FAST FIND : NR4174

L. R. Veneto 16/04/1985, n. 33

Norme per la tutela dell'ambiente.
Scarica il pdf completo
21317 9010026
Titolo I - Le norme generali

 

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21317 9010027
Art. 1 - (Finalità)

Al fine di assicurare le condizioni di tutela e valorizzazione dell'ambiente, salvaguardandone, singolarmente e nel loro complesso, le componente naturali e biologiche favorevoli all'insediamento umano e allo sviluppo della flora e della fauna, le funzioni regionali in materia sono esercitate, in armonia con l'art. 4 dello Statuto, per il conseguimento dei seguenti obiettivi:

1) prevenzione delle situazioni di pericolo e/o di danno all'igiene e alla salute pubblica o, comunque, di alterazione dell'equilibrio ambientale, nel suo co

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21317 9010028
Art. 2 - (Oggetto della materia)

La disciplina della materia della tutela dell'ambiente riguarda i seguenti oggetti:

1) emissione nell'atmosfera di fumi, gas, polveri, odori, provenienti da insediamenti di qualunque genere;

2) emissioni di vib

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21317 9010029
Art. 3 - (Azioni generali e azioni speciali)

Le attività di tutela nella materia si esplicano in azioni di prevenzione e di risanamento dell'ambiente nel suo complesso o nei singoli settori dell'atmosfera, delle acque e del suolo.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21317 9010030
Art. 4 - Competenze della Regione

Le funzioni regionali, nel quadro dell'ordinamento statale richiamato all'articolo 1 e a norma della presente legge, consistono principalmente in:

1) attività di acquisizione ed elaborazione di dati, interessanti la tutela dell'ambiente, mediante i quali la Regione, con l'apporto delle Province e dei Comuni, acquisisce lo stato di fatto;

2) attività di programmazione, mediante le quali la Regione approva:

a) omissis N2

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21317 9010031
Art. 5 - Competenze della Provincia

Le attività della Provincia, nel quadro dell'ordinamento statale richiamato all'articolo 1 e delle funzioni a essa delegate dalla presente legge, consistono principalmente in:

1) rilevamento ed elaborazione di dati ambientali di interesse provinciale, nell'ambito del coordinamento regionale di cui all'articolo 4, primo comma, punto 4, lettera a), segnalando altresì alla Regione e ai Comuni le situazioni richiedenti provvedimenti di loro competenza;

2) esercizio delegato del controllo preventivo:

a) approvando i progetti degli impianti di seconda categoria di cui all'articolo 49, primo comma, lettera a), le loro eventuali modifiche per ampliamento o ristrutturazione o trasferimento in altre località e rilasciando le relative autorizzazioni all'esercizio; nonché autorizzando gli impianti di seconda categoria di cui all'articolo 49, primo comma, lettera c);

b) autorizzando gli impianti ad uso industriale o di pubblica utilità, di cui al dpr 24 maggio 1988, n.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21317 9010032
Art. 5.1 - Disposizioni particolari in materia di autorizzazione allo scarico finale di acque depurate

N98

1. La Regione è l’autorità competente alla autorizzazione allo scarico finale di acque depurate, quando si verificano entrambe le seguenti condizioni:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21317 9010033
Art. 5 bis - Disposizioni per l’attuazione del decreto legislativo 18 febbraio 2005, n. 59 “Attuazione della direttiva 96/61/CE relativa alla prevenzione e riduzione integrate dell’inquinamento

N96

1. La prevenzione e riduzione integrate dell’inquinamento hanno lo scopo di evitare, oppure, qualora non sia possibile, di ridurre le emissioni nell’aria, nell’acqua e nel suolo, i rifiuti ed il consumo delle risorse, al fine di conseguire un elevato livello di protezione della salute umana e dell’ambiente nel suo complesso.

2. La Regione del Veneto attua la direttiva 96/61/CE del Consiglio, del 24 settembre 1996, relativa alla prevenzione e la riduzione integrate dell’inquinamento, dando piena esecuzione alle disposizioni del decreto legislativo 18 febbraio 2005, n. 59 “Attuazione integrale della direttiva 96/61/CE relativa alla prevenzione e riduzione integrate dell’inquinamento”, e successive modificazioni, di recepimento della direttiva stessa e ponendo ulteriori prescrizioni in ordine al rilascio, al rinnovo ed al riesame dell’autorizzazione integrata ambientale degli impianti esistenti e nuovi, definiti come tali dall’articolo 2, comma 1, lettere d) ed e) del decreto legislativo n. 59/2005.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21317 9010034
Art. 6 - Competenze del Comune

Le attività del Comune, nel quadro dell'ordinamento statale richiamato dall'articolo 1 e delle funzioni a esso delegate dalla presente legge, consistono principalmente in:

1) installazione e gestione, nell'ambito del coordinamento regionale di cui all'articolo 4, primo comma, punto 4, lettera a), dei sistemi integrativi di rilevamento e controllo sulle emissioni di fumi, polveri, gas e odori, provenienti da insediamenti non esclusivamente domestici;

2) organizzazione e g

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21317 9010035
Art. 7 - (Forme associative di gestione)

I comuni svolgono le funzioni di cui all'art. 6, singolarmente o riuniti in consorzio con altri comuni e/o con comunità montane, oppure delegano le proprie funzioni alle comunità montane. Per gli stessi scopi, le comunità montane possono costituire consorzi con comuni e fra di loro.

Gli statuti dei consorzi, di cui al p

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21317 9010036
Art. 8 - (Rapporti intersoggettivi)

Nell'esercizio delle funzioni proprie e di quelle delegate, in armonia con i principi dell'ordinamento statale per la materia, le province, i comuni, le comunità montane e i consorzi sono tenuti a:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21317 9010037
Art. 9 - Procedimenti di accertamento tecnico

La Regione, le province, i comuni, le comunità montane e i consorzi esercitano le funzioni di vigilanza e controllo loro affidate mediante i propri uffici o avvalendosi del settore per l'igiene pubblica dell'unità locale socio-sanitaria competente per territorio. N12

In tal caso, le singole autorità si rivolgono direttamente al responsabile del settore, il quale provvede, a mezzo delle proprie strutture tecniche, dei presidi e servizi multizonali o, pr

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21317 9010038
Titolo II - Le strutture regionali

 

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21317 9010039
Art. 10 - Dipartimento per l'ecologia e la tutela dell'ambiente

N16

(omissis)

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21317 9010040
Art. 11 - (Commissione tecnica regionale, sezione ambiente (Ctra))

Il Comitato regionale contro l'inquinamento atmosferico del Veneto (Criav), integrato ai sensi dell'art. 101 del dpr 24 luglio 1977, n. 616, viene sostituito dalla Commissione tecnica regionale, sezione ambiente (Ctra) e dalle Commissioni tecniche provinciali per l'ambiente (Ctpa),

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21317 9010041
Art. 12 - Composizione e funzionamento della Commissione tecnica regionale sezione ambiente

1. È istituita la Commissione tecnica regionale sezione ambiente che viene nominata con decreto del Presidente della Giunta regionale e dura in carica per l'intera legislatura.

2. La Commissione tecnica regionale sezione ambiente è composta:

a) dal direttore della struttura regionale competente in materia di ambiente con funzioni di presidente;

b) dal direttore della struttura regionale competente in materia di lavori pubblici;

c) dal direttore della struttura regionale competente in materia di urbanistica;

d) dal direttore della struttura regionale competente in materia di agricoltura;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21317 9010042
Art. 13 - (Competenze della Commissione tecnica regionale, sezione ambiente)

La Commissione tecnica regionale, sezione ambiente:

1) esprime parere su:

a) i progetti di impianti sottoposti ad autorizzazione ministeriale ai sensi della vigente normativa in materia di emissioni nell'atmosfera; N24

b) i progetti degli impianti di prima categoria, di cui alla lett. b) N25 del punto 5), dell'art. 4; nonché le re

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21317 9010043
Art. 14 - (Composizione e funzionamento delle Commissioni tecniche provinciali per l'ambiente)

Ogni Commissione tecnica provinciale per l'ambiente è composta da:

1) il presidente dell'Amministrazione provinciale, con funzione di presidente;

2) l'assessore provinciale competente per materia, con funzioni di vicepresidente;

3) il responsabile dell'ufficio provinciale competente per la materia;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21317 9010044
Art. 15 - (Competenze delle Commissioni tecniche provinciali per l'ambiente)

Ogni Commissione tecnica provinciale per l'ambiente relativamente al territorio di propria competenza,

1) esprime parere su:

a) i

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21317 9010045
Titolo III - La salvaguardia dell'ambiente nel suo complesso

 

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21317 9010046
Art. 16 - (Oggetto delle azioni generali)

La tutela dell'ambiente nel suo complesso è perseguita con la disciplina delle azioni generali relativamente a:

1) il coordinamento, mediante un piano regionale complessivo, delle azioni generali e spe

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21317 9010047
Capo I - Il piano regionale per l'ambiente
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21317 9010048
Art. 17 - (Finalità)

Il piano regionale per l'ambiente, in relazione alla generale situazione geografica e urbanistica dei luoghi e, in particolare, a:

- le prevalenti condizioni climatiche;

- i vincoli idrogeologici, paesaggistici, storici e monumentali;

- la dislocazione e la tipologia degli in

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21317 9010049
Art. 18 - (Elaborati)

Il piano consta essenzialmente dei seguenti elaborati:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21317 9010050
Art. 19 - (Procedura)

1. Il piano regionale per l'ambiente è adottato con deliberazione della Giunta regionale che provvede ad inviarne copia alle provincie ed ai comuni.

2. Il Presidente della Giunta regionale provvede a dare notizia dell'adozione del piano regionale per l'ambiente, indicando le sedi in cui chiunque può prenderne visione, tramite pu

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21317 9010051
Art. 20 - (Efficacia)

Il piano regionale per l'ambiente costituisce quadro obbligatorio di riferimento per i singoli piani di settore; la sua approvazione e le

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21317 9010052
Capo II - Piano regionale dell'atmosfera e piano regionale delle acque

N36

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21317 9010053
Art. 21 - (Articolazione dei piani)

Il piano regionale per l'ambiente, di cui all'art. 17, coordina i seguenti piani regionali ambientali di settore:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21317 9010054
Sezione I - Il piano regionale di risanamento dell'atmosfera
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21317 9010055
Art. 22 - (Finalità)

Il piano regionale di risanamento dell'atmosfera, provvede a:

1) individuare le sostanze, che, pur non comprese nella tabella richiamata dall'art. 8 del dpr 15 aprile 1971, n. 3

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21317 9010056
Art. 23 - (Elaborati)

Il piano consta essenzialmente dei seguenti elaborati:

1) una relazione, in cui sono determinati gli obiettivi finali de

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21317 9010057
Sezione II - Il piano regionale di risanamento delle acque
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21317 9010058
Art. 24 - (Finalità)

Il piano regionale di risanamento delle acque, provvede:

1) relativamente alle opere di ciascun servizio pubblico:

a) a rilevarne lo stato di fatto, anche in rapporto al perimetro ottimale fissato ai sensi della lett. a) del successivo punto 2);

b) a indicarne la necessità in ordine di priorità;

2) relativamente all'organi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21317 9010059
Art. 25 - (Elaborati)

Il piano consta essenzialmente dei seguenti elaborati:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21317 9010060
Sezione III - Piano regionale di riduzione e smaltimento dei rifiuti solidi urbani e Piano regionale di riduzione e smaltimento dei rifiuti speciali

N40

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21317 9010061
Art. 26 - Piano regionale di riduzione e smaltimento dei rifiuti solidi urbani

omissis N41

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21317 9010062
Art. 27 - Elaborati

omissis N42

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21317 9010063
Art. 27bis - Piano regionale di riduzione e smaltimento dei rifiuti speciali

omissis N43

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21317 9010064
Art. 27ter - Elaborati

omissis N44

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21317 9010065
Sezione IV - Norme comuni
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21317 9010066
Art. 28 - (Procedura)

1. Le procedure di adozione e approvazione dei piani regionali ambientali di settore, di cui al presente capo, e le loro varianti, sono le stesse del piano regionale per l'ambiente, di cui al Capo I del presente Titolo.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21317 9010067
Capo III - L'impatto ambientale
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21317 9010068
Art. 29 - (Valutazione di impatto ambientale)

(omissis) N45

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21317 9010069
Art. 29 bis - (Compatibilità ambientale regionale)

(omissis) N45

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21317 9010070
Art. 29 ter - (Valutazione di impatto ambientale)

(omissis) N45

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21317 9010071
Art. 30 - (Ambito di applicazione)

(omissis) N46

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21317 9010072
Art. 31 - (Elaborati)

(omissis) N46

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21317 9010073
Art. 32 - (Procedimento)

(omissis) N46

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21317 9010074
Capo IV - I provvedimenti urgenti ed eccezionali
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21317 9010075
Art. 33 - (Contenuto)

Quando si verifichi sul territorio regionale uno stato contingente di grave pericolo o di danno per l'igiene e la salute pubblica o per l'ambiente, nel suo complesso o in singoli settori, e per la cui tutela sia necessario un intervento eccezional

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21317 9010076
Art. 34 - (Competenza del Sindaco e del Presidente della Giunta regionale)

L'adozione dei provvedimenti, di cui all'art. 33, spetta al sindaco, quando l'evento si verifichi nel territorio del proprio comune

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21317 9010077
Capo V - Gli impianti di prima categoria
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21317 9010078
Sezione I - Disposizioni generali
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21317 9010079
Art. 35 - (Oggetto della disciplina)

Sono considerati impianti di prima categoria:

a) omissis

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21317 9010080
Art. 36 - (Forme di organizzazione)

Gli impianti di depurazione e di trattamento di prima categoria possono essere organizzati in centri polifunzionali, formati da una pluralità, anche combinata, di impianti

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21317 9010081
Art. 37 - (Regime)

Gli impianti di prima categoria, considerati singolarmente od organizzati in centri polifunzionali, sono assimilati alle industrie insalubri di 1a classe ai sensi e per gli effetti dell'art. 216 del TU delle leggi sanitarie, approvato con rd 27 luglio 1934, n. 1265.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21317 9010082
Art. 38 - (Gestione amministrativa)

Gli impianti di prima categoria sono gestiti da un tecnico responsabile.

Presso gli impianti o i centri polifunzionali, deve essere tenuto apposito registro di carico e scarico, secondo il modello predisposto dalla Giunta regionale, con fogli numerati e bollati dall'Ufficio del Registro, dove è giornalmente annotata la quantità e qualità di acque, liquami e fanghi o di ri

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21317 9010083
Sezione II - La progettazione degli impianti
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21317 9010084
Art. 39 - (Criteri di progettazione)

Gli impianti di prima categoria, nonché i centri polifunzionali, sono progettati tenendo presenti le caratteristiche qualitative degli scarichi e/o quelle merceologiche dei rifiuti raccolti nell'area di confluenza, delle loro prevedibili variazioni nel tempo, nonché i possibili riutilizzi del materiale rec

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21317 9010085
Art. 40 - (Elaborati di progetto)

Gli elaborati tecnici dei progetti consistono principalmente in:

1) una dettagliata relazione tecnica, descrittiva delle caratteristiche qualitative e quantitative degli

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21317 9010086
Art. 41 - (Ubicazione degli impianti)

I nuovi impianti di prima categoria, nonché i centri polifunzionali, sono ubicati nelle aree appositamente individuate nel relativo piano regionale di settore e/o negli strumenti urbanistici generali, nell'ambito delle singole zone territoriali omogenee produttive o per servizi, con particolare riferimento a condizioni idrogeologiche favorevoli.

La Regione, con i piani ambientali regionali di settore, può confermare le destinazioni vigenti o, qualora non sussistano sufficienti e/o idon

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21317 9010087
Sezione III - Realizzazione ed esercizio degli impianti
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21317 9010088
Art. 42 - Controllo preventivo

Ferme restando le disposizioni di cui alla legge regionale 16 agosto 1984, n. 42 sulla progettazione, approvazione, realizzazione e collaudo delle opere pubbliche, i progetti di realizzazione, nonché di variazione per ampliamenti e ristrutturazioni, degli impiantii di prima categoria di

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21317 9010089
Art. 43 - (Collaudo)

Gli impianti di prima categoria sono soggetti a collaudo anche funzionale.

In sede di collaudo devono, fra l'altro, essere attestati:

1) la conformità dell'i

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21317 9010090
Art. 44 - (Avvio dell'impianto)

L'avvio dell'impianto è soggetto a presentazione al Presidente della Provincia di una dichiarazione scritta del direttore dei lavori attestante l'ultimazione delle opere in conformità al progetto approvato. N59

Il certificato di collaudo deve essere presentato entro 180 giorni dalla comunicazione dell'avvio dell'impianto.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21317 9010091
Art. 45 - (Interruzione nel funzionamento degli impianti di depurazione)

Qualunque interruzione anche parziale nel funzionamento degli impianti di depurazione, anche per attività di manutenzione, deve ess

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21317 9010092
Sezione IV - Le funzioni di vigilanza e controllo
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21317 9010093
Art. 46 - (Autorità di vigilanza)

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21317 9010094
Art. 47 - (Contenuto della vigilanza e controllo)

Il funzionamento degli impianti di prima categoria è sottoposto a periodici controlli dell'autorità di vigilanza mediante accessi,

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21317 9010095
Art. 48 - (Provvedimenti modificativi dell'autorizzazione)

Le autorizzazioni, di cui all'art. 44 possono essere sospese, modificate, revocate o dichiarate decadute a opera del Presidente della Provincia. N67

La sospensione può essere:

1) una misura cautelare, quando vi siano

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21317 9010096
Capo VI - Gli impianti di seconda categoria
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21317 9010097
Art. 49 - Realizzazione ed esercizio degli impianti

Sono considerati impianti di seconda categoria:

a) omissis N69

b) gli impianti di depurazione privati per conto proprio, annessi agli insediamenti produttivi, per la depurazione di ref

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21317 9010098
Art. 50 - (Autorità di vigilanza)

Sono autorità di vigilanza per gli impianti di seconda categoria:

1) il presidente del

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21317 9010099
Capo VII - Le attività per conto terzi
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21317 9010100
Art. 51 - (Individuazione delle attività)

L'attività di soggetti privati per conto terzi in materia di tutela dell'ambiente è consentita solo nei limiti stabiliti dalla legge.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21317 9010101
Art. 52 - (Attività per conto terzi)

omissis N75

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21317 9010102
Art. 53 - (Rilascio, cancellazione e rinnovo delle autorizzazioni)

omissis N75

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21317 9010103
Art. 54 - (Laboratori privati)

Per lo svolgimento delle analisi fisiche, chimiche e biologiche delle emissioni, degli scarichi, dei rifiuti e dei residui riutilizz

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21317 9010104
Art. 55 - (Attività sperimentali).

omissis N78

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21317 9010105
Capo VIII - Le attività di coordinamento e di alta vigilanza
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21317 9010106
Art. 56 - (Attività di coordinamento)

Il coordinamento regionale consiste nell'emanazione di direttive per l'organizzazione omogenea delle azioni, di cui al punto 4) dell

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21317 9010107
Art. 57 - (Alta vigilanza regionale)

In materia di tutela dell'ambiente, la Regione esercita funzioni di alta vigilanza, in rapporto agli interessi di carattere regionale connessi con la materia.

Tali funzioni si esplicano tramite il Presidente della Giunta regionale, su motivata proposta dei

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21317 9010108
Titolo IV - Le norme particolari per la tutela dell'atmosfera, delle acque, del suolo

 

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21317 9010109
Art. 58 - (Tutela dell'atmosfera)

La tutela dell'atmosfera, a norma della legislazione statale in materia nonché della presente legge, è perseguita con azioni speciali anche di carattere preventivo, rivolte:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21317 9010110
Art. 58 bis - (Regime del bollino blu)

N93

1. Per il persegui

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21317 9010111
Art. 59 - (Tutela delle acque)

La tutela delle acque, a norma della L. 10 maggio 1976, n. 319, e successive modifiche e integrazioni, delle deliberazioni del Comitato Interministeriale per la tutela delle acque dall'inquinamento, nonché della presente legge, è perseguita con la disciplina delle azioni speciali di settore relativamente:

1) ai prelievi e l'uso corretto delle acque;

2) agli scarichi di tutti gli insediamenti e delle pubbliche fognature;

3) al risanamento delle acque anche mediante la regolamentazione comunale.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21317 9010112
Art. 60 - (Regolamento di fognatura)

I comuni, le comunità montane e i loro consorzi, gestori del servizio di fognatura e/o depurazione, sono tenuti ad approvare un regolamento per l'esercizio del relativo servizio. N81

Il regolamento deve stabilire in particolare:

1) i limiti di accettabilità in fognatura di ciascun elemento inquinante, in funzione dello stato delle opere e dell'impianto di depuraz

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21317 9010113
Art. 61 - (Tutela del suolo)

omissis N85

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21317 9010114
Art. 62 - (Regolamento per lo smaltimento dei rifiuti)

omissis N85

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21317 9010115
Art. 63 - (Zonizzazione del territorio comunale)

omissis N85

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21317 9010116
Titolo V - Le norme finanziarie, le sanzioni, le disposizioni transitorie e finali

 

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21317 9010117
Art. 64 - (Oneri e tasse per i servizi relativi alla depurazione, allo smaltimento dei rifiuti e conseguenti controlli)

omissis N85

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21317 9010118
Art. 64 bis - (Tariffe per il servizio di smaltimento dei r.s.u.)

omissis N85

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21317 9010119
Art. 64 ter - (Contributo ai comuni sede di impianti per il trattamento e lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani e speciali)

omissis N85

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21317 9010120
Art. 65 - (Sanzioni amministrative)

Per l'inosservanza delle norme previste dalla presente legge, qualora non sussistano sanzioni previste dalla legislazione statale vigente, l'autorità di vigilanza applica le seguenti sanzioni amministrative:

1) per la mancata tenuta dei registri e dei quaderni di cui all'art. 38: da L. 300.000 a L. 3.000.000;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21317 9010121
Art. 65 bis - Sanzioni amministrative previste dall'articolo 54 del decreto legislativo 11 maggio 1999, n. 152, in materia di tutela delle acque dall'inquinamento

1. All’irrogazione delle sanzioni amministrative pecuniarie di competenza della Regione, previste dall’articolo 133 del decreto legislativo n. 152/2006, provvede la provincia ovvero, nel caso di scarichi autorizzati dal comune o dal gestore del servizio di fognatura, il comune.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21317 9010122
Art. 65 ter - Sanzioni amministrative conseguenti alla mancata osservanza delle disposizioni sul bollino blu

N94

1. I proprietari dei veicoli a motore immatricolati anteriormente al 1° luglio 2004 - o successivamente al primo luglio 2004, se siano stati sottoposti alla prima revisione prevista - di proprietà di persone, imprese o enti aventi residenza o sede legale nella Regione del Veneto, che non osservino il d

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21317 9010123
Art. 65 quater - Sanzioni amministrative in materia di utilizzazione agronomica degli effluenti di allevamento e delle acque reflue aziendali di cui all’articolo 101, comma 7, lettere a), b) e c) del decreto legislativo n. 152/2006, e successive modificazioni

1. Salvo che il fatto costituisca reato, in caso di inosservanza alle norme in materia di utilizzazione agronomica degli effluenti di allevamento e delle acque reflue provenienti dalle aziende di cui all’articolo 101, comma 7, lettere a), b) e c) del decreto legislativo n. 152/2006, e successive modificazioni, e dalle piccole aziende agroalimentari individuate in base al decreto del Ministro delle politiche agricole e forestali di cui all’articolo 11

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21317 9010124
Art. 66 - (Abrogazione di norme regionali)

Sono abrogate le norme regionali incompatibili con la presente legge e in particolare:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21317 9010125
Art. 67 - (Decorrenza delle competenze)

L'esercizio delle funzioni delegate, di cui alla presente legge, ha effetto dalla data del 1 gennaio 1986.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21317 9010126
Art. 68 - (Provvedimenti legislativi di settore)

La disciplina tecnica delle azioni speciali per i singoli settori, per quanto non disciplinato dalla presente legge:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21317 9010127
Art. 69 - (Entrata in vigore delle singole norme)

Gli insediamenti di cui al secondo comma dell'art. 58 che non vi abbiano già provveduto ai sensi degli artt. 5 e 10 del dpr 15 aprile 1971, n. 322, debbono produrre al comune, entro 180 giorni dall'entrata in vigore della presente legge, una relazione tecnica contenente la

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21317 9010128
Allegato A (articolo 5 bis, comma 5, lettera a) - Categorie di impianti soggetti ad autorizzazione integrata ambientale regionale

N97

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21317 9010129
Allegato B (articolo 5 bis, comma 5, lettera b) - Categorie di impianti soggetti ad autorizzazione integrata ambientale provinciale

 

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Impatto ambientale - Autorizzazioni e procedure
  • Tutela ambientale

L’Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA)

COSA È L’ AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE (AIA) (Finalità dell’AIA e normativa di riferimento; Autorizzazioni e provvedimenti sostituiti dall’AIA; Rapporti tra AIA e Valutazione di impatto ambientale (VIA); Rapporti tra AIA e altre autorizzazioni non ambientali e/o edilizie) - INTERVENTI SOGGETTI AD AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE (AIA) (Campo di applicazione dell’AIA; Esclusioni; Competenza al rilascio dell’AIA; Tabella completa impianti soggetti ad Autorizzazione integrata ambientale) - DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE (Contenuti della domanda di AIA in sede statale; Modulistica per la domanda di AIA in sede statale; Domanda di AIA in sede regionale o delle Province autonome; La relazione di riferimento per le attività che utilizzano sostanze pericolose; Oneri istruttori e spese per rilievi, accertamenti e sopralluoghi) - PROCEDIMENTO DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE (Presentazione della domanda e verifica; Pubblicazione dei dati sulla domanda e osservazioni del pubblico; Istruttoria e acquisizione di atti e prescrizioni; Coordinamento autorizzazioni su parti diverse della stessa installazione; Conclusione del procedimento; Accordi tra gestore ed enti pubblici per impianti di preminente interesse nazionale; Direttiva per la conduzione dei procedimenti di AIA) - PROVVEDIMENTO DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE (Condizioni per il rilascio dell’AIA; Contenuto dell’AIA) - RINNOVO O RIESAME DELL’AIA, MODIFICHE AGLI IMPIANTI (Rinnovo o riesame dell’AIA; Modifiche degli impianti sottoposti ad Autorizzazione integrata ambientale) - SANZIONI (Diffida, sospensione attività e chiusura installazione; Sanzioni penali e amministrative.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Studio Groenlandia
  • Acque
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Demanio idrico
  • Pubblica Amministrazione
  • Demanio

Concessioni demaniali marittime, canoni aggiornati, proroghe e scadenze

A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Rifiuti
  • Tutela ambientale

Classificazione dei rifiuti in base all'origine e in base alla pericolosità

A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Tutela ambientale
  • Provvidenze
  • Finanza pubblica

Finanziamenti alle città per interventi di adattamento ai cambiamenti climatici

A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Inquinamento atmosferico
  • Tutela ambientale
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Strade, ferrovie, aeroporti e porti

Contributi a enti locali e regioni per la realizzazione di piste ciclabili - 2021

La misura prevede la concessione di contributi a comuni, città metropolitane, province e regioni per l’abbattimento degli interessi sui mutui relativi ad investimenti per la realizzazione di piste ciclabili. La dotazione finanziaria complessiva è pari a 4 milioni di euro.
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Albo nazionale dei gestori ambientali
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Rifiuti

Regime transitorio responsabili tecnici imprese iscritte Albo gestori ambientali

  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Inquinamento atmosferico

Autorizzazione impianti di combustione medi con potenza superiore a 5MW

  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Inquinamento atmosferico

Limiti di emissione impianti di combustione medi con potenza superiore a 5MW