FAST FIND : CM1221

Il Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici ha certificato il primo sistema CRM: è RI-STRUTTURA di Fibre Net

A meno di un anno dall’ottenimento della Valutazione Tecnica Europea ETA (European Technical Assessment che attesta le prestazioni e l’idoneità all’impiego di un prodotto da costruzione in Comunità Europea) il sistema RI-STRUTTURA è oggi a tutti gli effetti il primo sistema CRM – Composite Reinforced Mortar – per uso strutturale certificato in Italia ai sensi del p.to 11.1 cap C del D.M.17.1.2018 e risulta, pertanto, conforme alle NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI 2018
Fibre Net SpA

Il percorso di certificazione prosegue, infatti, con l’ottenimento dell’attestato di Equivalenza n. 0009946.17-12-2020 per l’uso strutturale rilasciato a dicembre 2020 da parte del Servizio Tecnico Centrale del ConsiglioSuperiore dei Lavori Pubblici in recepimento del Benestare Tecnico Sloveno STS 17/0013 emesso dallo ZAG Ljubljana Slovenian National Building and Civil Engineering Institute.

Il processo si è basato sul riconoscimento dei contenuti tecnici comuni fra la normativa italiana e quella slovena, come il regolamento UE n.305/11 riguardante i Prodotti da Costruzione, la pericolosità sismica dei due territori ed un severo protocollo di qualificazione riconosciuto dal CSLP.

 

n.0009946.17-12-2029

L’accertamento di equivalenza certifica che le specifiche tecniche poste a base del Benestare Tecnico Sloveno STS garantiscono un livello di sicurezza equivalente a quello previsto dalle vigenti norme tecniche nazionali.

 E’, quindi, consentito l’impiego sul territorio nazionale del <<Sistema CRM Composite Reiforced Mortar per rinforzo di opere in muratura mediante intonaco armato con reti in FRP>> prodotto da FIBRE NET SPA

 

 

Negli ultimi 10 anni, la tecnica CRM è stata largamente impiegata per il miglioramento e l’adeguamento strutturale di vaste aree soggette ad eventi sismici, sia in fase di prevenzione sismica che nelle fasi della ricostruzione.  L’Attestato di Equivalenza rappresenta un ulteriore strumento per il professionista in quanto attesta le caratteristiche dei materiali utilizzati, le modalità di progettazione degli interventi e l’accettazione in cantiere. Consente, inoltre, di espletare la chiusura dell’iter documentale presso gli Uffici territoriali di autorizzazione simica del Genio Civile.

Ai fini, poi, della riqualificazione degli immobili attraverso lo strumento fiscale SUPERBONUS 110% introdotto dal Decreto Rilancio (D.L. 34/2020), il sistema RI-STRUTTURA, già inserito all’interno di molti dei prezziari regionali e nel prezziario nazionale DEI, rappresenta una tecnica di grande efficacia per gli interventi di miglioramento sismico su edifici esistenti, anche in combinazione con interventi ECOBONUS.  

Il sistema di rinforzo RI-STRUTTURA si compone di reti, angolari e connettori preformati in fibra di vetro e resine termoindurenti abbinati a malte strutturali inorganiche a base calce o cemento e applicati attraverso la tradizionale tecnica dell’intonaco armato. L’intervento di rinforzo strutturale garantisce un miglioramento strutturale omogeneo e diffuso, con elevate caratteristiche meccaniche e di duttilità, compatibile con murature di diversa tipologia e con un modesto incremento di rigidezza della struttura.

E’ possibile conseguire risultati di miglioramento sismico consistenti e determinabili anche operando su una sola faccia della muratura – tipicamente quella esterna – riducendo al massimo i disagi per gli occupanti l’edificio.

 

 

Fibre Net gli specialisti del rinforzo strutturale

Essere gli specialisti del rinforzo strutturale per noi significa impegno, passione e professionalità per garantirvi risultati di valore e per contribuire all’innovazione nel mondo dell’ingegneria.

Siamo a Vostra disposizione per ulteriori informazioni

0432 600918        info@fibrenet.info       www.fibrenet.it

 

Idee, passione, esperienza e ingegno italiano in continua evoluzione 

Da 20 anni Fibre Net SpA sviluppa e produce in Italia prodotti e sistemi in materiale composito FRP a base di fibre di vetro e carbonio con matrici polimeriche termoindurenti, che trovano largo utilizzo nell’edilizia specializzata, nel miglioramento e adeguamento sismico di strutture e infrastrutture strategiche. 

Oggi i prodotti e i sistemi Fibre Net sono presenti in più di 30 paesi al mondo.

Materiali innovativi, sistemi tecnologicamente avanzati, grandi progetti di ricerca e sviluppo e continua attività di innovazione scientifica e tecnologica, sono aspetti che delineano una realtà operativa aziendale dinamica e intraprendente, costituita da un team giovane e tecnicamente preparato che mette le proprie competenze e conoscenze a servizio della progettazione e dell’impresa.

 

Fibre Net SpA è social:       Facebook   @fibrenetspa    -   LinkedIn  FIBRE NET SpA

 

 

Via Jacopo Stellini, 3
33050 Z.I.U. Pavia di Udine (Ud)
T. +39.0432.600918 -  F. +39.0432.526199
info@fibrenet.info
www.fibrenet.it

Dalla redazione

  • Costruzioni in zone sismiche
  • Costruzioni
  • Norme tecniche

Efficacia interventi di retrofit sismico per gli incentivi fiscali del DL 34/2020 - Parte 1: il quadro tecnico normativo

Dal 1° gennaio 2017 sono state introdotte le regole per usufruire della detrazione delle spese so­stenute per interventi antisismici. Di recente è stato ampliato il sistema di detrazioni fiscali previste dal TUIR, (DPR n. 917/1986) con un articolato assetto normativo. Le direttrici principali riguardano i temi del retrofit energetico e strutturale, statico/sismico. In quest’ultimo caso (c.d. Sismabonus) occorre dare evidenza dell’efficacia degli interventi nell’ambito del DM 58/2017, anche senza variazioni di classe sismica. L’articolo tratta i principi base che consentono in tale caso di dare risposta a tale quesito, appoggiandosi all’apparato analitico fissato dal DM stesso. Esso potrebbe anche essere utilizzato persino in presenza di interventi locali.
A cura di:
  • Nicola Mordà
  • Carmine De Simone
  • Edilizia e immobili
  • Pianificazione del territorio
  • Urbanistica
  • Aree urbane

L’edilizia insostenibile

É stata diffusa, in via informale, la bozza della “Disciplina delle costruzioni” elaborata da una commissione ministeriale con l’obiettivo di sostituire il Dpr 380/2001 Testo unico dell’edilizia. Anche se si tratta solo di una proposta, merita comunque una attenzione particolarmente vigile all’orientamento che esprime, dove l’interesse per i procedimenti amministrativi prevale in maniera evidente sui contenuti e le prescrizioni tecniche, eludendo la dovuta considerazione per i requisiti prestazionali richiesti agli edifici e ai componenti che li definiscono. Il riordino delle norme del settore delle costruzioni, dopo la confusione prodotta dalla pletora di provvedimenti adottati nel nome di una presunta semplificazione edilizia, è più che auspicabile, ma un vero riordino dovrebbe trovare fondamento nella prevalente attenzione ai contenuti tecnici e prestazionali degli interventi costruttivi, nuovi e/o di recupero, piuttosto che nei procedimenti amministrativi.
A cura di:
  • Roberto Gallia
  • Catasto e registri immobiliari
  • Compravendita e locazione
  • Edilizia e immobili

Il riesame della valutazione immobiliare

Con l’introduzione della Norma UNI 11558/14, della Norma UNI 11612/16 e delle linee guida dell’ABI per la valutazione degli immobili in garanzia delle esposizioni creditizie, oltre naturalmente la Direttiva 2014/17/EU dell'Unione Europea e il Decreto Legislativo n. 72 del 21 aprile 2016, gli standard internazionali di stima sono diventati una realtà in pratica cogente anche nel nostro paese. Il controllo della loro effettiva applicazione da parte dei periti è stato demandato, sino a oggi con scarso successo pratico, alle banche. A latere esiste però uno strumento operativo il cui approfondimento e la costante applicazione potrebbe innescare una veloce penetrazione nel nostro paese dell’uso degli standard, oggi ignorato o disatteso da oltre il 90% dei valutatori immobiliari: il riesame della valutazione immobiliare.
A cura di:
  • Graziano Castello
  • Pianificazione del territorio
  • Urbanistica
  • Aree urbane
  • Edilizia e immobili

La rigenerazione urbana ai tempi della pandemia

Di seguito un tentativo di riflessione sul futuro possibile della rigenerazione, urbana e territoriale, e sulla portata delle eterogenee norme inserite nell’articolo 10 del Decreto Semplificazione, alcune delle quali hanno prodotto reazioni eccessive, lasciando contemporaneamente insoluti aspetti significativi della pianificazione urbanistica e dei procedimenti edilizi.
A cura di:
  • Roberto Gallia
  • Aree urbane
  • Pianificazione del territorio
  • Urbanistica

Pianificazione dei trasporti alla scala urbana. Dal piano urbano di traffico (PUT) al piano urbano della mobilità (PUM) al piano urbano per la mobilità sostenibile (PUMS). Parte III

Il quadro di riferimento evolutivo dottrinario, normativo e procedurale. PARTE III: mobilità, sostenibilità, mobilità sostenibile. Paradigmi normativo-funzionali e tecnico-amministrativi per il governo integrato territorio-trasporti degli strumenti di piano settoriali di trasporto a scala urbana e metropolitana.
A cura di:
  • Francesco Guzzo
  • Francesco Saverio Capaldo
  • Gennaro Nasti

Dalle Aziende

  • Norme tecniche
  • Edilizia e immobili
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Materiali e prodotti da costruzione

La migliore soluzione per cappotto termico esterno, secondo noi

Il cappotto termico è sicuramente uno dei sistemi più utilizzati quando l’obiettivo è migliorare l’isolamento termico delle nostre case, e così ridurre i consumi energetici degli edifici.
  • Informatica
  • Norme tecniche
  • Costruzioni in zone sismiche

CDC Wn – Novità 2021 Nuova Tools “Cerchiature Muratura”

Calcolo e verifica delle cerchiature nelle strutture portanti secondo le NTC 2018 e Circolare 2019.

Riduzione della profondità di scavo e impermeabilizzazione fondazioni: case study di utilizzo di vetro cellulare in pannelli

Isolamento fondazioni con vetro cellulare in pannelli per riduzione della profondità di scavo, impermeabilizzazione e protezione dal gas radon.
  • Informatica

Green Public Procurement: la Sostenibilità ambientale quale requisito obbligatorio per accedere alla detrazione fiscale Superbonus 110%

L’attività dei professionisti, chiamati all’applicazione del Green Public Procurement e quindi della sostenibilità ambientale anche per gli interventi che rientrano nell’ambito dei lavori privati. A stabilirlo è l’articolo 119 comma 1 lettera a) del Decreto Rilancio che impone, per i materiali isolanti, il rispetto dei criteri ambientali minimi quale requisito obbligatorio per usufruire delle detrazioni fiscali previste dall’Ecobonus e quindi applicabili alla più nota definizione Superbonus 110.
  • Informatica

Quali software preferire per la progettazione di edifici?

Facilità d’uso, affidabilità, performance, costi, integrazione: ecco cosa non può mancare al tuo software di progettazione architettonica
  • Informatica

Edifici a energia quasi zero: le novità!

Dal primo gennaio 2021 è obbligatorio progettare edifici a consumo zero, siano essi pubblici o privati.
  • Costruzioni
  • Costruzioni in zone sismiche
  • Materiali e prodotti da costruzione
  • Norme tecniche

Il Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici ha certificato il primo sistema CRM: è RI-STRUTTURA di Fibre Net

A meno di un anno dall’ottenimento della Valutazione Tecnica Europea ETA (European Technical Assessment che attesta le prestazioni e l’idoneità all’impiego di un prodotto da costruzione in Comunità Europea) il sistema RI-STRUTTURA è oggi a tutti gli effetti il primo sistema CRM – Composite Reinforced Mortar – per uso strutturale certificato in Italia ai sensi del p.to 11.1 cap C del D.M.17.1.2018 e risulta, pertanto, conforme alle NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI 2018
  • Informatica

Esempio di analisi per Sisma Bonus di un edificio in muratura con Sismicad

Il calcolo strutturale di un edificio, necessario per gestire il sisma bonus, prevede diversi passi. Questo semplice caso di edificio in muratura fa riferimento alla norma per Sisma Bonus del DM 07/02/17, adotta le NTC 2018 e relativa Circolare esplicativa, e può aiutare a comprendere meglio l’approccio da adottare.