FAST FIND : NN12234

D.L. 13/05/1991, n. 152

Provvedimenti urgenti in tema di lotta alla criminalità organizzata e di trasparenza e buon andamento dell'attività amministrativa.
Con le modifiche introdotte da:
- Avviso di rettifica in G.U. 16.5.1991, n. 113
- L. 12/07/1991, n. 203 (Legge di conversione). In vigore dal 13/07/1991, in corsivo.
- D.L. 08/06/1992, n. 306 (L. 07/08/1992, n. 356)
- L. 17/01/1994, n. 47
- Sentenza C. Cost. 01/03/1995, n. 68
- L. 18/08/2000, n. 267
- L. 01/03/2001, n. 63
- L. 14/02/2003, n. 34
- L. 15/07/2009, n. 94
Scarica il pdf completo
942995 2665886
[Premessa]



IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
942995 2665887
Capo I - PERSONE CONDANNATE PER PARTICOLARI DELITTI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
942995 2665888
Art. 1.

1. Dopo l'articolo 4 della legge 26 luglio 1975, n. 354 R, è inserito il seguente:

“Art. 4-bis (Accertamento della pericolosità sociale dei condannati per taluni delitti). - 1. L'assegnazione al lavoro all'esterno, i permessi premio e le misure alternative alla detenzione previste dal capo VI possono essere concessi ai condannati per delitti commessi per finalità di terrorismo o di eversione dell'ordinamento costituzionale, per delitti commessi avvalendosi delle condizioni previste dall'articolo 416-bis del codice penale ovvero al fine di agevolare l'attività delle associazioni previste dallo stesso articolo, nonché per i delitti di cui agli articoli 416- bis e 630 del codice penale e all'articolo 74 del testo unico delle leggi in materia di disciplina degli stupefacenti e sostanze psicotrope, prevenzione, cura e riabilitazione dei relativi stati di tossicodipendenza, approvato con decreto del Presidente della Repubblica 9 ottobre 1990, n. 309, solo se sono stati acquisiti elementi tali da escludere l'attualità di collegamenti con la criminalità organizzata o eversiva. Quando si tratta di condannati per i delitti di cui agli articoli 575, 628, terzo comma, 629, secondo comma, del codice penale e all'articolo 73, limitatamente alle ipotesi aggravate ai sensi dell'articolo 80, comma 2, del predetto testo unico, approvato con decreto del Presidente della Repubblica n. 309 del 1990, i benefici suddetti possono essere concessi solo se non vi sono elementi tali da far ritenere la sussistenza di collegamenti con la criminalità organizzata o eversiva.

2. Ai fini della concessione dei benefici di cui al comma 1 il magistrato di sorveglianza o il tribunale di sorveglianza decide acquisite dettagliate informazioni per il tramite del comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica competente in relazione al luo

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
942995 2665889
Art. 2.

1. I condannati “per i delitti indicati nei commi 1, 1-ter e 1-quater” N8 dell'articolo 4-bis d

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
942995 2665890
Art. 3.

1. È consentito l'arresto anche fuori dei casi di flagranza della persona che

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
942995 2665891
Art. 4.

1. Le disposizioni di cui all'articolo 1, commi 2, 3, lettera c), e 4, e all'articolo 2, comma 2, nonché le disposizioni di cui all'articolo 58-quater, comma 4, della legge 26 luglio 1975, n. 354, si applicano esclusivamente nei confronti dei condannati per delitti commessi dopo la data di entrata in vigore del presente decreto.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
942995 2665892
Capo II - DISPOSIZIONI IN MATERIA DI MISURE CAUTELARI E DI DEPOSITO DELLA SENTENZA
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
942995 2665893
Art. 5.

1. Nel comma 3 dell'articolo 275 del codice di procedura penale R, è aggiunto, in fine, il seguente periodo: “Quando sussistono gravi indizi di colpevolezza in ordine ai delitti di cui agli articoli 285, 286, 416 -bis e 422 del codice penale, a quelli, consumati o tentati, di cui agli articoli 575, 628, terzo comma, 629, secondo comma, e 630 dello stesso codice, ai delitti commessi avvalendosi delle condizioni previste dal predetto articolo 416- bis ovvero al fine di agevolare l'attività delle associazioni previste dallo stesso articolo, ai delitti commessi per finalità di terrorismo o di eversione dell'ordinamento costituzionale per i quali la legg

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
942995 2665894
Capo III - CIRCOSTANZE AGGRAVANTI E ATTENUANTI PER REATI COMMESSI DA PERSONE SOTTOPOSTE A MISURE DI PREVENZIONE O PER REATI CONNESSI AD ATTIVITÀ MAFIOSE
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
942995 2665895
Art. 6.

1. Il primo comma dell'articolo 7 della legge 31 maggio 1965, n. 575 R, già sostituito dall'articolo 18 della legge 13 settembre 1982, n. 646 R, è sostituito dal seguente:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
942995 2665896
Art. 7

1. Per i delitti punibili con pena diversa dall'ergastolo commessi avvalendosi delle condizioni previste dall'arti

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
942995 2665897
Art. 8

1. Per i delitti di cui all'articolo 416- bis del codice penale e per quelli commessi avvalendosi delle condizioni previste dal predetto articolo ovvero al fine di agevolare l'attività delle associazioni di tipo mafioso, nei confronti dell'imputato che, dissociandosi dagli altri, si adopera per evitare c

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
942995 2665898
Capo IV - DISPOSIZIONI IN TEMA DI ARMI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
942995 2665899
Art. 9.

1. Dopo l'articolo 20 della legge 18 aprile 1975, n. 110 R, è inserito il seguente:

“Art. 20- bis (Omessa custodia di armi). - Chiunque consegna a minori degli anni diciotto, che non siano in possesso della licenza dell'autorità, ovvero a persone anche parzialmente incapaci, a tossicodipendenti o a persone imperite nel maneggio, un'arma fra quelle indicate nel primo e secondo comma dell'articolo 2, munizioni o esplosivi diversi dai giocattoli pirici è punito,

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
942995 2665900
Art. 10.

1. La lettera g) del comma 2 dell'articolo 380 del codice di procedura penale è

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
942995 2665901
Art. 10-bis.

1. L'articolo 33 della legge 18 aprile 1975, n. 110

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
942995 2665902
Capo V - AGGRAVANTI PER LA DETERMINAZIONE O LA UTILIZZAZIONE DI MINORENNI E DI NON IMPUTABILI O NON PUNIBILI NELLA COMMISSIONE DI REATI.
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
942995 2665903
Art. 11.

1. All'articolo 111 del codice penale è aggiunto, in fine, il seguente periodo: “Se si tratta di delitti per i quali è previsto l'arresto in flagranza, la pena è aumentata da un terzo alla metà.&

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
942995 2665904
Capo VI - COORDINAMENTO DEI SERVIZI DI POLIZIA GIUDIZIARIA
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
942995 2665905
Art. 12.

1. Per assicurare il collegamento delle attività investigative relative a delitti di criminalità organizzata, le amministrazioni interessate provvedono a costituire servizi centrali e interprovinciali della Polizia di Stato, dell'Arma dei carabinieri e del Corpo della guardia di finanza.

2. In determinate regioni e per particolari esigenze, i servizi previsti dal comma 1 possono essere costituiti in servizi interforze. Alla costituzione e alla organizzazione dei servizi interforze provvede con decre

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
942995 2665906
Capo VII - MODIFICHE ALLA DISCIPLINA DELLE INTERCETTAZIONI DI CONVERSAZIONI O COMUNICAZIONI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
942995 2665907
Art. 13.

1. In deroga a quanto disposto dall'articolo 267 del codice di procedura penale, l'autorizzazione a disporre le operazioni previste dall'articolo 266 dello stesso codice è data, con decreto motivato, quando l'intercettazione è necessaria per lo svolgimento delle indagini in relazione ad un delitto di criminalità o

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
942995 2665908
Capo VIII - DISPOSIZIONI IN MATERIA DI TRASPARENZA E DI BUON ANDAMENTO DELL'ATTIVITÀ AMMINISTRATIVA
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
942995 2665909
Art. 14.

1. Per l'espletamento delle procedure relative ad appalti di opere pubbliche, pubbliche forniture e pubblici servizi, le province, i comuni, i rispettivi consorzi, le unioni di comuni e le comunità montane, fermi restando i compiti e le responsabilità stabiliti in materia dalla legge 8 giugno 1990, n. 142 R, possono avvalersi di un'apposita unità specializzata istituita dal presidente della giunta regionale presso ciascun ufficio del genio civile.

2. Il competente provveditorato regionale alle opere pubbliche, nonché l'Agenzia per lo sviluppo del Mezzogiorno forniscono la necessaria assistenza tecnica.

3. All'un

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
942995 2665910
Art. 15.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
942995 2665911
Art. 16.

1. In Calabria, Campania e Puglia sono istituite sezioni giurisdizionali della Corte dei conti con circoscrizione estesa ai rispettivi territori regionali e sede nel capoluogo di regione, alle quali si applicano le disposizioni di cui agli articoli 2, primo comma, lettere a), b) e d), limitatamente alle materie di contabilità pubblica 3; 4, primo comma; 5; 6; 9 e 11 della legge 8 ottobre 1984, n. 658.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
942995 2665912
Art. 17.

1. Per assicurare il buon andamento, l'imparzialità e l'efficienza dell'azione amministrativa affidata agli organi decentrati dello Stato e agli enti pubblici è istituito, presso ciascuna prefettura, il comitato provinciale della pubblica amministrazione quale organo di coordinamento delle attività statali in ambito provinciale, nonché di informazione e di consulenza del prefetto per l'esercizio delle attribuzioni ad esso affidate dalla legge.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
942995 2665913
Art. 17-bis.

1. È istituito presso il Ministero dell'interno il Comitato tecnico centrale per l'esecuzione della demolizione delle opere e manufatti realizzati abusivamente su suolo del demanio o del patrimonio dello Stato o di enti pubblici.

2. Il Comitato è presieduto da un prefetto ed è composto da due rappresentanti dei Ministeri dell'interno, della difesa, delle finanze, dei lavori pubblici e della marina mercantile. Dei predetti componenti almeno due sono designati tra appartenenti ai ruoli tecnici delle rispettive Amministrazioni. Del Comitato possono, di volta in volta, es

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
942995 2665914
Art. 18.

1. Per favorire la mobilità del personale è avviato un programma straordinario di edilizia residenziale da concedere in locazione o in godimento ai dipendenti delle amministrazioni dello Stato quando è strettamente necessario alla lotta alla criminalità organizzata, con priorità per coloro che vengano trasferiti per esigenze di servizio. Alla realizzazione di tale programma si provvede:

a) per l'edilizia agevolata, col limite d'impegno di lire 50 miliardi a valere sul limite d'impegno di lire 150 miliardi relativo al 1990 previsto al comma 3 dell'articolo 22 della legge 11 marzo 1988, n. 67;

b) per l'edilizia sovvenzionata, con un finanziamento di 900 miliardi alla cui copertura si provvede con prelievo di 300 miliardi per anno dei proventi relativi ai contributi di cui al primo comma, lettere b) e c), dell'articolo 10 della legge 14 febbraio 1963, n. 60, relativi agli anni 1990, 1991 e 1992. La restante parte di tali proventi è ripartita fra le regioni, ferma restando la riserva di cui all'articolo 2, primo comma, lettera e), della legge 5 agosto 1978, n. 457.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
942995 2665915
Art. 19.

Soppresso.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
942995 2665916
Art. 19-bis.

1. Il primo comma dell'articolo 586 del codice di procedura civile

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
942995 2665917
Capo IX - MODIFICAZIONI ALLA LEGISLAZIONE ANTIMAFIA
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
942995 2665919
Art. 20.

1. L'articolo 2 della legge 31 maggio 1965, n. 575 R, come modificato dall'articolo 8 della legge 3 agosto 1988, n. 327, è sostituito dal seguente:

“Art. 2. - 1. Le misure di prevenzione della sorveglianza speciale e dell'obbligo di soggiorno, di cui agli articoli 3 e 4 della legge 27 dicembre 1956, n. 1423, possono essere altresì proposte dal procuratore della Repubblica presso il tribunale nel cui circondario dimora la persona, anche se non vi è stato preventivo avviso.

2. Nei confronti delle persone pericolose cui possono essere applicate le misure patrimoniali ed interdittive previste dalla presente legge, quando la misura della sorveglianza speciale e dell'obbligo di soggiorno nel comune di residenza o dimora abituale non sono ritenute idonee, può essere imposto l'obbligo di soggiorno in un altro comune o frazione di esso, ricompreso nella stessa provincia o regione e che sia sede di un ufficio di polizia.”.

2. Il comma 4 dell'articolo 2- bis della legge 31 maggio 1965, n. 575, come sostituito dall'articolo 1 della legge 19 marzo 1990, n. 55, è sostituito dal seguente:

“4. Quando vi sia concreto pericolo che i beni di cui si prevede debba essere disposta la confisca ai sensi dell'articolo 2- ter vengano dispersi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
942995 2665920
Art. 21.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
942995 2665921
Art. 22.

1. Al comma 2 dell'articolo 17 della legge 19 marzo 1990, n. 55 R, è aggiunto, in fine, il seguente periodo: “Dette disposizioni si applicano a tutte le procedure delle amministrazioni e degli enti pubblici relative agli appalti di opere e di lavori pubblici, nonché alle concessioni di costruzione e di gestione.”.

2. Al comma 2 dell'articolo 18 della legge 19 marzo 1990

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
942995 2665922
Art. 23.

1. Le disposizioni dell'articolo 10 della legge 31 maggio 1965, n. 575, come modificato dall'articolo 3 della legge 19 marzo 1990, n. 55, e quelle dell'articolo 10-sexies della stessa legge n. 575 del 1965, introdotto dall'articolo 7 della legge n.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
942995 2665923
Art. 24.

1. Per le persone che, alla data di entrata in vigore del presente decreto, sono sottoposte alla sorveglianza speciale con divieto di soggiorno in uno o più comuni o in una o più province, nei casi indicati dal comma 2 dell'art. 2 della legge 31 maggio 1965, n. 575, come modi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
942995 2665924
Art. 25.

1. Il presente decreto entra in vigore il giorno stesso della sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana e sarà presentato alle Camere per la conversione in legge.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Edilizia residenziale
  • Edilizia e immobili

Il programma di edilizia residenziale per i dipendenti pubblici impegnati nella lotta alla criminalità organizzata (D.L. 152/1991)

Questo articolo riepiloga tutto quello che c’è da sapere sul programma per la costruzione di alloggi da concedere in locazione od in godimento a dipendenti delle amministrazioni dello Stato impegnati nella lotta alla criminalità organizzata previsto dall’art. 18 del D.L. 13/05/1991, n. 152 (convertito in legge dalla L. 203/1991), alla luce delle continue modifiche apportate negli anni alla relativa disciplina (da ultimo, con la Legge di bilancio 2018 che ha prorogato al 31/12/2018 il termine per la ratifica degli accordi di programma ai fini della possibile rilocalizzazione degli interventi).
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica

Banca dati nazionale unica della documentazione antimafia: il decreto istitutivo (DPCM 193/2014)

Il D.P.C.M. 30/10/2014, n. 193, in attuazione dell’art. 99, comma 1, del "Codice antimafia" (D. Leg.vo 159/2011), regola l’organizzazione della Banca dati nazionale unica della documentazione antimafia, anche per ciò che concerne le procedure di accesso, registrazione e consultazione, nonché le modalità di collegamento ad altre banche dati.
A cura di:
  • Alfonso Mancini

Abuso di ufficio anche in assenza di un accordo collusivo ed in presenza di una finalità pubblicistica (Cass. Pen 43160/2017)

La sentenza della Corte di Cassazione ribadisce importanti principi relativi alla prova della sussistenza del dolo intenzionale che qualifica il reato di abuso d’ufficio. In particolare, ai fini dell’accertamento dell’intenzionalità del vantaggio patrimoniale, non è necessaria la presenza di un accordo collusivo con il beneficiario della condotta, né può rilevare la compresenza di una finalità pubblicistica al fine di escludere il dolo intenzionale.
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Edilizia e immobili
  • Professioni
  • Esercizio, ordinamento e deontologia
  • Abusi e reati edilizi - Condono e sanatoria
  • Edilizia privata e titoli abilitativi

Mutamento destinazione d’uso, titolo edilizio, responsabilità dirigente comunale e professionista (Cass. Pen. 6873/2017)

Importanti principi giuridici su: titolo edilizio per mutamento destinazione d’uso (con aggiornamento alla modifica del D.P.R. 380/2001 operata dal D.L. 50/2017), alla differenza tra la SCIA semplice e quella sostitutiva del Permesso di costruire, al ruolo ed alle responsabilità del dirigente dell’ufficio tecnico comunale e del professionista che redige e presenta gli elaborati tecnici nonché le attestazioni e le asseverazioni.
A cura di:
  • Dino de Paolis

L’agibilità degli edifici: non è semplice

Per consolidata giurisprudenza, la commerciabilità degli immobili è subordinata alla presenza della licenza di agibilità ovvero dell’esistenza delle condizioni necessarie per ottenerla. Fra i provvedimenti assunti con finalità di semplificare i procedimenti edilizi, nel 2013 l’agibilità delle costruzioni è stata estesa alle singole porzioni di un fabbricato o alle singole unità edilizie, e nel 2016 la licenza di agibilità (titolo espresso) è stata sostituita dalla segnalazione certificata di agibilità (dichiarazione di parte). Tuttavia, un esame di casi concreti induce il dubbio che applicare i nuovi procedimenti di semplificazione possa risultare tutt’altro che semplice.
A cura di:
  • Roberto Gallia

03/01/2018

07/12/2017

06/12/2017

23/11/2017