FAST FIND : NW2867

Ultimo aggiornamento
07/02/2017

Valori limite di esposizione professionale ad agenti chimici (VLEP)

Elenco dei valori limite di esposizione professionale agli agenti chimici (VLEP): allegato XXXVIII al D. Leg.vo n. 81/2008, come sostituito dal D.M. 06/08/2012, e nuovo elenco dei valori indicativi di cui alla Direttiva (UE) 2017/164.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica

I valori limite di esposizione professionale (VLEP), se non diversamente specificato, rappresentano il limite della concentrazione media ponderata nel tempo di un agente chimico nell’aria all’interno della zona di respirazione di un lavoratore in relazione ad un periodo di riferimento specificato (articolo 222, comma 1, lettera d), D. Leg.vo n. 81/2008). L’elenco dei valori limite vigenti è contenuto nell’allegato XXXVIII al D. Leg.vo del 09/04/2008, n. 81, come sostituito dal D.M. 06/08/2012, mentre a livello europeo è stata emanata la Direttiva n. 2017/164 contenente il nuovo elenco in attesa di recepimento e quindi non ancora vigente in Italia.

VALORI LIMITE INDICATIVI E OBBLIGHI PER GLI STATI MEMBRI - La Direttiva n. 98/24/CE sulla protezione della salute e della sicurezza dei lavoratori contro i rischi derivanti da agenti chimici durante il lavoro prevede che per stabilire i VLEP, gli Stati membri devono fare riferimento ai valori limite indicativi che vengono stabiliti in ambito europeo, valori al di sotto dei quali non sono previsti, in genere, effetti negativi a seguito dell’esposizione (di breve durata o giornaliera) all’agente chimico, nell'arco della vita lavorativa del soggetto esposto.
Inoltre l’articolo 3, paragrafo 3 della medesima Direttiva stabilisce che gli Stati membri:

  • fissano un valore limite nazionale di esposizione per ogni agente chimico in relazione al quale sia attribuito, a livello comunitario, un valore limite indicativo di esposizione professionale;
  • nel definire i VLEP, devono tenere conto del valore limite europeo e determinarne la natura in base alla normativa e alla prassi nazionali.

ELENCO - L’elenco dei valori limite di esposizione professionale agli agenti chimici, la cui determinazione è conseguente all’emanazione delle norme europee in materia, è contenuto nell’allegato XXXVIII al D. Leg.vo del 09/04/2008, n. 81 (Testo unico della sicurezza). Essi sono stabiliti in relazione a un periodo di riferimento di otto ore (valori limite di esposizione a lungo termine) e - per alcuni agenti chimici - per periodi di riferimento più brevi, salvo indicazione contraria di quindici minuti (valori limite di esposizione a breve termine) [1].
L’elenco è stato da ultimo sostituito dal D.M. 06/08/2012 (pubblicato nella G.U. n. 218 del 18/09/2012), di recepimento della Direttiva 2009/161/UE della Commissione del 17/12/2009 che ha definito a livello europeo il terzo elenco di valori indicativi di esposizione professionale [2], proprio al fine di mantenerlo conforme alle norme europee in materia.
Con la Direttiva (UE) 2017/164 del 31/01/2017 - pubblicata nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea del 01/02/2017, n. 27 - la Commissione europea ha fornito il Quarto elenco dei valori indicativi di esposizione professionale per determinati agenti chimici che gli Stati membri sono tenuti a prendere in considerazione per stabilire i corrispondenti valori limite nazionali. La Direttiva n. 2017/164/UE è stata emanata in attuazione dell’articolo 3, paragrafo 2 della Direttiva 98/24/CE e dovrà essere recepita entro il 21/08/2018.

VLEP NEL T.U. SICUREZZA - Ai sensi dell’articolo 223, D. Leg.vo n. 81/2008, nell’ambito della valutazione dei rischi il datore di lavoro è tenuto ad effettuare la valutazione anche dei rischi per la sicurezza e la salute dei lavoratori derivanti dalla presenza di agenti chimici pericolosi, e ciò prendendo in considerazione in particolare, tra l’altro, i valori limite di esposizione professionale.
Se i risultati della valutazione dei rischi dimostrano che, in relazione al tipo e alle quantità di un agente chimico pericoloso e alle modalità e frequenza di esposizione a tale agente presente sul luogo di lavoro, vi sia solo un rischio basso e irrilevante per la salute dei lavoratori, il datore di lavoro non è tenuto ad adottare ulteriori misure specifiche di protezione e di prevenzione e di sorveglianza sanitaria (articolo 224, comma 2 del T.U.).
Nel caso in cui, viceversa, sia stato superato un valore limite di esposizione professionale, il datore di lavoro deve:

  • identificare e rimuovere le cause che hanno cagionato tale superamento, adottando immediatamente le misure appropriate di prevenzione e protezione;
  • informare i lavoratori del superamento dei valori limite di esposizione professionale, delle cause dell’evento e delle misure di prevenzione e protezione adottate;
  • darne immediata comunicazione all’organo di vigilanza (articolo 225, commi 3 e 8, T.U.).


[1] Per ogni agente chimico è indicato il numero EINECS (“Inventario europeo delle sostanze chimiche esistenti a carattere commerciale”) e CAS (“Inventario europeo delle sostanze chimiche”).

[2] Precedentemente erano stati definiti un primo e un secondo elenco rispettivamente con la Direttiva 2000/39/CE, recepita dal D.M. 26/02/2004 (pubblicato nella G.U. n. 142 del 16/06/2000), e con la Direttiva 2006/15/CE, recepita con D.M. 04/02/2008 (pubblicato nella G.U. n. 48 del 26/02/2008).

Dalla redazione

  • Sicurezza
  • Uffici e luoghi di lavoro

Agenti cancerogeni: protezione dei lavoratori e valori limite di esposizione (Dir. UE 2017/2398)

La Direttiva (UE) 12/12/2017, n. 2017/2398 ha modificato la Direttiva 2004/37/CE sulla protezione dei lavoratori contro i rischi derivanti dall’esposizione ad agenti cancerogeni o mutageni durante il lavoro. Disposizioni in materia di sorveglianza sanitaria, di lavori comportanti esposizione a polvere di silice cristallina, di valori limite di esposizione.
A cura di:
  • Angela Perazzolo
  • Sicurezza
  • Uffici e luoghi di lavoro

INAIL BANDO ISI 2016 per ristrutturazione e modifica degli ambienti produttivi

Il bando prevede un contributo a fondo perduto pari al 65% della spesa finalizzata per progetti di ristrutturazione e modifica degli ambienti di lavoro o di revisione dei modelli organizzativi. Gli interventi possono essere ricondotti all’acquisto del singolo macchinario o ad una serie di interventi volti ad eliminare un determinato pericolo come ad esempio l'amianto dai tetti. Sono ammissibili le spese tecniche dei professionisti coinvolti nel progetto, sia a supporto dei lavori che come incaricati della perizia giurata necessaria per ottenere il contributo.
A cura di:
  • Club Mep Network
  • Sicurezza
  • Energia e risparmio energetico
  • Uffici e luoghi di lavoro
  • Infrastrutture e reti di energia
  • Agenti fisici

T.U. Sicurezza - Sintesi operativa delle modifiche introdotte dal D. Leg.vo 159/2016 sui campi elettromagnetici

Questo articolo illustra, attraverso una sintesi completa e dettagliata, tutte le modifiche introdotte dal D. Leg.vo 159/2016 al T.U. Sicurezza (D. Leg.vo 81/2008), relativamente alla disciplina riguardante la protezione dei lavoratori dai rischi di esposizione a campi elettromagnetici. Ciascuna delle modifiche è evidenziata in blu per un agile riscontro delle novità intervenute.
A cura di:
  • Valentina Rampulla
  • Uffici e luoghi di lavoro
  • Sicurezza

La delega di funzioni nella sicurezza sul lavoro

Questo articolo tratta l’istituto della “delega di funzioni” previsto dagli articoli 16 e 17 del Testo Unico della sicurezza di cui al D. Leg.vo 81/2008, illustrandone in maniera chiara e pratica i requisiti di forma e sostanza, le condizioni di efficacia, gli effetti, la differenza con altre fattispecie, gli orientamenti della giurisprudenza penale della Corte di cassazione relativi a casi pratici.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Sicurezza
  • Uffici e luoghi di lavoro
  • Cantieri temporanei e mobili

Testo Unico sicurezza - Sintesi operativa delle modifiche introdotte dal D. Leg.vo 151/2015 con testo a fronte

Sono di seguito commentate tutte le modifiche introdotte da parte del D. Leg.vo 14/09/2015, n. 151 (uno dei decreti di attuazione della delega legislativa prevista dalla L. 183/2014 - cosiddetta legge sul “Jobs act”) al Testo Unico della sicurezza di cui al D. Leg.vo 81/2008. Ciascuna delle modifiche è accompagnata dal testo a fronte per un agile riscontro delle novità intervenute. Lavoro accessorio e volontariato; Sospensione dell’attività imprenditoriale; Valutazione dei rischi; Conduzione dei generatori di vapore; Sanzioni uso attrezzature di lavoro; Requisiti professionali del Coordinatore per la sicurezza; Interpello; Svolgimento diretto compiti di prevenzione e protezione da parte del datore di lavoro; Obblighi documentali; Sanzioni datore di lavoro e dirigente; Valutazione del rischio rumore.
A cura di:
  • Alfonso Mancini

04/05/2018

23/04/2018

16/04/2018