31 dic 2020

FAST FIND : SC242

Ultimo aggiornamento
02/09/2015

Scadenza concessioni demaniali per finalità turistico-ricreative e varie

L’articolo 34-duodecies del D.L. 179/2012 ha da ultimo prorogato di 5 anni, dal 31/12/2015 al 31/12/2020, la scadenza delle concessioni demaniali marittime per finalità turistico-ricreative, sportive, nonché destinate a porti turistici, approdi e punti di ormeggio dedicati alla nautica da diporto. La proroga è stata attuata con una modifica all’art. 1, comma 18 del D.L. 194/2009 (convertito dalla L. 25/2010) il quale, in attesa della revisione della legislazione nazionale in materia, aveva prorogato sino al 31/12/2015 le concessioni demaniali marittime per finalità turistico-ricreative che erano in essere al 30/12/2009 (data di entrata in vigore del decreto-legge in questione).
Inoltre la Legge di Stabilità 2014 (L. 147/2013) ha previsto che la proroga delle concessioni demaniali marittime esistenti - disposta dall’art. 1, comma 18, del D.L. 194/2009 in attesa della complessiva revisione del quadro normativo in materia di rilascio delle concessioni di beni demaniali marittimi, lacuali e fluviali con finalità turistico-ricreative, sportive, nonché destinate a porti turistici, approdi e punti di ormeggio dedicati alla nautica da diporto - venga estesa anche alle concessioni ad uso pesca, acquacoltura ed attività produttive ad essa connesse.

Dalla redazione

  • Demanio
  • Pubblica Amministrazione
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Acque
  • Demanio idrico

Concessioni demaniali marittime, canoni aggiornati, proroghe e scadenze

Quadro normativo di riferimento sui canoni concessori; Tabelle con la misura aggiornata dei canoni (ultimo aggiornamento annuale valido per il 2018 e tabelle storiche); Proroghe e scadenze delle concessioni; Revisione in corso della disciplina e delle zone demaniali; Sospensione procedimenti pendenti al 15/11/2015 relativi alle aree pertinenziali.
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Impiantistica
  • Pubblica Amministrazione
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Appalti e contratti pubblici
  • Demanio
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Disciplina economica dei contratti pubblici
  • Inquinamento elettrico ed elettromagnetico
  • Impianti di telefonia e comunicazione
  • Informatica
  • Infrastrutture e reti di energia
  • Fonti alternative
  • Requisiti di partecipazione alle gare
  • Edilizia e immobili
  • Edilizia scolastica
  • Energia e risparmio energetico

Decreto-legge «crescita» 179/2012: tutte le misure di interesse dell’area tecnica dopo la conversione in legge

Indirizzo di Posta Elettronica Certificata per le imprese individuali; Contratti della pubblica amministrazione per via telematica; Interventi di ammodernamento e recupero del patrimonio scolastico esistente; Infrastrutture di comunicazione elettronica ed a banda larga; Incentivi fiscali per la realizzazione di infrastrutture; Valori di attenzione e valori limite di esposizione a campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici; Tecniche di misurazione, di rilevamento e previsionali; Procedure per la valutazione di impatto ambientale delle grandi opere; Impianti sottoposti alla Valutazione di Impatto Ambientale; Caratteristiche tecniche degli impianti termici civili; Scarichi degli impianti termici degli edifici; Requisito della cifra d’affari realizzata nei contratti pubblici; Anagrafe unica delle stazioni appaltanti; Svincolo delle garanzie di buona esecuzione; Revisione triennale dell’attestazione SOA; Spese per la pubblicazione dei bandi; Obbligo per professionisti e imprese di accettare pagamenti con il bancomat; Superamento del dissenso espresso in sede di conferenza dei servizi da una regione o provincia autonoma; Valutazione degli investimenti relativi ad opere pubbliche; Impianti geotermici; Concessioni demaniali marittime.
A cura di:
  • Piero de Paolis
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Inquinamento elettrico ed elettromagnetico
  • Infrastrutture e reti di energia
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Campi elettromagnetici ad alte frequenze: limiti di emissione e linee guida per la misurazione

Questo articolo illustra le norme nazionali di riferimento per la determinazione e la misurazione dei valori di emissione riferiti ai campi elettromagnetici ad alta frequenza (con frequenza compresa tra 100 kHz e 300 GHz), a partire dal D.P.C.M. 08/07/2003 - come modificato dal D.L. 179/2012 e poi dal D.L. 91/2014 e dal D.L. 133/2014 - fino ai decreti attuativi emanati ed in corso di emanazione. Il contributo tiene pertanto conto del D.M. 02/12/2014 - che reca le linee guida per la trasmissione da parte degli operatori all'ISPRA ed alle ARPA/APPA dei dati sugli impianti in questione, nonché la definizione delle metodiche da applicare nelle stime previsionali - del D.M. 05/10/2016 relativo ai valori di assorbimento da parte delle strutture degli edifici ed del D.M. 07/12/2016 che ha approvato le ulteriori linee guida concernenti la nozione di “pertinenze esterne con dimensioni abitabili”.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Inquinamento elettrico ed elettromagnetico
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Infrastrutture e reti di energia

Campi elettromagnetici ad alte frequenze: definizione di "pertinenze esterne con dimensioni abitabili"

Pubblicate sulla G.U. del 24/01/2017, n. 19 le Linee guida concernenti la nozione di “pertinenze esterne con dimensioni abitabili”, per permanenze non inferiori a 4 ore continuative giornaliere.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Infrastrutture e reti di energia
  • Inquinamento elettrico ed elettromagnetico
  • Infrastrutture e opere pubbliche

Campi elettromagnetici ad alte frequenze: valori di assorbimento da parte delle strutture degli edifici

Pubblicate sulla G.U. del 27/10/2016, n. 252 le Linee guida concernenti la determinazione dei valori di assorbimento del campo elettromagnetico da parte delle strutture degli edifici.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Appalti e contratti pubblici
  • Pubblica Amministrazione
  • Tutela ambientale

Aumento progressivo dell'applicazione dei criteri ambientali minimi negli appalti pubblici di servizi e forniture

  • Pubblica Amministrazione
  • Appalti e contratti pubblici
  • Tutela ambientale
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Aumento progressivo dell'applicazione dei criteri ambientali minimi negli appalti pubblici di servizi e forniture

  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Beni culturali e paesaggio
  • Pubblica Amministrazione
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Urbanistica
  • Finanza pubblica
  • Tutela ambientale
  • Enti locali
  • Aree urbane
  • Difesa suolo
  • Provvidenze

Sicilia: aiuti ai Comuni per la tutela e lo sviluppo del territorio

  • Scarichi ed acque reflue
  • Acque
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Toscana, scarichi: conclusione degli interventi di realizzazione o adeguamento