FAST FIND : NR36592

D. Pres.R. Friuli Venezia Giulia 18/10/2016, n. 0196/Pres.

Regolamento concernente i criteri e i procedimenti per l’assegnazione, la sospensione, il ritiro, l’estinzione della concessione di estrazione di materiale litoide, le modalità di determinazione del deposito cauzionale e di compensazione del canone, ai sensi dell’articolo 14, comma 1, lettera b) della legge regionale 29 aprile 2015, n. 11 (Disciplina organica in materia di difesa del suolo e di utilizzazione delle acque).

Testo coordinato con le modifiche introdotte da:
- D. Pres. R. 30/09/2020, n. 0125/Pres.

Scarica il pdf completo
3167572 6808722
Premessa


IL PRESIDENTE


Visto il decreto legislativo 25 maggio 2001, n. 265, “Norme di attuazione dello Statuto speciale della regione Friuli-Venezia Giulia per il trasferimento di beni del demanio idrico e marittimo, nonché di funzioni in materia di risorse idriche e di difesa del suolo.”, con cui lo Stato ha trasferito alla Regione i beni appartenenti al demanio idrico e le funzioni in materia di risorse idriche e di difesa del suolo, nonché le relative funzioni amministrative;

Vista la legge regionale 29 aprile 2015 n. 11 “Disciplina organica in materia di difesa del suolo e di utilizzazione delle acque”, che introduce, tra l’altro, al titolo III, capo II, una nuova regolamentazione per il rilascio delle concessioni demaniali riguardanti gli interventi di manutenzione degli alvei dei corsi d’acqua mediante estrazione e asporto di materiale litoide, basata su procedure concorsuali ad evidenza pubblica;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3167572 6808723
Art. 1 - (Ambito di applicazione)

1. Il presente regolamento disciplina i criteri e i procedimenti per l’assegnazione, la sospensione, il ritiro, l’estinzione della concessione di estrazione di m

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3167572 6808724
Art. 2 - (Tipologie di interventi di estrazione di materiale litoide)

1. Le concessioni di estrazione di materiale litoide sono suddivise secondo le seguenti tipologie:

a) concessione per bacini idrografici o aste fluviali continue, individuate dall’ente compe

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3167572 6808725
Art. 3 - (Procedura per interventi su tratti fluviali individuati dall’ente competente)

1. Nei casi previsti dall’articolo 2, comma 1, lettere a) e b), l’Ente competente per corso d’acqua, tramite procedura ad evidenza pubblica, con pubblicazione di bando nel Bollettino Ufficiale della Regione e sui siti web istituzionali della R

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3167572 6808726
Art. 4 - (Procedura per interventi su tratti fluviali indicati dai soggetti interessati)

1. Nei casi previsti dall’articolo 2, comma 1, lettera c), relativi ad interventi di manutenzione degli alvei promossi dai soggetti interessati, l’istanza volta ad ottenere la concessione è presentata secondo lo schema di domanda di cui all’articolo 14, comma 2, lettera e), della legge regionale 11/2015 , unitamente al proget

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3167572 6808727
Art. 5 - (Criteri di scelta del concessionario)

1. Il soggetto a cui assegnare la concessione per l’esecuzione degli interventi di estrazione di materiale litoide, di cui all’articolo 2, è individuato sulla base dei seguenti criteri come specificati e pesati nell’allegato A:

a) quantità di materiale soggetto a sola movimentazione in alveo;

b) riduzione tem

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3167572 6808728
Art. 6 - (Documentazione per la partecipazione)

1. Per la partecipazione alle procedure di cui all’articolo 3, i concorrenti devono presentare la seguente documentazione:

a) istanza di partecipazione alla procedura, redatta secondo lo schema di cui all’articolo 14, comma 2, lettera e), della legge regionale 11/2015 , sottoscritta dal legale rappresentante dell’impresa concorrente o, nel caso in cui il co

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3167572 6808729
Art. 7 - (Redazione del progetto)

1. Il soggetto assegnatario in esito alla procedura di cui all’articolo 5, provvede alla redazione del progetto relativo all’intervento di manutenzione e alle eventuali opere da realizzare a compensazione dei canoni demaniali.

2. Il progetto è costituito, almeno, dai seguenti elaborati:

a) corografia in scala 1:10.000;

b) planimetrie delle aree di scavo e di destinazione del materiale da movimentare, in scala 1:200,

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3167572 6808730
Art. 8 - (Modalità di rilascio della concessione e di corresponsione dei canoni demaniali)

1. La concessione si formalizza e diviene efficace con il rilascio del provvedimento con cui l’Ente competente approva il progetto e il disciplinare di concessione, previamente sottoscritto dal soggetto individuato in esito alla procedura di cui all’articolo 5; il provvedimento è redatto sulla base dello schema approvato ai sensi dell’articolo 14, comma 2, lettera f), della legge regionale 11/2015 . Con il medesimo provvedimento è individuato il funzionario, dell’Ente competente, incaricato di verificare che gli interventi eseguiti siano conformi a quelli autorizzati.

2. Il disciplinare di concessione contiene le disposizioni e le prescrizioni che disciplinano le attività previste dal progetto e a cui il concessionario deve attenersi nonché, in particolare, le modalità di compensazione e di versamento dei canoni demaniali; è redatto secondo lo schema approvato ai sensi dell’articolo 14, comma 2, lettera f), della legge regionale 11/2015 .

3. La concessione costituisce titolo all&rsq

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3167572 6808731
Art. 9 - (Modalità per la compensazione dei canoni demaniali di cui all'articolo 30, comma 8 della legge regionale 11/2015)

1. L’Ente competente per corso d’acqua per le tipologie di concessione di materiali litoidi di cui all’articolo 2, comma 1, lettere a) e b) può prevedere la compensazione del canone demaniale con i costi relativi all’esecuzione di opere idrauliche o di lavori di manutenzione di opere idrauliche, qualora individuati e ritenuti necessari dalla struttura regionale competente in materia di difesa del suolo, nonché con il costo della relativa progettazione.

2. Le caratteristiche e i costi presunti delle opere e dei lavori di manutenzione di opere oggetto della compensazione sono indicati nel bando e nello studio di fattibilità di cui all’articolo 3.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3167572 6808732
Art. 10 - (Sospensione della concessione)

1. In caso di avverse condizioni meteorologiche o per ulteriori sopravvenute e motivate circostanze, che impediscono la regolare esecuzione dell’intervento di manutenzione dell’alveo oggetto della concessione, il concessionario può presentare, tempestivamente, all’Ente competente istanza scritta motivata di sospensione della movimentazione o dell’estrazione di materiale litoide, indicando le circostanze che giustificano la sospensione e la data di inizio della stessa. L’istanza è trasmessa, all’Ente competente, via PEC e, contestualmente, al funzionario dell’Ente competente incaricato di seguire i lav

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3167572 6808733
Art. 11 - (Estinzione della concessione)

1. Sono cause di estinzione della concessione quelle indicate all’articolo 26 della legge regionale 11/2015 .

2. In caso di rinuncia da parte del concessionario ai sensi dell’articolo 26, comma 1, lettera a) della legge regionale 11/2015 senza giustificati motivi, salvo che la rinuncia avvenga con motivi connessi allo stato di insolvenza del concessionario, l’Ente competente annulla il provvedimento di concessione e procede all’incameramen

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3167572 6808734
Art. 12 - (Rinvio dinamico)

1. Il rinvio a leggi contenuto nel presente regolamento si intende effettuato al testo vigente delle medesime, comprensivo

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3167572 6808735
Art. 13 - (Entrata in vigore)

Il presente regolamento entra in vigore il giorno successivo alla sua pubblicazione nel Bollettino Ufficiale della Regione

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3167572 6808736
Allegato A - Criteri per la scelta del concessionario (riferito all’art. 5)


A) Quantità di materiale soggetto a sola movimentazione in alveo – esclusa la quota da asportare (peso 40).

Rispetto alla quantità di materiale da movimentare prevista dallo studio di fattibilità di cui all’articolo 3, comma 2, se l’offerta in esame prevede una quantità inferiore, l’offerta stessa è meno vantaggiosa per l’Ente competente, perché la quantità residua da movimentare deve essere compensata con il canone demaniale.

Pertanto, il criterio si applica attribuendo un punteggio alla quantità di materiale di cui il concorrente propone la movimentazione nella sua offerta, minore o pari a quella prevista dal bando.

con i seguenti coefficienti:

- è attribuito il coefficiente uno se l’offerta prevede la movimentazione dell’intero quantitativo indicato dal bando;

- è attribuito il coefficiente zero all’ipotesi di movimentazione nulla;

- alle offerte intermedie è attribuito il coefficiente ottenuto per interpolazione lineare.

l coefficienti sono attribuiti applicando la seguente formula:


V(q)i = Qi / Qmax


dove:

V(q)i è il coefficiente corrispondente alla quantità offerta dal concorrente i-simo, variabile da zero a uno;

Qi è la quantità offerta dal concorrente i-simo;

Qmax è la quantità del materiale da movimentare prevista dallo studio di fattibilità;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3167572 6808737
Allegato B - Valutazione dell’offerta (riferito all’art. 5)


Tabella riassuntiva dei coefficienti determinati con la metodologia di cui all’allegato A


CRITERIO

PESO

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3167572 6808738
Allegato C - Contenuti del progetto di cui all’articolo 4, comma 1, del regolamento (riferito all’art. 4)


Ente competente

per classe di corso d’acqua

(Art. 4, c. 1 del Regolamento)


Interventi di manutenzione degli alvei mediante l’asporto di materiale inerte (art. 21, comma 4, lettera c) della legge regionale 29 aprile 2015, n.11)

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Pubblica Amministrazione
  • Demanio idrico
  • Demanio
  • Acque
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Concessioni demaniali marittime, canoni aggiornati, proroghe e scadenze

QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO SUI CANONI CONCESSORI (Canone minimo e finalità diverse da turistico ricreative, pesca, cantieristica e diporto; Pesca, acquacoltura, cantieristica navale e attività su mezzi di trasporto aeronavali; Imprese di costruzione e di riparazione navale iscritte agli albi speciali; Nautica da diporto; Finalità turistico-ricreative e nautica da diporto; Tabella riepilogativa dei riferimenti normativi) - TABELLE CON LA MISURA AGGIORNATA DEI CANONI (Ultimo aggiornamento annuale valido per il 2020; Tabelle aggiornate 2020 e dati storici; Sospensione dei canoni per le imprese balneari danneggiate dal maltempo a ottobre 2018; Sospensione temporanea 2020 canoni per nautica da diporto e turistico-ricreative) - PROROGHE E SCADENZE DELLE CONCESSIONI (Proroga di 15 anni contenuta nella Legge di bilancio 2019; Normativa e giurisprudenza UE, affidamento dei titolari delle autorizzazioni; Sospensione procedimenti pendenti al 15/11/2015 relativi alle aree pertinenziali) - REVISIONE DELLA DISCIPLINA E DELLE ZONE DEMANIALI (Tentativi di revisione antecedenti al 2019; Nuovi criteri di revisione introdotti dalla Legge di bilancio 2019).
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Opere idrauliche, acquedottistiche, marittime e lacuali
  • Finanza pubblica
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Provvidenze
  • Difesa suolo
  • Infrastrutture e opere pubbliche

Lombardia: contributi per interventi ed opere di difesa del suolo e regimazione idraulica

La Regione Lombardia ha stanziato 10 milioni di euro per la concessione di contributi a fondo perduto, da un minimo di 5 mila ad un massimo di 100 mila euro, a favore dei Comuni con popolazione fino a 15.000 abitanti per interventi e opere di difesa del suolo e di regimazione idraulica. Gli interventi finanziati devono ripristinare situazioni di dissesto o danni causati o indotti da fenomeni naturali. Sono ammissibili a finanziamento spese tecniche, espropri, lavori, fornitura di beni e attrezzature strettamente connessi alla realizzazione degli interventi.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Agricoltura e Foreste
  • Difesa suolo
  • Provvidenze
  • Finanza pubblica

Toscana: contributi per interventi di prevenzione del dissesto idrogeologico

Dalla Regione Toscana 5 milioni di euro destinati al sostegno di investimenti in azioni di prevenzione volte a ridurre le conseguenze di probabili calamità naturali, avversità atmosferiche ed eventi catastrofici. Il contributo concedibile è pari all'80% della spesa prevista a progetto per le aziende agricole e del 100% per gli enti pubblici o progetti collettivi. L’importo massimo di contributo erogabile è pari a 400 mila euro.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Provvidenze
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Acque
  • Finanza pubblica

Piemonte: contributi per la riqualificazione dei corpi idrici

Riqualificazione dei corpi idrici e soluzioni alle criticità prioritarie del reticolo idrografico piemontese individuate negli strumenti di pianificazione vigenti (Piano di gestione del distretto idrografico del Po, Piano di tutela delle acque). Questi sono gli obiettivi del bando della Regione Piemonte relativo all'anno 2020 della Regione Piemonte che ha una dotazione di 2.700.000 euro ed è indirizzato agli enti locali (Comuni in forma singola o associata, Province e Città metropolitana) e agli Enti gestori delle aree naturali protette e dei siti della Rete Natura 2000.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Difesa suolo

Liguria: contributi a favore dei Comuni per la bonifica di siti inquinati

Le risorse disponibili per l’anno 2019 per la bonifica dei siti contaminati nella Regione Liguria ammontano a 385.496,40 euro. I Comuni avranno tempo fino al 26/07/2019 per presentare le domande, che dovranno essere corredate da relazione tecnica descrittiva e quadro economico, cartografia della zona di intervento, dati catastali, cronoprogramma dei tempi di realizzazione. Gli interventi devono riguardare esclusivamente aree pubbliche o aree in cui le amministrazioni pubbliche ritengono di dover intervenire in sostituzione del soggetto preposto.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Scarichi ed acque reflue
  • Acque
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Toscana, scarichi: conclusione degli interventi di realizzazione o adeguamento

  • Demanio idrico
  • Demanio
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Acque
  • Pubblica Amministrazione

Scadenza concessioni demaniali per finalità turistico-ricreative e varie

  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Tutela ambientale

Bando Horizon 2020 sul Green deal europeo

  • Informatica
  • Procedimenti amministrativi
  • Pubblica Amministrazione
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Impatto ambientale - Autorizzazioni e procedure

Lombardia: fine fase sperimentale app "Aua Point" per comunicazione scarichi ed emissioni

  • Inquinamento atmosferico
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Monitoraggio e comunicazione dei dati emissioni veicoli pesanti