Flash news del
16/07/2018

Permesso in sanatoria escluso in presenza di lottizzazione abusiva

La Corte di Cassazione ha ribadito il principio secondo il quale in presenza di una lottizzazione abusiva deve escludersi la possibilità di sanatoria delle opere realizzate in assenza di titolo abilitativo.

In particolare, la Sent. C. Cass. pen. 21/06/2018, n. 28784, ricorda che In presenza di una lottizzazione abusiva deve escludersi la possibilità di sanatoria, disciplinata dall'art. 36 del Testo Unico dell'edilizia (D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380), delle opere realizzate in assenza di titolo abilitativo conseguente ad accertamento di conformità, dal momento che dette opere sono senz'altro non conformi alla disciplina urbanistica ed edilizia vigente al momento della loro realizzazione, sicché le stesse non sono sanabili, così come la lottizzazione abusiva.

Nel caso di specie, la verifica della conformità andava comunque effettuata, seppure in via incidentale e non poteva comunque essere ritenuta sulla base di una successiva modifica dello strumento urbanistico, richiamando l'intervenuta approvazione del Piano Particolareggiato, poiché in tale ipotesi verrebbe a configurarsi una ipotesi di sanatoria giurisprudenziale o impropria -  ritenendo sanabili opere che, non conformi alla disciplina urbanistica ed alle previsioni degli strumenti di pianificazione, lo siano divenute successivamente - la cui legittimità è stata esclusa dalla più recente giurisprudenza (si veda in proposito, Sent. C. Cass. pen. 18/11/2014, n. 47402).

Dalla redazione