FAST FIND : NW4016

Ultimo aggiornamento
09/10/2016

Sicilia, recepimento del Testo Unico dell’edilizia

Con la legge 10/08/2016, n. 16, pubblicata sulla G.U. 19/08/2016, n. 36 Suppl. Ord., la Regione Sicilia ha recepito il Testo Unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia (D.P.R. 06/06/2001, n. 380). Disponibile il Testo Unico dell'edilizia per la Regione Sicilia elaborato da Legislazione Tecnica.
A cura di:
  • Anna Petricca

La Regione Sicilia con la L.R. 10/08/2016, n. 16, dopo oltre 15 anni, ha recepito il Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia (D.P.R. 380/2001).

ANALISI DEL PROVVEDIMENTO - Entrando nel dettaglio la norma prevede il recepimento dinamico [1] dei seguenti articoli del D.P.R. n. 380/2001: 1, 2, 2 bis, 3, 3 bis, 5 (fatta eccezione per la lettera h) del comma 3), 7, 8, 9 bis, 11, 12, 13, 14, 18, 20, 21, 23, 23 ter, 24, 25, 26, 27, 28, 28 bis, 29, 30, 31, 33, 35, 37, 38, 39, 40, 41, 42, 43, 44, 45, 46, 47, 48, 49, 50, 51, 52, 53, 54, 55, 56, 57, 58, 59, 60, 61, 62, 63, 64, 65, 66, 67, 68, 69, 70, 71, 72, 73, 74, 75, 76, 77, 78, 79, 80, 81, 82, 83, 84, 85, 86, 87, 88, 90, 91, 92, 93, 95, 96, 97, 98, 99, 100, 101, 102, 103, 104, 105, 106, 136 e 137.
Vengono, invece, recepiti con modifiche [2] gli articoli: 4, 6, 9, 10, 15, 16, 17, 19, 22, 23 bis, 32, 34, 36, 89 e 94.
Il recepimento opera dal 03/09/2016.

La disposizione provvede conseguentemente all’abrogazione delle pregresse norme che regolavano la materia, tra le quali quelle relative ai procedimenti autorizzatori edilizi, per i quali pertanto non potranno essere più istruite nuove istanze a partire dalla data di entrata in vigore del provvedimento: gli enti locali siciliani dovranno conformarsi alle stesse procedure adottate nel resto del Paese, mentre potranno essere portati a termine con le “vecchie” modalità i procedimenti già avviati.

La legge prevede, inoltre, una procedura “semplificata” per concludere gli iter delle domande di condono edilizio. È consentito, infatti, ai titolari di immobili oggetto di istanza dei condoni edilizi del 1985, 1994 e 2003, di far presentare da un tecnico abilitato una perizia giurata attestante sia il pagamento dell’oblazione e degli oneri urbanizzazione, sia il rispetto dei requisiti necessari per ottenere la concessione in sanatoria. Le perizie depositate saranno sottoposte a verifiche a campione nella misura del 5%. Trascorso il termine di 90 giorni dalla data di deposito della perizia, senza che sia stato emesso provvedimento con il quale viene assentito o negato il condono, la perizia acquista efficacia di titolo abitativo. Non è previsto espressamente l’obbligo di deposito degli elaborati grafici, ma potrebbe essere utile allegare ogni documentazione ed elaborato tecnico necessario a confermare i contenuti della perizia giurata stessa.

Si segnala altresì l’importante norma che prevede la possibilità di realizzare cambi di destinazione d’uso per tutte le costruzioni realizzate antecedentemente al 1976, purché il medesimo cambio non comporti alterazioni alle volumetrie assentite.

Istituito anche lo Sportello telematico per i titoli edilizi abilitativi della Regione “STARS” ai fini del monitoraggio dell’attività edilizia. Le documentazioni relative alle attività dello STARS sono trasmesse tramite il Modello unico per l’edilizia “MUE” (per la modulistica attualmente in vigore si rinvia all’articolo Modulistica unica per l'edilizia (Permesso di costruire, SuperDIA, SCIA, CIL, CILA) e Relazione Tecnica di Asseverazione). L’attuazione dello sportello regionale avverrà con decreto dell’Assessore regionale per il territorio e l’ambiente, che stabilirà le modalità di attuazione dello sportello.

Nella Regione trovano, altresì, applicazione le disposizioni di cui al D. Min. Sviluppo Economico 22/01/2008, n. 37 Regolamento concernente l’attuazione dell’articolo 11-quaterdecies, comma 13, lettera a) della legge n. 248 del 2 dicembre 2005, recante riordino delle disposizioni in materia di attività di installazione degli impianti all’interno degli edifici.

La disposizione provvede, infine, alla proroga al 31/12/2015 del Piano Casa (L.R. 6/2010).

LA PRONUNCIA DELLA CORTE COSTITUZIONALE - La sentenza della Corte Costituzionale 08/11/2017 n. 232 ha dichiarato l'illegittimità di alcune norme della presente legge in materia di impianti Fer, abusi edilizi e lavori edilizi nelle località sismiche che travalicano la competenza legislativa attribuita alla Regione e possono configurare un surrettizio condono edilizio.
Nel dettaglio gli articoli della L.R. Sicilia 10/08/2016, n. 16 censurati dalla sentenza della Corte Costituzionale 232/2017 e i termini delle illegittimità sono i seguenti:

  • articolo 3, comma 2, lettera f) - il legislatore regionale, consentendo la realizzazione senza titolo abilitativo di tutti gli interventi inerenti gli impianti ad energia rinnovabile (di cui agli articoli 5 e 6 del D. Leg.vo 03/03/2011, n. 28) oltrepassa il limite della propria competenza in materia di “urbanistica” invadendo la competenza statale in materia di “tutela dell’ambiente”;
  • articolo 14, comma 1 e comma 3 - nella parte in cui consente di ottenere il permesso in sanatoria se l'intervento è conforme alla disciplina urbanistica ed edilizia vigente al momento della presentazione della domanda e non, correttamente, al momento della realizzazione dell’intervento. Censurata anche l’introduzione dell’istituto del silenzio assenso, in luogo del silenzio rigetto, nella qualificazione del comportamento omissivo dell’Amministrazione sulla richiesta di permesso in sanatoria;
  • articolo 16, comma 1 e comma 3 - nella parte in cui è consentito l’avvio dei lavori nelle zone sismiche in assenza della previa autorizzazione scritta del competente ufficio tecnico della Regione e introduce una categoria di lavori “minori”, secondo il legislatore siciliano, sottratti all’autorizzazione scritta preventiva, estranei all’orizzonte della disciplina statale. 

Successivamente con Nota dell’Assessorato delle infrastrutture e della mobilità Sicilia 09/11/2017, prot. n. 221557/DRT il Dipartimento regionale tecnico ha fornito le disposizioni operative conseguenti alla dichiarazione di illegittimità costituzionale dei commi 1 e 3 dell’articolo 16 della L.R. Sicilia 10/08/2016, n. 16 disponendo l'immediata sospensione delle procedure di cui all'articolo 32 della L.R. Sicilia 19/05/2003, n. 7 e stabilendo che dalla data di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della sentenza 232/2017 (pubblicazione avvenuta in G.U. 15/11/2017, n. 46devono applicarsi le disposizioni dettate dall'articolo 94 del D.P.R. 380/2001.

Si segnala che in allegato alla L.R. Sicilia 10/08/2016, n. 16 è disponibile per i nostri Abbonati il Testo Unico dell'edilizia per la Regione Sicilia elaborato da Legislazione Tecnica.



[1] Ciò vuol dire in pratica che i menzionati articoli sono recepiti nella loro versione attualmente vigente, e con tutte le eventuali future modifiche che verranno apportate a questi articoli del provvedimento nazionale, che quindi diventeranno “automaticamente” applicabili anche nella regione Sicilia.

[2] Ciò vuol dire in pratica che i menzionati articoli sono recepiti nel testo riportato all’interno della L.R. 16/2016 in commento, modificato rispetto alla versione nazionale. Le eventuali future modifiche che verranno apportate a questi articoli del provvedimento nazionale non saranno invece applicabili “automaticamente” nella regione Sicilia, ma solo se saranno recepiti tramite ulteriori atti regionali.

Dalla redazione

  • Efficienza e risparmio energetico
  • Provvidenze
  • Finanza pubblica
  • Energia e risparmio energetico

Emilia Romagna: interventi di riqualificazione energetica degli edifici pubblici - Bando 2019

Con il bando la Regione Emilia Romagna mette a disposizione oltre 5 milioni di euro per il triennio 2019/2021 per sostenere i gli enti pubblici nel conseguire obiettivi di risparmio energetico, uso razionale dell’energia, valorizzazione delle fonti rinnovabili, riduzione delle emissioni di gas serra, con particolare riferimento allo sviluppo di misure di miglioramento della efficienza energetica negli edifici pubblici e nell'edilizia residenziale pubblica. Le spese ammissibili possono riguardare la realizzazione di impianti solari, la redazione di diagnosi energetiche, attestati di prestazione energetica degli edifici, opere edili connesse alla realizzazione degli interventi energetici, oneri di sicurezza. Gli interventi saranno cofinanziati fino al 40% con un contributo massimo di 500 mila euro.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Appalti e contratti pubblici

Gli accordi quadro per i contratti pubblici

NORMATIVA DI RIFERIMENTO - DISCIPLINA Oggetto; Durata; Accordi quadro conclusi con un solo operatore economico; Accordi quadro conclusi con più operatori economici; Accordi quadro nei settori speciali - ACCORDI QUADRO TRAMITE CONSIP - GIURISPRUDENZA Partecipazione illegittima e alterazione della par condicio tra gli operatori; Accordi quadro e oneri di sicurezza aziendali; Estrazione a sorte nelle procedure per i confronti competitivi; Accordo quadro stipulato da centrale di committenza.
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Opere idrauliche, acquedottistiche, marittime e lacuali
  • Finanza pubblica
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Provvidenze
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Difesa suolo

Lombardia: contributi per interventi ed opere di difesa del suolo e regimazione idraulica

La Regione Lombardia ha stanziato 10 milioni di euro per la concessione di contributi a fondo perduto, da un minimo di 5 mila ad un massimo di 100 mila euro, a favore dei Comuni con popolazione fino a 15.000 abitanti per interventi e opere di difesa del suolo e di regimazione idraulica. Gli interventi finanziati devono ripristinare situazioni di dissesto o danni causati o indotti da fenomeni naturali. Sono ammissibili a finanziamento spese tecniche, espropri, lavori, fornitura di beni e attrezzature strettamente connessi alla realizzazione degli interventi.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica
  • Barriere architettoniche
  • Provvidenze

Sicilia: finanziamenti ai Comuni per la creazione di parchi gioco inclusivi

Quasi quattro milioni di euro dalla Regione Sicilia per creare nuovi parchi gioco dotati di attrezzature utilizzabili sia dai bambini normodotati che con disabilità. I parchi dovranno sorgere in spazi comunali individuati dalle amministrazioni cittadine e il contributo è previsto nella misura massima di cinquantamila euro. L’area prescelta dovrà essere posizionata in una zona priva di barriere architettoniche, accessibile e già frequentata da bambini. I Comuni dovranno compartecipare con proprie risorse finanziarie nella misura minima del 10 per cento del costo complessivo del progetto e ciascun Comune, pena l’esclusione, potrà presentare una sola istanza, eventualmente per più aree da attrezzare, ma sempre nei limiti del finanziamento massimo.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Patrimonio immobiliare pubblico
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Energia e risparmio energetico
  • Pubblica Amministrazione

Veneto: 25 mln per l'efficientamento energetico del patrimonio immobiliare pubblico

La Regione Veneto ha messo a disposizione 25.000.000,00 euro per il secondo bando per l'efficientamento energetico del patrimonio immobiliare pubblico. Si tratta di contributi a fondo perduto riconosciuti nell'aliquota massima del 90% della spesa ammissibile per un importo massimo di 1.500.000 euro. La finalità del bando è la promozione dell'eco-efficienza e la riduzione di consumi di energia primaria negli edifici e strutture pubbliche attraverso le seguenti misure: interventi di ristrutturazione di singoli edifici o complessi di edifici, installazione di sistemi intelligenti di telecontrollo, regolazione, gestione, monitoraggio e ottimizzazione dei consumi energetici (smart buildings) e delle emissioni inquinanti, anche attraverso l'utilizzo di "mix tecnologici".
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Inquinamento atmosferico
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Impianti di riscaldamento e condizionamento
  • Impiantistica

Gas fluorurati a effetto serra: obblighi di comunicazione alla banca dati e tenuta dei registri

  • Inquinamento atmosferico
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Divieto dell'uso di gas fluorurati a effetto serra