FAST FIND : NR18107

L. P. Trento 16/06/2006, n. 3

Norme in materia di governo dell’autonomia del Trentino.
Scarica il pdf completo
35266 7834112
Capo I - Finalità e principi generali
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35266 7834114
Art. 1 - Finalità

1. Questa legge è rivolta ad assicurare alle popolazioni insediate sul territorio della Provincia autonoma di Trento e ai gruppi linguistici nei quali esse si riconoscono, anche mediante un processo di riorganizzazione delle istituzioni provinciali e locali ispirato ai principi di sussidiarietà, differenziazione e adeguatezza:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35266 7834117
Art. 1-bis - Principi e obiettivi

N1

1. La Provincia riconosce il ruolo del comune, quale ente che rappresenta la propria comunità, ne cura gli interessi e ne promuove lo sviluppo.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35266 7834119
Art. 1-ter - Indicatore composito del grado di sviluppo su base territoriale

1. Per le finalità dell'articolo 1-bis, comma 2, e per assicurare la rispondenza delle politiche pubbliche a criteri di equità sostanzia

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35266 7834121
Art. 2 - Definizioni

1. Ai fini di questa legge si intende per:

a) "agenzia": struttura organizzativa della Provincia istituita con legge provinciale, disciplinata dalla legge e da regolamento e dotata di autonomia amministrativa e contabile per lo svolgimento in amministrazione diretta di servizi pubblici o di attività a carattere tecnico o scientifico riservati al livello provinciale;

b) "ambito territoriale ottimale": la dimensione ottimale per l'organizzazione dei servizi pubblici sotto il profilo della qualità, dell'economicità e della continuità delle prestazioni; salvo quanto diversamente stabilito dalla legislazione provinciale, l'ambito territoriale ottimale coincide con uno o più "territori"; N2

c) "compiti e attività": insieme coordinato e omogeneo delle operazioni, anche materiali, dei comportamenti e delle decisioni strumentali all'esercizio della funzione amm

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35266 7834123
Art. 3 - Potestà legislativa e regolamentare

1. La potestà legislativa è esercitata dalla Provincia nelle materie, nei limiti e nei modi stabiliti dalla Costituzione, dallo Statuto speciale, dalle relative norme di attuazione, dall'articolo 10 della legge costituzionale 18 ottobre 2001, n. 3 (Modifiche al titolo V della

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35266 7834125
Art. 4 - Potestà amministrativa

1. Questa legge individua le funzioni amministrative riservate alla Provincia e trasferisce ai comuni le funzioni amministrative, nonché i servizi pubblici a esse eventualmente connessi, che non richiedono l'esercizio unitario a livello provinciale e che non sono incompatibili con le dimensioni dei territori di riferimento. “Questa legge disciplina inoltre le modalità:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35266 7834127
Art. 5 - Esercizio delle funzioni amministrative e organizzazione dei servizi pubblici

1. Al fine di assicurare alla popolazione insediata nel territorio provinciale, indipendentemente dalle caratteristiche del territorio e dalle dimensioni del comune di residenza, uguali opportunità di disporre di istituzioni locali in grado di esercitare la potestà amministrativa e la potestà di organizzazione dei servizi pubblici in modo adeguat

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35266 7834128
Capo II - Rapporti tra la Provincia e le autonomie locali
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35266 7834130
Art. 6 - Consiglio delle autonomie locali

N5

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35266 7834132
Art. 7 - Modificazioni della legge provinciale 15 giugno 2005, n. 7 (Istituzione e disciplina del Consiglio delle autonomie locali)

1. Alla legge provinciale 15 giugno 2005, n. 7, sono apportate le seguenti modificazioni:

a) nel comma 2 dell'articolo 6 è aggiunto, in fine, il seguente periodo: "Il medesimo regolamento può prevedere le modalità e i casi nei quali possono essere attribuite funzioni deliberative in luogo del Consiglio

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35266 7834134
Capo III - Potestà amministrativa della Provincia e dei comuni
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35266 7834137
Art. 8 - Funzioni amministrative della Provincia e dei comuni

1. Sono riservate alla Provincia, salvo quanto disposto dal comma 2, le funzioni amministrative, che spettino alla Provincia nei limiti di quanto previsto dalla Costituzione, dallo Statuto speciale e dalle relative norme di attuazione, con riferimento alle seguenti materie:

a) rapporti della Provincia con gli organi dello Stato italiano, dell'Unione europea, delle regioni e della Provincia autonoma di Bolzano nonché con altri stati;

b) cooperazione interregionale e transfrontaliera;

c) cooperazione allo sviluppo;

d) interventi a favore dei trentini emigrati all'estero e interventi di competenza della Provincia nei confronti degli immigrati;

e) vigilanza e tutela sugli enti locali;

f) libri fondiari e catasto;

g) camere di commercio;

h) tutela dell'ambiente e del paesaggio, demanio idrico e utilizzazione delle acque pubbliche, opere idrauliche;

i) parchi, foreste, foreste demaniali, caccia e pesca, corpo forestale, ferme restando in capo ai comuni le competenze in materia di gestione del loro patrimonio agro-silvo-pastorale e di partecipazione agli organi degli enti parco e alla loro gestione;

j) grandi reti di trasporto e comunicazione; infrastrutture d'interesse provinciale e sovraprovinciale quali autostrade, strade statali e provinciali, ferrovie e interporti;

j-bis) ulteriori funzioni individuate d'intesa con il Consiglio delle autonomie locali, previo parere della competente commissione permanente del Consiglio provinciale; per tali funzioni la Provincia può mettere a disposizione personale provinciale; N6

k) energia, salvo quanto previsto dall'articolo 1 del decreto del Presidente della Repubblica 26 marzo 1977, n. 235 (Norme di attuazione dello Statuto speciale della Regione Trentino Alto Adige in materia di energia);

l) tutela della salute, assicurando comunque l'integrazione con le attività socio-assistenziali;

m) previdenza complementare e integrativa;

n) tutela del lavoro e professioni;

o) istruzione e formazione professionale, esclusa l'assistenza

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35266 7834139
Art. 9 - Esercizio coordinato delle funzioni della Provincia e delle comunità

N23

1. La Provincia assicura la concertazione con le comunità nell'adozione degli strumenti di programmazione provinciale, individuati con regolamento di esecuzione, che interagiscono con gli ambiti di competenza ad esse assegnati. A tal fine:

a) gli strumenti di programmazione provinciale sono articolati, ove la tipologia degli interventi lo consenta, per aree territoriali coincidenti con i territori delle comunità evidenziando le relative risorse finanziarie: di tali risorse si tiene conto anche nell'ambito della definizione dei budget territoriali per infrastrutture a valere sulla finanza locale;

b) gli strumenti di programmazione provinciale sono approvati dalla Giunta provinciale previa intesa con ciascuna comunità interessata: l'intesa è conclusa nei tempi e con le modalità fissate con regolamento di esecuzione, anche in deroga alla vigente legislazione provinciale che regola le procedure di approvazione dei predetti strumenti; in caso di mancata intesa nei tempi previsti la Provincia può comunque approvare i propri atti, dando atto delle modalità con cui è stato attuato il contraddittorio e delle motivazioni relative al mancato accoglimen

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35266 7834141
Art. 9-bis - Disposizioni per l'esercizio informa associata di funzioni, compiti e attività dei comuni

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35266 7834143
Art. 9-ter - Disposizioni per l'esercizio in forma associata di attività attinenti alle cave di porfido

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35266 7834144
Capo IV - Modalità di esercizio delle funzioni amministrative
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35266 7834146
Art. 10 - Architettura istituzionale per l'esercizio della potestà amministrativa a livello provinciale

1. Fermi restando i poteri d'indirizzo, di programmazione, di coordinamento e di controllo del Presidente della Provincia e della Giunta provinciale, la Provincia esercita la potestà amministrativa nelle materie di propria competenza con riferimento alle funzioni riservatele da questa legge nonché a quelle ad essa attribuite dallo Stato, anche sulla base delle norme di attuazione dello Statuto speciale, mediante:

a) la “direzione generale”

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35266 7834148
Art. 11 - Architettura istituzionale per l'esercizio della potestà amministrativa a livello locale

1. Fermo restando quanto previsto dall'articolo 8, i comuni esercitano la potestà amministrativa nelle materie e con riferimento alle funzioni già loro spettanti in base alla legge regionale 4 gennaio 1993, n. 1 (Nuovo ordinamento dei comuni della Regione Trentino-Alto Adige), e le comunità esercitano la potestà amministrativa per le funzioni e le materie conferite loro da questa legge.

2. Fermo restando quanto previsto dall'articolo 8, i comuni esercitano la potestà amministrativa, con riferime

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35266 7834150
Art. 12 - Territori

1. Per la costituzione delle comunità ai fini dell'esercizio in forma associata di funzioni amministrative dei comuni, il territorio provinciale è suddiviso in territori.

2. L'individuazione dei territori ai sensi del comma 1 è effettuata, entro centottanta giorni dalla data di entrata in vigore di questa legge, mediante un'unica intesa “da raggiungere ai sensi dell'articolo 6” N4. La proposta di intesa è trasmessa alla competente commissione permanente del Consiglio provinciale che si esprime entro il termine perentorio di trenta giorni dalla data di ricevimento della richiesta. L'intesa è resa esecutiva con decreto del Presidente della Provincia da pubblicare ne

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35266 7834153
Art. 12-bis - Aree geografiche

N1

1. A seguito dell'approvazione della deliberazione di individuazione degli ambiti per la gestione associata dei servizi comunali, di cui al comma 3 dell'articolo 9-bis, la Giunta provinciale su proposta delle amministrazioni interessate e d'intesa con il Consiglio delle autonomie locali, può ripartire il territorio della comunità in aree geografiche individuate nel rispetto dei seguenti criteri:

a) omogeneità delle caratteristiche geografiche, etnico-linguistiche, socio-economiche e sufficiente grado d'identificazione nelle tradizioni storico-culturali della po

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35266 7834155
Art. 13 - Servizi pubblici di comuni, comunità e Provincia

01. N33

02. N34

03. N35

04. N36

1. Fatto salvo quanto diversamente previsto dall'articolo 13-bis per i servizi pubblici a rete di interesse economico, i comuni organizzano i servizi pubblici, con riferimento agli ambiti territoriali ottimali da individuare secondo quanto disposto dal comma 6, mediante:

a) la comunità, qualora il relativo territorio coincida con l'ambito territoriale ottimale;

b) la stipula di un'apposita convenzione, qualora l'ambito territoriale ottimale comprenda territori di più comunità o l'intero territorio provinciale; alla stipula della convenzione provvede direttamente la comunità. N37

2. Fatto salvo quanto previsto dal comma 7, qualora il servizio pubblico sia svolto in forma associata tra più enti, l'esercizio di tutte le funzioni amministrative e di governo, comprese quelle di direttiva, d'indirizzo e di controllo, che il vigente ordinamento attribuisce agli enti titolari del servizio spetta:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35266 7834157
Art. 13-bis - Disposizioni in materia di servizi pubblici a rete di interesse economico

N46

1. L'ambito territoriale ottimale coincide con l'intero territorio provinciale per le seguenti fasi o segmenti di servizi pubblici a rete di interesse economico:

a) trasporto pubblico locale extraurbano;

b) depurazione, ivi compresa la gestione dei collettori principali;

c) trasporto, fatta eccezione per quanto previsto dal comma 5, trattamento e smaltimento dei rifiuti urbani indifferenziati. N47

2. Gli ambiti territoriali ottimali per la gestione del trasporto pubblico locale urbano, individuati tramite l'intesa prevista dall'articolo 13, comma 6, possono avere dimensione non coincidente con il territorio di una o più comunità, se ciò risulta giustificato da esigenze di qualità, di efficienza e di economicità della gestione, in considerazione delle peculiarità economiche

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35266 7834159
Capo V - Istituzione delle comunità
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35266 7834162
Art. 14 - Norme in materia di costituzione e funzionamento delle comunità

1. Per lo svolgimento delle funzioni dei comuni da esercitare in forma associata ai sensi di questa legge sono costituite le comunità.

2. Le comunità sono enti pubblici locali a struttura associativa costituiti obbligatoriamente dai comuni compresi in ciascun territorio individuato ai sensi dell'articolo 12, comma 2.

3. Le comunità sono disciplinate da questa legge e dallo statuto approvato da non meno di due terzi dei comuni facenti parte del medesimo territorio e che rappresentino almeno i due terzi della popolazione residente nel medesimo. I consigli comunali si pronunciano approvando o respingendo uno specifico schema di statuto proposto a maggioranza di almeno due terzi da un apposito collegio formato dalla generalità dei sindaci dei comuni di ciascun territorio ed elaborato anche avvalendosi delle strutture provinciali competenti per materia. Nel caso in cui non siano raggiunte le predette maggioranze si procede entro i successivi trenta giorni alla rielaborazione di una nuova proposta di statuto che tenga conto delle osservazioni eventualmente presentate. I predetti collegi dei sindaci sono convocati dal presidente del Consiglio delle autonomie locali.

4. Lo statuto della comunità, approvato dal consiglio comunale a maggioranza assoluta dei propri componenti, nel rispetto di quanto previsto da questa legge prevede:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35266 7834164
Art. 15 - Organi della comunità

N65

1. Sono organi della comunità:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35266 7834166
Art. 16 - Il consiglio

N66

1. Il consiglio è l'organo d'indirizzo e controllo; approva i bilanci, i regolamenti, i piani e i programmi; approva o adotta ogni altro atto a esso sottoposto dal presidente di comunità; esercita le altre funzioni ad esso attribuite dallo statuto.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35266 7834168
Art. 17 - Il presidente

N67

1. il presidente è il legale rappresentante della comunità; presiede il consiglio e il comitato esecutivo.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35266 7834170
Art. 17-bis - Il comitato esecutivo

N68

1. I componenti del comitato esecutivo diversi dal presidente sono nominati e revocati dal presidente medesimo.

2. Il comitato esecutivo è composto:

a) dal presidente e da un numero massimo di quattro compon

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35266 7834172
Art. 17-ter - Scioglimento del consiglio e decadenza del presidente e del comitato esecutivo

N1

1. In caso di cessazione dalla carica di presidente di comunità il comitato esecutivo decade e si procede allo scioglimento del consiglio.

2. Si procede allo scioglimento del consiglio anche in caso di:

a) dimissioni, presentate contestualmente, della metà più uno dei consiglieri;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35266 7834174
Capo V-bis - Disposizioni per l'elezione del presidente e del consiglio di comunità

N70

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35266 7834176
Art. 17-quater - Indizione delle elezioni

N1

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35266 7834178
Art. 17-quinquies - Presentazione delle candidature alla carica di presidente e delle liste di candidati consiglieri

N1

1. Il presidente e i consiglieri sono eletti dal corpo per l'elezione degli organi della comunità.

2. Le candidature alla carica

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35266 7834180
Art. 17-sexies - Formazione del corpo per l'elezione degli organi della comunità

N1

1. Il corpo per l'elezione degli organi della comunità è composto da rappresentanti eletti dai consigli comunali.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35266 7834182
Art. 17-septies - Elezione del presidente di comunità

N1

1. Il presidente di comunità è eletto dai consiglieri

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35266 7834184
Art. 17-octies - Elezione del consiglio di comunità

N1

1. Contestualmente all'elezione del presidente ciascun componente del corpo per l'elezione degli organi della comunità esprime il proprio voto di preferenza per un candidato consiglier

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35266 7834186
Art. 17-novies - Ulteriori disposizioni

N1

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35266 7834188
Capo V-ter - Partecipazione negli enti locali

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35266 7834190
Art. 17-decies - Processo partecipativo

N1

1. Ai fini di questa legge per processo partecipativo s'intende un percorso di discussione organizzata avviato con riferimento all'adozione di un atto di natura amminist

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35266 7834192
Art. 17-undecies - Diritti di partecipazione

N1

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35266 7834194
Art. 17-duodecies - Autorità per la partecipazione locale

N1

1. L'autorità per la partecipazione locale, di seguito denominata autorità, è un organo indipendente per la garanzia e la promozione dei processi partecipativi "negli enti locali"

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35266 7834196
Art. 17-ter decies - Compiti dell'autorità

N1

1. L'autorità svolge in particolare i seguenti compiti:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35266 7834198
Art. 17-quater decies - Forme della partecipazione

N1

1. Sono sottoposti al processo partecipativo, prima della loro approvazione:

a) la proposta di piano sociale;

b) il documento preliminare per l'elaborazione del piano territoriale della comunità; N71

c) il programma degli investimenti territoriali previsto dall'articolo 24-bis, comma 1;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35266 7834200
Art. 17 quindecies - Esiti ed effetti dei processi partecipativi

N1

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35266 7834202
Art. 17 quindecies 1 - Promozione della cultura della partecipazione

1. Per promu

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35266 7834204
Art. 17 sedecies - Altre disposizioni

N1

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35266 7834206
Art. 18 - Organizzazione, personale e contabilità delle comunità

1. Salvo quanto riservato ai contratti collettivi di lavoro di settore, la disciplina dell'organizzazione e del personale della comunità è dettata

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35266 7834208
Art. 19 - Disposizioni speciali per le popolazioni di lingua ladina, mochena e cimbra

1. Nel territorio coincidente con quello dei comuni di Campitello di Fassa - Ciampedel, Canazei - Cianacei, Mazzin - Mazin, Moena - Moena, Pozza di Fassa - Poza, Soraga - Soraga e Vigo di Fassa - Vich, dove è insediata la popolazione di lingua ladina, è costituito il Comun general de Fascia secondo le disposizioni previste da questa legge per le comunità, ad eccezione di quanto disposto da quest'articolo.

2. Il territorio indicato nel comma 1 non è modificabile.

3. Lo statuto del Comun general de Fascia è deliberato da tutti i comuni indicati nel comma 1 ed è approvato, senza modificazioni, con legge provinciale.

4. Lo statuto del Comun general de Fascia:

a) individua gli organi e ne disciplina le attribuzioni, nonché le modalità di formazione o elezione e di funzionamento, comprese le modalità di formazione dei provvedimenti, assicurando comunque la partecipazione dei comuni all'attività di governo. L'elezione diretta di uno o più organi eventualmente prevista dallo statuto deve garantire il voto personale, uguale, libero e segreto, disponendo misure per conseguire l'equilibrio della rappresentanza dei generi; N73

b) disciplina i rapporti tra il Comun general de Fascia, i comuni indicati nel comma 1 e l'Istituto culturale ladino;

c) individua le funzioni, i compiti e le attività che i comuni indicati nel comma 1 attribuiscono al Comun general de Fascia;

d) disciplina le forme della partecipazione popolare, del decentramento e dell'accesso dei cittadini alle informazioni e ai provvedimenti amministrati

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35266 7834209
Art. 20 - Ulteriori disposizioni in materia di statuti delle comunità

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35266 7834210
Art. 21 - Disposizioni transitorie

1. Salvo quanto disposto dal comma 2, i comuni provvedono alla costituzione della comunità e all'approvazione del relativo statuto entro un anno dalla data di entrata in vigore di questa legge.

2. Entro un anno dalla data di entrata in vigore di questa legge il comune di Trento e gli altri comuni compresi nel territorio individuato ai sensi dell'articolo 11,

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35266 7834212
Capo VI - Disciplina della finanza locale
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35266 7834214
Art. 22 - Disposizioni generali in materia di autonomia finanziaria dei comuni e delle comunità

N5

1. L'autonomia finanziaria dei comuni è garantita, nel rispetto della Costituzione e dello Statuto speciale, d

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35266 7834216
Art. 23 - Concorso all'equilibrio finanziario del sistema provinciale

1. La Provincia, i comuni e le comunità concorrono, nel rispetto dell'equilibrio dei relativi bilanci e sec

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35266 7834218
Art. 24 - Finanziamento delle spese di parte corrente e istituzione del fondo di solidarietà comunale

N79

1. Al finanziamento delle spese di parte corrente provvedono i comuni con le entrate proprie e con quelle derivanti dagli strumenti di perequazione previsti da quest'articolo.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35266 7834221
Art. 24-bis - Fondi per il finanziamento delle spese d'investimento

N1

1. La Provincia istituisce un fondo destinato alle comunità per il concorso al finanziamento delle spese d'investimento di comuni e comunità considerate rilevanti dalla programmazione provinciale e dalla programmazione socio-economica dello sviluppo delle comunità. I criteri di ripartizione delle risorse da trasferire alle singole comunità sono definiti d'intesa con il Consiglio dell

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35266 7834223
Art. 24 ter - Finanziamento di progetti sperimentali per lo sviluppo delle zone montane

1. Per favorire la coesione territoriale la Giunta provinciale può realizzare e può

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35266 7834224
Art. 24-quater - Fondo per lo sviluppo e per la coesione territoriale

1. È istituito il fondo per lo sviluppo e per la coesione territoriale, destinato alla r

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35266 7834227
Art. 25 - Ricorso all'indebitamento

1. I limiti per il ricorso all'indebitamento da parte dei comuni e delle comunità, dei loro enti e organismi strumentali, ad eccezione delle società di capitali costituite per l'esercizio di servizi pubblici, nonché le modalità per l'accesso di tali soggetti ai diversi strumenti finanziari d'indebitamento sono definiti dalla Giunta provinciale previa intesa con il Consiglio delle autonomie locali.

2. Per il ricorso all'indebitamento e per le operazioni di valorizzazione patrimoniale da parte dei soggetti indicati nel comma 1, si applica, in quanto compatibile, la legge provinciale 14 settembre 1979, n. 7. Il ricorso all'indebitamento è consentito esclusivamente per finanziare le tipologie d'investimento previste dai regolamenti di cui all'articolo 26.

3. I soggetti indicati nel comma 1

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35266 7834229
Art. 25-bis - Disposizioni in materia di erogazione dei finanziamenti

1. Nell'ambito dell'esercizio della competenza provinciale in materia di finanza locale, ai fini del contenimento dell'indebitamento degli enti locali, dell'ottimizzazione dell'utilizzo delle risorse finanziarie trasferite dalla Provincia ai comuni, e per promuovere la razionalizzazione dei rapporti finanziari tra la Provincia e gli enti locali, a decorrere dal 1° gennaio 2007 i trasferimenti per attività d'investimento previsti a qualunque titolo dalla normativa vigente in favore degli enti locali e che siano espressamente individuati dall'intesa di cui al comma 2 sono erogati per conto della Provincia da Cassa del Trentino s.p.a.

2. Le modalità di attuazione di quest'articolo sono definite dalla Provincia d'i

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35266 7834231
Art. 25-ter - Estinzione anticipata delle operazioni di indebitamento da parte degli enti locali

N86

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35266 7834232
Art. 26 - Regolamenti di esecuzione

1. Con regolamenti di esecuzione approvati, anche in tempi diversi, previa intesa con il Consiglio d

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35266 7834234
Art. 27 - Intesa definita con il Consiglio delle autonomie locali

1. L'ammontare complessivo delle risorse finanziarie da trasferire ai comuni e alle comunità ai sensi dell'articolo 22 per l'esercizio delle funzioni di loro competenza è definito mediante intesa con il Consiglio delle autonomie locali. L'intesa, di norma, ha durata pluriennale, coincidente con il periodo di validità del bilancio pluriennale della Provincia.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35266 7834236
Capo VII - Disciplina dell'organizzazione del sistema pubblico della Provincia
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35266 7834237
Sezione I - Organizzazione e articolazione del sistema pubblico della Provincia
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35266 7834238
Art. 28 - Organizzazione del sistema pubblico della Provincia

N87

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35266 7834239
Art. 29 - Direzione generale della Provincia, dipartimenti e avvocatura della Provincia

N88

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35266 7834241
Art. 30 - Servizi e uffici

N89

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35266 7834242
Art. 31 - Uffici di gabinetto

1. Sono istituiti gli uffici di gabinetto per il supporto delle attività proprie del Presidente e degli assessori.

2. L'incarico di responsabile dell'ufficio di gabinetto è attribuito con deliberazione della Giunta provinciale a personale interno o esterno alla Provincia.

3. Qualora i resp

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35266 7834243
Art. 32 - Agenzie

1. Per lo svolgimento di attività di servizio pubblico oppure di supporto tecnico o scientifico che necessitano di un elevato grado di autonomia tecnica, operativa, amministrativa e contabile e in relazione alla valutazione dei vantaggi organizzativi ed economici la Provincia si avvale delle agenzie individuate dall'allegato A, quali organi alle dirette dipendenze della Provincia. L'istituzione di nuove agenzie è disposta con legge provinciale, che ne stabilisce le finalità, previo parere della competente commissione permanente del Consiglio provinciale, può essere disposta la trasformazione, la soppressione o l'accorpamento delle agenzie, eventualmente attribuendo le relative competenze ad altre strutture, agenzie o a enti pubblici strumentali e ridefinendo il livello della relativa dirigenza; in caso di attribuzione delle competenze a strutture provinciali, la Giunta provinciale è autorizzata ad apportare le necessarie variazioni di bilancio. L'Agenzia del lavoro resta disciplinata dalla relativa legge istitutiva. L'Agenzia provinciale per la protezione dell'ambiente resta disciplinata dalla sua legge istitutiva e dalle altre leggi provinciali che le attribuiscono competenze, fatta eccezione per la disciplina delle funzioni di amministrazione attiva. N91

2. L'ordinamento delle agenzie provinciali è disciplinato da questa legge, o dalle relative leggi istitutive, e da atti organizzativi approvati con deliberazione della Giunta provinciale. N92

3. Le attività e i compiti di ciascuna agenzia sono previsti dai relativi atti organizzativi, ferma, in ogni caso, la riserva della capacità processuale in capo alla Provincia. Nel caso di modifica o di integrazione dei compiti l'atto organizzativo può modificare la denominazione dell'agenzia. N93

4. Gli atti organizzativi disciplinano in particolare, per ciascuna agenzia: N94

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35266 7834244
Art. 33 - Enti strumentali

1. Nel rispetto del diritto comunitario, fermo restando quanto previsto dall'articolo 13 per l'esercizio di funzioni e, per l'organizzazione e per la gestione di servizi pubblici riservati al livello provinciale nonché per lo svolgimento di attività di servizio strumentali alle attività istituzionali, salvo che ricorra alla concessione di servizi a soggetti terzi da individuare a mezzo di gara, la Provincia si avvale sulla base di contratto di servizio che precisa, in particolare, le funzioni, i servizi, le attività e i compiti affidati, dei seguenti soggetti esterni, indicati dall'allegato A di questa legge:

a) enti pubblici;

b) fondazioni o associazioni;

c) società di capitali. N106

2. L'ordinamento degli enti di cui al comma 1, lettera a), è disciplinato, in quanto compatibili, dalle disposizioni previste per le agenzie dall'articolo 32, commi da 4 a 9, e "da regolamenti, atti organizzativi o disposizioni statutarie approvati dalla Giunta provinciale"N204; a tali enti sono comunque riconosciute personalità giuridica e autonomia organizzativa. Fino alla data di entrata in vigore dei predetti regolamenti, che individuano anche le disposizioni incompatibili con il nuovo ordinamento degli enti abrogate dalla medesima data, continuano ad applicarsi le disposizioni vigenti alla data di entrata in vigore di questa legge.

2-bis. Le procedure per l'assunzione di personale per i soggetti esterni alla Provincia di cui al comma 1, lettere b) e c), sono rese pubbliche sui siti internet dei relativi soggetti con un periodo di preavviso non inferiore a venti giorni. N107

2-ter. Fermo restando quanto previsto dalla legge provinciale 10 settembre 1993, n. 26 (legge provinciale sui lavori pubblici), per l'acquisizione di forniture e servizi le associazioni e le fondazioni previste dal comma 1, lettera b), e le società previste dal comma 1, lettera c), controllate dalla Provincia, applicano la disciplina vigente in materia di attività contrattuale alla quale è soggetta la Provincia.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35266 7834245
Art. 33-bis - Informazioni sulle agenzie e sugli enti strumentali

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35266 7834246
Art. 33-ter - Informazioni sul sistema pubblico provinciale

1. Entro il mese di maggio di ogni anno la Giunta provinciale presenta alla competente

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35266 7834247
Sezione II - Costituzione di organismi
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35266 7834248
Art. 34 - Art. 35-quinquies Omissis

 

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35266 7834249
Sezione III - Disposizioni finali e transitorie e abrogazioni
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35266 7834250
Art. 36 Omissis

 

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35266 7834251
Art. 37 - Modificazioni dell'articolo 88 del decreto del Presidente della Giunta provinciale 26 gennaio 1987, n. 1-41/Legisl. (Approvazione del testo unico delle leggi provinciali in materia di tutela dell'ambiente dagli inquinamenti)

1. Dopo il comma 5 bis dell'articolo 88 del decreto del Presidente della Giunta provinciale 26 gennaio 1987, n. 1-41/Legisl., sono aggiunti i seguenti:

"5-ter. Fino all'affidamento del servizio di gestione dei rifiuti ai sensi degli

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35266 7834252
Art. 38 - Disposizioni finali e transitorie

1. N120

2. N121

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35266 7834253
Art. 39 - Agenzia provinciale per le risorse idriche e l'energia (APRIE)

1. Per lo svolgimento di attività e di compiti di amministrazione attiva, consultiva e di controllo relativi all'utilizzo delle acque pubbliche nelle varie forme d'uso e in materia di energia, è istituita l'Agenzia provinciale per le risorse idriche e l'energia (APRIE). N126

2. L'agenzia provinciale per l'energia può essere articolata in servizi nel numero massimo di due.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35266 7834254
Art. 39-bis - Agenzia provinciale per gli appalti e i contratti

1. Per favorire l'economicità e la razionalizzazione dei processi gestionali degli enti appartenenti al sistema pubblico provinciale e dei soggetti previsti dal comma 3 è istituita l'agenzia provinciale per gli appalti e i contratti. Resta ferma la possibilità per l'agenzia di svolgere specifici compiti e attività di carattere operativo, mediante appalto di servizi. N144

1-bis. L'agenzia, nello svolgimento delle attività e dei compiti individuati nell'atto organizzativo, opera come:

a) centrale di committenza per l'espletamento, anche con modalità telematiche, di procedure concorrenziali per l'acquisizione di lavori pubblici, servizi e forniture;

b) centrale di acquisto per l'acquisizione di servizi e forniture, ai sensi dell'articolo 1, comma 1, del decreto-legge 6 luglio 2012, n. 95 (Disposizioni urgenti per la revisione della spesa pubblica con invarianza dei servizi ai cittadini nonché misure di rafforzamento patrimoniale delle imprese del settore bancario), convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35266 7834255
Art. 39-ter - Agenzia provinciale per l'incentivazione delle attività economiche (APIAE)

1. Per rendere più efficace l'attività di concessione ed erogazione di aiuti, contributi e agevolazioni finanziarie comunque denominati a favore degli imprenditori e degli altri soggetti operanti in tutti i settori ec

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35266 7834256
Art. 39-quater - Agenzia per la depurazione

1. Anche per realizzare le migliori condizioni per l'effettivo trasferimento alle comunità delle funzioni in materia di servizio idrico integrato da gestire nell'ambito unico provinciale previsto dall'articolo 13, comma 7-bis, è istituita l'agenzia provinciale per il servizio idrico, per l'espletamento dei compiti e del

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35266 7834257
Art. 39-quinquies - Art. 39-sexies 1 Omissis

 

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35266 7834258
Art. 39-septies - Misure per il coordinamento di azioni interregionali di cooperazione territoriale
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35266 7834259
Art. 39-octies - Agenzia provinciale per la famiglia, la natalità e le politiche giovanili

1. Per garantire il carattere intersettoriale e rendere più efficaci le politiche provinciali per la promozione della famiglia e della natalità, sostenere lo sviluppo del benessere della comunità

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35266 7834260
Art. 39-novies - Agenzia provinciale per le opere pubbliche

1. Per rendere più efficiente l'attività di realizzazione delle opere pubbliche d'interesse provinciale, è istituita, ai sensi dell'articolo 32, l'Agenzia provinciale per le opere pubbliche.

2. L'agenzia può essere articolata in servizi nel numero stabilito dall'atto organizzativo. N174

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35266 7834261
Art. 40 - Abrogazioni

1. Sono abrogati gli articoli 3 e 6 della legge provinciale 29 aprile 1983, n. 12, come da ultimo modificata dalla legge provinciale 29 dicembre 2005, n. 20, i commi 1, 2 e 3 dell'articolo 62 e i commi 1 e 2 dell'

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35266 7834262
Capo VIII - Disposizioni transitorie, finali e finanziarie e abrogazioni
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35266 7834263
Art. 41 - Modificazioni della legge provinciale 17 giugno 2004, n. 6, e della legge provinciale 14 settembre 1979, n. 7

1. All'articolo 10, comma 7, lettera d), della

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35266 7834264
Art. 42 - Soppressione e liquidazione dei comprensori e abrogazioni

01. A seguito della costituzione di tutti gli organi della comunità il Presidente della Provincia, con decreto, dispone che dalla data stabilita dal decreto medesimo tali organi sostituiscano i corrispondenti organi comprensoriali, previsti dall'articolo 2 della legge provinciale 20 luglio 1981, n. 10 (Nuove norme in materia di comprensori nella provincia di Trento), nell'esercizio delle loro competenze. A decorrere da questa data gli organi comprensoriali decadono. La sostituzione ha effetto fino alla soppressione del comprensorio ai sensi del comma 1, soppressione che deve comunque intervenire non oltre il tempo necessario per l'adozione da parte dell'assemblea degli atti fondamentali della comunità. Questo comma si applica solo quando l'ambito territoriale della comunità coincide con quello del comprensorio in via di soppressione. N184

02. Ad avvenuta costituzione, con l'insediamento di tutti i suoi organi, della prima comunità rientrante nell'ambito del territorio del comprensorio della Valle dell'Adige la Giunta provinciale nomina un commissario per il comprensorio. Gli organi del comprensorio decadono a decorrere dalla data della nomina del commissario, che svolge tutte le funzioni in precedenza attribuite ad essi. N184

03. Se i comprensori Alta Valsugana e della Vallagarina sono soppressi prima della costituzione della Comunità Altopiano di Folgaria, Lavarone e Luserna, le funzioni e i servizi svolti attualmente dai comprensori sono svolte dalle comunità costituite in favore del Comune di Folgaria e, rispettivamente, dei Comuni di Luserna e di Lavarone. I rapporti tra i comuni e le comunità sono regolati mediante convenzione. Ai fabbisogni organizzativi, strumentali e finanziari della comunità costituita nel territorio "Altopiano di Folgaria, Lavarone e Luserna", fino al trasferimento delle funzioni, provvedono i comuni del territorio sulla base di convenzione con la stessa. N185

04. Con decreto del Presidente della Provinc

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35266 7834265
Art. 43 Omissis

 

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35266 7834266
Art. 44 - Cessazione di efficacia

1. Dalla data di entrata in vigore di questa legge cessano di avere efficacia nel territorio

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35266 7834267
Art. 45 - Disposizioni finali

1. Nell'ipotesi in cui i comuni di un medesimo territorio siano costituiti o si costituiscano in unione, ai sensi dell'articolo 42 della legge regionale 4 gennaio 199

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35266 7834268
Allegato A - Agenzie ed enti strumentali della Provincia (articoli 32 e 33)

 

AGENZIE ED ENTI STRUMENTALI

 

SETTORE DI INTERVENTO/ATTIVITÀ E SERVIZI

AGENZIE

ENTI

FONDAZIONI E SOCIETÀ

 

Art. 32

Art. 33, comma 1 lettera a)

Art. 33, comma 1 lettere b) e c)

1. SERVIZI DI SUPPORTO ALLE ATTIVITÀ ISTITUZIONALI

 

 

 

a) Statistica

1. Istituto di statistica della Provincia di Trento

 

 

b) Informazione e telematica

 

 

1. Informatica trentina s.p.a.

 

 

 

2. Trentino network s.r.l.

c) Attività di valorizzazione del patrimonio provinciale

 

 

1. Patrimonio del Trentino s.p.a.

d) Accertamento, riscossione e liquidazione delle entrate, pagamenti di aiuti

 

 

1. Trentino Riscossioni s.p.a.

e) Attività creditizia ed erogazione di finanziamenti

 

 

1. Cassa del Trentino s.p.a.

f) Attività di formazione del personale

 

 

1. Trentino school of management s.c.a r.l.

g) Acquisizione di beni e servizi e gestione del personale

1. Agenzia provinciale per gli appalti e i contratti

 

 

h) Realizzazione opere pubbliche

1. Agenzia provinciale per le opere pubbliche

 

 

2. SOSTEGNO DELLE ATTIVITÀ ECONOMICHE

 

 

 

a) Attività di autorizzazione, controllo, erogazione e contabilizzazione delle misure di sostegno previste dalla politica agricola dell'Unione europea, in qualità di organismo pagatore, nonché di altre misure provinciali in materia

1. Agenzia provinciale per i pagamenti (APPAG)

 

 

b) Attività di promozione delle imprese e delle attività economiche

1. Agenzia provinciale per l'incentivazione delle attività economiche (APIAE)

 

1. Trentino sviluppo s.p.a.

c) Attività di promozione turistica

 

 

 

d) Attività di promozione fieristica di livello provinciale

 

 

 

e) Attività di supporto tecnico e finanziario al sistema economico

 

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Testo coordinato con modifiche fino alla L.P. 21/2015

Dalla redazione

  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Pubblica Amministrazione
  • Enti locali
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze
  • Amianto - Dismissione e bonifica

Lombardia: contributi agli enti locali per la rimozione di manufatti contenenti amianto

A cura di:
  • Anna Petricca
  • Finanza pubblica
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Pubblica Amministrazione
  • Difesa suolo
  • Enti locali
  • Provvidenze

Lombardia: contributi per la manutenzione urgente del territorio a favore dei piccoli comuni

A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Finanza pubblica
  • Tutela ambientale
  • Provvidenze
  • Rifiuti
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Sicilia: 16 mln per la bonifica delle aree inquinate

A cura di:
  • Anna Petricca
  • Enti locali
  • Finanza pubblica
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Beni culturali e paesaggio
  • Pubblica Amministrazione
  • Provvidenze

Lazio: valorizzazione del patrimonio culturale dei piccoli comuni

Il Bando regionale prevede la concessione di 2.000.000 € di contributi nel triennio 2019-2021 destinati alla riqualificazione di spazi, strutture e beni di valore storico e simbolico per i piccoli comuni del Lazio. I comuni potranno presentare proposte di intervento per contributi in conto capitale fino a 40 mila euro da assegnare in base a specifici criteri di priorità.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Provvidenze
  • Finanza pubblica
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Pubblica Amministrazione
  • Enti locali
  • Amianto - Dismissione e bonifica

Piemonte: 2 milioni di euro per la rimozione dell’amianto dagli edifici pubblici

Il bando è aperto ai Comuni piemontesi, e prevede la disponibilità di oltre 2 milioni di euro. Le risorse saranno assegnate per contribuire alla bonifica, mediante rimozione, di edifici e strutture di proprietà comunale con manufatti contenenti amianto. Gli interventi dovranno essere realizzati dai Comuni beneficiari del contributo entro il 30/11/2020. Il finanziamento regionale coprirà il 100% dell'importo netto dei costi di bonifica e dei costi per il ripristino, strettamente conseguenti alla rimozione dei manufatti contenenti amianto, oltre all'importo netto degli oneri per la sicurezza.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Albo nazionale dei gestori ambientali
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Rifiuti

Regime transitorio responsabili tecnici imprese iscritte Albo gestori ambientali