FAST FIND : AR785

Ultimo aggiornamento
27/10/2016

Il credito d’imposta sui consumi di gasolio per gli esercenti attività di autotrasporto in conto proprio o di terzi

Questo contributo presenta il complesso di norme che riguardano il credito d’imposta sui consumi di gasolio di cui possono beneficiare i soggetti che esercitano attività di autotrasporto in conto proprio o per conto terzi, a seguito delle innovazioni introdotte nel corso del 2012. Soggetti beneficiari; Quantificazione del beneficio; Scadenze e tempistiche per la fruizione; Compilazione del Modello F24 ed ulteriori precisazioni; Presentazione dell’istanza e relativa documentazione da allegare. AGGIORNAMENTO III TRIMESTRE 2016 - Tutte le scadenze aggiornate, la quantificazione degli importi, il software messo a disposizione dall'Agenzia delle Dogane, ecc. Il contributo è altresì aggiornato con le limitazioni al campo di applicazione delle agevolazioni introdotte dalla L. 190/2015 (Legge di stabilità 2015).
A cura di:
  • Massimo Pipino

Nel corso del 2012 il legislatore è intervenuto in materia di agevolazioni all'autotrasporto, introducendo, con il D.L. 1/2012 (convertito in legge dalla L. 27/2012) e con il D.L. 16/2012 (convertito in legge 44/2012) alcune modifiche al complesso di norme che riguardano il credito d’imposta sui consumi di gasolio di cui possono beneficiare i soggetti che esercitano attività di autotrasporto in conto proprio o per conto terzi, disciplinate dal D.P.R. 09/06/2000, n. 277.

La nuova disciplina dispone che l’istanza per ottenere il riconoscimento del beneficio fiscale debba essere presentata all'Agenzia delle Dogane competente per territorio con una periodicità avente cadenza trimestrale, entro il mese successivo alla scadenza di ciascun trimestre solare. Inoltre è stata eliminata la previsione di decadenza dal riconoscimento del beneficio in caso di presentazione della richiesta oltre i termini prescritti ([1]). Di conseguenza, le scadenze riportate in epigrafe non assumono carattere di perentorietà.

Di particolare rilievo, ai fini del riconoscimento del credito d’imposta, sono i chiarimenti contenuti nella nota RU 45963 dell'Agenzia delle Dogane del 20/04/2012, riguardanti la determinazione del numero dei litri di gasolio che sono stati consumati nell'arco del trimestre e che deve essere indicato nell’istanza (si veda più avanti).

 


Per leggere il contributo completo scarica la versione in PDF (riservato agli Abbonati).


([1]) Nuovo comma 13-ter dell’art. 3 in sede di conversione del D.L. 16/2012, che ha modificato l’art. 3, comma 1, del D.P.R. 277/2000.

Dalla redazione

Recupero accise sul gasolio per gli autotrasportatori in conto proprio o di terzi - Scadenza III trimestre 2016

Per quanto attiene ai consumi di gasolio effettuati tra il 1° luglio e il 30 settembre 2016, la dichiarazione necessaria alla fruizione dei benefici fiscali previsti dalla legislazione vigente deve essere presentata entro il 31 ottobre 2016. L’Agenzia delle Dogane ha quantificato l’importo e comunicato la disponibilità del software aggiornato.
A cura di:
  • Massimo Pipino

La legge di stabilità 2015 comma per comma

Analisi sintetica e puntuale di tutte le disposizioni di interesse del settore tecnico contenute nella legge di Stabilità 2015 (L. 23 dicembre 2014 n. 190), con rinvio ad approfondimenti sulle novità di maggiore rilievo.
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Fisco e Previdenza
  • Imposte indirette

La scissione dei pagamenti (“split payment”) nelle prestazioni a enti pubblici, società controllate e società quotate in borsa

Norme di riferimento; funzionamento del meccanismo; soggetti tenuti all’applicazione; operazioni soggette; applicazione anche alle prestazioni dei professionisti; operazioni escluse; emissione della fattura e diciture; versamento IVA da parte del cliente/cessionario; estensione dal 2018 a tutte le società controllate dalla P.A. (D.L. 148/2017); modalità pratiche e chiarimenti Agenzia delle entrate.
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Fisco e Previdenza
  • Imposte sul reddito

Guida alla rivalutazione dei terreni edificabili e agricoli per il 2018

La Legge di bilancio per il 2018, commi 997 e 998 dell’articolo 1, ha riaperto ancora una volta i termini per operare la rivalutazione facoltativa, a pagamento, dei terreni agricoli e di quelli edificabili, inclusi quelli lottizzati, di cui all’articolo 67, comma 1, lettere a) e b), del D.P.R. n. 917/1986 (“Testo Unico delle Imposte sui Redditi” o “TUIR”). L’articolo che segue illustra in dettaglio le caratteristiche dell’istituto e le valutazioni di convenienza economica sottese alla scelta di avvalersi o meno della rivalutazione a pagamento, anche alla luce dei vincoli e delle alternative offerti dall’articolato quadro normativo che caratterizza i “redditi diversi” di natura immobiliare derivanti dal realizzo di plusvalenze prodotte dalla cessione di terreni.
A cura di:
  • Stefano Baruzzi
  • Fisco e Previdenza
  • Imposte sul reddito

La rivalutazione dei terreni: come calcolarne la convenienza e ridurre i rischi fiscali

La Legge di bilancio 2018 (articolo 1, commi 997 e 998) ha riaperto, ancora una volta, i termini entro cui è possibile effettuare - da parte di persone fisiche che agiscano in veste privata, società semplici ed enti non commerciali - la rideterminazione del valore dei terreni edificabili, agricoli e lottizzati, confermando peraltro le aliquote all’8% come già disposto a partire dal 2015. L’articolo illustra con esempi le principali situazioni nelle quali la procedura di rivalutazione può risultare opportuna, per ragioni di convenienza economica o anche per ridurre o azzerare l’elevato rischio di accertamento in caso di cessione del bene. Esempi relativi a terreni agricoli, terreni lottizzati e terreni edificabili.
A cura di:
  • Stefano Baruzzi