FAST FIND : NR4449

L. R. Lazio 06/10/1997, n. 29

Norme in materia di aree naturali protette regionali.
Scarica il pdf completo
21592 6011871
CAPO I - Norme generali e procedure di individuazione e di istituzione delle aree naturali protette, dei monumenti naturali e dei siti di importanza comunitaria


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21592 6011872
Art. 1 - (Principi generali)

N6

1. La Regione garantisce e promuove, in maniera unitaria ed in forma coordinata con lo Stato e gli enti locali, nel rispetto degli accordi internazionali, la co

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21592 6011873
Art. 2 - (Finalità)

N6 1. La presente legge, nell'ambito dei principi della

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21592 6011874
Art. 3 (Obiettivi)

N6

1. La Regione, attraverso la creazione di un sistema di aree naturali protette nonché mediante l'istituzione dei monumenti naturali e l'individuazione dei siti di importanza comunitaria, persegue, in particolare, i seguenti obiettivi:

a) la tutela, il recupero e il

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21592 6011875
Art. 4 - (Sezione aree naturali protette)

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21592 6011876
Art. 5 (Sistema delle aree naturali protette del Lazio - Classificazione. Istituzione delle aree naturali protette interregionali e nazionali)

N6

1. Il sistema regionale delle aree naturali protette del Lazio è articolato, tenendo conto delle diverse caratteristiche e destinazioni delle aree stesse, nelle seguenti categorie:

a) parco naturale;

b) riserva naturale.

2. I parchi naturali sono costituiti da aree terrestri, fluviali, lacuali e da tratti di mare

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21592 6011877
Art. 6 - (Monumenti naturali e siti di importanza comunitaria)

N20

1. La Regione, per le finalità di cui all'articolo 2 e per garantire una più ampia azione di conservazione e valorizzazione del proprio patrimonio naturale, tutela, oltre alle aree classificate ai sensi dell'articolo 5, i monumenti naturali di cui al comma 2 ed i siti di importanza comunitaria individuati nel territorio regionale in base ai criteri contenuti nella direttiva 92/43/CEE del Consiglio del 21 maggio 1992.

2. Per monumento naturale si intendono habitat o ambienti omogenei, esemplari vetusti di piante, formazioni geologiche, geositi e affioramenti fossiliferi “, successioni ecologiche e/o ricoloniz

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21592 6011878
Art. 7 - (Piano regionale e piani provinciali delle aree naturali protette)

1. La Regione individua le aree naturali protette in tutte quelle parti del proprio territorio dove siano presenti formazioni fisiche, geologiche, geomorfologiche e biologiche, o gruppi di esse, che abbiano rilevante valore naturalistico, paesaggistico ed ambientale, al fine di garantire il conseguimento degli obiettivi di cui all'articolo 3.

2. L'individuazione di cui al comma 1 è effettuata utilizzando:

a) i demani e i patrimoni forestali regionali, provinciali, comunali e enti pubblici, ai sensi dell'articolo 22, comma 3, della l. 394/1991;

b) le aree individuate ai sensi degli articoli 82 e 83 del decreto del Presidente della Repubblica 24 luglio 1977, n. 616 (Attuazione della delega di cui all'articolo 1 della legge 22 luglio 1975, n. 382) e successive modifiche, le zone umide di cui al decreto del Presidente della Repubblica 13 marzo 1976, n. 448 (Esecuzione della convenzione relativa alle zone umide d'importanza internazionale, soprattutto come habitat degli uccelli acquatici, firmata a Ramsar il 2 febbraio 1971), i siti di importanza comunitaria e le zone speciali di conservazione previste dal decreto del Presidente

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21592 6011879
Art. 8 (Misure di salvaguardia)

N6

1. Il Presidente della Giunta regionale, qualora vengano ravvisate o accertate situazioni di grave pericolo o di danno ambientale relativamente ad aree naturali da proteggere inserite nello schema di piano adottato dalla Giunta regionale, può sottoporre le aree interessate a misure di salvaguardia ai sensi dell'articolo 6, comma 1, della l. 394/1991 e dell'articolo 10 della l.r. 74/1991.

2. Dalla data di pubblicazione del piano regionale approvato dal Consiglio regionale in conformità a quanto stabilito dall'articolo 7 e fino alla data di entrata in vigore delle leggi regionali istitutive delle singole aree naturali protette, e comunque per non più di cinque anni, entro i confini delle aree di cui all'articolo 7, comma 4, lettera a), si applicano le disposizioni dei successivi commi e le eventuali misure transitorie di salvaguardia previste dall'articolo 7, comma 4, lettera b).

3. All'interno delle zone A previste dall'articolo 7, comma 4, lettera a), numero 1), delle aree naturali protette individuate dal piano regionale, sono vietati:

a) la raccolta ed il danneggiamento della flora spontanea, ad eccezione di quanto connesso con le attività di produzione agricola “aziendali, di cui all’articolo 2 della legge regionale 2 novembre 2006, n. 14 (Norme in materia di multifunzionalità, agriturismo e turismo rurale) e successive modifiche”N75 e di quanto eseguito per fini di ricerca e di studio da parte di istituti pubblici, fatti salvi il pascolo e la raccolta di funghi, tartufi ed altri prodotti del bosco, purché effettuati nel rispetto della vigente normativa, degli usi civici e delle consuetudini locali;

b) l'introduzione in ambiente naturale di specie, razze e popolazioni estranee alla flora spontanea ed alla fauna autoctona ", fatta eccezione per lo svolgimento delle attività agricole “aziendali, di cui all’articolo 2 della l.r. 14/2006N75N46;

c) il prelievo di materiali di interesse geologico e paleontologico, ad eccezione di quello eseguito, per fini di ricerca e studio,

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21592 6011880
Art. 9 - (Istituzione delle aree naturali protette)

1. Le aree naturali protette sono istituite con legge regionale nel rispetto dei principi generali enunciati dalla presente legge e dei contenuti del piano di cui all'articolo 7.

2. La partecipazione delle province, della città' metropolitana, delle comunità montane e dei comuni al procedimento di istituzione dell'area naturale protetta è acquisita, ai sensi dell'articolo 22, comma 1, lettera a), della l. 394/1991, mediante una conferenza finalizzata alla redazione di un documento di indirizzo fondato sull'analisi territoriale dell'area da sott

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21592 6011881
Art. 10 - (Aree contigue)

1. Qualora occorra intervenire per assicurare la conservazione dei valori di un'area naturale protetta, il Consiglio regionale, su proposta della Giunta regionale, d'intesa con l'organismo di gestione dell'area naturale protetta e con gli enti locali interessati, stabilisce piani e programmi nonché le eventuali misure di disciplina della pesca, delle attività estrattive e per la tutela dell'ambiente, relativi alle aree contigue all'area naturale protetta interessata, delimitand

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21592 6011882
Art. 11 - (Riserve marine)

1. La Regione, ai sensi dell'

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21592 6011883
Art. 11 bis - (Documento strategico sulla biodiversità)

N20

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21592 6011884
CAPO II - ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLE AREE NATURALI PROTETTE
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21592 6011885
Art. 12 - (Modalità di gestione)

1. La gestione delle aree naturali protette è affidata, tenuto conto del livello di interesse definito dalle relative leggi istitutive ai sensi dell'articolo 5, comma 4:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21592 6011886
SEZIONE I - Aree naturali protette di interesse regionale
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21592 6011887
Art. 13 - (Organi dell'ente di gestione)

1. Sono organi dell'ente di gestione dell'area naturale protetta, di seguito denominato ente di gestione:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21592 6011888
Art. 14 (Consiglio direttivo e presidente)

N6

1. Il consiglio direttivo è composto dal presidente e da altri "quattro"N53 membri, scelti “, previo avviso pubblico,”N74 tra persone che si siano distinte per gli studi e per le attività nel campo della protezione dell'ambiente "con comprovata esperienza di gestione ed adeguato curriculum"N46, “nominati dal Presidente della Regione e”N67 così designati:

a) uno, con funzioni di presidente, dal "Presidente della Regione, ai sensi dell'articolo 55, comma 3, dello Statuto, sentito l'Assessore competente in materia di ambiente"N49;

b) "due"N53 dalla comunit&a

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21592 6011889
Art. 15 - (Revisore dei conti unico)

N33

1. Il revisore dei conti unico esercita le funzioni e i compiti individuati dalle disposizioni regionali vigenti in materia.

2. Il revisore dei conti unico è scelto tra g

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21592 6011890
Art. 16 (Comunità)

N6

1. I presidenti delle province, i sindaci dei comuni e i presidenti delle comunità montane o loro delegati nei cui territori sono ricomprese le aree naturali protette, costituiscono la comunità dell'area naturale protetta o del sistema delle aree naturali protette gestite unitariamente, ciascuno con responsabilità pari alla quota di partecipazione territoriale calcolata, nel rispetto di quanto previsto dal presente comma, sulla base dei criteri stabiliti dalla Giunta regionale con propria deliberazione. La quota di partecipazione è definita con riferimento alla percentuale della superficie comunale compresa nell'area protetta nonché alla percentuale della quota di partecipazione del comune alla superficie complessiva dell'area protetta "e non può comunque eccedere, per ciascun comune, il 49 per cento dell'intero organo collegiale"

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21592 6011891
Art. 17 - (Statuto)

1. Entro tre mesi dalla data del decreto di nomina, il Consiglio direttivo dell'ente di gestione redige ed adotta lo statuto dell'ente stesso, in cui sono indicate, o

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21592 6011892
Art. 18 (Vigilanza e controllo sull'attività)

N6

1. Ai sensi dell'articolo 54 dello Statuto regionale, la vigilanza ed il controllo sull'attività dell'ente di gestione spettano alla Giunta regionale.

2. La Giunta regionale in particolare:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21592 6011893
Art. 19 - (Vigilanza e controllo sugli organi)

1. Nell'esercizio del potere di vigilanza sull'ente di gestione la Giunta regionale dispone periodiche ispezioni per accertare la regolare attuazione dei c

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21592 6011894
Art. 20 - (Bilanci, entrate e patrimonio)

1. L'esercizio finanziario dell'ente di gestione coincide con l'anno solare.

2. L'ente di gestione ha un proprio bilancio di previsione ed un proprio rendiconto generale, che vengono formulati, controllati ed approvati con le modalità di cui alla legge regionale 30 aprile 1991, n. 19.

3. Entro il 30 giugno di ogni anno la Giunta regionale, sentita la sezione aree naturali protette, definisce, con propria deliberazione, gli obiettivi e gli indirizzi di intervento nelle singole aree naturali protette, tenendo conto della programmazione generale e settoriale della Regione, delle direttive e dei programmi dell'Unione Europea e dello Stato e delle relat

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21592 6011895
Art. 21 - (Criteri generali di coordinamento)

1. La Regione per assicurare criteri uniformi e coordinati di gestione del personale degli enti delle aree naturali protette provvede a:

a) reclutar

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21592 6011896
Art. 22 - (Strutture organizzative e dotazioni organiche)

N45

1. Le strutture organizzat

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21592 6011897
Art. 23 - (Personale)

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21592 6011898
Art. 24 - (Direttore dell'ente di gestione)

1. Il direttore dell'ente di gestione è nominato dal Presidente della Giunta regionale ed è scelto in una rosa di tre candidati, individuati tra i soggetti iscritti in un elenco regionale formato e disciplinato con deliberazione della Giunta regionale o, in subordine, tra i soggetti iscritti all'albo di cui all'articolo 9, comma 11 della l. 394/1991, così come modificato dall'articolo 2, comma 25 della legge 9 dicembre 1998, n. 426 (Nuovi interventi in campo ambientale), di cui uno designato su proposta del Presidente del consiglio direttivo e due designati su proposta del consiglio direttivo medesimo.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21592 6011899
Art. 25 - (Personale di sorveglianza)

1. Al personale addetto alla sorveglianza, denominato guardiaparco, è attribuita la qualifica di agente di polizia giudiziaria, ne

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21592 6011900
Art. 25 bis - (Attività di monitoraggio sugli habitat e sulle specie della flora e della fauna di importanza comunitaria)

N20

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21592 6011901
Art. 26 - (Piano dell'area naturale protetta)

1. Il piano dell'area naturale protetta, ai fini della tutela e della promozione dei valori naturali, paesistici e culturali presenti nell'area stessa, prevede:

a) la perimetrazione definitiva dell'area naturale protetta;

b) le destinazioni di uso pubblico o privato dell'area naturale protetta e le relative norme di attuazione con riferimento alle varie aree;

c) i diversi gradi e tipi di accessibilità veicolare e pedonale, prevedendo in particolare percorsi, accessi e strutture idonee per i disabili, i portatori di handicap e gli anziani;

d) i sistemi di attrezzature e servizi per la funzione sociale dell'area naturale protetta, quali: musei, centri di visita, uffici informativi, aree di campeggio e attività agrituristiche;

e) gli indirizzi ed i criteri per gli interventi sulla flora, sulla fauna, sui paesaggi e sui beni naturali e culturali in genere;

f) l'organizzazione generale del territorio e la sua articolazione nelle seguenti zone caratterizzate da forme differenziate di tutela, godimento ed uso:

f bis) la proposta di aree contigue alla perimetrazione definitiva dell'area naturale protett

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21592 6011902
Art. 27 - (Regolamento dell'area naturale protetta)

1. Il regolamento dell'area naturale protetta, allo scopo di garantire il perseguimento delle finalità per cui è istituita l'area stessa, disciplina l'esercizio delle attività consentite e, in particolare:

a) gli interventi sulle acque;

b) la raccolta delle specie vegetali allo stato selvatico;

c) la tipologia e le modalità di costruzione di opere e manufatti;

d) lo svolgimento delle attività artigianali, commerciali, di servizio ed agro-silvo-pastorali;

e) il soggiorno e la circolazione del pubblico con qualsiasi mezzo di trasporto, con l'indicazione dei modi d'uso della viabilità, in maniera da assicurare la fruibilità pubblica delle attrezzature sociali e ricreative e dei beni culturali esistenti nell'area naturale protetta;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21592 6011903
Art. 28 (Nulla osta e poteri d'intervento dell'ente di gestione)

N6

1. Il rilascio di concessioni od autorizzazioni, relativo ad interventi, impianti ed opere all'interno dell'area naturale protetta, è sottoposto a preventivo nulla osta dell'ente di gestione ai sensi dell'articolo 13, commi 1, 2 e 4, della l. 394/1991. Ai fini dell'acquisizione del nulla osta, le amministrazioni interessate convocano apposite conferenze di servizi ai sensi degli articoli 14, 14bis, 14ter, 14quater della l. 241/1990 e successive modifiche e dell'articolo 17 della legge regionale 22 ottobre 1993, n. 57 (Norme generali per lo svolgimento del procedimento amministrativo, l'esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi e la migliore funzionalità dell'atti

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21592 6011904
SEZIONE II - Aree naturali protette di interesse provinciale
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21592 6011905
Art. 29 - (Criteri e modalità per la gestione delle aree naturali protette di interesse provinciale - Piani e regolamenti)

1. Le province gestiscono le aree naturali protette di propria competenza secondo quanto previsto dall'articolo 12, comma 1, lettera b) entro i termini fissati dalle relative leggi istitutive. A tal fine le province possono avvalersi provvisoriamente dell'Agenzia regionale per i Parchi.

2. Le province devono assicurare, nella gestione delle aree naturali protette di loro

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21592 6011906
CAPO III - PROMOZIONE ECONOMICO-SOCIALE - INTERVENTI FINANZIARI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21592 6011907
Art. 30 (Programma pluriennale di promozione economica e sociale)

N6

1. Nel rispetto delle finalità dell'area naturale protetta e della disciplina stabilita dai relativi piano e regolamento, l'organismo di gestione promuove le iniziative atte a favorire lo sviluppo economico e sociale delle collettività residenti all'interno dell'area stessa e dei territori adiacenti, anche mediante la realizzazione di specifici progetti di sviluppo sostenibile.

2. Per i fini di cui al comma 1, la comunità dell'ente di gestione delle aree naturali protette d'interesse regionale e gli organismi di gestione delle aree naturali protette di interesse provinciale, entro novanta giorni dalla loro costituzione, con l'assistenza dell'Agenzia regionale per i Parchi, elaborano il programma pluriennale di promozione economica e sociale, in cui sono indicati interventi coordinati con quelli dello Stato, della Regione e degli enti locali interessa

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21592 6011908
Art. 31 - (Sviluppo delle attività agricole)

1. Per consentire la qualificazione e la valorizzazione "del territorio agricolo"N49, nell'ambito delle finalità istitutive dell'area naturale protetta, gli organismi di gestione, compatibilmente con la tutela dei valori naturali e culturali presenti nell'area stessa “e con il ruolo di tutela attiva delle "imprese agricole"N49, nelle zone di cui all’articolo 26, comma 1, lettera f)” N39 “e nei monumenti naturali di cui all’articolo 6”N74, favoriscono:

a) le attività agricole aziendali di cui all’articolo 2 della l.r. 14/2006 e quelle integrate e compatibili di cui alla l.r. 38/1999 e alla l.r. 14/2006;N82

b) la

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21592 6011909
Art. 32 - (Incentivazioni)

1. Ai comuni, alle province ed alle comunità montane il cui territorio è compreso, in tutto o in parte, entro i confini delle aree naturali protette istituite ai sensi della presente legge o della legge regionale 28 novembre 1977, n. 46, ovvero previste dal piano regionale delle aree naturali protette e alle quali si applicano le misure di salvaguardia indicate nell'articolo 8, è attribuita priorità nella concessione di finanziamenti regionali, anche provenienti da fondi comunitari e statali, per sostenere, entro i confini dell'area naturale protetta e delle aree contigue di cui all'articolo 10, i seguenti interventi:

a) restauro dei centri storici e di edifici di particolare valore storico e cu

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21592 6011910
Art. 33 - (Gestione del patrimonio forestale)

1. L'organismo di gestione, entro due anni dalla istituzione dell'area naturale protetta, determina i criteri per l'utilizzazione del patrimonio forestale, nel rispetto delle finalità della legge regionale istitutiva e della disciplina contenuta nel piano e nel regolamento dell'area stessa.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21592 6011911
Art. 34 - (Indennizzi e risarcimento per i danni economici)

1. L'organismo di gestione è tenuto ad indennizzare i danni provocati dalla fauna selvatica alle produzioni agricole e alle opere approntate sui terreni e può corrispondere incentivi per la prevenzione dei danni medesimi, con le modalità previste dal programma operativo annuale di cui all'articolo 8 della L.R. n. 4/2015. Il regolamento di cui all'arti

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21592 6011912
Art. 35 - (Contributi per il mantenimento ed il recupero delle caratteristiche ambientali e paesaggistiche)

1. Gli organismi di gestione prevedono nei propri bilanci appositi stanziamenti per l

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21592 6011913
Art. 36 (Acquisizione e affitto di beni mobili ed immobili)

N6

1. La Regione promuove iniziative per l'acquisizione e l'affitto di beni mobili ed im

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21592 6011914
CAPO IV - SORVEGLIANZA E SANZIONI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21592 6011915
Art. 37 - (Sorveglianza)

1. Oltre a quanto previsto dall'articolo 25, comma 2, sono incaricati di far rispetta

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21592 6011916
Art. 38 (Sanzioni)

N6

1. Salvo che il fatto costituisca un reato, ogni violazione dei vincoli, dei divieti, delle prescrizioni e in genere delle norme stabilite dalla presente legge e dalle leggi istitutive delle singole aree naturali protette è soggetta ad una sanzione pecuniaria “da euro 50,00 a euro 3.000,00”N70. Nel caso di più violazioni si applica quanto previsto dall'articolo 8, comma 1, della legge 24 novembre 1981, n. 689 (Modifiche al sistema penale).

2. Le leggi regionali istitutive delle aree nat

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21592 6011917
CAPO V - DISPOSIZIONI FINALI E TRANSITORIE
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21592 6011918
Art. 39 - (Riordino delle aree naturali protette esistenti)

1. Ai sensi dell'articolo 9 sono istituiti:

a) l'Ente regionale di diritto pubblico "Parco naturale regionale dei Monti Simbruini", cui è affidata l'amministrazione e gestione delle attività e del territorio del parco istituito con legge regionale 29 gennaio 1983, n. 8;

b) l'Ente regionale di diritto pubblico "Parco naturale regionale dei Monti Lucretili", cui è affidata l'amministrazione e gestione delle attività e del territorio del parco istituito con legge regionale 26 giugno 1989, n. 41;

c) l'Ente regionale di diritto pubblico "Parco regionale dei Castelli Romani", cui è affidata l'amministrazione e gestione delle attività e del territorio del parco istituito con legge regionale 13 gennaio 1984, n. 2;

d) l'Ente regionale di diritto pubblico "Parco regionale dell'Appia Antica", cui è affidata l'amministrazione e gestione delle attività e del territorio del Parco istituito con

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21592 6011919
Articolo 40 - Aree naturali protette nel territorio del comune di Roma

1. Le aree naturali protette gestite dal comune di Roma alla data di entrata in vigore della presente legge e le altre istituite successivamente a tale data ed interamente ricadenti nel territorio del comune stesso, costituiscono un sistema per la cui gestione è istituito l'ente regionale Roma Natura al quale si applicano le disposizioni del capo II, sezione I, salvo il disposto del comma 2. N13

2

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21592 6011920
Art. 41 - (Ampliamento della riserva naturale Monte Navegna e Monte Cervia)

N3

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21592 6011921
Articolo 42 - Ampliamento del parco regionale dell'Appia Antica

1. Il parco regionale dell'Appia Antica, istituito e disciplinato con legge regionale n. 66/1988, come modificata dalla legge regionale 6 settembre 1994, n. 3

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21592 6011922
Articolo 43 - Stralcio del piano regionale delle aree naturali protette

1. Con la presente legge è approvato uno stralcio del piano di cui all'articolo 7, relativo allo schema di piano regionale dei parchi e delle riserve adottato dalla Giunta regionale ai sensi dell'articolo 18 della legge regionale n. 46/1977 e dell'articolo 15 della legge regionale n. 17/1986, con deliberazione n. 11746 del 29 dicembre 1993, secondo le perimetrazioni provvisorie riportate su cartografia a scala 1:25.000 e 1:10

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21592 6011923
Articolo 44 - Aree naturali protette istituite

1. Sono istituite con le perimetrazioni e le zonizzazioni provvisorie di cui alle planimetrie a scala 1:10.000 contenute nell'allegato B, le seguenti aree protette:

a) Parco naturale di Veio;

b) Parco naturale dei Monti Aurunci;

c) Riserva naturale di Tuscania;

d) Riserva naturale del Monte Soratte;

e) Riserva naturale di Monte Catillo;

f) Riserva naturale di Nomentum;

g) Riserva naturale della Macchia di Gattaceca e Macchia del Barco;

h) Riserva naturale Antiche Città di Fregellae e Fabrateria Nova e del Lago di San Giovanni Incarico;N36

i) Riserva naturale del lago di Canterno; N36

j) Riserva naturale della Valle dei Casali;

k) Riserva naturale dell'Insugherata;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21592 6011924
Articolo 45 - Tutela del patrimonio forestale

1. Nell'ambito della politica di conservazione e corretta valorizzazione delle risorse naturali della Regione, in ottemperanza all'articolo 45 dello Statuto ed in attesa di apposite leggi istitutive delle relative aree naturali protette, sono sottoposte alle misure di salvaguardia di cui all'articolo 8, comma 3, le seguenti aree appartenenti al patrimonio regionale:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21592 6011925
Articolo 46 - Norma transitoria

1. Salvo quanto previsto nell'articolo 43 lo schema di piano adottato dalla Giunta regionale ai sensi dell'articolo 18 della legge regionale n. 46/1977 e dell'articolo 15 della legge regionale n. 17/1986 e successive modificazioni, con deliberazione n. 11746 del 1993,

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21592 6011926
Art. 47 (Abrogazioni)

N6

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21592 6011927
Articolo 48 - Disposizioni finanziarie

1. Gli oneri derivanti dall'attuazione della presente legge quantificati per l'anno 1997 in L. 500 milioni, per l'anno 1998 in L. 6.000 milioni e per l'anno 1999 in L. 8.000 milioni, rientrano negli stanziamenti iscritti nel capitolo n. 52152 denominato "Fondo regionale per l'ambiente (articolo 3, comma 27, della legge 28 dicembre 1995, n. 549)" dello stato di previsione della spesa del bilancio regionale per l'anno finanziario 1997 e per il triennio 1997/1999, fatto salvo quanto disposto dall'articolo 12 della legge regionale 20 maggio 1996, n. 17.


Si omettono gli allegati




IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Rifiuti
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Quadro normativo sul riciclaggio delle navi (Reg. UE 1257/2013 e provvedimenti di attuazione)

PREMESSA - SINTESI DEL REGOLAMENTO (UE) 1257/2013 - DECORRENZA DELL’APPLICAZIONE DEL REGOLAMENTO (UE) 1257/2013 - NORME DI ATTUAZIONE (Istituzione dell’elenco europeo degli impianti di riciclaggio; Notifica del previsto inizio del riciclaggio e dichiarazione di completamento; Certificato di inventario dei materiali pericolosi, certificato di idoneità al riciclaggio).
A cura di:
  • Vincenzo Soragnese
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Inquinamento atmosferico
  • Impiantistica
  • Impianti di riscaldamento e condizionamento
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Gas fluorurati a effetto serra (F-gas): disciplina, certificazione e attestazione (patentino frigoristi)

PREMESSA, F-GAS E SOGGETTI COINVOLTI (Premessa; Gas fluorurati a effetto serra o F-gas; Soggetti coinvolti, obblighi e divieti) - NORMATIVA DI RIFERIMENTO (Regolamento europeo di riferimento e provvedimenti di esecuzione; Normativa italiana di riferimento) - OBBLIGHI DEGLI OPERATORI (Definizione di operatore; Principali obblighi dell’operatore) - CERTIFICAZIONE E ATTESTAZIONE PER PERSONE E IMPRESE (C.D. “PATENTINO FRIGORISTI”) (Generalità; Obbligo di certificazione per le persone fisiche; Obbligo di certificazione per le imprese; Obbligo di attestazione della formazione per le persone fisiche; Obbligo di iscrizione nel Registro telematico nazionale; Tabella riepilogativa degli obblighi) - SISTEMA DI ACCREDITAMENTO E CERTIFICAZIONE (Autorità nazionali competenti; Organismo di accreditamento; Organismi di certificazione; Organismi di attestazione di formazione e organismi di valutazione della conformità) - BANCA DATI GAS FLUORURATI A EFFETTO SERRA E APPARECCHIATURE CONTENENTI GAS FLUORURATI - SANZIONI.
A cura di:
  • Angela Perazzolo
  • Pubblica Amministrazione
  • Demanio idrico
  • Demanio
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Acque

Concessioni demaniali marittime, canoni aggiornati, proroghe e scadenze

QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO SUI CANONI CONCESSORI (Canone minimo e finalità diverse da turistico ricreative, pesca, cantieristica e diporto; Pesca, acquacoltura, cantieristica navale e attività su mezzi di trasporto aeronavali; Imprese di costruzione e di riparazione navale iscritte agli albi speciali; Nautica da diporto; Finalità turistico-ricreative e nautica da diporto; Tabella riepilogativa dei riferimenti normativi) - TABELLE CON LA MISURA AGGIORNATA DEI CANONI (Ultimo aggiornamento annuale valido per il 2020; Tabelle aggiornate 2020 e dati storici; Sospensione dei canoni per le imprese balneari danneggiate dal maltempo a ottobre 2018; Sospensione temporanea 2020 canoni per nautica da diporto e turistico-ricreative) - PROROGHE E SCADENZE DELLE CONCESSIONI (Proroga di 15 anni contenuta nella Legge di bilancio 2019; Normativa e giurisprudenza UE, affidamento dei titolari delle autorizzazioni; Sospensione procedimenti pendenti al 15/11/2015 relativi alle aree pertinenziali) - REVISIONE DELLA DISCIPLINA E DELLE ZONE DEMANIALI (Tentativi di revisione antecedenti al 2019; Nuovi criteri di revisione introdotti dalla Legge di bilancio 2019).
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Amianto - Dismissione e bonifica
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Edilizia scolastica
  • Provvidenze
  • Finanza pubblica
  • Edilizia e immobili

Lombardia: bando 2019 edifici scolastici #amiantozero

Via l'amianto dalle scuole della Lombardia grazie ad un bando da 5 milioni di euro. Possono partecipare gli Enti locali e altri soggetti pubblici proprietari di poli per l’infanzia, scuole dell’infanzia statali e comunali, scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado, abilitati all'Anagrafe regionale dell'edilizia scolastica (ARES). Il contributo a fondo perduto massimo erogabile è di 500 mila euro e verrà così ripartito: per i Comuni con popolazione superiore a 5.000 abitanti e Province fino al 50% della spesa ammessa; per i Comuni con popolazione inferiori ai 5.000 abitanti e Comunità montane fino al 90% della spesa ammessa.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Provvidenze
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Agricoltura e Foreste
  • Finanza pubblica
  • Difesa suolo

Toscana: contributi per interventi di prevenzione del dissesto idrogeologico

Dalla Regione Toscana 5 milioni di euro destinati al sostegno di investimenti in azioni di prevenzione volte a ridurre le conseguenze di probabili calamità naturali, avversità atmosferiche ed eventi catastrofici. Il contributo concedibile è pari all'80% della spesa prevista a progetto per le aziende agricole e del 100% per gli enti pubblici o progetti collettivi. L’importo massimo di contributo erogabile è pari a 400 mila euro.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Impatto ambientale - Autorizzazioni e procedure
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Pubblica Amministrazione
  • Informatica
  • Procedimenti amministrativi

Lombardia: fine fase sperimentale app "Aua Point" per comunicazione scarichi ed emissioni

  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Inquinamento atmosferico

Monitoraggio e comunicazione dei dati emissioni veicoli pesanti

  • Inquinamento atmosferico
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Monitoraggio e comunicazione dei dati emissioni veicoli pesanti

  • Tutela ambientale
  • Energia e risparmio energetico
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Trasporti

Adozione nuovi PUMS secondo le linee guida di cui al D.M. 04/08/2017