FAST FIND : NN2268

L. 31/01/1994, n. 97

Nuove disposizioni per le zone montane.
Testo coordinato con le modifiche introdotte da:
- D.L. 19/05/2020, n. 34
- D.L. 17/03/2020, n. 18 (L. 24/04/2020, n. 27)
- L. 27/12/2004, n. 309
- L. 27/12/2002, n. 289
- L. 28/12/2001, n. 448
- L. 23/12/2000, n. 388
- L. 17/05/1999, n. 144
- L. 29/11/1995, n. 513
- Sentenza C. Cost. 10/05/1995, n. 156
Scarica il pdf completo
54422 6383841
Art. 1. - (Finalità della legge)

1. La salvaguardia e la valorizzazione delle zone montane, ai sensi dell'articolo 44 della Costituzione, rivestono carattere di preminente interesse nazionale. Ad esse concorrono, per quanto di rispettiva competenza, lo Stato, le regioni, le province autonome e gli enti locali.

2. Le disposizioni della presente legge costituiscono principi fondamentali ai sensi dell'articolo 117 della Costituzione. Le regioni a statuto spe

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54422 6383842
Art. 2 - (Fondo nazionale per la montagna)

N10

1. È istituito presso il Ministero del bilancio e della programmazione economica il Fondo nazionale per la montagna.

2. Il Fondo è alimentato da trasferimenti comunitar

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54422 6383843
Art. 3. - (Organizzazioni montane per la gestione di beni agro-silvo-pastorali)

1. Al fine di valorizzare le potenzialità dei beni agro-silvo-pastorali in proprietà collettiva indivisibile ed inusucapibile, sia sotto il profilo produttivo, sia sotto quello della tutela ambientale, le regioni provvedono al riordino della disciplina delle organizzazioni montane, anche unite in comunanze, comunque denominate, ivi comprese le comunioni familiari montane di cui all'articolo 10 della legge 3 dicembre 1971, n. 1102, le regole cadorine di cui al decreto legislativo 3 maggio 1948, n. 1104, e le associazioni di cui alla legge 4 agosto 1894, n. 397, sulla base dei seguenti principi:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54422 6383844
Art. 4. - (Conservazione dell'integrità dell'azienda agricola)

1. Nei comuni montani, gli eredi considerati affittuari ai sensi dell'articolo 49 della legge 3 maggio 1982, n. 203, delle porzioni di fondi rustici ricomprese nelle quote degli altri coeredi hanno diritto, alla scadenza del rapporto di affitto instauratosi per legge, all'acquisto della proprietà delle porzioni mede

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54422 6383845
Art. 5. - (Procedura per l'acquisto della proprietà)

1. Gli eredi che intendono esercitare il diritto di cui all'articolo 4 devono, entro sei mesi dalla scadenza del rapporto di affitto, notificare ai coeredi, mediante lettera raccomandata con avviso di ricevimento, la dichiarazione di acquisto e versare il prezzo entro il termine di tre mesi dall'avvenuta notificazione della dichiarazione.

2. Il prezzo di

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54422 6383846
Art. 5-bis. - (Disposizioni per favorire le aziende agricole montane)

N5

1. Nei territori delle comunità montane, il trasferimento a qualsiasi titolo di terreni agricoli a coltivatori diretti e ad imprenditori agricoli a titolo principale che si impegnano a costituire un compendio unico e a coltivarlo o a condurlo per un periodo di almeno dieci anni dal trasferimento è esente da imposta di regis

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54422 6383847
Art. 6. - (Usucapione di fondi rustici e trasferimenti immobiliari)

1. All'articolo 2 della legge 10 maggio 1976, n. 346, le parole: "non supera compless

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54422 6383848
Art. 7. - (Tutela ambientale)

1. I piani pluriennali di sviluppo socio-economico di cui all'articolo 29, comma 3, della legge 8 giugno 1990, n. 142, hanno come finalità principale il consolidamento e lo sviluppo delle attività economiche ed il mig

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54422 6383849
Art. 8. - (Caccia, pesca e prodotti del sottobosco)

1. Nei comuni montani la caccia, la pesca e la raccolta dei prodotti del sottobosco, che sono parte rilevante dell'economia delle zone montane, vanno finalizzate:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54422 6383850
Art. 9. - (Forme di gestione del patrimonio forestale)

1. Le comunità montane, singolarmente o in associazione tra loro, nell'ambito del proprio territorio e d'intesa con i comuni ed altri enti interessati, sono tenute a promuovere la gestione del patrimonio forestale mediante apposite convenzioni tra i proprietari. Possono altresì promuovere la costituzione di consorzi forestali, anche in forma coattiva qualora lo richiedano i proprietari di almeno i tre quarti della superficie interessata. Tutte le forme di gestione previste dal presente articolo possono godere dei benefici

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54422 6383851
Art. 10. - (Autoproduzione e benefici in campo energetico)

1. L'energia elettrica prodotta nei territori montani da piccoli generatori comunque azionati, quali aerogeneratori, piccoli gruppi elettrogeni, piccole centraline idro-elettriche, impianti fotovoltaici,

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54422 6383852
Art. 11. - (Esercizio associato di funzioni e gestione associata di servizi pubblici)

1. Le comunità montane, anche riunite in consorzio fra loro o con comuni montani, in attuazione dell'articolo 28, comma 1, della legge 8 giugno 1990, n. 142, promuovono l'esercizio associato di funzioni e servizi comunali con particolare riguardo ai settori di:

a) costituzione di strutture tecnico-amministrative di supporto alle

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54422 6383853
Art. 12. - (Servizi. Usi civici)

1. Alle comunità montane si applicano gli articoli 22, 23, 24, 25

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54422 6383854
Art. 13. - (Interventi per lo sviluppo di attività produttive)

1. All'articolo 1, comma 2, del decreto-legge 22 ottobre 1992, n. 415, convertito, con modificazioni, dalla legge 19 dicembre 1992, n. 488, la lettera b) è sostituita dalla seguente:

"b) la graduazione dei livelli di sovvenzione deve essere attuata secondo un'articolazione terr

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54422 6383855
Art. 14. - (Decentramento di attività e servizi)

1. Il CIPE e le regioni emanano direttive di indirizzo tendenti a sollecitare e vinco

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54422 6383856
Art. 15

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54422 6383857
Art. 16. - (Agevolazioni per i piccoli imprenditori commerciali)

1. Per i comuni montani con meno di 1.000 abitanti e per i centri abitati con meno di 500 abitanti ricompresi negli altri comuni montani

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54422 6383858
Art. 17 - (Incentivi alle pluriattività)

1. I coltivatori diretti, singoli o associati, i quali conducono aziende agricole ubicate nei comuni montani, in deroga alle vigenti disposizioni di legge possono assumere in appalto sia da enti pubblici che da privati, impiegando esclusivamente il lavoro proprio e dei familiari di cui all'articolo 230-bis del codice civile, nonché utilizzando esclusivamente macchine ed attrezzature di loro proprietà, lavori relativi alla sistemazione e manutenzione del territorio montano, quali lavori di forestazione, di costruzione di piste forestali, di arginatura, di sistemazione idraulica, di difesa dalle avversità atmosferiche e dagli incendi boschivi nonché lavori agricoli e forestali tra i quali l'aratura, la semina, la potatura, la falciatura, la mietitrebbiatura, i trattamenti antiparassitari, la raccolta di prod

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54422 6383859
Art. 18. - (Assunzioni a tempo parziale)

1. Le imprese e i datori di lavoro aventi sedi ed operanti nei comuni montani, in deroga alle norme sul collocamento della mano d'opera, possono assumere senza oneri previdenziali, a tempo parziale, ai sensi dell'articolo 5 del decreto-legge 30 ottobre 1984, n. 726, convertito, con modificazioni, dalla legge 19 dicembre 1984, n. 863, o in forma stagionale, coltivatori diretti “residenti in comuni montani”

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54422 6383860
Art. 19. - (Incentivi per l'insediamento in zone montane)

1. Al fine di favorire il riequilibrio insediativo ed il recupero dei centri abitati montani, le regioni possono predis

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54422 6383861
Art. 20. - (Collaborazione tra soggetti istituzionali)

1. Lo Stato, le regioni e gli enti locali, nell'ambito delle rispettive competenze, collaborano nel realizzare un equilibrato svil

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54422 6383862
Art. 21. - (Scuola dell'obbligo)

1. Nei comuni montani con meno di 5.000 abitanti possono essere costituiti istituti c

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54422 6383863
Art. 22. - (Riorganizzazione degli uffici e dei servizi dello Stato)

1. Gli uffici statali esistenti nei comuni montani possono essere accorpati previo pa

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54422 6383864
Art. 23. - (Deroghe in materia di trasporti)

1. Per i comuni montani con meno di 5.000 abitanti e per i centri abitati con meno di

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54422 6383865
Art. 24. - (Informatica e telematica)

1. Le comunità montane possono operare quali sportelli dei cittadini per superare le difficoltà di comunicazione tra le varie strutture e servizi territoriali. A tal fine, le amministrazioni pubbliche ed i soggetti che gestiscono pubblici servizi sono tenuti a consentire loro l'accesso gratuito

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54422 6383866
Art. 25. - (Onere finanziario)

1. All'onere, ivi comprese le minori entrate, derivante dall'applicazione della presente legge, ad eccezione di quanto previsto nell'articolo 2, valutato in lire 20.000 milioni per ciascuno degli anni 1994, 1995 e 1996, si provvede mediante corrispondente riduzione dello stanziamento iscritto, ai fini del bilancio triennale 1994-1996, al capitolo 9001 dello stato di previsione del Ministero del tesoro per l'anno 1994, all'uopo parzialmente utilizzando l'accantonamento relativo al Ministero del tesoro quanto all'anno 1994 e quello relativo al Ministero delle risorse agricole, alimentari e forestali quanto agli anni 1995 e 1996.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Pubblica Amministrazione
  • Enti locali
  • Procedimenti amministrativi

Norme di trasparenza e anticorruzione per Ordini e Collegi professionali

NORMATIVA DI RIFERIMENTO - OBBLIGHI E SANZIONI (Sintesi dei principali obblighi; Scelta del RPCT in Consigli nazionali, Ordini e Collegi professionali; Decorrenza degli obblighi e controlli dell’ANAC; Sanzioni).
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Rosalisa Lancia
  • Impianti sportivi
  • Provvidenze
  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica
  • Enti locali
  • Pubblica Amministrazione

Puglia: contributi per il potenziamento del patrimonio impiantistico sportivo dei Comuni

Disponibili 8 milioni di euro per la concessione di contributi in conto capitale a sostegno della realizzazione di progetti volti all'ampliamento delle possibilità di utilizzo degli spazi e/o degli impianti sportivi comunali esistenti e alla creazione di nuovi. Attraverso l'avviso la Regione Puglia sostiene la realizzazione di proposte progettuali da parte dei Comuni; ciascun Comune può ottenere un contributo complessivo pari a 100 mila euro e presentare massimo due proposte progettuali.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Pubblica Amministrazione
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Energia e risparmio energetico
  • Enti locali

Calabria: contributi per l’efficienza energetica degli edifici pubblici nelle aree interne

È di oltre 21,4 milioni di euro lo stanziamento previsto dalla Regione Calabria per la realizzazione di interventi di efficientamento energetico negli edifici dei Comuni inseriti nella Strategia Regionale per le Aree Interne (SRAI). Gli interventi, che possono essere finanziati fino al 100% delle spese ammissibili, devono conseguire un risparmio di energia primaria non rinnovabile rispetto alla situazione ante intervento non inferiore al 20% per ciascun edificio oggetto di intervento. Il valore del contributo richiesto dovrà essere compreso tra 100 mila e 500 mila euro.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Strade, ferrovie, aeroporti e porti
  • Enti locali
  • Provvidenze
  • Finanza pubblica
  • Pubblica Amministrazione
  • Infrastrutture e opere pubbliche

Lombardia: 8 milioni di euro per la sicurezza stradale

La Regione Lombardia concede contributi a fondo perduto per la realizzazione di interventi di riduzione dell’incidentalità stradale sulla rete viaria dei Comuni e Province. Sono ammessi a finanziamento le spese sostenute relativamente ai seguenti progetti: opere infrastrutturali, interventi per la messa in sicurezza, segnaletica, piste e percorsi ciclabili, impianti di illuminazione a basso consumo energetico. Disponibili in tutto 8 milioni di euro suddivisi per gli anni 2019, 2020 e 2021. Il cofinanziamento è riconosciuto fino al 50% del costo totale delle spese ammissibili.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Aree urbane
  • Pubblica Amministrazione
  • Urbanistica
  • Enti locali
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze

Toscana: finanziamenti per interventi di rigenerazione urbana nelle aree interne

Bando da oltre 4 milioni di euro per finanziare interventi di rigenerazione urbana nelle aree interne della Toscana. L'obiettivo è quello aiutare i Comuni, grandi e piccoli, a migliorare e innovare il tessuto urbano, prevenire il degrado, recuperare “aree critiche” ed immobili di grandi dimensioni abbandonati o in rovina grazie ad interventi mirati, che mettano a frutto lo spirito della legge sul governo del territorio (L.R. Toscana n. 65/2014) e riattivino aree interne al perimetro urbanizzato dando loro nuova vita e nuove finalità.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Informatica
  • Procedimenti amministrativi
  • Pubblica Amministrazione
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Impatto ambientale - Autorizzazioni e procedure

Lombardia: fine fase sperimentale app "Aua Point" per comunicazione scarichi ed emissioni

  • Commercio e mercati
  • Procedimenti amministrativi
  • Urbanistica
  • Pubblica Amministrazione

Emilia Romagna - Prosecuzione attività in locali privi di requisiti imprese con sede non agibile al 31/12/2018

  • Demanio idrico
  • Demanio
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Acque
  • Pubblica Amministrazione

Scadenza concessioni demaniali per finalità turistico-ricreative e varie