FAST FIND : CM1217

I vantaggi nella progettazione di impianti fotovoltaici con gli ottimizzatori di potenza

Massimizzare la produttività dell’impianto fotovoltaico ed aumentarne la flessibilità di progettazione. Scopri tutti i vantaggi nella progettazione di impianti fotovoltaici anche con ottimizzatori con il software ACCA Solarius-PV
ACCA SOFTWARE

 

 

Il Superbonus 110% è stato definito come il volano dell’economia dopo la crisi pandemica. Il Decreto Rilancio che lo ha previsto si è proposto come obiettivi la ripresa dell’edilizia, il sostegno alle famiglie, l’aumento dell’occupazione ed anche la riduzione delle spese energetiche.

In questo contesto ben si comprende, dunque, la rilevanza che lo stesso Decreto ha voluto riservare agli impianti fotovoltaici, inserendoli tra gli interventi cosiddetti ‘trainati’.

Ma come tutti gli investimenti, anche quello in un impianto fotovoltaico ha ragion d’essere se garantito da un’ottima resa. Soltanto producendo una buona quantità di energia per il proprio fabbisogno, o da reimmettere in rete, sarà possibile ridurre i costi in bolletta.

  

Ecco perché diventa indispensabile aumentare il rendimento dell’impianto e tenere sotto controllo la produzione fotovoltaica in modo costante.

Negli ultimi tempi si è diffusa una tecnologia semplice ma decisiva per la valorizzazione di un impianto fotovoltaico: gli ottimizzatori di potenza, componenti del sistema installati sul retro dei pannelli solari per collegare il singolo modulo con l’inverter in modo da renderlo indipendente dagli altri.

La loro funzione è quella di permettere all’impianto di raggiungere il punto di massima potenza (MPPT) per il singolo modulo, assicurando un funzionamento ottimale ed efficiente dell’impianto anche in caso di ombreggiamenti, sporcizia e in presenza di altri fattori che ne diminuiscano la resa. Gli ottimizzatori hanno perciò lo scopo di permettere all’intero sistema di non subire lo scarso rendimento dei singoli pannelli.

Ai vantaggi in termini di resa si affiancano anche vantaggi in termini di progettazione.

Progettare impianti fotovoltaici con ottimizzatori di potenza, infatti, permette al tecnico di avere maggiore flessibilità, con la possibilità di avere più pannelli sul tetto e una migliore estetica degli impianti.

  

Vengono così eliminate le tradizionali limitazioni di spazio e conformazione del tetto, e diviene possibile installare i pannelli anche in zone ombreggiate con ottimizzazione dello spazio e maggiore produzione di energia possibile.

Ecco perché diventa fondamentale per il progettista dell’impianto potersi avvalere di un software facile e professionale, valido per la progettazione di qualsiasi tipologia di impianto fotovoltaico, in ogni situazione e per ogni esigenza, e che contempli anche la progettazione con ottimizzatori di potenza.

Una risposta a tutto questo è Solarius-PV, il software di ACCA per la progettazione di impianti fotovoltaici.


Solarius-PV consente, nella configurazione dei componenti dell’impianto fotovoltaico, di scegliere l’uso degli ottimizzatori di potenza sia per singolo modulo che per due moduli: nello specifico gli ottimizzatori fotovoltaici prodotti da SolarEdge, leader globale nelle tecnologie smart Energy, che ha sviluppato una soluzione di inverter intelligente cambiando il modo in cui l’energia viene prodotta e gestita nei sistemi fotovoltaici.

Solarius-PV calcola in maniera automatica la configurazione di stringhe di ottimizzatori per ogni inverter; permette anche la possibilità di configurare manualmente ogni stringa di ogni inverter consentendo la massima flessibilità anche nel riprodurre configurazioni validate da Designer di SolarEdge.

 

Prova subito la nuova versione di Solarius-PV

 

 

Per maggiori informazioni:
ACCA software S.p.A.
Contrada Rosole 13 
83043 Bagnoli Irpino (AV)
tel. 0827/69504
fax 0827/601235
info@acca.it
www.acca.it

Dalla redazione

  • Costruzioni in zone sismiche
  • Costruzioni
  • Norme tecniche

Efficacia interventi di retrofit sismico per gli incentivi fiscali del DL 34/2020 - Parte 1: il quadro tecnico normativo

Dal 1° gennaio 2017 sono state introdotte le regole per usufruire della detrazione delle spese so­stenute per interventi antisismici. Di recente è stato ampliato il sistema di detrazioni fiscali previste dal TUIR, (DPR n. 917/1986) con un articolato assetto normativo. Le direttrici principali riguardano i temi del retrofit energetico e strutturale, statico/sismico. In quest’ultimo caso (c.d. Sismabonus) occorre dare evidenza dell’efficacia degli interventi nell’ambito del DM 58/2017, anche senza variazioni di classe sismica. L’articolo tratta i principi base che consentono in tale caso di dare risposta a tale quesito, appoggiandosi all’apparato analitico fissato dal DM stesso. Esso potrebbe anche essere utilizzato persino in presenza di interventi locali.
A cura di:
  • Nicola Mordà
  • Carmine De Simone
  • Edilizia e immobili
  • Pianificazione del territorio
  • Urbanistica
  • Aree urbane

L’edilizia insostenibile

É stata diffusa, in via informale, la bozza della “Disciplina delle costruzioni” elaborata da una commissione ministeriale con l’obiettivo di sostituire il Dpr 380/2001 Testo unico dell’edilizia. Anche se si tratta solo di una proposta, merita comunque una attenzione particolarmente vigile all’orientamento che esprime, dove l’interesse per i procedimenti amministrativi prevale in maniera evidente sui contenuti e le prescrizioni tecniche, eludendo la dovuta considerazione per i requisiti prestazionali richiesti agli edifici e ai componenti che li definiscono. Il riordino delle norme del settore delle costruzioni, dopo la confusione prodotta dalla pletora di provvedimenti adottati nel nome di una presunta semplificazione edilizia, è più che auspicabile, ma un vero riordino dovrebbe trovare fondamento nella prevalente attenzione ai contenuti tecnici e prestazionali degli interventi costruttivi, nuovi e/o di recupero, piuttosto che nei procedimenti amministrativi.
A cura di:
  • Roberto Gallia
  • Catasto e registri immobiliari
  • Compravendita e locazione
  • Edilizia e immobili

Il riesame della valutazione immobiliare

Con l’introduzione della Norma UNI 11558/14, della Norma UNI 11612/16 e delle linee guida dell’ABI per la valutazione degli immobili in garanzia delle esposizioni creditizie, oltre naturalmente la Direttiva 2014/17/EU dell'Unione Europea e il Decreto Legislativo n. 72 del 21 aprile 2016, gli standard internazionali di stima sono diventati una realtà in pratica cogente anche nel nostro paese. Il controllo della loro effettiva applicazione da parte dei periti è stato demandato, sino a oggi con scarso successo pratico, alle banche. A latere esiste però uno strumento operativo il cui approfondimento e la costante applicazione potrebbe innescare una veloce penetrazione nel nostro paese dell’uso degli standard, oggi ignorato o disatteso da oltre il 90% dei valutatori immobiliari: il riesame della valutazione immobiliare.
A cura di:
  • Graziano Castello
  • Pianificazione del territorio
  • Urbanistica
  • Aree urbane
  • Edilizia e immobili

La rigenerazione urbana ai tempi della pandemia

Di seguito un tentativo di riflessione sul futuro possibile della rigenerazione, urbana e territoriale, e sulla portata delle eterogenee norme inserite nell’articolo 10 del Decreto Semplificazione, alcune delle quali hanno prodotto reazioni eccessive, lasciando contemporaneamente insoluti aspetti significativi della pianificazione urbanistica e dei procedimenti edilizi.
A cura di:
  • Roberto Gallia
  • Aree urbane
  • Pianificazione del territorio
  • Urbanistica

Pianificazione dei trasporti alla scala urbana. Dal piano urbano di traffico (PUT) al piano urbano della mobilità (PUM) al piano urbano per la mobilità sostenibile (PUMS). Parte III

Il quadro di riferimento evolutivo dottrinario, normativo e procedurale. PARTE III: mobilità, sostenibilità, mobilità sostenibile. Paradigmi normativo-funzionali e tecnico-amministrativi per il governo integrato territorio-trasporti degli strumenti di piano settoriali di trasporto a scala urbana e metropolitana.
A cura di:
  • Francesco Guzzo
  • Francesco Saverio Capaldo
  • Gennaro Nasti

Dalle Aziende

  • Norme tecniche
  • Edilizia e immobili
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Materiali e prodotti da costruzione

La migliore soluzione per cappotto termico esterno, secondo noi

Il cappotto termico è sicuramente uno dei sistemi più utilizzati quando l’obiettivo è migliorare l’isolamento termico delle nostre case, e così ridurre i consumi energetici degli edifici.
  • Informatica
  • Norme tecniche
  • Costruzioni in zone sismiche

CDC Wn – Novità 2021 Nuova Tools “Cerchiature Muratura”

Calcolo e verifica delle cerchiature nelle strutture portanti secondo le NTC 2018 e Circolare 2019.

Riduzione della profondità di scavo e impermeabilizzazione fondazioni: case study di utilizzo di vetro cellulare in pannelli

Isolamento fondazioni con vetro cellulare in pannelli per riduzione della profondità di scavo, impermeabilizzazione e protezione dal gas radon.
  • Informatica

Green Public Procurement: la Sostenibilità ambientale quale requisito obbligatorio per accedere alla detrazione fiscale Superbonus 110%

L’attività dei professionisti, chiamati all’applicazione del Green Public Procurement e quindi della sostenibilità ambientale anche per gli interventi che rientrano nell’ambito dei lavori privati. A stabilirlo è l’articolo 119 comma 1 lettera a) del Decreto Rilancio che impone, per i materiali isolanti, il rispetto dei criteri ambientali minimi quale requisito obbligatorio per usufruire delle detrazioni fiscali previste dall’Ecobonus e quindi applicabili alla più nota definizione Superbonus 110.
  • Informatica

Quali software preferire per la progettazione di edifici?

Facilità d’uso, affidabilità, performance, costi, integrazione: ecco cosa non può mancare al tuo software di progettazione architettonica
  • Informatica

Edifici a energia quasi zero: le novità!

Dal primo gennaio 2021 è obbligatorio progettare edifici a consumo zero, siano essi pubblici o privati.
  • Costruzioni
  • Costruzioni in zone sismiche
  • Materiali e prodotti da costruzione
  • Norme tecniche

Il Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici ha certificato il primo sistema CRM: è RI-STRUTTURA di Fibre Net

A meno di un anno dall’ottenimento della Valutazione Tecnica Europea ETA (European Technical Assessment che attesta le prestazioni e l’idoneità all’impiego di un prodotto da costruzione in Comunità Europea) il sistema RI-STRUTTURA è oggi a tutti gli effetti il primo sistema CRM – Composite Reinforced Mortar – per uso strutturale certificato in Italia ai sensi del p.to 11.1 cap C del D.M.17.1.2018 e risulta, pertanto, conforme alle NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI 2018
  • Informatica

Esempio di analisi per Sisma Bonus di un edificio in muratura con Sismicad

Il calcolo strutturale di un edificio, necessario per gestire il sisma bonus, prevede diversi passi. Questo semplice caso di edificio in muratura fa riferimento alla norma per Sisma Bonus del DM 07/02/17, adotta le NTC 2018 e relativa Circolare esplicativa, e può aiutare a comprendere meglio l’approccio da adottare.