FAST FIND : AR1435

Ultimo aggiornamento
28/11/2017

Patentino ascensoristi: ripristino Commissione prefettizia ed esami di abilitazione (L. 167/2017)

La Legge europea per il 2017 – pubblicata nella G.U. 27/11/2017, n. 277 - prevede il ripristino della Commissione prefettizia incaricata di svolgere le prove teorico-pratiche di esame per acquisire l’abilitazione alle attività manutentive sugli impianti di ascensore.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
4154417 4255546
PREMESSA

In data 27/11/2017 è stata pubblicata sulla G.U. 27/11/2017, n. 277, la L. 167/2017, recante disposizioni per l’adempimento degli obblighi derivanti dall’appartenenza dell’Italia all’Unione europea.

L’art. 23 della L. 167/2017 reca in particolare disposizioni finalizzate a completare l’attuazione della Direttiva 2014/33/UE - relativa agli ascensori installati in modo permanente in edifici o costruzioni nonché ai componenti di sicurezza prodotti nell’Unione o importati da paesi terzi, già recepita in Italia con il D.P.R. 10/01/2017, n. 23 - procedendo a tale scopo alla riattivazione della soppressa Commissione prefettizia incaricata degli esami di abilitazione alle attività manutentive dei tecnici in possesso dei requisiti prescritti.



4154417 4255547
ATTIVITÀ DI MANUTENZIONE IMPIANTI E CERTIFICATO DI ABILITAZIONE

A proposito delle attività manutentive da svolgersi sugli impianti, l’art. 15 del D.P.R. 162/1999, come modificato dal D.P.R. n. 23/2017, dispone che ai fini della conservazione dell’impianto e del suo normale funzionamento, il proprietario o il suo legale rappresentante sono tenuti ad affidare la manutenzione a persona munita di certificato di abilitazione (c.d. “patentino di ascensorista”), o a ditta specializzata che a sua volta deve provvedere a mezzo di personale abilitato.

Il suddetto certificato è rilasciato dal Prefetto in seguito all’esito favorevole di una prova teorico-pratica innanzi ad un’apposita Commissione esaminatrice, già disciplinata dagli artt. 6-10 del D.P.R. 24/12/1951, n. 1767.

Si rinvia per approfondimenti all’articolo “Ascensori e montacarichi: installazione, verifica e manutenzione” (Fast Find AR1380).



4154417 4255548
SOPPRESSIONE DELLA COMMISSIONE PREFETTIZIA

Tuttavia, ai sensi degli artt. 1-3 del D.P.R. 14/05/2007, n. 85 la Commissione per l’abilitazione alla manutenzione di ascensori e montacarichi non è più in carica a decorrere dal 20/07/2010, fatto che - oltre a compromettere il regolare svolgimento delle attività manutentive degli impianti, essenziale a garantire la sicurezza delle persone - ha rappresentato negli ultimi anni un serio ostacolo per l’occupazione dei giovani ascensoristi e per lo sviluppo delle aziende del settore.

La competenza in materia di rilascio dei certificati di abilitazione era infatti stata attribuita alle Prefetture, molte delle quali però, non potendo disporre in altro modo delle necessarie professionalità tecniche in grado di svolgere tale esame, avevano sospeso il rilascio delle abilitazioni, con notevoli ripercussioni negative sull’attività di manutenzione degli ascensori, nonché situazioni di incertezza normativa.

Per questo motivo, già il D.P.R. 23/2017 di recepimento della Direttiva 2014/33/UE avrebbe dovuto provvedere al ripristino della Commissione, cosa che però non è stata possibile in quella sede per via della carenza di una norma legislativa che lo prevedesse.



4154417 4255549
RIPRISTINO DELLA COMMISSIONE, contenuti delle prove d’esame

Di conseguenza, la Legge in commento - abrogando le vecchie norme di cui agli artt. 6 e 7 del D.P.R. 24/12/1951, n. 1767 - ripristina la Commissione, stabilendo che la stessa:

- è nominata dal Prefetto;

- si compone di cinque funzionari in possesso di adeguate competenze tecniche ed almeno uno dei quali, oltre al presidente, in possesso di laurea in Ingegneria.

I funzionari sono così designati:

- uno dal Ministero del lavoro e delle politiche sociali (che presiede la Commissione);

- uno dal Ministero delle infrastrutture e dei trasporti;

- uno dal Ministero dello sviluppo economico;

- uno dall’Istituto nazionale per gli infortuni sul lavoro (INAIL);

- uno da un’Azienda sanitaria locale, ovvero dall’ARPA, ove le disposizioni regionali attribuiscano a tale Agenzia le competenze in materia.

La Legge prevede altresì che:

- il certificato di abilitazione è valido su tutto il territorio nazionale;

- all’esame teorico pratico sono presenti almeno tre membri della Commissione, compreso il presidente;

- al presidente e ai componenti della Commissione non spetta alcun compenso;

- la data e la sede di svolgimento delle sessioni d’esame sono determinate dal Prefetto del capoluogo di Regione, il quale può disporre apposite sessioni di esame che raccolgono tutte le domande presentate nella Regione, al fine di razionalizzare le procedure finalizzate al rilascio del certificato di abilitazione. Il prefetto, nell’esercizio di tale potere, tiene conto del numero e della provenienza delle domande pervenute, previe intese con gli altri Prefetti della regione.

Per quanto riguarda i contenuti delle prove d’esame per l’abilitazione, resta fermo quanto disposto dall’art. 8 del D.P.R. 1767/1951, il quale prevede che vi siano una prova orale ed una prova scritta, con i seguenti contenuti:

- l’esame orale deve accertare la conoscenza generale delle leggi e delle norme tecniche, dei principali tipi di ascensori, del loro complesso elettrico e meccanico e delle relative parti, dei pericoli derivanti da cause elettriche o meccaniche nell’esercizio delle proprie mansioni;

- la prova pratica tende ad accertare la conoscenza della manutenzione dei singoli organi, della verifica delle funi, ella prova dei dispositivi di chiusura, di controllo, di fine corsa, di quelli paracadute, dello stato di isolamento dell’impianto elettrico. L’aspirante dovrà inoltre dimostrare di sapere operare la manovra di soccorso in caso di arresto della cabina fra piano e piano od in caso di incidenti, di saper intervenire in caso di manomissione dell’impianto.


legislazionetecnica.it

Riproduzione riservata

Dalla redazione

  • Impiantistica
  • Ascensori e montacarichi

Ascensori e montacarichi: installazione, verifica e manutenzione

Installazione dell’ascensore e messa in esercizio, misure di sicurezza nell’uso, manutenzioni e verifiche, malfunzionamento e fermo impianto, modifiche rilevanti all’impianto, particolarità per gli ascensori in servizio pubblico. Indicazioni aggiornate al D.P.R. 23/2017 con tabella degli obblighi del proprietario o dell’amministratore di condominio.
A cura di:
  • Studio Groenlandia
  • Energia e risparmio energetico
  • Impiantistica
  • Fonti alternative
  • Impianti alimentati da fonti rinnovabili

Incentivi per gli impianti alimentati da fonti rinnovabili - FER elettriche

Normativa di riferimento - Incentivi di cui al D. Min. Sviluppo Econ. 06/07/2012 - Incentivi di cui al D. Min. Sviluppo Econ. 23/06/2016 - Incentivi di cui al D. Min. Sviluppo Econ. 04/07/2019.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Impiantistica
  • Pubblica Amministrazione
  • Procedimenti amministrativi
  • Impianti alimentati da fonti rinnovabili

Impianti alimentati da fonti rinnovabili: regime e procedure autorizzative

INDICAZIONI GENERALI SUGLI IMPIANTI ALIMENTATI DA FONTI RINNOVABILI (Normativa di riferimento sugli impianti alimentati da fonti rinnovabili; Definizione di impianto per la produzione di energia da fonti rinnovabili; Libertà di installazione degli impianti alimentati da fonti rinnovabili; Incentivi; Prerogative regionali per gli impianti alimentati da fonti rinnovabili) - PROCEDURE AUTORIZZATIVE PER GLI IMPIANTI ALIMENTATI DA FONTI RINNOVABILI (Procedure a disposizione; L’autorizzazione unica (AU); La procedura abilitativa semplificata (PAS); Impianti alimentati da fonti rinnovabili in regime libero o previa comunicazione) - CASI PARTICOLARI (Impianti “ibridi”, alimentati solo parzialmente da fonti rinnovabili; Impianti off shore) - RIEPILOGO REGIME AUTORIZZATIVO IMPIANTI A FONTI RINNOVABILI (Premessa e avvertenza; Fonte solare fotovoltaica; Fonte solare termica; Fonte eolica e torri anemometriche; Fonte da biomasse, gas di discarica, gas residuati dai processi di depurazione e biogas; Fonte idraulica e geotermica; Pompe di calore, microcogenerazione, altre fattispecie residuali; Impianti per la produzione di biometano) - COLLEGAMENTO DEGLI IMPIANTI ALLA RETE ELETTRICA - SANZIONI.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Studio Groenlandia
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Impiantistica
  • Energia e risparmio energetico
  • Impianti alimentati da fonti rinnovabili
  • Impianti di riscaldamento e condizionamento
  • Fonti alternative
  • Certificazione energetica

Requisiti minimi di prestazione energetica e vincoli per la progettazione di edifici e impianti

RIFERIMENTI LEGISLATIVI E NORMATIVI (Leggi e decreti di riferimento; Norme tecniche per il calcolo della prestazione energetica; Strumenti di calcolo e software commerciali) - TIPOLOGIE EDILIZIE SOGGETTE AL RISPETTO DEI REQUISITI MINIMI (Edilizia privata e edilizia pubblica; Categorie di edifici ; Esclusioni per tipologie di edifici; Tabella riepilogativa degli edifici soggetti agli obblighi) - INTERVENTI EDILIZI SOGGETTI AL RISPETTO DEI REQUISITI MINIMI (Definizione degli interventi edilizi ai fini del rispetto dei requisiti minimi; Applicazione delle prescrizioni alle varie categorie di interventi) - EDIFICI A ENERGIA QUASI ZERO (NZEB), CARATTERISTICHE E OBBLIGHI - REQUISITI MINIMI DI PRESTAZIONE ENERGETICA (Riepilogo dei requisiti di prestazione energetica degli edifici; Prestazione energetica globale dell’edificio; Edificio di riferimento; Requisiti di prestazione energetica per gli impianti termici - Scarico dei fumi) - INTEGRAZIONE DELLE FONTI RINNOVABILI NEGLI EDIFICI.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Edilizia e immobili
  • Energia e risparmio energetico
  • Impiantistica
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Impianti alimentati da fonti rinnovabili
  • Impianti di riscaldamento e condizionamento
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Fonti alternative
  • Titoli abilitativi

Fonti rinnovabili negli edifici nuovi e ristrutturati: obblighi e decorrenze

NORMATIVA DI RIFERIMENTO - PROGETTI COINVOLTI DAGLI OBBLIGHI - DETTAGLIO DEGLI OBBLIGHI (Percentuali di copertura dei consumi; Potenza elettrica degli impianti da installare) - DEROGHE PER GLI EDIFICI PUBBLICI ED I CENTRI STORICI (Le deroghe previste; Copertura del fabbisogno per acqua calda sanitaria; Copertura complessiva del fabbisogno per ACS, riscaldamento e raffrescamento; Potenza elettrica impianti da installare) - ULTERIORI DETTAGLI - PREMIALITÀ.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Fonti alternative
  • Esercizio, ordinamento e deontologia
  • Impianti alimentati da fonti rinnovabili
  • Impianti di riscaldamento e condizionamento
  • Professioni
  • Impiantistica
  • Energia e risparmio energetico

Toscana, formazione installatori impianti alimentati da FER: avvio e proroga termine

  • Finanza pubblica
  • Impiantistica
  • Edilizia e immobili
  • Provvidenze
  • Impianti sportivi
  • Impianti di sollevamento e a fune
  • Impianti di sollevamento e a fune
  • Norme tecniche

Lombardia, impianti di risalita e piste da sci: contributi per l'adeguamento e la sicurezza - Bando 2015

  • Efficienza e risparmio energetico
  • Energia e risparmio energetico
  • Impiantistica
  • Certificazione energetica
  • Fonti alternative
  • Impianti alimentati da fonti rinnovabili
  • Impianti di riscaldamento e condizionamento

Cogenza parametri verifica prestazione energetica edifici (D.M. 26/06/2015) - Edifici privati