FAST FIND : FL6293

Flash news del
08/03/2021

Agevolazioni prima casa: sospensione dei termini fino al 31/12/2021

Il Decreto Milleproroghe 2020 (D.L. 183/2021, conv. L. 26/02/2021, n. 21) ha prorogato fino al 31/12/2021 la sospensione dei termini che condizionano l'applicazione di alcune agevolazioni relative alla prima casa.

L'articolo 3 del D.L. 183/2020 (convertito in Legge con la L. 26/02/2021, n. 21), comma 11-quinquies, ha modificato l'art. 24 del D.L. 08/04/2020, n. 23, prorogando la sospensione ivi disposta dal 31/12/2020 al 31/12/2021.

L’art. 24 del D.L. 08/04/2020, n. 23 dispone ora la sospensione nel periodo compreso tra il 23/02/2020 e il 31/12/2021 dei termini concernenti le agevolazioni per la prima casa di abitazione.
Poiché l'art. 24 del D.L. 23/2020 fa genericamente riferimento a "i termini previsti dalla nota II-bis all'articolo 1 della Tariffa parte prima, allegata al testo unico delle disposizioni concernenti l'imposta di registro", si ritiene che debba ritenersi sospeso il decorso di tutti i termini previsti dalla nota II-bis, come di seguito dettagliato.

A. TERMINI FRUIZIONE AGEVOLAZIONI PRIMA CASA
Sono sospesi nel periodo compreso tra il 23/02/2020 e il 31/12/2021 i termini previsti dalla nota II-bis all'art. 1 della Tariffa parte I, allegata al D. P.R. 26/04/1986, n. 131 (Testo unico Imposta di registro). Si tratta in particolare dei seguenti termini:
1) termine di 18 mesi dall’acquisto entro il quale è necessario stabilire la propria residenza nel comune ove è ubicato l'immobile acquistato (lettera a, comma 1 della nota II-bis);
2) termine di un anno dall'alienazione dell'immobile acquistato con i benefici prima casa, entro il quale è necessario procedere all'acquisto di altro immobile da adibire a propria abitazione principale, per non perdere il diritto all’agevolazione (comma 4 della nota II-bis, ultimo periodo);
3) termine di un anno dall’acquisto entro il quale è necessario alienare l’eventuale diritto di proprietà, usufrutto, uso, abitazione e nuda proprietà (o quota anche in regime di comunione legale) su altro immobile su tutto il territorio nazionale, acquisito dallo stesso soggetto o dal coniuge con le agevolazioni prima casa o con le altre agevolazioni ivi menzionate (comma 4-bis della nota II-bis, introdotto dall'art. 1 della L. 208/2015, comma 55).
Quanto al termine di 5 anni prima del quale non è possibile cedere a titolo oneroso o gratuito l'immobile acquistato con i benefici, salvo riacquisto di cui al punto successivo (comma 4 della nota II-bis, primo periodo), questo non deve intendersi prorogato. Diversamente, spiega l'Agenzia delle entrate nella Circolare 13/04/2020, n. 9/E - in contrasto con la ratio della norma - si arrecherebbe un pregiudizio al contribuente che vedrebbe allungarsi il termine per non incorrere nella decadenza dall'agevolazione fruita.

B. TERMINE FRUIZIONE CREDITO D'IMPOSTA PER RIACQUISTO PRIMA CASA DOPO ALIENAZIONE
È sospeso nel periodo compreso tra il 23/02/2020 e il 31/12/2021 il termine previsto dall’art. 7 della L. 448/1998, che riconosce un credito d’imposta per chi abbia alienato un immobile acquisito usufruendo delle agevolazioni entro 5 anni dall’acquisto, e provveda entro un anno dalla suddetta alienazione ad un nuovo acquisto agevolabile.

ESEMPI PRATICI
La misura contenuta nell’art. 24 del D.L. 23/2020 è tecnicamente una sospensione di termini, pertanto nel computo dei termini sospesi si terrà conto del periodo decorso prima del 23/02/2020 e dopo il 31/12/2021, e non invece del periodo di sospensione.
Si formulano di seguito alcuni esempi pratici di computo dei termini sospesi.

Acquisto prima casa effettuato il 01/07/2019
1) Il termine di 18 mesi di cui al paragrafo A-1 precedente, che normalmente dovrebbe scadere il 01/01/2021, decorre fino al 22/02/2020 compreso (quindi per 7 mesi e 22 giorni) e ricomincia a decorrere dal 01/01/2022 per il tempo rimanente (quindi per 10 mesi e 8 giorni), scadendo quindi il 08/11/2022.
2) Il termine di un anno di cui al paragrafo A-2 precedente, che normalmente dovrebbe scadere il 01/07/2020, decorre fino al 22/02/2020 compreso (quindi per 7 mesi e 22 giorni) e ricomincia a decorrere dal 01/01/2022 per il tempo rimanente (quindi per 4 mesi e 8 giorni), scadendo quindi il 08/05/2022.
3) Il termine di un anno di cui al paragrafo A-3 precedente, che normalmente dovrebbe scadere il 01/07/2020, decorre fino al 22/02/2020 compreso (quindi per 7 mesi e 22 giorni) e ricomincia a decorrere dal 01/01/2022 per il tempo rimanente (quindi per 4 mesi e 8 giorni), scadendo quindi il 08/05/2022.

Vendita infraquinquennale effettuata il 01/07/2019
4) Il termine di un anno di cui al paragrafo B precedente, che normalmente dovrebbe scadere il 01/07/2020, decorre fino al 22/02/2020 compreso (quindi per 7 mesi e 22 giorni) e ricomincia a decorrere dal 01/01/2022 per il tempo rimanente (quindi per 4 mesi e 8 giorni), scadendo quindi il 08/05/2022.

Termini che sono iniziati a decorrere durante il periodo di sospensione
Per i termini che sono iniziati a decorrere durante il periodo di sospensione, il computo inizierà a far data dalla fine del periodo di sospensione stesso, e quindi dal 01/01/2022.

 

Dalla redazione