Flash news del
14/03/2018

La realizzazione di un piazzale in cemento costituisce una nuova costruzione

Secondo il Consiglio di Stato è qualificabile come opera edile di nuova costruzione la realizzazione di un piazzale in cemento, la quale determina un "consumo di suolo" e dunque una trasformazione tendenzialmente irreversibile di quest'ultimo.

La Sent. C. Stato 06/02/2018, n. 753, ha specificato che ai sensi del T.U. edilizia, lett. e), comma 1, dell'art. 3 del D.P.R. 380/2001, costituiscono nuova costruzione gli interventi di trasformazione urbanistica comportanti la realizzazione di depositi di merci o di materiali, la realizzazione di impianti per attività produttive all'aperto ove comportino l'esecuzione di lavori cui consegua la trasformazione permanente del suolo inedificato (punto e.7) e, a fortiori, la realizzazione di un piazzale in cemento, con una cementificazione che si sostituisce al piano naturale di campagna e determina la trasformazione permanente del suolo.

  

 

Dalla redazione