FAST FIND : CM1160

Prove di carico

Indagini statiche delle strutture. Applicazioni normative, metodologie e condizioni delle prove di carico.
INDAGINI STRUTTURALI

Con la recente uscita delle nuove Norme Tecniche per le Costruzioni - NTC 2018 (DM 17/01/2018) le PROVE DI CARICO entrano in gioco soprattutto quando ci si trova davanti a situazioni costruttive transitorie; ad esempio quelle che si hanno durante le fasi di edificazione di un immobile nuovo (collaudo). Le prove di carico sono, quindi, fondamentali nel campo delle Costruzioni dal momento che le opere non possono essere messe in esercizio se prima non viene eseguito il collaudo statico; è uno dei test maggiormente accreditati ai fini della collaudabilità delle opere proprio per identificare la corrispondenza tra il comportamento teorico e quello reale della struttura.

Nel caso di edifici esistenti la valutazione di sicurezza va effettuata quando si riscontrano particolari condizioni di criticità. A seguito di terremoti, di incendi e di esplosioni, le prove di carico vengono eseguite su quelle strutture che possono aver subito eventuali deficit. Anche a fronte di comprovati errori di progetto, oppure a seguito di cambi di destinazione d’uso, tali verifiche statiche accertano lostato di fattoe le capacità portanti degli elementi esaminati.

Indagini Strutturali srl è in grado di analizzare ogni singola situazione fornendo la soluzione più appropriata a seguito di uno studio preliminare della struttura ed effettuando prove di carico su manufatti nelle più disparate condizioni d’esercizio.

È pratica diffusa eseguire la maggior parte di prove di carico prevalentemente sui solai che, essendo le strutture più deformabili, possono essere interessati da spostamenti misurabili con carichi relativamente limitati; ciò non toglie che sia opportuno eseguire prove di carico anche sulle travi, sugli archi, sulle mensole o elementi strutturali inclinati come coperture a falde, scale, etc.

I modi di applicazione del carico più frequenti sono:

  • mediante CARICHI CONCENTRATI con cilindri oleodinamici contrastati sulle strutture sovrastanti o sottostanti. In tal caso è necessario verificare preventivamente che le strutture di contrasto affinché non vengano danneggiate dalle spinte esercitate dai martinetti;
  • mediante CARICHI DISTRIBUITI con serbatoi riempiti d’acqua;
  • mediante l’utilizzo di zavorre varie per le strutture inclinate;
  • mediante l’utilizzo di camion per le strutture come ponti e viadotti. In questo caso si controlla il comportamento elastoplastico delle strutture, in termini di deformazione massima sotto carico e di percentuale di deformazione residua dopo rimozione del carico;
  • mediante l’utilizzo di martinetti oleodinamici, con accurata struttura di contrasto, per le prove di carico su pali di fondazione. Prova pilota o di collaudo per verificarne la capacità portante.

La scelta di una particolare tipologia di prova dipende da diversi fattori: la posizione e la tipologia dell’elemento strutturale da indagare, l’entità del carico, il posizionamento della strumentazione di misura. Gli step ed i cicli di carico e scarico sono elementi fondamentali da scegliere con oculatezza affinché venga garantita una corretta esecuzione ed interpretazione della prova.

L’applicazione e la scelta degli strumenti di misura adottati per determinare lo spostamento durante la fase di carico vengono progettati e predisposti a seconda delle condizioni di indagine. Indagini Strutturali srl utilizza, usualmente come strumenti di misura, sensori elettronici montati su aste telescopicheall’intradosso della struttura e collegati ad un’unità d’acquisizione dati interfacciati tramite software a PC.

Inoltre, la completa dotazione di diverse tipologie di strumentazione di misura (sensori digitali posti su aste di varie lunghezze, sensori a filo, sensori posti su aste che permettono di misurare lo spostamento orizzontale) consente di essere all’altezza della situazione in ogni condizione di prova.

Nel caso in cui l’intradosso di un elemento strutturale soggetto a prova di carico non possa essere strumentato, gli abbassamenti vengono misurati grazie all’utilizzo di altri sistemi di misura che superano tale inconveniente.

Indagini Strutturali srl, sempre più di frequente, integra le prove di carico statiche con indagini dinamiche, in funzione delle necessità d’approfondimento d’indagine e delle caratteristiche delle strutture testate, così come specificato dal D.M. del 17.01.2018 NTC 2018.

 

Collegamenti all’argomento del sito

Prove di carico

Prove con carichi concentrati

Prove con carichi distribuiti

Prove su pali di fondazione

Prove di carico su ponti e viadotti

 

 

Via Guido de Ruggiero, 5 - 00142 Roma
Tel. 06.54602628 - Fax 06.54074980
info@indaginistrutturali.it
www.indaginistrutturali.it



I nostri social:

     


Per maggiori informazioni:

Ing. Vincenzo Giannetto (Roma)
Cell: +39 335 6270044
enzogiannetto@indaginistrutturali.it

Ing. Marko Caretti Belletti (Milano)
Cell: +39 333 9316522
markobelletti@indaginistrutturali.it

Arch. Danilo Pofi (Triveneto)
Cell: +39 392 5564788
danilopofi@indaginistrutturali.it
 


 

Dalla redazione

  • Edilizia e immobili

La riforma del Testo unico dell’edilizia, riflessioni e considerazioni

Alcune riflessioni e considerazioni di commento in merito alla revisione del Testo unico dell’edilizia in corso ed alle prime indiscrezioni in merito ai contenuti della bozza su cui l’apposita Commissione è al lavoro.
A cura di:
  • Roberto Gallia

Dove getto i rifiuti?

Un breve excursus su come, in Giappone, abbiano affrontato (e risolto) l’annoso problema della raccolta dei rifiuti urbani, tratto dalla tesina d’esame di una brillante, giovanissima, studentessa.
  • Norme tecniche
  • Costruzioni
  • Costruzioni in zone sismiche
  • Cemento armato

I sistemi costruttivi a pareti portanti ICF (Insulating Concrete Forms)

Questo contributo fornisce alcune informazioni di base sui sistemi costruttivi a pareti portanti in cemento armato ICF (Insulating Concrete Forms) offrono la possibilità di realizzare pareti e solai mediante casserature isolanti “a perdere”, autoportanti, realizzate in polistirolo, che sfruttano la resistenza offerta da quest’ultimo per contenere il calcestruzzo fluido fino alla sua completa maturazione, che avviene in condizioni ottimali di umidità e di temperatura.
A cura di:
  • Cristian Angeli
  • Edilizia e immobili
  • Costruzioni
  • Costruzioni in zone sismiche
  • Edilizia scolastica
  • Edilizia residenziale
  • Norme tecniche

Progettare la tenuta all’aria nelle costruzioni in legno

Nelle costruzioni in legno spesso l’esecuzione dei lavori è molto più importante dei calcoli progettuali: garantire all’edificio un’elevata ermeticità, ovvero essere privo di spifferi, è naturalmente di primaria importanza. Ogni perdita rappresenta un difetto costruttivo, un dettaglio non correttamente analizzato a livello progettuale o non realizzato secondo le indicazioni del tecnico ed è fonte di diverse problematiche più o meno gravi. Questo contributo, riferito al caso specifico delle strutture in legno, illustra i diversi modi con cui può essere garantita la tenuta all’aria, a seconda che si stia lavorando su pareti a telaio, X-Lam o altri sistemi costruttivi.
A cura di:
  • Franco Piva
  • Edilizia e immobili
  • Compravendita e locazione
  • Catasto e registri immobiliari

Il valutatore immobiliare di livello avanzato ai sensi della norma UNI 11558 e la prassi UNI PdR 19/2016

Sia la Norma UNI 11558:2014 che l’UNI PdR 19:2016 prevedono, per quanto attiene la certificazione del Valutatore Immobiliare, due livelli distinti di competenza in materia: il valutatore di livello base e il valutatore di livello avanzato. La differenza tra i due livelli viene sostanzialmente stabilita – dalle predette norme – su un discrimine di mera conoscenza dei metodi di stima. Il valutatore base è tenuto a conoscere i metodi di valutazione basati sul confronto di mercato, sulla capitalizzazione diretta e sul criterio del costo, mentre il valutatore avanzato è tenuto a conoscere tutti i metodi di stima (compresi, quindi, quello del valutatore base) inclusi i metodi definibili come “complessi”.
A cura di:
  • Graziano Castello

Dalle Aziende

  • Costruzioni in zone sismiche
  • Informatica
  • Norme tecniche

Classificazione del Rischio Sismico e documentazione per l’accesso al “Sisma Bonus 110%”

La stima della vulnerabilità degli edifici esistenti rappresenta, sicuramente, un problema di particolare importanza per il territorio italiano, dove una parte considerevole del patrimonio architettonico è stato realizzato antecedentemente all'entrata in vigore delle norme antisismiche.
  • Informatica

Sismicad 12.16: migliora il dialogo con Revit

Sismicad 12.16 migliora ancora lo scambio di informazioni con Revit in import ed export. Attraverso il plugin di Revit è possibile importare un lavoro di Sismicad con tutte le armature in famiglie native, ovvero elementi modificabili al suo interno. Un altro passo avanti per gestire la fase di progettazione con logiche BIM, in modo sempre più agile.
  • Edilizia e immobili

Otto milioni di italiani in case con problemi strutturali o di umidità, uno su dieci in abitazioni con inquinamento acustico

Con il Covid-19 arriva la rivoluzione del concetto di casa: gli spazi cambiano e c’è più attenzione alla salubrità degli ambienti interni per tutelare la salute. Nascono una nuova cultura del costruire e una nuova filosofia dell’abitare, protagoniste di SAIE, la fiera delle costruzioni.
  • Edilizia e immobili
  • Alberghi e strutture ricettive
  • Edilizia residenziale
  • Edilizia scolastica
  • Impianti sportivi
  • Locali di pubblico spettacolo
  • Ospedali e strutture sanitarie

Phonolook presso la palestra di Arino di Dolo

Un altro lavoro di miglioramento acustico è stato portato a termine grazie a Phonolook
  • Edilizia e immobili

SAIE 2020 è confermata: ecco le linee guida per la sicurezza.

SAIE - La Fiera delle Costruzioni. Progettazione, edilizia, impianti - (BolognaFiere 14 – 17 ottobre 2020) è confermata ed è pronta per la ripartenza.
  • Informatica

SuperBonus 110%: occasione di rilancio per l'edilizia e sfida per l'innovazione e la digitalizzazione del settore

Per cogliere appieno l’importante opportunità offerta dal SuperBonus sono richiesti requisiti tecnici che impongono elevati standard in termini di competenza tecnica e sinergia. Per ottenere il massimo lavora con il leader italiano del software per l’edilizia!
  • Costruzioni in zone sismiche
  • Norme tecniche

PRO_SAP e muratura armata

La muratura armata è una tecnologia che sta prendendo sempre più piede grazie al fatto che coniuga la sicurezza strutturale alle alte prestazioni termiche, inoltre ha ottima durabilità e non presenta le note problematiche di verifica dei nodi dei telai in CA che sono sorte con le recenti NTC 2018.
  • Norme tecniche
  • Costruzioni
  • Costruzioni in zone sismiche

Prove di carico: il carico distribuito

Prove statiche su strutture orizzontali tramite carichi distribuiti