FAST FIND : NR41964

Regolam. R. Lombardia 24/07/2020, n. 5

Regolamento di attuazione del titolo X della legge regionale 5 dicembre 2008, n. 31 (Testo unico delle leggi regionali in materia di agricoltura, foreste, pesca e sviluppo rurale).
Testo coordinato con le modifiche introdotte da:
- Regolam. R. 16/02/2021, n. 2
Scarica il pdf completo
6599483 7195443
Art. 1 - (Oggetto)

1. Il presente regolamento, adottato ai sensi dell’

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6599483 7195444
Art. 2 - (Disposizioni relative alle diverse attività agrituristiche)

1. L’ospitalità in alloggi consiste nell’ospitare, senza limiti temporali, persone in camere o in unità abitative indipendenti. Possono essere utilizzati locali situati nella casa in cui abita l’operatore agrituristico o locali aziendali appositamente destinati. Nelle unità abitative indipendenti è consentito l’utilizzo della cucina. La pulizia dei locali, il lavaggio della biancheria e il pagamento delle utenze sono in ogni caso a cura dell’operatore agrituristico. Gli ospiti di età inferiore a cinque anni per il cui alloggio non è previsto un corrispettivo non sono computati nel numero di posti letto occupati.

2. Per l’agricampeggio in spazi aperti attrezzati possono essere utilizzate solo unità abitative mobili quali tende, compresa la formula glamping, caravan, autocaravan o case mobili da campeggio. Tali unità abitative possono essere messe a disposizione dall’azienda purché sia garantita la prevalenza della capacità ricettiva delle unità abitative proprie dei turisti. Per quanto concerne i requisiti tecnici, gli standard qualitativi e i servizi igienico-sanitari relativi all’attività di agricampeggio, si osservano le disposizioni del regolamento regionale 19 gennaio 2018, n. 3 (Disposizioni per la disciplina e la classificazione delle aziende ricettive all’aria aperta in attuazione dell’art. 37 della l.r. 27/2015 (Politiche regionali in materia di turismo e di attrattività del territorio lombardo).

3. La somministrazione di alimenti e bevande, nel rispetto dei vincoli di cui all’articolo 156 della l.r. 31/2008, può avvenire all’interno delle strutture aziendali indicate nel certificato di connessione o con modalità d’asporto e di consegna a domicilio. E’ altresì consentito l’utilizzo di spazi aperti quali corti, cortili, giardini e porticati purché di pertinenza delle stesse strutture indicate nel certificato di connessione e nel rispetto della normativa igienico-sanitaria. Negli

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6599483 7195445
Art. 3 - (Certificato di connessione)

1. Il rilascio del certificato attestante il rapporto di connessione dell’attività agrituristica rispetto a quella agricola è conseguente ad un’istanza presentata dal titolare o legale rappresentante dell’azienda attraverso la piattaforma informatica SIS.CO alla competente struttura della Regione o della Provincia di Sondrio nel cui territorio è ubicato il fabbricato da destinare ad uso agrituristico.

2. L’istanza di cui al comma 1 deve contenere:

a) la dimostrazione analitica che il tempo di lavoro necessario per l’esercizio delle attività agricole è prevalente rispetto a quello necessario per l’esercizio delle attività agrituristiche calcolato applicando i parametri relativi al fabbisogno di manodopera per ciascuna delle diverse attività agricole, quali ad esempio coltivazioni ed allevamenti, e p

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6599483 7195446
Art. 4 - (Corsi di formazione per l’esercizio di attività agrituristiche)

1. La Regione organizza i corsi di formazione per l’esercizio di attività agrituristiche o riconosce quelli organizzati da organizzazioni professionali agricole o loro associazioni, nonché da consorzi agrituristici, dall’ente regionale per i servizi all’agricoltura e alle foreste (ERSAF), dalle Camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura (CCIAA) e da operatori accreditati dalla stessa Regione allo svolgimento di attività formative.

2. I corsi ", organizzati anche on-line,"N4 hanno durata di quaranta ore anche suddivise in più moduli.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6599483 7195447
Art. 5 - (Definizione di operatore agrituristico)

1. Ai fini del presente regolamento, si considera operatore agrituristico chiunque abbia i seguenti requisiti:

a) posizione di titolare, contitolare o coadiuvante familiare in un’azienda agricola, già in possesso di un certificato di connessione, iscritta al regi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6599483 7195448
Art. 6 - (Locali da destinare ad attività agrituristiche)

1. Non possono essere utilizzati per attività agrituristiche gli edifici con classi catastali A1 ed A8, le abitazioni che possiedono le caratteristiche di lusso previste dal decreto del Ministero dei lavori pubblici 2 agosto 1969 e i fabbricati con classe catastale F3.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6599483 7195449
Art. 7 - (Disposizioni relative all’utilizzo dei prodotti agroalimentari e relativa documentazione fiscale)

1. Tutti i prodotti utilizzati per la somministrazione dei pasti devono risultare dalla contabilità fiscale aziendale. In particolare, i prodotti propri di cui all’articolo 156, comma 2, lettera a), della l.r. 31/2008 devono risultare dalle autofatture o dal registro dei passaggi interni, secondo la normativa fiscale vigente. I documenti fiscali devono riportare la tipologia di prodotto, il quantitativo e l’importo.

2. L’apporto di prodotti propri e di prodotti provenienti da altre aziende agricole, come definito all’articolo 156 della l.r. 31/2008, è calcolato in termini di valore d’acquisto dei prodotti stessi su base annuale.

3. Il valore dei prodotti propri deve essere coerente con il corrente valore di mercato degli stessi, con particolare riferimento ai prezzi praticati per la vendita diretta dal produttore al consumatore, salvo adeguata motivazione. La quantità dei prodotti propri deve essere altresì coerente con

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6599483 7195450
Art. 8 - (Documentazione fiscale relativa alle attività di alloggio e di degustazione)

1. Per l’attività di alloggio, la documentazione fiscale da esibire ai fini dei controlli deve contenere l&rs

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6599483 7195451
Art. 9 - (Denominazione delle aziende agrituristiche e classificazione)

1. Il cartello di cui all’articolo 158, comma 4, della l.r. 31/2008 deve contenere il marchio di riconoscimento unitamente alle icone identificati

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6599483 7195452
Art. 10 - (Regole per il trasferimento e le variazioni di attività)

1. In caso di variazione della titolarità dell’azienda agrituristica per accordo fra le parti, l’imprenditore agricolo che subentra può continuare a svolgere l’attività agrituristica, secondo quanto previsto dal certificato di connessione in corso di validità, per non più di tre mesi a partire dall’avvenuta comunicazione al SUAP del comune di tale variazione, fatta salva l’osservanza delle norme igienicosanitarie, a condizione che:

a) entro dieci giorni dal subentro comunichi al SUAP del comune e alle competenti strutture della Regione o della Provincia di Sondrio la persistenza e l’invarianza dei requisiti oggettivi che hanno consentito l&rsquo

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6599483 7195453
Art. 11 - (Attività delle fattorie didattiche)

1. Le fattorie didattiche, al fine di diffondere la conoscenza delle attività agricole e del territorio rurale e di

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6599483 7195454
Art. 12 - (Iscrizione all’elenco delle fattorie didattiche e corsi di formazione e di aggiornamento)

1. Gli operatori agrituristici che intendono iscriversi all’elenco delle fattorie didattiche di cui all’articolo 159, comma 2, della l.r. 31/2008 per ottenere la qualifica di operatori titolari di fattoria didattica devono essere in possesso dell’attestato di partecipazione conseguito a seguito di frequenza, con esito positivo, di un corso di formazione istituito dalla Regione o riconosciuto dalla Regione stessa se organizzato dai soggetti di cui all’articolo 4, comma 1.

2. Il corso di formazione, che per l’operatore titolare di fattoria didattica si aggiunge al corso di formazione di quaranta ore per operatore agrituristico, ha durata di cinquanta ore e si articola in moduli specifici riguardanti la normativa di riferimento, elementi di pedagogia, comunicazione e di psicologia. I contenuti specifici e le modalità di riconoscimento delle proposte formative sono definiti con decreto dirigenziale.

3. L’attestato di partecipazione si consegue a seguito della frequenza del corso per almeno l’ottanta per cento delle ore previste.

4. L’operatore titolare di fattoria didattica può essere affiancato nell’attività da uno o più operatori di supporto individuati fra il pe

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6599483 7195455
Art. 13 - (Obblighi relativi alle attività didattiche e di accoglienza)

1. L’operatore titolare di fattoria didattica, oltre a dover frequentare i corsi annuali di aggiornamento, è tenuto a:

a) garantire la presenza, durante le giornate di apertura, di operatori che abbiano frequentato i corsi di primo soccorso previsti dal decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81 (Attuazione dell’

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6599483 7195456
Art. 14 - (Marchio di riconoscimento e relativo utilizzo)

1. Le fattorie didattiche iscritte nell’elenco regionale utilizzano il marchio di riconoscimento riportato nell&rsqu

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6599483 7195457
Art. 15 - (Attività di ittiturismo)

1. In relazione allo svolgimento delle attività di ittiturismo secondo la definizione di cui all’articolo 2, comma 2, lettera b), del decreto legislativo 9 gennaio 2012, n. 4 (Misure per il riassetto della normativa in materia di pesca e acquacoltura, norma dell’

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6599483 7195458
Art. 16 - (Attività di ippoturismo)

1. L’ippoturismo consiste:

a) nell’utilizzare equidi presenti in azienda per attività ludiche o ricreative, previa acquisizione, ove previsto, delle necessarie autorizzazioni o dei necessari attestati;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6599483 7195459
Art. 17 - (Corsi di formazione per l’enoturismo)

1. Fatta salva la possibilità di svolgere l’attività enoturistica a seguito della sola presentazione della SCIA, la Regione organizza i corsi di formazione all’esercizio dell’attività enoturistica o riconosce quelli organizzati da associazioni, organizzazioni professionali e consorzi agrituristici, enti locali, dall’ERSAF, dalle CCIAA, nonché dalle aggregazioni d’impresa di cui alla l.r. 11/2014 o da operatori accreditati allo svolgimento di attività formative.

2. I corsi hanno durata di trenta ore ripartite anche in più moduli.

3. Costituiscono argomenti dei corsi:

a) la normativa di riferimento, inclusa quella relativa alla fiscalità e alla contabilità dell’azienda enoturistica;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6599483 7195460
Art. 18 - (Controlli sulle attività agrituristiche)

1. L’attività di vigilanza della Regione e, per il territorio di competenza, della Provincia di Sondrio è effettuata tramite controlli a campione, da eseguire ogni anno o con diversa periodicità su un numero non inferiore al dieci per cento delle aziende agrituristiche in attività nel territorio regionale. I controlli possono anche essere svolti su iniziativa d’ufficio o a seguito di motivate segnalazioni.

2. I controlli riguardano di norma le scritture contabili dell’ultimo anno fiscalmente chiuso. Sono oggetto di controllo, in particolare:

a) per tutte le attività svolte:

1) la prevalenza del lavoro agricolo rispetto a quello agrituristico per tutte le attività svolte;

2) l’effettivo svolgimento dell’attività nei fabbricati indicati nel certificato di connessione;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6599483 7195461
Art. 19 - (Norma di rinvio)

1. Per la disciplina delle fattorie sociali si rimanda alla

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6599483 7195462
Art. 20 - (Norma transitoria)

1. In relazione alle annualità 2019 e 2020, l’attività di controllo si svolge tenuto conto dell’

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6599483 7195463
Art. 21 - (Abrogazione)

1. Alla data di entrata in vigore del presente regolamento è abrogato il

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
6599483 7195464
Allegato A

Parte di provvedimento in formato grafico

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Agricoltura e Foreste
  • Agriturismo
  • Alberghi e strutture ricettive
  • Provvidenze
  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica

Basilicata: sostegno alla costituzione e sviluppo di agriturismi e fattorie multifunzionali

Dieci milioni di euro per favorire lo sviluppo e il riequilibrio del territorio agricolo, agevolare la permanenza degli imprenditori agricoli nel territorio rurale con il sostegno ad investimenti finalizzati alla diversificazione dell’attività attraverso la costituzione e lo sviluppo di agriturismi e fattorie multifunzionali. È quanto prevede il bando pubblicato della Regione Basilicata. Possono essere finanziati gli interventi riguardanti il recupero funzionale di immobili accatastati dall'azienda agricola da almeno 5 anni, piccole costruzioni ex novo per la realizzazione di laboratori polifunzionali aziendali, agricampeggi, aree verdi attrezzate ed allestimento di spazi per musei sulle tradizioni contadine, sistemazioni esterne, piccole piscine e campetti, acquisto di nuovi impianti e attrezzature funzionali alla realizzazione del progetto.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Provvidenze
  • Finanza pubblica
  • Edilizia e immobili
  • Agriturismo
  • Alberghi e strutture ricettive

Emilia Romagna: 7 mln per agriturismi e fattorie didattiche

Contributi in conto capitale per la creazione e lo sviluppo di agriturismi e fattorie didattiche. Le risorse a disposizione dell’Avviso ammontano a 7.144.216,00 euro e possono beneficiarne gli imprenditori agricoli, singoli o associati, che rientrino nella definizione di micro e piccola impresa. La misura sostiene: la ristrutturazione e l’ampliamento di fabbricati rurali, la qualificazione di spazi aperti di aziende agricole esistenti e l’acquisto di attrezzature da destinare all'attività agrituristica e/o di fattoria didattica. La percentuale di contributo varia in relazione alle diverse zone di aree rurali.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Fisco e Previdenza
  • Edilizia e immobili
  • Agriturismo
  • Alberghi e strutture ricettive
  • Imposte indirette
  • Compravendite e locazioni immobiliari

Trattamento IVA costruzione, compravendita e locazione di residenze turistico alberghiere

DEFINIZIONE DI RESIDENZA TURISTICO ALBERGHIERA - TRATTAMENTO IVA DELLE RESIDENZE TURISTICO ALBERGHIERE (IVA sui contratti di appalto per la costruzione; IVA sulle compravendite; IVA sulle locazioni; Differenza fra locazione ed altre prestazioni di servizi) - DETRAIBILITÀ DELL’IVA SU COSTRUZIONE, ACQUISTO O RISTRUTTURAZIONE.
A cura di:
  • Stefano Baruzzi
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Opere idrauliche, acquedottistiche, marittime e lacuali
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Alberghi e strutture ricettive
  • Provvidenze
  • Finanza pubblica
  • Edilizia e immobili

Emilia Romagna: riqualificazione urbana nel distretto turistico balneare della costa emiliano-romagnola

La Regione Emilia Romagna rende disponibili 20 milioni di euro per la promozione dell'innovazione del prodotto turistico e della riqualificazione urbana nel Distretto Turistico Balneare della Costa emiliano-romagnola. Sono ammissibili gli interventi i cui lavori, servizi e forniture sono avviati a decorrere dal 01/01/2019 e i contributi sono concessi nella misura massima del 100% della spesa ammissibile per un importo massimo di 10 milioni di euro.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Provvidenze
  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica
  • Alberghi e strutture ricettive

Il credito d’imposta per la ristrutturazione di alberghi e strutture ricettive

Aspetti generali; Aumenti di cubatura; Riparto del credito d’imposta e cumulo con altre agevolazioni; Soggetti beneficiari; Interventi e spese ammissibili (con tabella riepilogativa); Presentazione istanze (con tabella riepilogativa); Fruizione del credito d’imposta; Aspetti pratici.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Compravendita e locazione
  • Imprese
  • Calamità
  • Terremoto Centro Italia 2016
  • Calamità/Terremoti
  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica
  • Protezione civile
  • Provvidenze

Sisma centro Italia 2016: termine sospensione versamenti mutui e canoni di locazione finanziaria (attività economiche e privati con prima casa distrutta o inagibile)