FAST FIND : NR16272

L.R. Friuli Venezia Giulia 23/06/2005, n. 13

Organizzazione del servizio idrico integrato e individuazione degli ambiti territoriali ottimali in attuazione della L. 5.1.1994, n. 36. (Disposizioni in materia di risorse idriche).
Con le modifiche introdotte dalle LL.RR. del 05/12/2008 n.16, del 04/06/2009 n. 11, del 23/07/2009 n.12, del 21/10/2010 n.17, del 29/12/2010 n.22, del 11/08/2011 n.11, del 11/10/2012 n.19
Scarica il pdf completo
33429 803437
[Premessa]



IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
33429 803438
CAPO I – Finalità


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
33429 803439
Art. 1 - (Finalità e oggetto)

1. La Regione Friuli Venezia Giulia, in attuazione dei principi della legge 5 gennaio 1994, n. 36 R (Disposizioni in materia di risorse idriche), e successive modifiche, tutela l'uso delle acque superficiali e sotterranee, ancorché non estratte dal sottosuolo, quali risorse pubbliche da salvaguardare e utilizzar

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
33429 803440
CAPO II - Ambiti territoriali ottimali


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
33429 803441
Art. 2 - (Ambiti territoriali ottimali)

1. In applicazione dei criteri indicati dall'articolo 8 della legge 36/1994, il territorio della Regione Friuli Venezia Giulia è suddiviso in quattro ambiti territoriali ottimali:

a) Ambito territoriale ottimale, denominato Occidental

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
33429 803442
Art. 3 - (Ambito territoriale ottimale regionale)

N2

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
33429 803443
Art. 4 - (Ambito territoriale ottimale interregionale)

1. Entro sessanta giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge, il Presidente della Regione è autorizzato a stipulare un accordo con la Regione Veneto, al fine di costituire un Ambito territoriale ottimale interregionale comprendente i

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
33429 803444
Art. 5 - (Zone territoriali omogenee)

1. Al fine di garantire un'adeguata rappresentanza alle specificità territoriali con particolare riguardo alle peculiarità idrogeologiche, nonché per assicurare una maggiore funzionalità all'azione dell'Autorità d'ambito

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
33429 803445
Art. 6 - (Coordinamento tra ambiti territoriali ottimali)

1. Il trasferimento di risorse idriche che intercorre tra ambiti territoriali ottimali è disciplinato dalla Giunta regionale, fatte salve le competenze delle Autorità di bacino in tema di programmazione dell'uso della risorsa. A tal fine la Giunt

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
33429 803446
CAPO III - Cooperazione internazionale


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
33429 803447
Art. 7 - (Cooperazione internazionale)

1. La Regione nell'ambito delle competenze previste dallo Statuto della Regione Friuli Venezia Giulia

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
33429 803448
CAPO IV - Autorità d'ambito


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
33429 803449
Art. 8 - (Forme e modi della cooperazione)

1. I Comuni e le Province ricadenti in ciascun Ambito territoriale ottimale organizzano il servizio idrico integrato secondo criteri di efficacia, efficienza ed

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
33429 803450
Art. 9 - (Costituzione dell'Autorità d'ambito)

1. Fatta salva l'ipotesi di cui all'articolo 4, al fine di garantire il coordinamento delle procedure di istituzione dell'Autorità d'ambito e di individuare la forma di cooperazione, il sindaco del capoluogo della Provincia di riferimento di ciascun Ambito territoriale ottimale, entro sessanta giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge, convoca e presiede una conferenza d'Ambito composta dai presidenti e dai sindaci, o dagli assessori delegati, delle Province e dei Comuni ricadenti nell'Ambito.

2. La rappresentanza in seno alla conferenza d'Ambito spetta ai sindaci, oppure agli assessori delegati, dei Comuni ricadenti n

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
33429 803451
Art. 10 - (Costituzione obbligatoria dell'Autorità d'ambito)

1. Decorso inutilmente l'ultimo termine di cui all'articolo 9, comma 7, la Giunta regionale, previa d

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
33429 803452
Art. 11 - (Ordinamento dell'Autorità d'ambito)

1. L'ordinamento e il funzionamento dell'Autorità d'ambito sono stabiliti dalla convenzione di cui all'articolo 8, comma 1, lettera a), ovvero dallo statuto di cui all'articolo 8, comma 1, lettera b), nonché dalle disposizioni del presente articolo, e comunque nel rispetto delle vigenti norme sulle forme di cooperazione fra enti locali di cui al decreto legislativo 267/2000.

2. Nel caso in cui l'Autorità d'ambito venga istituita utilizzando la forma di cooperazione prevista all'articolo 8, comma 1, lettera a), nella convenzione è indicato l'ente locale responsabile del coordinamento.

3. Nell'ipotesi di cui all'articolo 8, comma 1, lettera a), gli organi dell'Autorità sono:

a) l'Assemblea d'ambito composta dai presidenti e dai sindaci, o dagli assessori delegati, delle Province e dei Comuni ricadenti nell'Ambito, nonché dai rappresentanti delle Zone territoriali omogenee, qualora costituitesi;

b) il Presidente, cui compete la rappresentanza istituzionale e legale dell'Autorità d'ambito, eletto dall'Assemblea fra i suoi componenti;

c) il Dire

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
33429 803453
“Art. 11 bis

N8 1. Ai fini di completare il concreto passaggio delle funzioni ammini

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
33429 803454
Art. 12 - (Funzioni dell'Autorità d'ambito)

1. L'Autorità d'ambito svolge funzioni di programmazione, organizzazione e controllo sull'attività di gestione del servizio idrico integrato, rimanendo esclusa ogni attività di gestione. Essa è dotata di personalità giuridica di diritto pubblico, autonomia organizzativa, finanziaria e patrimoniale.

2. Le funzioni di programmazione e organizzazione di competenza dell'Autorità d'ambito attengono in particolare:

a) alla scelta del modello organizzativo e gestionale del servizio idrico integrato d'Ambito;

b) alla salvaguardia degli organismi di gestione esistenti;

c) alla definizione dei contenuti e all'approvazione dei contratti di servizio per la gestione del servizio idrico e del relativo disciplinare;

d) all'espletamento delle procedure di affidamento del servizio e all'instaurazione dei relativi rapporti;

e) all'organizzazione dell'attività di ricognizione delle opere di adduzione, d

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
33429 803455
Art. 13 - (Spese di funzionamento dell'Autorità d'ambito)

1. Fino all'operatività della nuova organizzazione dei servizi idrici integrati ai sensi dell'articolo 9, comma 1, della legge 36/1994, le spese di funzionamen

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
33429 803456
CAPO V - Funzioni regionali


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
33429 803457
Art. 14 - (Funzioni regionali)

1. La Regione esercita funzioni di tutela e di risanamento delle risorse idriche, nonché di programmazione e indirizzo sulla gestione e sull'utilizzo delle medesime; esercita, inoltre, funzioni di coordinamento e controllo sull'attività dell'Autorità d'ambito in attuazione dei principi di cui all'articolo 1, commi 1 e 2. La Regione esercita, altresì, funzioni di indirizzo, verifica e controllo del raggiungimento delle finalità di cui all'articolo 1, comma 3, lettera d), e promuove attività di educazione e sensibilizzazione dei cittad

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
33429 803458
CAPO VI - Organizzazione del servizio idrico integrato


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
33429 803459
Art. 15 - (Adempimenti per l'organizzazione del servizio idrico integrato)

1. Entro centoventi giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge, la Giunta regionale emana i criteri e gli indirizzi per effettuare in modo omogeneo, organico e coordinato la ricogn

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
33429 803460
Art. 16 - (Prima attivazione del servizio idrico integrato)

1. Al fine di realizzare la prima attivazione del servizio idrico integrato, l'Autorità d'ambito:

a) individua le gestioni esistenti per le quali può essere riconosciuta la salvaguardia, di cui all'articolo 9, comma 4, della legge

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
33429 803461
Art. 17 - (Salvaguardia delle gestioni esistenti)

1. Al fine di garantire la salvaguardia dei soggetti gestori, la salvaguardia è concessa, sulla base dei cr

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
33429 803462
CAPO VII - Qualità dei servizi e forme di garanzia per i consumatori


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
33429 803463
Art. 18 - (Autorità regionale per la vigilanza sui servizi idrici)

1. Al fine di concorrere a garantire l'efficacia e l'efficienza dei servizi disciplinati dalla presente legge, con particolare riguardo all'applicazione delle tariffe, nonché alla tutela degli utenti e dei consumatori, è istituita l'Autorità regionale per la vigilanza sui servizi idrici, di seguito denominata Autorità per la vigilanza.

N6 “2. L’Autorità per la vigilanza è organo monocratico nominato con decreto del Presidente della Regione, a seguito di designazione del Consiglio regionale. La designazione è valida per il candidato che ottiene la maggioranza dei voti dei consiglieri regionali presenti. La votazione avviene a scrutinio segreto.”

3. La scelta deve essere effettuata tra persone dotate di particolare professionalità e competenza nel settore oggetto della presente legge, che diano garanzia di indipendenza e obiettività.

4. Il titolare dell'Autorità per la vigilanza dura in carica cinque anni e può essere rinnovato una sola volta. Ad esso è attribuito un compenso determinato dalla Giunta regionale in analogia a quello spettante ai membri del Comitato per la vigilanza sull'uso de

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
33429 803464
Art. 19 - (Compiti)

1. L'Autorità per la vigilanza opera in piena autonomia e indipendenza di giudizio e svolge attività di valutazione della qualità dei servizi e di tutela degli interessi dei consumatori e degli utenti.

2. L'Autorità per la vigilanza svolge, in particolare, i seguenti compiti:

a) elabora standard relativi alla qualità del servizio comuni a tutte le Autorità d'ambito;

b) pubblicizza e diffonde con cadenza periodica la conoscenza delle condizioni di svolgimento dei servizi al fine di garantire la massima trasparenza;

c) elabora att

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
33429 803465
Art. 20 - (Carta del servizio pubblico)

1. Ciascuna Autorità d'ambito elabora, assicurando la partecipazione dei Comitati consultivi degli utenti di cui all'articolo 21, gli schemi di riferimento delle Carte del servizio pubblico relative ai servizi idrici, con indicazione dei diritti e degli obblighi degli utenti. Le Carte del servizio sono redatte dal gesto

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
33429 803466
Art. 21 - (Comitati consultivi degli utenti)

1. Le Autorità d'ambito costituiscono un Comitato consultivo degli utenti unico per ogni Ambito territoriale ottimale, ai fini del controllo della qualità dei servizi idrici e della predisposizione di progetti e attività di educazione, informazione e responsabilizzazione degli utenti per il raggiungimento delle finalità di cui all'articolo 1.

2. Con deliberazione della Giunta regionale, su proposta de

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
33429 803467
CAPO VIII - Modalità di gestione del servizio


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
33429 803468
Art. 22 - (Gestione delle reti e degli impianti)

1. Per il servizio idrico integrato, così come definito dall'articolo 4, comma 1, lettera f),

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
33429 803469
Art. 23 - (Forme di gestione del servizio idrico integrato)

1. Le Autorità d'ambito affidano la gestione del servizio idrico integrato nella forma prevista dall'articolo 113, comma 5, lettera c), del decreto legislativo 267/2000.

2. L'affidamento della gestione nelle forme di cui all'articolo 113, comma 5, lettere a) e b), del decreto legislativo 267/2000 è consentit

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
33429 803470
Art. 24 - (Rapporti fra Autorità d'ambito e soggetti gestori)

1. I rapporti fra Autorità d'ambito e soggetti gestori di ciascun Ambito sono regolati da un contratto di servizio e relativo disciplinare.

2. Detto contratto di servizio è stipulato sulla base della convenzione tipo e del relativo disciplinare, che dovranno essere approvati con deliberazione della Giunta regionale, entro centottanta giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge.

3. Le Autorità d'ambito

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
33429 803471
Art. 25 - (Tariffa del servizio idrico integrato)

1. La tariffa è determinata dall'Autorità d'ambito tenendo conto dei criteri e metodi di cui agli articoli 13 e 14 della legge 36/1994 e sulla base del decreto del Ministero dei lavori pubblici 1o agosto 1996 (Metodo normalizzato per la definizione delle componenti di costo e la determinazione della tariffa di riferimento del servizio idrico integrato), pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 243 del 16 ottobre 1996. Essa costituisce il corrispettivo del servizio idrico integrato e assicura la copertura integrale dei costi e delle remunerazioni indicate all'articolo 13, comma 2, della legge 36/1994.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
33429 803472
Art. 26 - (Fondo regionale per il servizio idrico integrato)

1. Per assicurare il perseguimento degli obiettivi di cui all'articolo 25, comma 5, è costituito il Fondo regionale per il servizio id

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
33429 803473
Art. 27 - (Fondo regionale per lo sviluppo degli investimenti per il servizio idrico integrato)

1. Per contribuire allo sviluppo degli investimenti sugli impianti e sulle infrastrutture per il servizio idrico integrato, e in particola

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
33429 803474
CAPO IX - Disposizioni finali, transitorie e finanziarie


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
33429 803475
Art. 28 - (Personale)

1. La Regione provvede a disciplinare le forme e le modalità per il trasferimento ai soggetti gestori del servizio idrico integrato del personale appartenente alle amministrazioni comunali, ai consorzi, alle aziende speciali e ad altri enti pubblici, ai sensi dell'articolo 12, comma 3, della legge 36/1994.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
33429 803476
Art. 29 - (Opere e impianti di competenza regionale)

1. Le opere e gli impianti di competenza regionale destinati all'esercizio di uno o più servizi indicati nell'articolo 4, comma 1, lettera f), della legge 36/1994, sono trasferiti, unitamente alle pertinenze relative, anche in deroga ad altre disposizioni di legge regionali,

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
33429 803477
Art. 30 - (Disposizioni finali e transitorie)

1. Fermo restando quanto previsto dall'articolo 11, i Comuni continuano ad espletare le attività ordinarie connesse alla gestione del servizio disciplinato dalla presente legge. L'Autorità d'ambito stabilisce con delibera il trasferimento dell'esercizio di dette attività dai Comuni all'Autorità medesima.

2. Sono fatti salvi gli effetti giuridici nascenti dagli atti assunti da

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
33429 803478
Art. 31 - (Abrogazione di norme)

1. A decorrere dalla data di entrata in vigore della presente legge, sono abrogate le seguenti disposizioni:

a) legge regionale 16 novembre 1965, n. 27 (Norme per agevolare la costruzione, l'ampliamento e il completamento di acquedotti e fognature);

b) legge regionale 29 dicembre 1976, n. 68 (Interventi regionali nel settore delle opere igienico-sanitarie);

c) legge regionale 8 marzo 1977, n. 14 (Interpretazione autentica dell'articolo 6 e rifinanziamento dell'articolo 3 della legge regionale 29 dicembre 1976, n. 68, concernente "Interventi regionali nel settore delle opere igienico-sanitarie");

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
33429 803479
Art. 32 - (Norme finanziarie)

1. Per le finalità previste dall'articolo 13, comma 2, è autorizzata la spesa di 250.000 euro per l'anno 2005 a carico dell'unità previsionale di base 3.2.340.2.2333, denominata "Organizzazione del servizio idrico integrato" che si istituisce nello stato di previsione della spesa del bilancio pluriennale per gli anni 2005-2007 e del bilancio per l'anno 2005, alla funzione obiettivo n. 3 - programma 3.2 - spese d'investimento - con riferimento al capitolo 2275 (2.1.238.3.10.16) che si istituisce nel documento tecnico allegato ai bilanci medesimi - alla rubrica n. 340 - Servizio infrastrutture civili e tutela acque da inquinamento - con la denominazione "Contributo straordinario alle Autorità d'ambito per le spese di funzionamento, al fine di garantire l'avvio dell'attività" e con lo stanziamento di 250.000 euro per l'anno 2005.

2. Per le finalità previste dall'articolo 18 è autorizzata la spesa di 90.000 euro per l'anno 2005 a carico dell'unità previsionale di base 3.2.340.2.2333 dello stato di previsione della spesa del bi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
33429 803480
Art. 33 - (Rinvio)

1. Per quanto non previsto dalla presente legge, trovano applicazione, ove compatibili, le disposizioni della legge 36/1994.


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Demanio idrico
  • Demanio
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Acque
  • Pubblica Amministrazione

Concessioni demaniali marittime, canoni aggiornati, proroghe e scadenze

A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Impatto ambientale - Autorizzazioni e procedure
  • Tutela ambientale

L’Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA)

COSA È L’ AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE (AIA) (Finalità dell’AIA e normativa di riferimento; Autorizzazioni e provvedimenti sostituiti dall’AIA; Rapporti tra AIA e Valutazione di impatto ambientale (VIA); Rapporti tra AIA e altre autorizzazioni non ambientali e/o edilizie) - INTERVENTI SOGGETTI AD AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE (AIA) (Campo di applicazione dell’AIA; Esclusioni; Competenza al rilascio dell’AIA; Tabella completa impianti soggetti ad Autorizzazione integrata ambientale) - DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE (Contenuti della domanda di AIA in sede statale; Modulistica per la domanda di AIA in sede statale; Domanda di AIA in sede regionale o delle Province autonome; La relazione di riferimento per le attività che utilizzano sostanze pericolose; Oneri istruttori e spese per rilievi, accertamenti e sopralluoghi) - PROCEDIMENTO DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE (Presentazione della domanda e verifica; Pubblicazione dei dati sulla domanda e osservazioni del pubblico; Istruttoria e acquisizione di atti e prescrizioni; Coordinamento autorizzazioni su parti diverse della stessa installazione; Conclusione del procedimento; Accordi tra gestore ed enti pubblici per impianti di preminente interesse nazionale; Direttiva per la conduzione dei procedimenti di AIA) - PROVVEDIMENTO DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE (Condizioni per il rilascio dell’AIA; Contenuto dell’AIA) - RINNOVO O RIESAME DELL’AIA, MODIFICHE AGLI IMPIANTI (Rinnovo o riesame dell’AIA; Modifiche degli impianti sottoposti ad Autorizzazione integrata ambientale) - SANZIONI (Diffida, sospensione attività e chiusura installazione; Sanzioni penali e amministrative.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Studio Groenlandia
  • Rifiuti
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Rifiuti, non rifiuti e sottoprodotti: definizione, classificazione, normativa di riferimento

A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Beni culturali e paesaggio
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Le norme per la tutela degli alberi monumentali

A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Inquinamento acustico
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Acustica ambientale: classificazione del territorio, piani d’azione, valori limite, sanzioni

QUADRO NORMATIVO E INTERVENTI GENERALI (Quadro normativo in tema di acustica ambientale e coordinamento tra le norme; Interventi per migliorare il clima acustico) - ZONIZZAZIONE E MAPPATURA ACUSTICA DEL TERRITORIO (Zonizzazione acustica comunale; Mappatura acustica; Contenuti minimi delle mappe acustiche strategiche e dell’infrastruttura; Forma di rappresentazione dei dati da presentare al pubblico; Riesame; Controllo; Sanzioni) - PIANI DI RISANAMENTO E PIANI D’AZIONE (Contenimento delle emissioni per lo svolgimento di servizi pubblici ; Piano regionale triennale per la bonifica; Piani di risanamento acustico; Piano d’azione contro l’inquinamento acustico; Relazione periodica sullo stato acustico) - VALORI LIMITE DI EMISSIONE SONORA (Definizione; Sorgenti fisse (rumore prodotto da impianti ed infrastrutture); Sorgenti mobili (veicoli); Macchine e attrezzature destinate a funzionare all’aperto) - VALORI LIMITE DI IMMISSIONE SONORA (Definizione; Valori limite assoluti di immissione; Valori limite differenziali di immissione; Valori di attenzione; Valori di qualità; Valori limite nei Comuni privi di zonizzazione acustica; Divieto di contatto tra aree acusticamente disomogenee ; Controlli e richieste di autorizzazione in deroga) - DISPOSIZIONI SPECIFICHE PER LE INFRASTRUTTURE DI TRASPORTO (Generalità sui limiti di immissione ed emissione per fasce di pertinenza acustica; Valori limite di emissione ed immissione sonora per le infrastrutture stradali; Limiti inderogabili; Oneri per gli interventi di risanamento acustico ; Monitoraggio e sanzioni; Rumore prodotto dal traffico ferroviario; Rumore prodotto dal traffico aeroportuale) - RUMORE PRODOTTO IN OCCASIONE DI MANIFESTAZIONI MOTORISTICHE - SANZIONI - RUMORE SOTTOMARINO - ZONE SILENZIOSE DI UN AGGLOMERATO E IN APERTA CAMPAGNA - TECNICO COMPETENTE IN ACUSTICA AMBIENTALE.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Studio Groenlandia