FAST FIND : NN12178

D.L. 26/04/2013, n. 43

Disposizioni urgenti per il rilancio dell'area industriale di Piombino, di contrasto ad emergenze ambientali, in favore delle zone terremotate del maggio 2012 e per accelerare la ricostruzione in Abruzzo e la realizzazione degli interventi per Expo 2015.
Stralcio. In vigore dal 27/04/2013.
Testo coordinato con le modifiche introdotte da:
- D.L. 22/06/2012, n. 83 (L. 07/08/2012, n. 134)
- L. 24/06/2013, n. 71 (Legge di conversione). In vigore dal 26/06/2013, in corsivo.
- D.L. 21/06/2013, n. 69 (L. 07/08/2013, n. 98)
- D.L. 28/06/2013, n. 76 (L. 09/08/2013, n. 99)
- D.L. 30/12/2013, n. 150 (L. 27/02/2014, n. 15
- D.L. 28/03/2014, n. 47 (L. 23/05/2014, n. 80)
- D.L. 12/05/2014, n. 73 (L. 02/07/2014, n. 97)
- C. Cost. 28/05/2014, n. 145
- L. 23/12/2014, n. 190
- D.L. 24/06/2016, n. 113 (L. 07/08/2016, n. 160)
- D.L. 30/12/2016, n. 244 (L. 27/02/2017, n. 19)
Scarica il pdf completo
922113 3572005
[Premessa]



IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA


Visti gli articoli 77 e 87 della Costituzione;

Ritenuta la straordinaria necessità ed urgenza di emanare disposizioni per avviare e completare gli interventi di implementazione infrastrutturale del Port

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
922113 3572006
Capo I - Norme per le aree industriali di piombino e di Trieste nonché a tutela dell'ambiente nel territorio del comune di Palermo e delle regioni Campania e Puglia
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
922113 3572007
Art. 1 - Riconoscimento dell'area industriale di Piombino come area di crisi industriale complessa e disposizioni necessarie al suo rilancio

1. L'area industriale di Piombino è riconosciuta quale area in situazione di crisi industriale complessa ai fini dell'applicazione delle disposizioni di cui all'articolo 27 del decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83 R, convertito, con modificazioni, nella legge 7 agosto 2012, n. 134 R.

2. Al fine di assicurare la realizzazione degli interventi necessari al raggiungimento delle finalità portuali ed ambientali previste dal nuovo Piano Regolatore Portuale, attuando, come previsto nel Piano Regolatore citato, prima di qualsiasi intervento, il piano di caratterizzazione e di bonifica dei sedimenti, con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, il Presidente della Regione Toscana è nominato, senza diritto ad alcun compenso, indennità, rimborso spese ed emolumento comunque denominato e, comunque, senza nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica, Commissario straordinario, autorizzato ad esercitare i poteri di cui all'articolo 13 del decreto-legge 25 marzo 1997, n. 67, convertito, con modificazioni, dalla legge 23 maggio 1997, n. 135 R, e successive modificazioni. Il Commissario resta i

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
922113 3572008
Art. 2 - Norme per evitare l'interruzione del servizio di raccolta e gestione dei rifiuti urbani nel territorio di Palermo

1. In deroga al divieto di proroga o rinnovo di cui all'articolo 3, comma 2, del decreto-legge n. 59 del 15 maggio 2012 Rconvertito, con modificazioni, dalla legge n. 100 del 12 luglio 2012 R, atteso il permanere delle condizioni di emergenza ambientale e ritenuta la straordinaria necessità e urgenza di evitare il verificarsi di soluzioni di continuità negli interventi posti in essere nel corso della gestione della medesima emergenza ambientale, sino al 31 dicembre 2013 continuano a produrre effetti, salva diversa previsione del presente articolo, le disposizioni di cui all'ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri 3887 del 9 luglio 2010 pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 170 del 23 luglio 2010, limitatamente agli interventi necessari a:

a) completare la realizzazi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
922113 3572009
Art. 3 - Disposizioni per far fronte all'emergenza ambientale nella Regione Campania

1. In deroga al divieto di proroga o rinnovo di cui all'articolo 3, comma 2, del decreto-legge 15 maggio 2012, n. 59, convertito, con modificazioni, dalla legge 12 luglio 2012, n. 100, atteso il permanere di gravi condizioni di emergenza ambientale e ritenuta la straordinaria necessità e urgenza di evitare il verificarsi di soluzioni di continuità nelle gestioni degli impianti di collettamento e depurazione di Acerra, Marcianise, Napoli Nord, Foce Regi Lagni, Cuma e impianto di grigliatura e derivazione di Succivo, nella Regione Campania, fino al 31 marzo 2014, salvo ultimazione anticipata da parte della Regione Campania delle procedure per la selezione del soggetto affidatario dell'adeguamento e gestione degli impianti, continuano a produrre effetti le disposizioni, di cui all'ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri n. 4022 del 9 maggio 2012, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 127 del 1° giugno 2012 e successive modificazioni. Fino allo stesso termine continuano a produrre effetti

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
922113 3572010
Art. 3-bis - Disposizioni per far fronte all'emergenza ambientale nella regione Puglia

1. In deroga al divieto di proroga o rinnovo di cui all'articolo 3, comma 2, del decreto-legge 15 maggio 2012, n. 59, convertito, con modificazioni, dalla legge 13 luglio

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
922113 3572011
Art. 4 - Proroga gestione commissariale Galleria Pavoncelli

1. In considerazione del permanere di gravi condizioni di emergenza connesse alla vulnerabilità sismica della "Galleria Pavoncelli", la gestione commissariale di cui all'ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri n. 3858 del 12 marzo 2010, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 65 del 19 marzo 2010, continua ad operare fino al "31 dicembre 2017"

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
922113 3572012
Capo II - Disposizioni straordinarie per expo Milano 2015
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
922113 3572013
Art. 5. - Disposizioni volte ad accelerare la realizzazione di Expo 2015

1. Tenuto conto dei tempi di realizzazione dell'evento Expo 2015 e delle opere essenziali e connesse di cui agli allegati del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 22 ottobre 2008, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 277 del 26 novembre 2008, e successive modificazioni, nonché degli interventi strettamente funzionali nelle programmazioni comunali, provinciali e regionali, e della contestuale presenza di cantieri in corso e al fine di garantire, senza nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica, il rispetto dei tempi stabiliti per lo svolgimento dell'evento Expo 2015 e l'adempimento degli obblighi internazionali assunti dal Governo italiano nei confronti del Bureau International des Expositions (BIE):

a) il comma 2 dell'art. 14 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112 R, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133 R, è sostituito dai seguenti:

«2. Con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, sentiti il presidente della Regione Lombardia, il Sindaco di Milano e i rappresentanti degli enti locali interessati, sono istituiti gli organismi per la gestione delle attività, compresa la previsione di un tavolo istituzionale per il governo complessivo degli interventi regionali e sovra regionali presieduto dal presidente della Regione Lombardia pro tempore, e sono stabiliti i criteri di ripartizione e le modalità di erogazione dei finanziamenti. Con il medesimo decreto è nominato, senza nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica, anche nell'ambito dei soggetti della governance della Società Expo 2015 S.p.A., ivi incluso l'Amministratore delegato, il Commissario Unico delegato del Governo per Expo 2015 a cui vengono attribuiti tutti i poteri e tutte le funzioni, già conferiti al Commissario Straordinario delegato del Governo per Expo Milano 2015, ivi compresi i poteri e le deroghe previsti nelle ordinanze di protezione civile richiamate all'articolo 3, comma 1, lettera a), del decreto-legge 15 maggio 2012, n. 59 R, convertito in legge 12 luglio 2012, n. 100 R, da intendersi estese a tutte le norme modificative e sostitutive delle disposizioni ivi indicate. Sono altresì attribuiti al Commissario Unico i poteri del Commissario Generale dell'Esposizione, ad eccezione dei poteri e delle funzioni di cui agli articoli 12 e 13 della Convenzione sulle esposizioni internazionali firmata a Parigi il 22 novembre 1928, come da ultimo modificata con protocollo aperto alla firma a Parigi il 30 novembre 1972, ratificato ai sensi della legge 3 giugno 1978, n. 314, che verranno individuati con apposito decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri.

2.1. Nel rispetto dei principi generali dell'ordinamento, della normativa dell'Unione europea e degli obblighi internazionali assunti dall'Italia e nei limiti delle risorse stanziate ai sensi della legislazione vigente, il Commissario unico esercita poteri sostitutivi per risolvere situazioni o eventi ostativi alla realizzazione delle opere essenziali e

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
922113 3572014
Capo III - Ulteriori disposizioni per le zone colpite dagli eventi sismici del maggio 2012 e per favorire la ricostruzione in Abruzzo e in Molise nonché norme per fronteggiare ulteriori emergenze
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
922113 3572015
Art. 5-bis. - Disposizioni per il servizio pubblico di trasporto marittimo nello stretto di Messina

1. Per fare fronte all'esigenza di assicurare la continuazione del servizio pubblico di trasporto marittimo, legata all'aumento del traffico passeggeri derivante dall'approssimarsi del periodo estivo, ed al fine di garantire la continuità territoriale nell'area dello stretto di Messina, per la prosecuzione degli interventi di cui all'articolo 1, comma 1031,

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
922113 3572016
Art. 5-ter. - Acquisizione di lavori, servizi e forniture dei comuni con popolazione non superiore a 5.000 abitanti

1. Il termine di cui all'articolo 23, comma 5, del decreto-legge 6 dicembre 2011, n. 201

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
922113 3572017
Art. 5-quater. - Misure urgenti in seguito al sinistro marittimo nel porto di Genova

1. In seguito al sinistro marittimo occorso nel porto di Genova in data 7 maggio 2013, al fine di ripristinare l'efficienza e l'operatività della sala operativa e del centro VT

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
922113 3572018
Art. 6. - Proroga emergenza sisma maggio 2012

1. Nel rispetto dei limiti di spesa di cui all'articolo 11, comma 13, del decreto legge 10 ottobre 2012, n. 174 R, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 dicembre 2012, n. 213 R, il termine di scadenza dello stato di emergenza conseguente agli eventi sismici del 20 e 29 maggio 2012, di cui all'articolo 1, comma 3, del decreto-legge 6 giugno 2012, n. 74 R, convertito, con modificazioni, dalla legge 1 agosto 2012, n. 122 R, è prorogato al 31 dicembre 2014.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
922113 3572019
Art. 6-bis. - Deroga al patto di stabilità interno per il sisma in Molise

1. Al fine di agevolare la definitiva ripresa delle attività e consentire la completa attuazione dei piani per la ricostruzione e per il ripristino dei

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
922113 3572020
Art. 6-ter. - Incrementi di superfici in sede di ricostruzione

1. Il comma 13-bis dell'articolo 3 del decreto-legge 6 giugno 2012, n. 74

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
922113 3572021
Art. 6-quater. - Soddisfazione della verifica di sicurezza

1. Al primo periodo del comma 10 dell'articolo 3 del decreto-legge 6 giugno 2012,

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
922113 3572022
Art. 6-quinquies. - Deroga al patto di stabilità interno per i comuni e le province colpiti dal sisma

1. Al fine di agevolare la ripresa delle attività e consentire l'attuazione dei piani per la ricostruzione e per il ripristino dei danni causati dagli eccezionali eventi sismici del 20 e 29 maggio 2012 e dell'aprile 2009, per l'anno 2013 gli obiettivi del patto di stabilità interno dei comuni e delle province, individuati a

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
922113 3572023
Art. 6-sexies. - Assunzioni di personale

1. I commi 8 e 9 dell'articolo 3-bis del decreto-legge 6 luglio 2012, n. 95, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 135, sono sostituiti dai seguenti:

"8. Per le strette finalità connesse alla situazione emergenziale prodottasi a seguito del sisma del 20 e 29 maggio 2012, per le annualità dal 2012 al 2014 è autorizzata l'assunzione con contratti di lavoro flessibile, con scadenza non oltre il 31 dicembre 2014, da parte dei comuni colpiti dal sisma individuati ai sensi dell'articolo 1, comma 1, del decreto-legge 6 giugno 2012, n. 74, convertito, con modificazioni, dalla legge 1º agosto 2012, n. 122, e dall'articolo 67-septies del decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 134, da parte della struttura commissariale istituita presso la regione Emilia-Romagna, ai sensi del comma 5 dell'articolo 1 del c

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
922113 3572024
Art. 6-septies. - Aiuti alle imprese site in zone colpite dal sisma del maggio 2012

1. All'articolo 1 della legge 24 dicembre 2012, n. 228 R, sono apportate le seguenti modificazioni:

a) al comma 366, le parole: «30 giugno» sono sostituite dalle seguenti: «15 novembre»;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
922113 3572025
Art. 6-octies. - Perdite d'esercizio anno 2012

1. A partire dalla data del 31 dicembre 2012, per le imprese che hanno sede o unità locali nel territorio de

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
922113 3572026
Art. 6-novies. - Detassazione di contributi, indennizzi e risarcimenti per gli eventi sismici del 20 e 29 maggio 2012

N1

1. Per i soggetti che hanno sede o unità locali nel territorio dei comuni di cui a

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
922113 3572027
Art. 6-decies

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
922113 3572028
Art. 7. - Utilizzo delle risorse programmate con delibera CIPE 135 del 21 dicembre del 2012 relative alle «spese obbligatorie»

1. Al fine di assicurare la prosecuzione dell'assistenza alla popolazione della regione Abruzzo colpita dal sisma del 6 aprile 2009:

a) il contributo per l'autonoma sistemazione ovvero all'assistenza gratuita presso strutture private o pubbliche, di cui all'art. 13, comma 1, dell'ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri n. 4013 del 23 marzo 2012, previsto se l'unità immobiliare abitata alla data del 6 aprile 2009 è classificata con esito E, ovvero è ricompresa in un aggregato edilizio ai sensi dell'art. 7 dell'ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri n. 3820 del 12 novembre 2009, o in area perimetrata dei centri storici, ove non si siano realizzate le condizioni per il rientro nell'abitazione, ovvero se trattasi di unità immobiliare classificata con esito «B» o «C» appartenente all'ATER e all'Edilizia Residenziale pubblica nei Comuni, è riconosciuto nel limite massimo di euro 53.000.000,00. Resta ferma, in ogni caso, la permanenza degli altri requisiti prescritti dalle disposizioni vigenti;

b) i contratti di locazione di cui all'art. 1 dell'ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri n. 3769 del 15 maggio 2009, possono essere prorogati, previo espresso assenso del proprietario, nel limite di due annualità, e comunque nel limite massimo di euro 8.700.000,00 in favore dei nuclei familiari la cui unità immobiliare abitata alla data del 6 aprile 2009 è classificata con esito E, ovvero è ricompresa in una delle fattispecie di cui alla precedente lettera a). Resta ferma, in ogni caso, la permanenza degli altri requisiti prescritti dalle disposizioni vigenti;

c) i benefici di cui all'art. 13, comma 2, dell'ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri n. 3827 del 27 novembre 2009, concessi nei confronti di coloro i quali hanno perso la disponibilità di un'unità abitativa classificata con esito B o C, essendo venuto meno il rapporto di locazione, a causa dell'evento sismico del 6 aprile 2009 proseguono nel limite massimo di euro 300.000,00.

2. Agli oneri derivanti dall'attuazione del comma 1, lettere a),

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
922113 3572029
Art. 7-bis. - Rifinanziamento della ricostruzione privata nei comuni interessati dal sisma in Abruzzo

1. Al fine di assicurare la prosecuzione degli interventi per la ricostruzione privata nei territori della regione Abruzzo, colpiti dagli eventi sismici del 6 aprile 2009, di cui all'articolo 3, comma 1, lettera a), del decreto-legge 28 aprile 2009, n. 39 , convertito, con modificazioni, dalla legge 24 giugno 2009, n. 77 R, è autorizzata la spesa di 197,2 milioni di euro per ciascuno degli anni dal 2014 al 2019 al fine della concessione di contributi a privati, per la ricostruzione o riparazione di immobili, prioritariamente adibiti ad abitazione principale, danneggiati ovvero per l'acquisto di nuove abitazioni, sostitutive dell'abitazione principale distrutta. Le risorse

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
922113 3572030
Art. 7-ter. - Disposizioni urgenti per l'infrastruttura ferroviaria nazionale

1. Al fine di garantire il perseguimento di adeguati livelli di sicurezza dell'infrastruttura ferroviaria nazionale, le disponibilità di risorse iscritte in bilancio per gli anni 2012 e 2013, destinate al contratto di programma di Rete Ferroviaria Italiana S.p.A. - parte servizi, per la copertura dei costi della manutenzione e

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
922113 3572031
Art. 7-quater. - Disposizioni relative al progetto di cui alla delibera CIPE n. 57/2011

1. I pagamenti relativi all'attuazione degli interventi di riqualificazione del territorio che accompagneranno l'esecuzione del progetto approvato dal CIPE con delibera n. 57/2011 del 3 agosto 2011, o che in tal senso saranno in

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
922113 3572032
Art. 8. - Norme per la prosecuzione delle attività di rimozione delle macerie causate dal sisma del 6 aprile 2009 in Abruzzo

1. Per garantire la prosecuzione delle attività volte alla rimozione delle macerie nei territori della regione Abruzzo, conseguenti al sisma del 6 aprile 2009, le operazioni di movimentazione e trasporto ai siti di stoccaggio autorizzati dai comuni dei materiali derivanti dal crollo degli edifici pubblici e privati, dalle attività di demolizione e abbattimento degli edifici pericolanti a seguito di ordinanza sindacale e da interventi edilizi effettuati su incarico della pubblica amministrazione possono essere svolte anche con impiego di personale e mezzi del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco e delle Forze Armate. Tali soggetti sono autorizzati in deroga agli articoli 188-ter, 193 e 212 del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152 R e successive modificazioni.

2. Ai fini di cui al comma 1, l'Ufficio Speciale per la città dell'Aquila e l'Ufficio speciale per i comuni del cratere, di cui all'articolo 67-ter del decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83 R, convertito dalla legge 7 agosto 2012, n. 134 R, sottoscrivono con il Ministero dell'Interno - Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e d

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
922113 3572033
Art. 8-bis. - Deroga alla disciplina dell'utilizzazione di terre e rocce da scavo

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
922113 3572034
Art. 9. - Entrata in vigore

1. Il presente decreto entra in vigore il giorno successivo a quello della sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana e sarà presentato alle Camere per la conversione in legge.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

Il D.L. 43/2013: disposizioni urgenti per l’ambiente e la ricostruzione post-sisma

Le principali disposizioni in materia di: Emergenza ambientale in Campania; Appalti nei comuni fino a 5.000 abitanti; Sisma del maggio 2012; Sisma in Abruzzo del 2009; Deroga alla disciplina sulle terre e rocce da scavo. Testo del decreto-legge coordinato con le modifiche introdotte dalla legge di conversione.
A cura di:
  • Denis Peraro

Le disposizioni per l'ambiente e per il sisma del maggio 2012 contenute nel D.L. 1/2013 dopo la conversione in legge

Gestione dei rifiuti nella regione Campania; Divieto di smaltimento in discarica dei rifiuti con PCI superiore a 13.000 kJ/Kg.; Indicazione dei costi di gestione dei RAEE all’acquirente; Proroga termine versamento della prima rata della TARES per il 2013; Proroga di gestioni commissariali di talune emergenze ambientali; Contributi per la riparazione, il ripristino e la ricostruzione degli immobili nei territori colpiti dal sisma del maggio 2012.
A cura di:
  • Alfonso Mancini

Prossimi adempimenti fiscali per i fabbricati nei comuni colpiti dal terremoto in Emilia Romagna, Lombardia e Veneto

Nuovi termini per il versamento dell’acconto e del saldo ai fini IMU per la generalità dei fabbricati, esenzione IMU per i fabbricati per i quali sia stata emessa ordinanza sindacale di sgombero per inagibilità totale o parziale, accatastamento e pagamento IMU per i fabbricati rurali ancora censiti al solo Catasto dei Terreni, scadenzario completo dei termini relativi all’IMU per le zone colpite dal sisma del maggio 2012.
A cura di:
  • Stefano Baruzzi

Tutte le misure contenute nel D.L. 69/2013 («decreto del fare») dopo la conversione in legge

INFRASTRUTTURE E OPERE PUBBLICHE: Piano città; Fondi sblocca cantieri; Expo 2015; Infrastrutture strategiche. SEMPLIFICAZIONE PER L’EDILIZIA: Modifica della sagoma e ristrutturazione edilizia; Distanze tra edifici; Interventi di edilizia libera; Permesso di costruire in presenza di vincoli; SCIA e comunicazione di inizio lavori; Agibilità; Proroga titoli abilitativi e convenzioni urbanistiche; Tariffe Consiglio superiore dei LL.PP.; Strutture ricettive all’aperto. AMBIENTE: Autorizzazione paesaggistica; Acque sotterranee emunte; Materiali di scavo; Norme Impianti poco inquinanti. APPALTI E CONTRATTI PUBBLICI: Anticipazione del prezzo; Dimostrazione requisiti; Offerte anomale; Appalti su lotti; Garanzia globale di esecuzione; Subcontratti di fornitura; Banca dati sui contratti pubblici; Determinazione del prezzo. FISCO E PREVIDENZA: Responsabilità solidale fiscale; Impignorabilità della prima casa; Durc. SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO E NEI CANTIERI: Volontariato; Duvri; Attività a basso rischio; Corsi di formazione; Verifiche periodiche attrezzature di lavoro; Semplificazione adempimenti nei cantieri; Prestazioni lavorative di breve durata. FINANZA PUBBLICA: Fondo di garanzia e incentivi alle PMI; Utilizzo dei fondi strutturali europei; Indennizzo per ritardi nei procedimenti amministrativi. TESTI NORMATIVI AGGIORNATI: Testo Unico dell’Edilizia; Testo Unico della sicurezza; Codice dei contratti pubblici e Regolamento di attuazione; Codice dell’ambiente.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Massimo Pipino

Il «Decreto del Fare» è legge

In Gazzetta la L. 98/2013, di conversione del "decreto-legge del fare", recante disposizioni urgenti per il rilancio dell'economia.