FAST FIND : AR782

Ultimo aggiornamento
10/08/2015

Guida completa alla disciplina dei soggetti abilitati alla certificazione energetica degli edifici dopo il D.P.R. 75/2013 e le successive modifiche

Finalità del D.P.R. 75/2013; Quadro legislativo completo; Sintesi dei contenuti del D.P.R. 75/2013 come modificato dal D.L. 145/2013 dopo la conversione in legge; Riconoscimento e disciplina dei requisiti dei soggetti abilitati alla certificazione energetica degli edifici; Disciplina dei “tecnici abilitati”, con elenco completo dei titoli di studio ammissibili per i tecnici abilitati senza o con necessità di frequenza di specifici corsi di formazione; Requisiti e accreditamento dei corsi di formazione; Requisiti di indipendenza e di imparzialità dei soggetti certificatori; Funzioni delle Regioni e delle Province autonome; Criteri del controllo di qualità del servizio di certificazione energetica; Semplificazioni per gli edifici già in possesso di attestato di certificazione; Il ruolo del Progettista, del Direttore dei lavori e del Soggetto certificatore.
A cura di:
  • Vincenzo Lattanzi

VERSIONE AGOSTO 2015
AGGIORNATA CON LA L. 107/2015 (RIFORMA DELLA SCUOLA)

PREMESSA E FINALITA'

Il D.P.R. 16 aprile 2013 n. 75 pubblicato sulla G.U. n. 149 del 27 giugno 2013 ecogente dal 12 luglio 2013,definisce i requisiti professionali e i criteri di accreditamento per assicurare la qualificazione e l’indipendenza degli esperti o degli organismi a cui affidare la certificazione energetica degli edifici, di cui all’articolo 4, comma 1, lettera c), del D. Leg.vo n. 192/2005, per le finalità di cui all’articolo 1 del medesimo Decreto, per una applicazione omogenea, coordinata ed immediatamente operativa delle norme per la certificazione della prestazione energetica degli edifici su tutto il territorio nazionale.

Il Decreto è finalizzato a definire la figura del soggetto chiamato ad assicurare il servizio di certificazione della prestazione energetica degli edifici.

In merito alla definizione dei soggetti certificatori, tenuto conto della necessità di fornire un servizio ai cittadini, ponendo a loro carico costi contenuti e congrui, il Ministero dello sviluppo economico ha affermato che si è cercato di garantire una ampia disponibilità di tecnici sul mercato con la contemporanea possibilità di impiego di strumenti che fornissero garanzie sulla qualità del servizio reso.

Il D.P.R. 75/2013 ha subito poi delle modifiche ad opera del D.L. 145/2013 (cosiddetto decreto “destinazione Italia”), convertito in legge dalla L. 21/02/2014, n. 9, vigenti dal 22/02/2014.

 


Per leggere il contributo completo scarica la versione in PDF (riservato agli Abbonati).

Dalla redazione

  • Certificazione energetica
  • Energia e risparmio energetico
  • Efficienza e risparmio energetico

Il software gratuito DOCET per il calcolo della prestazione energetica ai fini dell’APE con il metodo semplificato

AGG. 20/07/2016: nuova versione aggiornata alle UNI 11300 parti 5 e 6 - Breve informativa sul software ENEA-CNR per il calcolo della prestazione energetica con il metodo semplificato, applicabile per edifici residenziali esistenti con superficie utile fino a 200 mq, e dunque per la maggior parte dei casi di APE redatti per compravendite o locazioni immobiliari.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Certificazione energetica
  • Energia e risparmio energetico
  • Efficienza e risparmio energetico

Servizi del Certificatore energetico: compiti, obblighi e responsabilità del professionista

Un documento redatto dal gruppo di lavoro Energia del Consiglio Nazionale degli Ingegneri evidenzia i compiti e gli obblighi del professionista, con l’intento di garantire un servizio di qualità. Il documento può essere utilmente preso a riferimento da qualsiasi professionista, anche non appartenente alla categoria degli Ingegneri, e servire come strumento di “sensibilizzazione” del potenziale cliente che il professionista può utilizzare, ad esempio allegandolo ai contratti stipulati per assumere gli incarichi ed impegnandosi pertanto ad osservarlo.
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Impianti alimentati da fonti rinnovabili
  • Impianti di riscaldamento e condizionamento
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Titoli abilitativi
  • Edilizia e immobili
  • Energia e risparmio energetico
  • Impiantistica

Le Linee guida per la certificazione energetica 2015 (D.M. 26/06/2015)

L’articolo illustra le nuove Linee guida nazionali per la certificazione energetica degli edifici di cui al D.M. 26 giugno 2015, che sostituisce il precedente D.M. 26 giugno 2009, in vigore il 1° Ottobre 2015. Vengono in particolare messi a fuoco gli aspetti concernenti: il nuovo format di Attestato di prestazione energetica, la nuova classificazione degli edifici, le procedure ed i metodi di calcolo, il monitoraggio ed i controlli, il Sistema informativo sugli attestati di prestazione energetica (SIAPE), il nuovo format per gli annunci immobiliari.
A cura di:
  • Vincenzo Lattanzi
  • Energia e risparmio energetico
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Professioni
  • Impiantistica
  • Istruzione, università e ricerca
  • Certificazione energetica

Diploma di Tecnico Superiore e accesso alle professioni tecniche

La L. 107/2015 - di riforma degli ordinamenti scolastici - ha introdotto importanti norme che prevedono nuovi sbocchi professionali per i diplomati degli Istituti Tecnici Superiori (ITS), che potranno accedere agli esami di Stato per le professioni di agrotecnico, geometra, perito agrario e perito industriale, alla professione di Certificatore energetico ed a quella di Responsabile tecnico delle imprese abilitate per gli impianti.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Energia e risparmio energetico
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Esercizio, ordinamento e deontologia
  • Certificazione energetica
  • Professioni

I soggetti abilitati alla certificazione energetica degli edifici dopo il D.P.R. 75/2013: indicazioni pratiche e analisi di casi dubbi e criticità

L’emanazione del D.P.R. 75/2013, recante i requisiti professionali dei tecnici abilitati alla certificazione energetica degli edifici, ha generato una serie di rilevanti problemi interpretativi e di criticità, causando incertezze per diverse categorie di tecnici, in particolare modo per quelli laureati con il vecchio ordinamento ed una paralisi di fatto delle attività soprattutto nelle varie Regioni che non hanno adottato una propria disciplina. AGGIORNAMENTO AGOSTO 2015: titoli di studio aggiornati con le modifiche introdotte dalla L. 107/2015 di riforma della scuola. In questo contributo vengono analizzati tutti gli aspetti della nuova disciplina, in particolare modo quelli problematici, e vengono fornite le soluzioni pratiche percorribili al momento all’interno del quadro normativo vigente. Il nostro Ufficio Tecnico e la Direzione Area Formazione sono a disposizione degli Abbonati o degli Ordini/Collegi professionali che necessitano di orientamento e consulenza.
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Impiantistica
  • Professioni
  • Energia e risparmio energetico
  • Edilizia e immobili
  • Esercizio, ordinamento e deontologia
  • Impianti di riscaldamento e condizionamento
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Certificazione energetica

Puglia: obbligo di formazione dei certificatori energetici

  • Fonti alternative
  • Certificazione energetica
  • Impiantistica
  • Energia e risparmio energetico
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Impianti alimentati da fonti rinnovabili
  • Impianti di riscaldamento e condizionamento

Cogenza parametri verifica prestazione energetica edifici (D.M. 26/06/2015) - Edifici privati

  • Energia e risparmio energetico
  • Impiantistica
  • Impianti alimentati da fonti rinnovabili
  • Impianti di riscaldamento e condizionamento
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Fonti alternative
  • Certificazione energetica

Cogenza parametri verifica prestazione energetica edifici (D.M. 26/06/2015) - Edifici pubblici

  • Energia e risparmio energetico
  • Impiantistica
  • Pubblica Amministrazione
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Enti locali
  • Impianti alimentati da fonti rinnovabili
  • Fonti alternative

Umbria: contributi agli enti pubblici per investimenti nelle energie rinnovabili e nel risparmio energetico (anno 2018)

  • Attuazione Protocollo di Kyoto
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Edilizia e immobili
  • Energia e risparmio energetico
  • Edilizia scolastica

Chiusura sportello finanziamenti agevolati efficientamento energetico edifici scolastici (D.M. 66/2015 e D.M. 40/2016)

10/05/2018

13/03/2018

16/01/2018