FAST FIND : NW2759

Ultimo aggiornamento
04/05/2018

Previdenza professionale Periti Industriali - Aggiornamento 03/05/2018

Elenco degli ultimi comunicati del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali di approvazione di atti adottati dall'Ente di previdenza dei periti industriali e dei periti industriali laureati (EPPI). ULTIMO AGGIORNAMENTO: Delibera 579 del 26/01/2018, concernente l’adeguamento dei redditi e volumi di affari, nonché dei contributi minimi e massimi per l’anno 2018, anche a titolo di riscatto e contribuzione volontaria (GU 101/2018).
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica

Redditi e contributi per l'anno 2018.
(GU n. 101, del 03/05/2018)
Con nota del Ministero del lavoro e delle politiche sociali n. 36/0004714/PIND-L-83 del 10 aprile 2018 è stata approvata, ai sensi dell’art. 3, comma 2, del decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509, di concerto con il Ministero dell’economia e delle finanze, la delibera n. 579/2018 adottata dal Consiglio di amministrazione dell’EPPI in data 26 gennaio 2018, concernente l’adeguamento dei redditi e volumi di affari, nonché dei contributi minimi e massimi per l’anno 2018, anche a titolo di riscatto e contribuzione volontaria. 

Modifiche al Regolamento elettorale.
(GU n. 82, del 09/04/2018)
Con nota del Ministero del lavoro e delle politiche sociali n. 36/0003019/PIND-L-81 del 14 marzo 2018 è stata approvata, ai sensi dell’art. 3, comma 2, del decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509, di concerto con il Ministero dell’economia e delle finanze, la delibera n. 98/2017, adottata dal Consiglio di indirizzo generale dell’EPPI in data 31 marzo 2017, concernente modifiche al Regolamento elettorale.

Determinazione del contributo di maternità per l’anno 2017.
(GU n. 50 del 01/03/2018)
Con nota del Ministero del lavoro e delle politiche sociali n. 36/0001445/PIND-L-82 del 5 febbraio 2018 è stata approvata, ai sensi dell’art. 3, comma 2, del decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509, di concerto con il Ministero dell’economia e delle finanze, la delibera n. 546/2017, adottata dal Consiglio di amministrazione dell’EPPI in data 8 novembre 2017, concernente la determinazione del contributo di maternità per l’anno 2017, in misura pari a € 5,00 pro-capite.

Modifiche allo statuto dell'EPPI.
(GU n. 50 del 01/03/2018)
Il 29 gennaio 2018, con decreto interministeriale sono state approvate, ai sensi e per gli effetti dell’art. 3, comma 2, lettera a), del decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509, di concerto con il Ministero dell’economia e delle finanze, le modifiche allo statuto dell'EPPI, nel testo di cui al rogito del notaio Paride Marini Elisei (Rep. n. 24713 - Racc. n. 7694), deliberate dal Consiglio di indirizzo generale, con provvedimento n. 97 in data 31 marzo 2017.  

Regolamento per la gestione del patrimonio dell'EPPI.
(GU n. 1 del 02/01/2018)
Con nota del Ministero del lavoro e delle politiche sociali n. 36/0014537 del 7 dicembre 2017 è stata approvata, ai sensi dell’art. 3, comma 2, del decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509, di concerto con il Ministero dell’economia e delle finanze, la delibera n. 526 del 26 luglio 2017, recante il Regolamento per la gestione del patrimonio dell'EPPI. 

Quote di contribuzione integrativa distribuite sui montanti contributivi individuali per il 2014 e 2015.
(GU n. 298 del 22/12/2017)
Con nota del Ministero del lavoro e delle politiche sociali n. 36/0013858/PIND-L-78 del 27 novembre 2017 è stata approvata, ai sensi dell’art. 3, comma 2, del decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509, di concerto con il Ministero dell’economia e delle finanze, la delibera n. 469/2017 adottata dal Consiglio di amministrazione dell’EPPI in data 2 marzo 2017, recante le quote di contribuzione integrativa distribuite sui montanti contributivi individuali per l’anno 2014 e l’anno 2015. 

Modifiche al Regolamento per l'attuazione delle attività di previdenza.
(GU n. 199 del 26/08/2017)
Con nota del Ministero del lavoro e delle politiche sociali n. 36/0008843/PIND-L-79 del 24 luglio 2017 è stata approvata, ai sensi dell’art. 3, comma 2, del decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509, di concerto con il Ministero dell’economia e delle finanze, la delibera n. 93/2017 adottata dal Consiglio di indirizzo generale dell’EPPI in data 30 marzo 2017, recante modifiche agli articoli 10 e 11 e al comma 5 dell’art. 14, del regolamento per l’attuazione delle attività di previdenza. 

Quota contributo integrativo da destinare al montante individuale.
(GU n. 105 del 08/05/2017)
Con nota del Ministero del lavoro e delle politiche sociali n. 36/0003760/PIND-L-73 del 27 marzo 2017 è stata approvata, ai sensi dell’art. 3, comma 2, del decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509, di concerto con il Ministero dell’economia e delle finanze, la delibera n. 76/2016 adottata dal Consiglio di indirizzo generale dell’EPPI in data 9 giugno 2016, recante “Modifica dell’art. 4 del regolamento per la destinazione del contributo integrativo”, concernente la determinazione della quota di contribuzione integrativa da destinare al montante individuale.

Versamento e riscossione dei contributi.
(GU n. 102 del 04/05/2017)
Con nota del Ministero del lavoro e delle politiche sociali n. 36/0004759/PIND-L-75 del 12 aprile 2017 è stata approvata, ai sensi dell’art. 3, comma 2, del decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509, di concerto con il Ministero dell’economia e delle fi nanze, la delibera n. 80/2016 adottata dal Consiglio di indirizzo generale dell’EPPI in data 22 settembre 2016, concernente modifiche all’art. 8 del Regolamento per l’attuazione delle attività di previdenza in tema di versamento e riscossione dei contributi.

Contributo di maternità per l'anno 2016.
(GU n. 30 del 06/02/2017)
Con nota del Ministero del lavoro e delle politiche sociali n. 36/0000623/PIND-L-74 del 19 gennaio 2017 è stata approvata, ai sensi dell'art. 3, comma 2, del decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509, di concerto con il Ministero dell'economia e delle finanze, la delibera n. 389/2016 adottata dal Consiglio di amministrazione dell'EPPI il 22 settembre 2016, concernente la determinazione del contributo di maternità per l'anno 2016, in misura pari a € 5,16 pro-capite.

Redditi e contributi per l’anno 2015.
(GU n. 305 del 31/12/2016)
Con nota del Ministero del lavoro e delle politiche sociali n. 36/0015405/PIND-L-76 del 2 dicembre 2016 è stata approvata, ai sensi dell'art. 3, comma 2, del decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509, di concerto con il Ministero dell'economia e delle finanze, la delibera n. 127/2015 adottata dal consiglio di amministrazione dell'EPPI in data 13 febbraio 2015, concernente l'adeguamento dei redditi e volumi di affari, nonché dei contributi minimi e massimi per l'anno 2015.

Redditi e contributi per l’anno 2016.
(GU n. 280 del 30/11/2016)
Con nota del Ministero del lavoro e delle politiche sociali n. 36/0013796/PIND-L-71 del 27 ottobre 2016 è stata approvata, ai sensi dell'articolo 3, comma 2, del decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509, di concerto con il Ministero dell'economia e delle finanze, la delibera n. 298/2016 adottata dal consiglio di amministrazione dell'EPPI in data 25 febbraio 2016, concernente l'adeguamento dei redditi e volumi di affari, nonché dei contributi minimi e massimi per l'anno 2016.

Rivalutazione dei montanti contributivi per gli anni 2013 e 2014.
(GU n. 209 del 07/09/2016)
Con nota del Ministero del lavoro e delle politiche sociali n. 36/0010245 del 20 luglio 2016 sono state approvate, ai sensi dell'art. 3, comma 2, del decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509, di concerto con il Ministero dell'economia e delle finanze, le delibere nn. 118-119/2015 adottate dal Consiglio di amministrazione dell'EPPI nelle sedute del 29-30 gennaio 2015 e concernenti la rivalutazione dei montanti contributivi per gli anni 2013 e 2014.

Aggiornamento dei coefficienti per la trasformazione in rendita dei montanti contributivi. 
(GU n. 95 del 23/04/2016)
Con nota ministeriale n. 36/0005042/MA004.A007/PIND-L-66 del 4 aprile 2016 è stata approvata, di concerto con il Ministero dell'economia e delle finanze, la delibera n. 47/2015 adottata dal Consiglio di indirizzo generale dell'Ente di previdenza dei periti industriali e dei periti industriali laureati (EPPI) in data 18 settembre 2015, concernente l'aggiornamento della tabella A relativa ai coefficienti per la trasformazione in rendita dei montanti contributivi previsti all'articolo 14, comma 3, del regolamento previdenziale, con decorrenza 1° gennaio 2016.

Modifiche al regolamento di previdenza.
(GU n. 81 del 07/04/2016)
Con nota ministeriale n. 36/0003168/MA004.A007/PIND-L-67 dell'8 marzo 2016 sono state approvate, di concerto con il Ministero dell'economia e delle finanze, le delibere n. 48/2015 e n. 49/2015 adottate dal Consiglio di indirizzo generale dell'Ente di previdenza dei periti industriali e dei periti industriali laureati (EPPI) in data 18 settembre 2015, concernenti, rispettivamente, la modifica dell'articolo 8, comma 1 e dell'articolo 11, comma 1 del Regolamento di previdenza.

Incrementato il reddito pensionistico per i periti industriali.
(GU n. 37 del 15/02/2016)
Con nota ministeriale n. 36/0000439/MA004.A007/PIND-L-62 del 14 gennaio 2016 è stata approvata, di concerto con il Ministero dell'economia e delle finanze, la delibera n. 276/2015 adottata dal consiglio di amministrazione dell'Ente di previdenza dei periti industriali e dei periti industriali laureati (EPPI) in data 26 novembre 2015, concernente la quota del contributo integrativo finalizzata all'incremento dei montanti individuali per gli anni 2012 e 2013.
Grazie al via libera dei Ministeri Vigilanti sarà possibile distribuire sui montanti previdenziali il 67,2480% del contributo integrativo per l’anno 2012 e il 100% per l’anno 2013. Viene, infatti, data la possibilità di destinare il contributo integrativo ai montanti previdenziali degli iscritti, relativamente agli anni 2012 e 2013, ed avere, quindi, pensioni più adeguate. Come ha spiegato il Presidente Bignami, ogni iscritto all'Eppi avrà inoltre a disposizione, accedendo alla propria area riservata e cliccando alla voce "Montante previdenziale", un servizio che gli consentirà di conoscere da subito il montante previdenziale suddiviso tra contribuzione soggettiva, integrativa e rivalutazione. Si segnala che, per poter essere liquidata la quota di pensione sulla contribuzione integrativa è necessario essere in regola con la propria posizione contributiva e, quindi, aver integralmente versato sia la contribuzione integrativa che quella soggettiva.
La nuova funzionalità consentirà, inoltre, di conoscere l’importo della pensione maturata ad oggi, come se si fosse raggiunta l’età pensionabile di 65 anni: l’assegno pensionistico sarà esposto con la valorizzazione della quota derivante dalla contribuzione soggettiva e di quella da contribuzione integrativa.
Si evidenzia, infine, che l’autorizzazione concessa dai Ministeri Vigilanti non ha carattere permanente, ma è frutto di una valutazione effettuata anno per anno sulla gestione della Cassa previdenziale.

Approvazione della delibera n. 250/2015 adottata dal Consiglio di amministrazione dell'Ente di previdenza dei periti industriali e dei periti industriali laureati in data 11 settembre 2015.
(GU n. 14 del 19-01-2016)
Con nota ministeriale n. 36/0018330/MA004.A007/PIND-L-65 del 3 dicembre 2015 è stata approvata, di concerto con il Ministero dell'economia e delle finanze, la delibera n. 250/2015 adottata dal Consiglio di amministrazione dell'Ente di previdenza dei periti industriali e dei periti industriali laureati (EPPI) in data 11 settembre 2015, concernente la determinazione del contributo di maternità relativo all'anno 2015 in misura pari a zero euro. 

Approvazione della delibera n. 146/2015 adottata dal Consiglio di amministrazione dell'Ente di previdenza dei periti industriali e dei periti industriali laureati in data 6 marzo 2015.
(GU n. 13 del 18-01-2016)
Con nota ministeriale n. 36/0018241/MA004.A007/PIND-L-61 del 2 dicembre 2015 è stata approvata, di concerto con il Ministero dell'economia e delle finanze, la delibera n. 146/2015 adottata dal Consiglio di amministrazione dell'Ente di previdenza dei periti industriali e dei periti industriali laureati (EPPI) in data 6 marzo 2015, concernente la determinazione del contributo di maternità relativo all'anno 2014 in misura pari a zero euro. 

Approvazione delle delibere n. 33/2015 e n. 34/2015 adottate dal Consiglio di indirizzo generale dell'Ente di previdenza dei periti industriali e dei periti industriali laureati (EPPI), in data 20 febbraio 2015.
(GU n. 288 del 11-12-2015)
Con nota ministeriale n. 36/0016719/MA004.A007/PIND-L-64 del 5 novembre 2015 sono state approvate, di concerto con il Ministero dell'economia e delle finanze, le delibere n. 33/2015 e n. 34/2015 adottate dal Consiglio di indirizzo generale dell'Ente di previdenza dei periti industriali e dei periti industriali laureati (EPPI) in data 20 febbraio 2015, concernenti modifiche al Regolamento di previdenza in materia di contributo di maternità e di Società tra Professionisti (STP). 

Approvazione della delibera n. 62/2014 adottata dal Consiglio di amministrazione dell'ente di previdenza dei periti industriali e dei periti industriali laureati in data 15-16 ottobre 2014.
(GU n. 132 del 10-06-2015)
Con nota ministeriale n. 36/0008313/MA004.A007/PIND-L-58 del 18 maggio 2015 è stata approvata, di concerto con il Ministero dell'economia e delle finanze, la delibera n. 62/2014 adottata dal Consiglio di Amministrazione dell'Ente di previdenza dei periti industriali e dei periti industriali laureati (EPPI) in data 15-16 ottobre 2014, concernente il differimento del termine previsto per il primo acconto dei versamenti contributivi del 17 novembre 2014, al 16 marzo 2015 a favore dei professionisti residenti nella provincia di Genova.

Approvazione della delibera n. 17/2014 adottata in data 29 ottobre 2014 dal Consiglio di indirizzo generale dell’Ente di previdenza dei periti industriali e dei periti industriali laureati.
(GU n. 42 del 20-02-2015)
Con nota ministeriale n. 36/0000201/MA004.A007/PIND-L-59 dell’8 gennaio 2015 è stata approvata, di concerto con il Ministero dell’economia e delle finanze, la delibera n. 17/2014 adottata dal Consiglio di indirizzo generale dell’Ente di previdenza dei periti industriali e dei periti industriali laureati (EPPI) in data 29 ottobre 2014, mediante la quale l’organo collegiale ha stabilito di applicare alla contribuzione a qualsiasi titolo dovuta all’Ente, il sistema dei versamenti unitari e della compensazione, attraverso l’utilizzo del modello F24, di cui all’art. 28 del decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241.

Approvazione della delibera n. 103 adottata dal consiglio di indirizzo generale dell’Ente di previdenza dei periti industriali e dei periti industriali laureati (EPPI) in data 29 maggio 2014.
(GU n. 293 del 18-12-2014)
Con nota ministeriale n. 36/0016601/MA004.A007/PIND-L-56 del 1° dicembre 2014 è stata approvata, di concerto con il Ministero dell’economia e delle finanze, la delibera n. 103/2014 adottata dal Consiglio di indirizzo generale dell’Ente di previdenza dei periti industriali e dei periti industriali laureati (EPPI) in data 29 maggio 2014, concernente modifiche al Regolamento dei benefici assistenziali.

Approvazione della delibera n. 98 adottata dal consiglio di indirizzo generale dell’Ente di previdenza dei periti industriali e dei periti industriali laureati (EPPI) in data 30 gennaio 2014.
(GU n. 192 del 20-8-2014)
Con decreto interministeriale in data 17 luglio 2014, ai sensi e per gli effetti di cui all’art. 3, comma 2, lettera a), del decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509, è stata approvata la delibera n. 98 di cui al verbale della riunione del Consiglio di indirizzo generale dell’Ente di previdenza dei periti industriali e dei periti industriali laureati (EPPI) in data 30 gennaio 2014, rogato dal dott. Paride Marini Elisei, notaio in Roma, Repertorio n. 23723 - Raccolta n. 7078, concernente modifiche allo Statuto.

Approvazione delle delibere n. 697/2014 e n. 698/2014 adottate dal Consiglio di amministrazione dell’Ente di previdenza dei periti industriali e dei periti industriali laureati in data 19 febbraio 2014.
(GU n. 92 del 19-4-2014)
Con nota ministeriale n. 36/0004696/MA004.A007/PIND-L-55 del 28 marzo 2014 sono state approvate, di concerto con il Ministero dell’economia e delle finanze, le delibere n. 697/2014 e n. 698/2014 adottate dal Consiglio di amministrazione dell’Ente di previdenza dei periti industriali e dei periti industriali laureati (EPPI) in data 19 febbraio 2014, concernenti, rispettivamente, l’adeguamento ISTAT 2014 di redditi e volumi di affari, nonché di contributi minimi e massimi, e l’adeguamento ISTAT 2014 delle sanzioni ex art. 11, commi 5, 7 e 9 del Regolamento previdenziale.

Approvazione della delibera n. 91/2013 adottata dal Consiglio di indirizzo generale dell'Ente di previdenza dei periti industriali e dei periti industriali laureati in data 18 settembre 2013.
(GU n.68 del 22-3-2014)
Con nota ministeriale n. 36/0003550/MA004.A007/PIND-L-53 del 7 marzo 2014 è stata approvata, di concerto con il Ministero dell’economia e delle finanze, la delibera n. 91/2013 adottata dal Consiglio di indirizzo generale dell’Ente di previdenza dei periti industriali e dei periti industriali laureati (EPPI) in data 18 settembre 2013, concernente l’adozione della nuova tabella A allegata al Regolamento di Previdenza, relativa ai coefficienti di trasformazione in rendita per le età 57-80 anni.

Approvazione della delibera n. 85/2013 adottata dal Consiglio di indirizzo generale dell'Ente di previdenza dei periti industriali e dei periti industriali laureati in data 17 luglio 2013.
(GU n.30 del 6-2-2014)
Con nota ministeriale n. 36/0000514/MA004.A007/PIND-L-52 del 14 gennaio 2014 è stata approvata, di concerto con il Ministero dell'economia e delle finanze, la delibera n. 85/2013 adottata dal Consiglio di indirizzo generale dell'Ente di previdenza dei periti industriali e dei periti industriali laureati (EPPI) in data 17 luglio 2013, concernente l'eliminazione del comma 7, dell'articolo 14, del Regolamento di Previdenza.

Approvazione della delibera n. 84/2013 adottata dal Consiglio di indirizzo generale dell'Ente di previdenza dei periti industriali e dei periti industriali laureati in data 17 luglio 2013.
(GU n.30 del 6-2-2014)
Con nota ministeriale n. 36/0016114/MA004.A007/PIND-L-50 del 7 novembre 2013 e con presa d'atto n. 36/0000513/MA004.A007/PIND-L-50 del 14 gennaio 2014 - tenuto conto che con delibera del Consiglio di indirizzo generale n. 95/2013 del 28 novembre 2013 l'Ente di previdenza dei periti industriali e dei periti industriali laureati (EPPI), si è conformato alle osservazioni formulate dai Ministeri vigilanti - è stata approvata, di concerto con il Ministero dell'economia e delle finanze, la delibera n. 84/2013 adottata dal Consiglio di indirizzo generale in data 17 luglio 2013, concernente il testo del nuovo Regolamento per la destinazione della quota del contributo integrativo finalizzata all'incremento dei montanti individuali ai sensi della legge 12 luglio 2011, n. 133.

Approvazione della delibera n. 526/2013 adottata dal Consiglio di amministrazione dell’ente di previdenza dei periti industriali e dei periti industriali laureati (EPPI) in data 22 maggio 2013.
(GU n. 224 del 24-9-2013)
Con nota ministeriale n. 36/0012988/MA004.A007/PIND-L-49 del 10 settembre 2013, è stata approvata, con carattere di assoluta eccezionalità e di efficacia limitata nel tempo, di concerto con il Ministero dell’economia e delle fi nanze, la delibera n. 526/2013 adottata dal Consiglio di amministrazione dell’Ente di previdenza dei periti industriali e dei periti industriali laureati (EPPI) in data 22 maggio 2013, con la quale si è inteso individuare i nuovi termini per l’accesso al ravvedimento operoso previsto dalla delibera n. 461/2012 già approvata dai vigilanti Dicasteri in data 29 marzo 2013.

Approvazione della delibera n. 461/2012 adottata dal Consiglio di amministrazione dell’Ente di previdenza dei periti industriali e dei periti industriali laureati in data 14 dicembre 2012.
(GU n. 95 del 23-4-2013)
Con nota ministeriale n. 36/0004672/MA004.A007/PIND-L-46 del 29 marzo 2013, è stata approvata, di concerto con il Ministero dell’economia e delle fi nanze, la delibera n. 461/2012 adottata dal Consiglio di amministrazione dell’Ente di previdenza dei periti industriali e dei periti industriali laureati (EPPI) in data 14 dicembre 2012, relativa al provvedimento per l’agevolazione della regolarizzazione degli iscritti non in regola con il pagamento dei contributi e/o degli interessi di ritardato pagamento.

Approvazione delle delibere n. 499/2013 e n. 500/2013 adottate dal Consiglio di indirizzo generale dell’Ente di previdenza dei periti industriali e dei periti industriali laureati in data 13 febbraio 2013.
(GU n. 94 del 22-4-2013)
Con ministeriale n. 36/0004677/MA004.A007/PIND-L-48 del 29 marzo 2013, sono state approvate, di concerto con il Ministero dell’economia e delle fi nanze, le delibere n. 499/2013 e n. 500/2013 adottate dal Consiglio di indirizzo generale dell’Ente di previdenza dei periti industriali e dei periti industriali laureati (EPPI) in data 13 febbraio 2013, concernenti gli adeguamenti ISTAT dei contributi obbligatori e delle sanzioni, ai sensi dell’art. 11 del Regolamento di previdenza.

Approvazione delle delibere n. 337/2012 e n. 338/2012 adottate dal Consiglio di amministrazione dell'ente di previdenza dei periti industriali e dei periti industriali laureati in data 16 e 17 febbraio 2012.
(GU n. 159 del 10-7-2012)
Con nota ministeriale n. 36/0009884/MA004.A007/PIND-L-44 del 22 giugno 2012, sono state approvate, di concerto con il Ministero dell'economia e delle finanze, le delibere n. 337/2012 e n. 338/2012 adottate dal Consiglio di amministrazione dell'Ente di previdenza dei periti industriali e dei periti industriali laureati (EPPI) in data 16 e 17 febbraio 2012, concernenti l'aggiornamento ISTAT dei contributi e delle sanzioni per l'anno 2012.

Approvazione delle delibere n. 59/2012 e n. 60/2012 adottate dal Consiglio di indirizzo generale dell'Ente di previdenza dei periti industriali e dei periti industriali laureati in data 29 febbraio 2012.
(GU n. 145 del 23-6-2012)
Con nota ministeriale n. 36/0009285/MA004.A007/PIND-L-41 del 7 giugno 2012, sono state approvate, di concerto con il Ministero dell'economia e delle finanze, le delibere n. 59/2012 e n. 60/2012 adottate dal Consiglio di indirizzo generale dell'Ente di previdenza dei periti industriali e dei periti industriali laureati (EPPI) in data 29 febbraio 2012, concernenti modifiche al «Regolamento previdenziale».

 

Dalla redazione

  • Previdenza professionale
  • Geometri
  • Previdenza professionale
  • Ingegneri e Architetti
  • Periti Industriali
  • Fisco e Previdenza
  • Professioni

Professioni tecniche: nozione di reddito professionale rilevante ai fini contributivi

I professionisti sono tenuti a versare alle rispettive casse di previdenza i contributi determinati in relazione al loro “reddito professionale”. Dall'interpretazione più o meno restrittiva di tale nozione dipende la determinazione degli importi imponibili che costituiscono la base per il calcolo dei contributi dovuti. Di seguito una breve rassegna delle sentenze di legittimità in materia, con l’indicazione di alcune fattispecie concrete.
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Professioni
  • Ingegneri e Architetti
  • Previdenza professionale
  • Ingegneri e Architetti
  • Fisco e Previdenza
  • Previdenza professionale

Previdenza professionale Ingegneri ed Architetti - Aggiornamento 03/05/2018

Aggiornamento sull'approvazione di atti adottati dalla Cassa nazionale di previdenza ed assistenza per gli ingegneri ed architetti liberi professionisti (INARCASSA). ULTIMO AGGIORNAMENTO: rivalutazione degli importi pensionistici erogati nonché dei contributi, dei limiti di reddito per il calcolo delle pensioni e redazione della tabella dei coefficienti di rivalutazione dei redditi utili per il calcolo delle pensioni (GU n. 101 del 03/05/2018).
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Geometri
  • Geometri
  • Previdenza professionale
  • Fisco e Previdenza
  • Professioni
  • Previdenza professionale

Previdenza professionale Geometri - Aggiornamento 19/05/2018

Elenco degli ultimi comunicati del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali di approvazione di atti adottati dalla Cassa Italiana di Previdenza e Assistenza Geometri (CIPAG). ULTIMO AGGIORNAMENTO: delibera n. 101/2017 del 12/07/2017 del Consiglio di amministrazione della CIPAG, concernente il pagamento rateizzato della contribuzione 2018 neoiscritti. (G.U. 115/2018).
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Esercizio, ordinamento e deontologia
  • Professioni
  • Fisco e Previdenza
  • Previdenza professionale

Obblighi fiscali e previdenziali di lavoratori autonomi liberi professionisti e collaboratori

In questo articolo si forniscono chiarimenti sulle condizioni alle quali è possibile effettuare prestazioni d’opera intellettuale sotto forma di “attività occasionali”, da parte di soggetti iscritti ad albi professionali che siano dipendenti pubblici o privati o che svolgano comunque un’altra diversa attività (ad es. attività imprenditoriale). Viene altresì posta l’attenzione su quei professionisti che operano nell’ambito delle cosiddette “collaborazioni a progetto”. L’articolo tiene conto della documentazione predisposta dal Consiglio Nazionale degli Ingegneri e delle ulteriori precisazioni successivamente fornite dal Ministero dell’economia e delle finanze con lettera prot. 4594 del 25/02/2015, e contiene anche uno schema grafico riepilogativo.
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Professioni
  • Previdenza professionale
  • Ingegneri e Architetti

Ingegneri e Architetti dipendenti e iscrizione alla gestione separata Inps (Cass. 30344/2017)

La sentenza della Cassazione propende per l’obbligo degli Ingegneri e Architetti dipendenti, iscritti agli albi, che svolgano anche attività libero professionale, di iscriversi alla gestione separata Inps. Ingegneri e Architetti dipendenti e divieto di iscrizione all’Inarcassa; La “gestione separata” dell’Inps per i lavoratori autonomi; Gestione separata inps e Ingegneri e Architetti dipendenti - “Operazione Poseidone”; Le motivazioni della Corte di Cassazione 30344/2017.
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Edilizia e immobili
  • Piano Casa
  • Standards
  • Titoli abilitativi
  • Pianificazione del territorio
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Urbanistica

Marche: obbligo di adeguamento dei regolamenti edilizi comunali al Regolamento edilizio tipo (RET)

  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Pianificazione del territorio
  • Titoli abilitativi
  • Urbanistica
  • Piano Casa
  • Standards
  • Edilizia e immobili

Marche: obbligo di adeguamento dei regolamenti edilizi comunali al Regolamento edilizio tipo (RET)

  • Finanza pubblica
  • Commercio e mercati
  • Urbanistica
  • Provvidenze
  • Imprese

Liguria: contributi botteghe dell'entroterra (Bando 2018 - Termine finale)