FAST FIND : GP18134

Sent. C. Giustizia UE 16/07/2020, n. C-224/19

6670900 6670900
Rinvio pregiudiziale - Tutela dei consumatori - Direttiva 93/13/CEE - Articoli 6 e 7 - Contratti conclusi con i consumatori - Mutui ipotecari - Clausole abusive - Clausola che pone la totalità delle spese di costituzione e di cancellazione dell’ipoteca a carico del mutuatario - Effetti della dichiarazione di nullità di dette clausole - Poteri del giudice nazionale in presenza di una clausola qualificata come «abusiva» - Ripartizione delle spese - Applicazione di disposizioni nazionali integrative - Articolo 3, paragrafo 1 - Valutazione del carattere abusivo delle clausole contrattuali - Articolo 4, paragrafo 2 - Esclusione delle clausole relative all’oggetto principale del contratto o alla perequazione del prezzo o della remunerazione - Presupposto - Articolo 5 - Obbligo di redazione chiara e comprensibile delle clausole contrattuali - Spese - Prescrizione - Principio di effettività.

1) L’articolo 6, paragrafo 1, e l’articolo 7, paragrafo 1, della direttiva 93/13/CEE del Consiglio, del 5 aprile 1993, concernente le clausole abusive nei contratti stipulati con i consumatori, devono essere interpretati nel senso che essi ostano a che, in caso di nullità di una clausola contrattuale abusiva che pone il pagamento della totalità delle spese di costituzione e di cancellazione dell’ipoteca a carico del consumatore, il giudice nazionale rifiuti la restituzione al consumatore degli importi pagati in applicazione di detta clausola, a meno che le disposizioni del diritto nazionale che sarebbero applicabili in mancanza della clausola in questione impongano al consumatore il pagamento della totalità o di una parte di tali spese.

2) L’articolo 3, l’articolo 4, paragrafo 2, e l’articolo 5 della direttiva 93/13 devono essere interpretati nel senso che le clausole del contratto rientranti nella nozione di «oggetto principale del contratto» devono intendersi come quelle che fissano le prestazioni essenziali di tale contratto e che, come tali, lo caratterizzano. Per contro, le clausole che rivestono carattere accessorio rispetto a quelle che definiscono l’essenza stessa del rapporto contrattuale non possono rientrare in tale nozione. Il fatto che una commissione di apertura sia compresa nel costo totale di un mutuo ipotecario non può comportare che essa sia una prestazione essenziale di quest’ultimo. In ogni caso, un giudice di uno Stato membro è tenuto a controllare il carattere chiaro e comprensibile di una clausola contrattuale vertente sull’oggetto principale del contratto, e ciò indipendentemente dalla trasposizione dell’articolo 4, paragrafo 2, della direttiva in parola nell’ordinamento giuridico di tale Stato membro.

3) L’articolo 3, paragrafo 1, della direttiva 93/13 deve essere interpretato nel senso che una clausola di un contratto di mutuo concluso tra un consumatore e un istituto finanziario, che impone al consumatore il pagamento di una commissione di apertura, può determinare, a danno del consumatore, un significativo squilibrio dei diritti e degli obblighi delle parti derivanti dal contratto, in contrasto con il requisito della buona fede, qualora l’istituto finanziario non dimostri che tale commissione corrisponde a servizi effettivamente forniti e a spese dallo stesso sostenute, circostanza che spetta al giudice del rinvio verificare.

4) L’articolo 6, paragrafo 1, e l’articolo 7, paragrafo 1, della direttiva 93/13 devono essere interpretati nel senso che essi non ostano a che la proposizione dell’azione diretta a far valere gli effetti restitutori della dichiarazione di nullità di una clausola contrattuale abusiva sia soggetta a un termine di prescrizione, purché il dies a quo di tale termine nonché la sua durata non rendano praticamente impossibile o eccessivamente difficile l’esercizio del diritto del consumatore di chiedere una simile restituzione.

5) L’articolo 6, paragrafo 1, e l’articolo 7, paragrafo 1, della direttiva 93/13 nonché il principio di effettività devono essere interpretati nel senso che essi ostano a un regime che consente di far gravare sul consumatore una parte delle spese processuali, a seconda del livello delle somme indebitamente pagate che gli sono restituite in seguito alla dichiarazione di nullità di una clausola contrattuale per via del suo carattere abusivo, in quanto un simile regime crea un ostacolo sostanziale che può scoraggiare i consumatori dall’esercitare il diritto a un controllo giurisdizionale effettivo del carattere potenzialmente abusivo di clausole contrattuali, quale riconosciuto dalla direttiva 93/13.

Dalla redazione

  • Soglie normativa comunitaria
  • Esecuzione dei lavori pubblici
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici
  • Requisiti di partecipazione alle gare
  • Partenariato pubblico privato
  • Appalti e contratti pubblici
  • Avvisi e bandi di gara

Impatto del Decreto Semplificazioni (D.L. 76/2020) sul Codice dei contratti pubblici

Analisi delle disposizioni in materia di appalti pubblici previste dal D.L. 76/2020 (c.d. Decreto Semplificazioni) dopo la sua conversione in legge, avvenuta con L. 11/09/2020, n. 120. Testo a fronte delle parti modificate del Codice appalti (modifiche in giallo).
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Emanuela Greco
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Avvisi e bandi di gara
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Appalti e contratti pubblici
  • Esecuzione dei lavori pubblici
  • Edilizia e immobili
  • Pubblica Amministrazione
  • Tutela ambientale

D.L. 76/2020: semplificazioni e altre misure in materia edilizia

Analisi puntuale delle disposizioni in materia di edilizia introdotte dal D.L. 76/2020 (c.d. Decreto Semplificazioni) dopo la sua conversione in legge, avvenuta con L. 11/09/2020, n. 120. Testo a fronte delle parti modificate del Testo unico edilizia (modifiche in giallo).
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Fisco e Previdenza
  • Imposte sul reddito

Detrazioni fiscali per interventi di recupero delle facciate di edifici (c.d. “Bonus facciate”)

NORMATIVA E PRASSI DI RIFERIMENTO SUL BONUS FACCIATE - INTERVENTI AMMESSI (Categorie di interventi ammessi al Bonus facciate e indicazioni generali; Interventi influenti dal punti di vista termico; Interventi su balconi, ornamenti e fregi; Spese accessorie; Individuazione delle zone urbanistiche ammesse al Bonus facciate; Cumulabilità) - SOGGETTI BENEFICIARI, ADEMPIMENTI E PROCEDURE (Soggetti beneficiari; Importo della detrazione e periodo di fruizione; Modalità pratiche e procedure).
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Imposte sul reddito
  • Agevolazioni per interventi di risparmio energetico
  • Fisco e Previdenza
  • Agevolazioni per interventi di ristrutturazione e antisismici

Superbonus 110%: domande e risposte

Risposte ai quesiti emersi nel corso degli eventi formativi svolti dall’Area Formazione di Legislazione Tecnica sul tema del c.d. “Superbonus” al 110%.
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Alfonso Mancini
  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica
  • Impianti sportivi
  • Provvidenze

Finanziamento per impianti sportivi nelle periferie urbane e aree svantaggiate

La misura prevede il finanziamento di interventi per la realizzazione e rigenerazione di impianti sportivi per l’attività agonistica localizzati nelle aree svantaggiate del Paese e nelle periferie urbane; l’obiettivo è di ridurre i fenomeni di marginalizzazione e degrado sociale anche attraverso la promozione di attività sportiva. La dotazione finanziaria complessiva è pari a 140 milioni di euro.
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Energia e risparmio energetico

Impianti di riscaldamento e condizionamento - Sistemi di automazione e controllo

  • Energia e risparmio energetico
  • Efficienza e risparmio energetico

Punti di ricarica edifici non residenziali

  • Energia e risparmio energetico
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Macchine e prodotti industriali
  • Norme tecniche

Ecodesign apparecchi di refrigerazione con funzione di vendita diretta