. L’opera si è avvalsa di numerose soluzioni della gamma PREFA, che ha risposto alle esigenze progettuali e di posa con funzionalità e un tocco estetico inconfondibile.
  • Edilizia e immobili
  • Energia e risparmio energetico
  • Efficienza e risparmio energetico

Novità in casa Actis per il mercato italiano

Actis, da sempre attenta alle richieste e necessità dei suoi clienti e partners, lancia sul mercato italiano l’evoluzione degli isolanti termoriflettenti TRiso Toiture, Triso HYbrid e Boost'R Hybrid.
  • Informatica

Edificius usBIM, una versione da 10 e lode

ACCA presenta la nuova versione di Edificius con oltre 10 strabilianti novità: dal Path Tracing all’integrazione con il tool per il dimensionamento delle reti gas. Scoprile tutte.
  • Edilizia e immobili

Nasce YTONG BASE G100: il nuovo intonaco per interni a base calce-gesso

Il sistema costruttivo Ytong si arricchisce di un nuovo prodotto per la finitura delle superfici interne: l’intonaco per interni Ytong BASE G100 a base calce-gesso, ideale per rivestimenti tipo malta fine (senza cemento) o a base gesso.
  • Informatica

Fatturazione elettronica forfettari: procedura di compilazione, inserimento bollo virtuale e sanzioni

Chiarimenti in merito al nuovo obbligo di fatturazione elettronica per tutti i contribuenti anche in regime di vantaggio.
  • Condominio
  • Edilizia scolastica
  • Impianti sportivi
  • Locali di pubblico spettacolo
  • Edilizia residenziale
  • Edifici di culto
  • Edilizia penitenziaria
  • Edilizia e immobili
  • Alberghi e strutture ricettive

Scaglie in alluminio naturale sul fiordo Hardangerfjord

Dopo un lungo periodo di realizzazione, gli abitanti di Øystese (NO) possono godere del lucente argenteo Hardangerbadet Healthcare Center, progettato da Anne R. Bøthun e Sonja Fastenrath di LINK Arkitektur.
  • Informatica

Sismicad e i suoi pacchetti

Siamo felici di comunicare l’uscita dei nuovi aggiornamenti. Concrete: le nuove versioni dei software che fanno parte della distribuzione 2022A.
  • Informatica
  • Costruzioni in zone sismiche
  • Norme tecniche

ACR Win e Superbonus 110

Il modulo Superbonus 110 del software ACR Win consente di controllare i massimali di spesa per tutte le tipologie di interventi, con incentivi fiscali, previsti dalla norma.