FAST FIND : GP8709

Sent. C. Stato 15/09/2009, n. 5509

51903 51903
1. Edilizia ed urbanistica - Attività edilizia - Abusi - Demolizione di pertinenza (Trasformazione di deposito in autorimessa) senza permesso di costruire - Legittimità 2. Edilizia ed urbanistica - Attività edilizia - Ristrutturazione edilizia - Rispetto della volumetria esistente - Necessità
1. La definizione di pertinenza dettata dal diritto civile non coincide con quella vigente in diritto amministrativo urbanistico, basata sul concetto di funzione autonoma della costruzione rispetto all’altra e che rende necessario il titolo edilizio proprio delle nuove edificazioni. Pertanto è legittima l’ordinanza di demolizione a seguito dell’effettuazione di opere di trasformazione di un deposito in autorimessa in assenza di permesso di costruire, ritenuto necessario in quanto il deposito non poteva considerarsi pertinenza in senso urbanistico. 2. La definizione di ristrutturazione edilizia [art. 3, c. 1, lett. d), D.P.R. 01/380] fa indubbiamente riferimento alla possibilità che tale tipo di intervento comporti la costruzione di un edificio in tutto o in parte diverso, ma in quanto limite complessivo e non dimensionale ammesso e raggiungibile dall’intervento; quanto alla tipologia, la disposizione prevede che l’insieme sistematico delle opere che connota la ristrutturazione si realizza anche attraverso la sostituzione dei materiali e può condurre a detto diverso risultato, ma ribadisce anche il rispetto della volumetria preesistente; a differenza della sostituzione dei materiali, l’incremento volumetrico non rientra dunque nelle diversità ammesse dalla definizione di ristrutturazione.

1. Per il concetto di pertinenza urbanistica ved. C.Stato V 22 ottobre 2007 n. 5515 R; 1 marzo 2003 n. 7822 [R=WCS1M037822]; 18 aprile 2001 n. 2325 R; VI 8 marzo 2000 n. 1174 R; e in particolare per i garages, ved. C.Stato V 29 marzo 2004 n. 1662 [R=WCS29M041662]. 1a. (ATED-ABUSI.3) - Sulla demolizione di opere abusive ved. Cass.pen. III 18 febbraio 2009 n. 6902 R (Demolizione del manufatto abusivo - Non equivale a ripristino dello stato dei luoghi); III 19 gennaio 2009 n. 1819 R (Costruzione abusiva - Inottemperanza all’ordine di demolizione - Acquisizione dell’immobile al patrimonio comunale); C.Stato VI 6 giugno 2008 n. 2705 R e V 4 marzo 2008 n. 883 R (Motivazione dell’ordine di demolizione - Criterio di sufficienza); V 20 marzo 2007 n. 1325 [R=WCS20M08883] (La demolizione in caso di abusi nell’attività edilizia, può essere sostituita con una sanzione pecuniaria - Condizioni); Cass. pen. III 23 gennaio 2007 n. 1904 R (Esecuzione dell’ordine del giudice di demolizione del manufatto abusivo - Condizioni per la sospensione dell’esecuzione in seguito a domanda di condono edilizio); III 12 dicembre 2006 n. 40438 R (Demolizione - ex art. 31, c. 9 del T.U., D.P.R. 6 giugno 2001 n. 380 R - di opera edile abusiva perché eseguita senza permesso di costruire o in totale difformità o con variazioni essenziali rispetto all’opera autorizzata) C.Stato IV 29 maggio 2006 n. 3270 R (Onere di motivazione dell’ordine di demolizione di opera abusiva - Condizioni); C.Stato II, Par. 28 aprile 2004 n. 3546/2003 R (Ordinanza di demolizione di opera di edilizia abusiva - Legittima in caso di mutamento destinazione d’uso); V 30 ottobre 2003 n. 6736 R (Sulla demolizione immediata - ex art. 4, c. 2, L. 28 febbraio 1985 n. 47 R - di abusi edilizi realizzati su aree edificabili); Cass. pen. III 30 settembre 2003 n. 37120 [R=WP30S0337120] (Demolizione di costruzioni edilizie abusive - Acquisizione dei beni al patrimonio comunale - Effetti sull’ordine di demolizione); III 29 settembre 2003 n. 37051 [R=WCS29S0337051] (Esecuzione dell’ordine di demolizione di un edificio dato in affitto - Ammissibilità); III 11 marzo 2003 n. 11051 [R=WCS11M0311051] (Condizioni alle quali è possibile la revoca, la modifica o la sospensione dell’ordine di demolizione impartito dal giudice con la sentenza di condanna ex art. 7, L. 28 febbraio 1985 n. 47 R); C.Stato V 25 giugno 2002 n. 3443 R (Presupposti per l’ordine di demolizione di un fabbricato abusivo); Csi 23 aprile 2001 n. 183 R (Motivazione non necessaria per l’ordine di demolizione di opera edilizia abusiva purchè ultimata da non molto tempo); 21 marzo 2001 n. 137 R (Illegittimità dell’ordine di demolizione di immobile qualora l’abuso edilizio consista in sue modifiche irrilevanti); C.Stato V 5 marzo 2001 n. 1244 R (L’ordine di demolizione di opera abusiva perchè eseguita senza concessione o in sua totale difformità è atto dovuto); V 16 febbraio 2001 n. 806 R (Impugnazione dell’ordine di demolizione di opera abusiva e giurisdizione); V 6 febbraio 2001 n. 786 R (Legittimità dell’ordine di demolizione di opera edilizia abusiva realizzata con manufatto spostabile - Condizioni); Cass.pen. III 29 dicembre 2000 n. 3755 [R=WP29D003755] (Inosservanza dell’ordine di demolizione di opera abusiva - Conseguenze); III 29 dicembre 2000 n. 3489 [R=WP29D003489] (Ordine di demolizione dell’opera edilizia abusiva - Potere-dovere del giudice); Tsa 1 dicembre 2000 n. 141 R (Demolizione di costruzione edilizia abusiva eseguita su terreno demaniale - Competenza ing. capo Genio civile); Cass.pen. III 4 luglio 2000 n. 1961 [R=WP4L001961] (Sulla determinazione delle modalità esecutive della demolizione disposta ex art. 7, L. 1985/47 è competente il pubblico ministero); III 15 marzo 2000 n. 65 [R=WP15M0065] (Effetti dell’ordine di demolizione di opera edilizia abusiva, ex art. 7, u.c., L. 1985/47); C.Stato V 6 marzo 2000 n. 1149 R (Competenza del dirigente comunale); VI 28 febbraio 2000 n. 1055 R (In caso di ordinanza di demolizione della parte abusiva di un manufatto bisogna tener conto delle conseguenze della demolizione stessa, per il danno che può subire la parte della struttura non demolita); V 26 gennaio 2000 n. 341 R (Sulle condizioni per l’ingiunzione di demolizione di un’opera abusiva e sulla tardiva demolizione, da considerare illegittima ed illecita, di un’opera abusiva rispetto al termine di 90 gg. fissato dalla legge per la demolizione e per il ripristino dello stato dei luoghi); VI 20 gennaio 2000 n. 268 R (Sulla demolizione di interventi edilizi eseguiti senza l’autorizzazione della Soprintendenza su immobili di interesse artistico, storico o archeologico); Cass.pen. III 5 gennaio 2000 n. 3286 [R=WP5GE003286] (La sospensione dell’ordine di demolizione del Sindaco disposta dal giudice amministrativo è ininfluente sul potere del giudice penale); V 2 dicembre 1999 n. 13812 [R=WP2D9913812] (Sulla impugnazione dell’ordine di demolizione del giudice); V 21 ottobre 1999 n. 12050 [R=WP21O9912050] (In tema di reati edilizi l’ordine di demolizione ha natura di sanzione amministrativa); III 9 ottobre 1999 n. 2294 [R=WP9O992294] (Sull’ordine di demolizione del giudice e l’inapplicabilità della sospensione della pena); C.Stato V 1 ottobre 1999 n. 1228 R (Destinatario dell’ordine di demolizione di immobile abusivo è il responsabile dell’abuso e non il proprietario dell’immobile); Cass.pen. III 22 settembre 1999 n. 10747 [R=WP22S9910747] (L’ordine di demolizione della costruzione abusiva emanato dal giudice ha natura autonoma e non suppletiva rispetto al corrispondente potere del Sindaco); III 29 luglio 1999 n. 1885 [R=WP29L991885] (Sulle modalità di esecuzione della demolizione di immobile abusivo ordinata dal giudice); III 16 luglio 1999 n. 1879 [R=WP16L991879] (L’ordine di demolizione ha effetto non solo a carico dell’imputato ma anche nei riguardi di coloro che hanno un diritto reale sull’area di sedime); Csi 14 giugno 1999 n. 280 R e 18 novembre 1998 n. 662 R (Per l’ordine di demolizione in zona del demanio marittimo non occorre motivazione); Cass.pen. III 9 aprile 1999 n. 758 [R=WP9A99758] (1. Sull’esecuzione dell’ordine di demolizione è competente il pubblico ministero. - 2. Sulla procedura di correzione dell’errore materiale dell’ordine di demolizione); C.Stato V 19 marzo 1999 n. 286 R (L’ordine di demolizione deve di regola essere motivato); Cass.pen. III 13 gennaio 1999 n. 309 [R=WP13GE99309] [Sul significato e la portata che ha, in tema di demolizione, il richiamo - contenuto nell’art. 7 della L. 1985/47 - dell’art. 17, lett. b), L. 28 gennaio 1977 n. 10]; III 18 dicembre 1998 n. 2882 [R=WP18D982882] (La demolizione non è impedita dall’alienazione dell’immobile); C.Stato V 11 febbraio 1999 n. 144 R e V 14 ottobre 1998 n. 1483 R (Condizioni in cui non occorre motivazione specifica per l’ordine di demolizione); Cass.pen. III 21 ottobre 1998 n. 1945 [R=WP21O981945] (Sulla autonomia dei rapporti fra ordinanza di demolizione del Sindaco e del giudice penale); C.Stato V 14 ottobre 1998 n. 1462 R e 24 marzo 1998 n. 350 R e 30 aprile 1997 n. 410 R (Per l’ordine di demolizione non è necessario il parere della Sezione urbanistica); Cass.pen. V 30 settembre 1998 n. 10309 [R=WP30S9810309] (È legittimo il provvedimento di sospensione della pena, condizionata alla demolizione dell’opera abusiva); Csi 14 aprile 1998 n. 199 R (È legittimo l’ordine del Sindaco di demolizione di una costruzione eretta su suolo demaniale); C.Stato V 24 marzo 1998 n. 350 R (Per l’ordine di demolizione di opera abusiva in zona vincolata non occorre autorizzazione dell’Autorità preposta al vincolo); V 24 marzo 1998 n. 345 R (Sull’ordine di demolizione ha competenza il Sindaco); Csi 18 marzo 1998 n. 161 R (L’ordinanza che contesta la mancata demolizione di un immobile deve essere notificata a tutti i proprietari); Cass.pen. III 24 febbraio 1998 n. 4262 [R=WP24F984262] (L’atto che accerta l’inosservanza dell’ordine di demolizione ha natura dichiarativa); C.Stato V 19 febbraio 1998 n. 172 R (1. Sulla valutazione della compatibilità della demolizione gratuita con gli interessi pubblici la competenza è del Sindaco e non degli organi collegiali del Comune; 2. La demolizione e l’acquisizione gratuita sono due provvedimenti repressivi con portata diversa); Csi 29 dicembre 1997 n. 574 R (L’ordine di demolizione è un atto dovuto); C.Stato V 4 novembre 1997 n. 1234 R (Non ha rilevanza che gli atti preparatori di una demolizione siano predisposti da un esperto estraneo all’Amministrazione); V 30 aprile 1997 n. 410 R (Parere della Sezione urbanistica, non necessario); V 3 agosto 1993 n. 816 R e 3 gennaio 1992 n. 1 R; C.Cost. ord. 24 maggio 1996 n. 170 R; Csi 18 maggio 1996 n. 143 R (Ordine di demolizione motivato con l’interesse pubblico); C.Stato IV 3 febbraio 1996 n. 95 R e V 26 gennaio 1996 n. 86 R e V 17 novembre 1994 n. 1305 [R=WCS17N941305] (Motivazione dell’ordine di demolizione e poteri del Sindaco); V 3 luglio 1995 n. 991 R (Ai fini dell’impugnazione dell’ordine di demolizione, il proprietario vicino non è controinteressato); Csi 28 febbraio 1995 n. 58 R e 5 agosto 1993 n. 291 R e C.Stato V 26 giugno 1992 n. 581 R (L’ordine di demolizione in pendenza di domanda di sanatoria è illegittimo); V 6 dicembre 1993 n. 1253 R e, contra, V 31 ottobre 1992 n. 1114 R (Non occorre che l’ordine di demolizione venga notificato al costruttore non proprietario del suolo nè al coniuge del proprietario del suolo); V 21 dicembre 1992 n. 1537 R e 3 gennaio 1992 n. 1 R (Ordine di demolizione ex art. 15, c.8, L. 1977/10); Cass.pen. III 7 maggio 1992 n. 489 [R=WP7MA92489] (L’attuazione dell’ordine di demolizione spetta alla pubblica amministrazione); Cass. S.U. 10 marzo 1992 n. 2857 R (Giurisdizione circa la domanda di risarcimento danni del proprietario dell’edificio demolito su ordine asserito illegittimo). 2. Conf. C. Stato IV 22 marzo 2007 n. 1388 [R=WCS22M071388]; 31 ottobre 2006 n. 6464 [R=WCS31O066464]; V 30 agosto 2006 n. 5061 [R=WCS30AG065061]; 16 marzo 2005 n. 1062 R; 15 aprile 2004 n. 2142 R. 2a. (ATED-RISTR.1) - Sulla ristrutturazione edilizia ved. C.Stato VI 16 dicembre 2008 n. 6214 R (La demolizione e ricostruzione di in immobile può essere considerata come ristrutturazione - Condizioni); VI 11 novembre 2008 n. 5625 R [La ricostruzione di un edificio demolito va intesa - ai sensi della L. 6 giugno 2001 n. 380, art. 3, c. 1, lett. d [R=L38001]), 3a parte - non come nuova edificazione ma come ristrutturazione]; Cass. pen. III 24 settembre 2008 n. 36542 R e III 19 settembre 2008 n. 35933 R e (I ruderi sono da considerarsi area non edificata e quindi la loro ristrutturazione - la quale in generale implica l’esistenza di un manufatto da riedificare e consolidare - costituisce nuova costruzione); C. Stato V 8 settembre 2008 n. 4256 R (La ristrutturazione edilizia è uno degli interventi di recupero di cui all’art. 31 L. 5 agosto 1978 n. 457 R, nei quali rientra anche il caso di demolizione e successiva “fedele” ricostruzione) e relativa nota 1a.
[D.P.R. 6 giugno 2001 n. 380, art. 3, c. 1, lett. d)]

Dalla redazione

  • Provvidenze
  • Urbanistica
  • Finanza pubblica
  • Aree urbane

Umbria: 3,5 mln per interventi di riqualificazione dei paesaggi rurali

Con 3,5 milioni di euro la Regione Umbria sostiene gli interventi di riqualificazione paesaggistica tesi a tutelare, recuperare e valorizzare i paesaggi rurali. Il contributo a fondo perduto copre fino all'80% delle spese ammissibili. Sono finanziabili: interventi di restauro, riqualificazione e valorizzazione dei paesaggi rurali; interventi per il ripristino delle infrastrutture verdi, con particolare attenzione alle penetrazioni verdi e agricole nei territori urbanizzati; interventi di mitigazione paesaggistica; interventi di restauro e risanamento conservativo di strutture e immobili funzionali al progetto d'area; la realizzazione di prodotti e materiali informativi e di sensibilizzazione.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Edilizia scolastica
  • Provvidenze
  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica

Veneto: bando per la sicurezza e qualità degli asili nido

La Regione Veneto ha messo a disposizione oltre 5 milioni di euro per contribuire ad interventi di messa a norma, adeguamento, riqualificazione e nuova costruzione di asili nido comunali e privati-convenzionati. Gli interventi devono riguardare: l'adeguamento sismico, antincendio e la messa a norma dell’edificio, nonché l'eliminazione di rischi e gli ampliamenti necessari per soddisfare esigenze di riqualificazione scolastica o di fruibilità di spazi. Finanziati anche interventi sull'esistente diversi dai precedenti, purché l’ente proponente certifichi che la struttura sia adeguata alle normative vigenti, e la costruzione di nuovi asili nido.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Enti locali
  • Energia e risparmio energetico
  • Pubblica Amministrazione

Calabria: contributi per l’efficienza energetica degli edifici pubblici nelle aree interne

È di oltre 21,4 milioni di euro lo stanziamento previsto dalla Regione Calabria per la realizzazione di interventi di efficientamento energetico negli edifici dei Comuni inseriti nella Strategia Regionale per le Aree Interne (SRAI). Gli interventi, che possono essere finanziati fino al 100% delle spese ammissibili, devono conseguire un risparmio di energia primaria non rinnovabile rispetto alla situazione ante intervento non inferiore al 20% per ciascun edificio oggetto di intervento. Il valore del contributo richiesto dovrà essere compreso tra 100 mila e 500 mila euro.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Provvidenze
  • Rifiuti
  • Finanza pubblica
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Puglia: contributi per l’ottimizzazione della gestione dei rifiuti urbani

È di 16 milioni di euro il contributo per l'avviso pubblico rivolto a tutti i Comuni pugliesi per la realizzazione di centri comunali per la raccolta di rifiuti differenziati urbani. I Comuni possono presentare una sola proposta progettuale tra le due differenti tipologie di intervento: per la realizzazione di un nuovo centro comunale di raccolta differenziata di rifiuti, con un finanziamento di 380 mila euro, oppure quello relativo all'ampliamento e/o adeguamento normativo di uno già esistente, per un importo di 230 mila euro.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze
  • Imprese

Piemonte: sostegno alle Start up innovative - Bando SC-UP

Dal 25/09/2019 è aperto lo sportello del Bando SC-UP, del valore di 10 milioni di euro, che sostiene la realizzazione di programmi di investimento e sviluppo (business plan) da parte di start up innovative di piccola dimensione che abbiano superato la fase di esplorazione iniziale/primo avvio e possiedano il potenziale per effettuare una rapida e significativa penetrazione del mercato. Il contributo è a fondo perduto e compreso tra 150 e 500 mila euro, fino al 100% dei costi ammissibili. Le attività devono concludersi entro il 31/12/2022.
A cura di:
  • Anna Petricca