FAST FIND : NN12183

Lett. Circ. Min. Lavoro e Pol. Soc. 22/04/2013

L. n. 92/2012 - vademecum.
Scarica il pdf completo
922863 961139
[Premessa]



IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
922863 961140
Vademecum riforma del lavoro
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
922863 961141
Contratto a tempo determinato

1) Qual è il significato da attribuire alla disposizione di cui all’art. 1, comma 1, D. Leg.vo n. 368/2001 R, come modificato dall’art. 1, comma 9, lett. a), L. n. 92/2012, in virtù della quale «il contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato costituisce la forma comune di rapporto di lavoro»?

In forza del suddetto disposto normativo, qualora nell’ambito di una determinata tipologia contrattuale di natura subordinata, non si riscontrino gli elementi di specialità previsti dal Legislatore - elementi sia di carattere sostanziale che formale - il rapporto di lavoro deve essere ricondotto necessariamente alla «forma comune» e cioè al contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato.


2) Quando può essere stipulato il contratto a termine «acausale», ovvero senza la necessaria individuazione delle ragioni giustificatrici ex art. 1, comma 1, D. Leg.vo n. 368/2001, di durata non superiore ai dodici mesi?

Il contratto a termine «acausale» di durata non superiore a dodici mesi può essere stipulato esclusivamente nelle ipotesi in cui non siano intercorsi tra il medesimo datore di lavoro e lavoratore precedenti rapporti di lavoro di natura subordinata (ad es. un precedente contratto a tempo determinato o indeterminato ovvero intermittente).

Diversamente, nel caso di pregressi rapporti di lavoro di natura autonoma tra i medesimi soggetti, si ritiene possibile la stipulazione di un primo contratto a termine «acausale».


3) È possibile la proroga

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
922863 961142
Contratto intermittente

1) Può essere considerato di natura intermittente un rapporto di lavoro che presenta esigui intervalli temporali tra una prestazione anche di rilevante durata e l’altra?

Il dato normativo non declina in alcun modo la nozione di discontinuità e di intermittenza. Si ritiene dunque possibile stipulare un contratto di lavoro intermittente, in presenza delle causali di carattere oggettivo o soggettivo, anche laddove la prestazione sia resa per periodi di durata significativa.

&Eg

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
922863 961143
Apprendistato

1) Come si può ovviare alla mancanza del libretto formativo?

È possibile indicare il percorso formativo svolto anche mediante annotazione dell’attività espletata su un registro del datore di lav

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
922863 961144
Lavoro accessorio

1) Quali sono le principali novità introdotte dalla Riforma in ordine al lavoro mediante voucher?

Ai sensi dell’art. 70, D. Leg.vo n. 276/2003 è possibile attivare prestazioni di natura occasionale e accessoria lenendo conto esclusivamente del limite di carattere economico. Tale limite, pari a euro 5.000 da considerarsi al netto delle trattenute previste dalla legge, originariamente quantificato in relazione alla attività prestata nei confronti del singolo commit

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
922863 961145
Associazione in partecipazione

1) In quali ipotesi trova applicazione la trasformazione del rapporto di associazione in partecipazione in contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato?

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
922863 961146
Contratto di collaborazione coordinata e continuativa a progetto

1) Quali sono le principali novità della Riforma in ordine alla tipologia contrattuale delle collaborazioni a progetto?

Oltre all’eliminazione del «programma» di lavoro o della «fase» di esso, requisito indispensabile ai fini del riconoscimento della genuinità del contratto risulta essere la descrizione di uno specifico progetto funzionalmente collegato ad un determinato risultato finale obiettivamente verificabile.

2) Come deve essere inteso l’art. 61, D. Leg.vo n. 276/2003 novellato dalla Riforma nella parte in cui il Legislatore stabilisce che il progetto non può consistere in una mera riproposizione dell’oggetto sociale?

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
922863 961147
La responsabilità solidale negli appalti

1) Quali sono le novità in materia di responsabilità solidale negli appalti ex art. 29, comma 2, D. Leg. vo n. 276/2003, apportate dalla Riforma?

La principale novità introdotta nell’ambito dell’art. 29, comma 2, consiste nella possibilità di introdurre discipline derogatorie alla responsabilità solidale da parte della contrattazione collettiva nazionale.

In proposito, si sottolinea che l’esclusione della responsabilità s

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
922863 961148
La procedura conciliativa del licenziamento per giustificato motivo oggettivo

1) Quali sono le conseguenze in caso di mancata presentazione del datore di lavoro nel giorno della convocazione per l’espletamento del tentativo di conciliazione presso la Direzione Territoriale del Lavoro competente per territorio?

Il personale incaricato provvedere a redigere il verbale di mancata presenza e la procedura si considera comunque espletata.


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Fisco e Previdenza
  • Appalti e contratti pubblici
  • Lavoro e pensioni
  • Disciplina economica dei contratti pubblici

La responsabilità solidale tra committente, appaltatore e subappaltatore negli appalti pubblici e privati

Norme di riferimento sulla solidarietà retributiva e contributiva; Disciplina della solidarietà retributiva e contributiva (generalità, somme oggetto dell’obbligazione in solido, contratti che rientrano nell’applicazione della disciplina, distinzione tra appalto e contratti similari, soggetti che possono essere chiamati a rispondere in solido, estensione ai contratti di subfornitura con Sentenza Corte Costituzionale 254/2017, schema grafico riepilogativo, durata del vincolo di obbligazione in solido, soggetti beneficiari della tutela, le modifiche introdotte dal D.L. 25/2017); Ulteriori norme specifiche per gli appalti pubblici; La tutela generale in via residuale disposta dal Codice civile; Sicurezza sul lavoro; Solidarietà fiscale, le norme ora soppresse.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Lavoro e pensioni
  • Fisco e Previdenza

INPS - Gestione separata. Aliquote, massimale e minimale (aggiornamento 2017)

La Circolare n. 21 del 31/01/2017 dell'INPS riepiloga quali sono le aliquote contributive e di computo, il massimale annuo di reddito ed il minimale per l'accredito contributivo per il 2017.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Fisco e Previdenza
  • Lavoro e pensioni

La disciplina delle c.d. false partite IVA definita dalla L. 92/2012

La Circolare n. 32/2012, contenente indicazioni operative per il personale ispettivo, fornisce chiarimenti sulla nuova disciplina delle c.d. False partite IVA definita dalla L. 92/2012.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Fisco e Previdenza
  • Lavoro e pensioni

La legge "Fornero" 92/2012 di riforma del mercato del lavoro

Le novità apportate alla disciplina del lavoro a progetto ed autonomo, gestione separata INPS, tirocinio, responsabilità solidale negli appalti. Le schede riepilogative delle disposizioni di maggiore interesse. Anticipazione delle proposte di modifica.
A cura di:
  • Denis Peraro
  • Appalti e contratti pubblici
  • DURC
  • Sicurezza
  • Fisco e Previdenza
  • Lavoro e pensioni

La tutela dei lavoratori negli appalti (Circ. Min. Lavoro 5/2011)

Sintetizziamo i contenuti di una importante Circolare con la quale il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali fa il punto della normativa e della prassi sui principali temi che coinvolgono la tutela dei lavoratori negli appalti: costi della sicurezza, responsabilità solidale, tesserino di riconoscimento, DURC.
A cura di:
  • Dino de Paolis

10/10/2018

06/09/2018

04/09/2018

01/09/2018

22/08/2018