FAST FIND : NN11504

L.G. Cons. Sup. LL.PP. 13/03/2012

Linee Guida per la certificazione dell'idoneità tecnica all'impiego di materiali e prodotti innovativi in legno per uso strutturale.
Scarica il pdf completo
705782 740141
[Premessa]



IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
705782 740142
1. Campo di applicazione

I contenuti delle presenti Linee Guida sono integrativi rispetto alle indicazioni e prescrizioni sul materiale strutturale «legno» contenuti nelle Norme tecniche vigenti approvate D.M. 14/01/2008 R (di seguito NTC 2008), le quali devono essere comunque applicate ai prodotti in questione.

Le presenti Linee Guida hanno

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
705782 740143
2. Termini e definizioni

Oltre ai termini e definizioni presenti all’interno dei documenti normativi citati nelle presenti Linee Guida, si applicano quelli che seguono:

Prodotto: prodotto per uso strutturale realizzato pe

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
705782 740144
3. Criteri generali

Il prodotto o kit, necessitante di CIT, deve essere caratterizzato dal punto di vista strutturale mediante prove sperimentali di numero significativo (prove iniziali di tipo), al fine di dimostrare il possesso di caratteristiche fisiche e meccaniche adeguate all’uso previsto.

Deve, inoltre, essere identificato un controllo di produzione in fabbrica al fine di garantire la permanenza delle condizioni iniziali di idoneit&

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
705782 740145
3.1 Riferimenti documentali per la caratterizzazione del prodotto

Tutte le caratteristiche dichiarate dal produttore devono essere supportate almeno da:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
705782 740146
3.2 Prove e calcolazioni iniziali di tipo

Il produttore deve trasmettere al Servizio Tecnico Centrale un piano prove iniziale di tipo per la caratterizzazione del prodotto o manufatto oggetto di CIT.

Le prove sui prodotti o manufatti dovranno essere effettuate da uno dei seguenti organismi:

a) Laboratori di cui all’art.59 del D.P.R. 380/01; R

b) Laboratori di prova notificati ai sensi del Regolamento (UE) 305/2011;

c) Altri laboratori, dotati di adeguata competenza ed idonee attrezzature, appositamente abilitati dal Servizio Tecnico Centrale

Sarà cura del richiedente, ovvero dei Laboratori di cui sopra, procedere alle opportune elaborazioni dei rapporti di prova.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
705782 740147
4. Processo di produzione e controlli in stabilimento

Il Richiedente, interessato al rilascio del CIT da parte del Servizio Tecnico Centrale, dovrà fornire adeguata documentazione circa le specifiche tecniche del Processo di produzione in fabbrica messo in atto per la realizzazione dei prodotti o kit, al fine di verificare la reale capacità produttiva dell’azienda in relazione alle caratteristiche tecniche ed ai requisiti che gli stessi prodotti/kit devono possedere.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
705782 740148
5. Etichettatura

Tutte le caratteristiche dichiarate dal produttore dovranno essere riportate in etichette, o nella ma

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
705782 740149
6. Istruttoria e documentazione

La presente procedura si applica a tutti i prodotti e kit oggetto di CIT.

Il richiedente dovrà inoltrare al Servizio Tecnico Centrale i seguenti documenti, in lingua italiana, sottoscritti dal legale rappresentante del richiedente e dal direttore tecnico abilitato:

— Richiesta di CIT, con dettagliata descrizione merceologica e prestazionale del prodotto/kit (componenti, formati, tolleranze dimensionali, campo di applicazione previsto, prestazioni dichiarate, regole di classificazione applicabili) e con la specifica dichiarazione di indisponibilità, sia di indicazioni nelle NTC 2008, sia di una Norma europea armonizzata ovvero che la stessa ricada nel periodo di coesistenza (come specificato al paragrafo 11.1, lettera B, delle NTC 2008);

— Rapporti di prova a firma di un Laboratorio di cui al paragrafo 3.2 delle presenti Linee guida, contenente le informazioni necessarie alla caratterizzazione tecnica dei prodotti e, in forma tabellare, i valori caratteristici delle prestazioni meccaniche e delle altre prestazioni dichiarate;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
705782 740150
7. Sospensioni e revoche

È prevista la sospensione o, nei casi più gravi o di recidiva, la revoca del CIT ove il Servizio Tecnico Centrale accerti, in qualsia

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
705782 740151
APPENDICE A Elementi unidimensionali


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
705782 740152
1. Prodotti in legno massiccio

Ai fini delle presenti Linee Guida risultano essere oggetto di CIT, gli elementi in legno a sezione irregolare che esulano dal campo di applicazion

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
705782 740153
1.1 Resistenza meccanica e stabilità

Calcolo dei valori caratteristici

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
705782 740154
1.2 Sistema di controllo della produzione

Per quanto riguarda il controllo di produzione di prodotti in legno massiccio oggetto del presente paragrafo, si dovrà garantire un sistema di controllo equiparabile a quanto disposto dalla UNI

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
705782 740155
1.3 Rapporto di Prova

Al fine di ottenere il CIT, il produttore dovrà presentare al Servizio Tecnico Centrale, apposito rapporto di prova a firma di Laboratorio au

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
705782 740156
1.4 Etichettatura

Per quanto riguarda le modalità di etichettatura e le informazioni da riportare nella stessa e

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
705782 740157
2. Prodotti con giunti a dita

Sono oggetto del presente paragrafo quei prodotti giuntati descritti all’interno del paragrafo 11.7.3 delle NTC 2008, che non risultano essere compresi all’interno del campo di applicazione di una norma armonizzata.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
705782 740158
2.1 Prove iniziali di Tipo


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
705782 740159
2.1.1 Resistenza meccanica e stabilità

Si riportano nella seguente tabella 1.A i principali riferimenti normativi legati alla definizione de

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
705782 740160
TABELLA 1.A: Riferimenti normativi per definire la equivalenza con certificazione nazionali estere con CIT


Tipo di legno

In assenza di profilo resistente riportato all’interno di documento normativo di comprovata validità, i valori caratteristici del tipo di legno dovranno essere calcolati conformemente alla UNI EN 384. Gli elementi utilizzati per la realizzazione di elementi giuntati dovranno essere classificati conformemente alla UNI EN 14081-1.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
705782 740161
2.2 Sistema di controllo della produzione

Il produttore dovrà attuare un controllo di produzione in fabbrica tale da assicurare il mantenimento nel tempo delle caratteristiche dichiarate dei prodotti. In particolare ci dovranno essere delle procedure che illustrino l'organizzazione per la gestione ed esecuzione delle prove interne, n

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
705782 740162
2.3 Rapporto di Prova

Al fine dell’ottenimento del CIT, il richiedente dovrà presentare al Servizio Tecnico Centrale, idoneo rapporto di prova emesso da un Laboratorio autorizzato (di cui al paragrafo 3.2) contenente almeno le seguenti

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
705782 740163
2.4 Etichettatura

Per quanto riguarda le modalità di etichettatura e le informazioni da riportare nella stessa e

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
705782 740164
APPENDICE B Elementi bidimensionali


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
705782 740165
1. Compensato di tavole (X-Lam)


Per compensato di tavole (X-Lam) si intende quel prodotto ottenuto per solo incollaggio, sotto adeguata pressione di tavole di legno massiccio classificate, a vista o a macchina, secondo la resistenza e disposte a strati (almeno 3) inc

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
705782 740166
2. Prove iniziali di tipo


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
705782 740167
2.1 Resistenza meccanica e stabilità

Di seguito si riportano indicazioni per quanto riguarda la definizione della conformità relati

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
705782 740168
2.2 Requisiti dei singoli componenti

Nella seguente tabella si riportano i principali riferimenti normativi legati alla definizione della conformità degli adesivi e della specie legnosa utilizzata:


Tipo di legno

In assenza di profilo resistente riportato all’interno di documento normativo di comprovata validità, i valori caratteristici del tipo di legno dovranno essere calcolati conformemente alla UNI EN 384. Le tavole per la realizzazione di elementi giuntati dovranno essere classificate con metodo conforme alla UNI EN 14081-1

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
705782 740169
2.3 Requisiti del prodotto finito

Prove meccaniche per la determinazione delle caratteristiche di resistenza e deformabilità dei pannelli saranno effettuate in numero minimo come da tabella seguente:




CONFIGURAZIONI DI PROVA



Minimo numero di strati

Minimo numero di strati

Massimo numero di strati *



Minimo spessore degli strati longitudinali e trasversali

Massimo spessore degli strati longitudinali e trasversali

Massimo spessore del pannello

Perpendicolare al piano del pannello

Flessione

5

5

5

Taglio

5

5

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
705782 740170
2.4 Sistema di controllo della produzione

Il produttore dovrà attuare un controllo di produzione tale da assicurare il mantenimento nel tempo delle caratteristiche prestazionali dichiarate, in particolare: il controllo periodico della pressione applicata, la taratura degli strumenti e delle attrezzature dedicate alle prove interne di controllo della produzione.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
705782 740171
2.5 Rapporto di prova

Al fine di ottenere apposito CIT, il richiedente dovrà presentare al Servizio Tecnico Centrale, idoneo rapporto di prova a firma di Laboratorio (come da paragrafo 3.2 delle presenti Linee Guida) contenente tutte le informazioni necessarie relative alle caratteristiche dichiarate dal produttore.

In particolare lo stesso rapporto di prova dovrà contenere almeno le seguenti informazioni:

— Metodo utilizzato per la classificazione secondo la resistenza delle lamelle;

— Risultati ottenuti nella campagna di prove;

— Profilo resistente del prodotto finito, con indicazione delle procedure di verifica adottate. Tale profilo dovrà contenere almeno le voci riportate nella seguente tabella:


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
705782 740172
2.6 Etichettatura

Per quanto riguarda le modalità di etichettatura e le informazioni da riportare nella stessa e

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Costruzioni
  • Norme tecniche

Normativa tecnica per le costruzioni

QUADRO LEGISLATIVO E NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI (NTC) VIGENTI (Norme legislative sulle costruzioni e sulle strutture; Norme tecniche per le costruzioni (NTC) vigenti; Appendici nazionali agli Eurocodici strutturali) - ULTERIORI RIFERIMENTI TECNICI “DI COMPROVATA VALIDITÀ” (Generalità; Documenti Consiglio superiore dei lavori pubblici e CNR) - EUROCODICI STRUTTURALI (Che cosa sono gli Eurocodici strutturali; Elenco degli Eurocodici; Formato e impostazione degli Eurocodici; Applicabilità degli Eurocodici e rapporti con le NTC nazionali, Appendici nazionali) - ADEMPIMENTI TECNICO-AMMINISTRATIVI PER LE OPERE STRUTTURALI - NORMATIVA TECNICA PER LE COSTRUZIONI DAL 1907 A OGGI (Normativa tecnica per le costruzioni del Regno d’Italia; Normativa tecnica per le costruzioni in cemento armato e a struttura metallica; Normativa tecnica per le costruzioni in zone sismiche; Normativa tecnica per altre costruzioni e strutture; Testo unitario delle Norme tecniche per le costruzioni (NTC, a partire dal 2005).
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Edilizia e immobili
  • Norme tecniche
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Attività in cantiere (direzione lavori, collaudo, coordinamento sicurezza, ecc.)
  • Costruzioni

Opere strutturali: progetto, denuncia, direzione dei lavori e collaudo

PREMESSA - OPERE INTERESSATE, OBBLIGHI, ABILITAZIONI E RESPONSABILITÀ (Opere strutturali soggette agli obblighi dopo il decreto “sblocca cantieri” - Abilitazioni e responsabilità) - DENUNCIA OBBLIGATORIA DELLE OPERE STRUTTURALI (Cosa debba intendersi per “inizio dei lavori”; Presentazione della denuncia e ufficio competente; Contenuti della denuncia; Casi particolari) - DIREZIONE DEI LAVORI DELLE OPERE STRUTTURALI (Documentazione da conservare a cura del direttore dei lavori; Rilievi del direttore dei lavori sul progetto strutturale, come operare; Gli assistenti del direttore dei lavori e le altre figure di cantiere; Verifiche periodiche e controlli eseguiti dal direttore dei lavori; La relazione del direttore dei lavori a strutture ultimate; Cessazione dell’incarico del direttore dei lavori durante la realizzazione) - COLLAUDO DELLE OPERE STRUTTURALI (Obbligatorietà del collaudo statico ed esclusioni; Nomina del collaudatore, accettazione e svolgimento del collaudo; Collaudo in corso d’opera) - VIGILANZA E SANZIONI (Vigilanza; Sanzioni).
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Opere idrauliche, acquedottistiche, marittime e lacuali
  • Costruzioni
  • Dighe
  • Norme tecniche
  • Infrastrutture e opere pubbliche

Norme tecniche e amministrative per le dighe e gli sbarramenti di ritenuta

RIPARTO DI COMPETENZE IN TEMA DI DIGHE E SBARRAMENTI DI RITENUTA (Dighe e altre opere di competenza dello Stato ; Altre competenze delle strutture dello Stato; Dighe e altre opere di competenza delle Regioni e Province autonome; Competenza su altre opere idrauliche varie) - FUNZIONI TECNICO AMMINISTRATIVE DI VIGILANZA E CONTROLLO (Strutture tecnico amministrative statali di riferimento; Compiti e funzioni della DG dighe e infrastrutture idriche ed elettriche del MIT; Contributo per il funzionamento della DGD e diritti di istruttoria sui progetti) - PERMESSI E AUTORIZZAZIONI PER I PROGETTI (Approvazione tecnica dei progetti di grandi dighe; Valutazione di impatto ambientale) - NORMATIVA VIGENTE E STORICA IN MATERIA DI DIGHE E TRAVERSE (Normativa tecnica vigente; Norme generali per il progetto, la costruzione e l’esercizio; Altre disposizioni varie e di protezione civile; Normativa regionale vigente; Normativa tecnica sulle dighe non più vigente) - VERIFICHE SISMICHE E ALTRI ADEMPIMENTI SULLE DIGHE ESISTENTI (Verifiche sismiche e idrauliche conseguenti alla nuova classificazione sismica dei Comuni; Adempimenti vari per la sicurezza delle grandi dighe esistenti).
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Costruzioni
  • Costruzioni in zone sismiche
  • Norme tecniche

Interventi su edifici esistenti in base alle norme tecniche per le costruzioni (NTC 2018)

CLASSIFICAZIONE DEGLI INTERVENTI STRUTTURALI SU EDIFICI ESISTENTI (Edifici esistenti ai fini delle NTC 2018; Interventi strutturali volontari o necessari; Interventi strutturali e non strutturali; Categorie di interventi strutturali su edifici esistenti, criteri e modalità di intervento) - VALUTAZIONE DELLA SICUREZZA E INTERVENTI SU EDIFICI ESISTENTI (Che cos’è la valutazione della sicurezza di una costruzione; Quando è obbligatorio procedere alla valutazione della sicurezza; Scopo e oggetto della valutazione della sicurezza; Verifiche da eseguire in caso di interventi non dichiaratamente strutturali; Elementi e criteri generali per l’esecuzione della valutazione della sicurezza; Esito della valutazione della sicurezza) - CLASSI D’USO DELLE COSTRUZIONI ED INTERVENTI SULL’ESISTENTE (Mutamento della classe d’uso dell’edificio ed eventualità di intervento strutturale; Individuazione della corretta classe d’uso; Specifica sulle classi d’uso III e IV; Patrimonio storico, artistico e culturale; Cambio di classe d’uso in aumento e intervento strutturale; Classificazione degli ambienti ai fini dei sovraccarichi) - SCHEMA GRAFICO RIEPILOGATIVO.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Norme tecniche
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Costruzioni in zone sismiche
  • Edilizia e immobili

Disciplina delle costruzioni in zone sismiche

ZONE SISMICHE - NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI IN ZONE SISIMCHE - NORMATIVA DI RIFERIMENTO SULLE COSTRUZIONI IN ZONE SISMICHE - DENUNCIA DEI LAVORI E AUTORIZZAZIONE SISMICA (Interventi soggetti agli obblighi di denuncia dei lavori e autorizzazione sismica; Precisazioni della giurisprudenza sull’ambito applicativo; Nuovo ambito applicativo definito dal decreto “sblocca cantieri” (D.L. 32/2019); Soggetti tenuti agli adempimenti; Denuncia dei lavori in zona sismica; Autorizzazione sismica; Certificazione in caso di sopraelevazione; Disciplina per le zone sismiche di nuova classificazione; Eliminazione di barriere architettoniche) - AGEVOLAZIONI PER LA MESSA IN SICUREZZA SISMICA (C.D. “SISMABONUS”) - VIGILANZA E SANZIONI, ILLECITI “ANTISISMICI” (Vigilanza; Sanzioni (illeciti antisismici); Prescrizione degli illeciti antisismici).
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Impianti di sollevamento e a fune
  • Impianti di sollevamento e a fune
  • Norme tecniche
  • Impiantistica

Adeguamento a disposizioni tecniche impianti a fune per il trasporto di persone (D.M. 11/05/2017)

  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Norme tecniche
  • Strade
  • Strade, ferrovie, aeroporti e porti

Gestione della sicurezza delle infrastrutture stradali nazionali

  • Edilizia e immobili
  • Norme tecniche
  • Protezione civile
  • Terremoto Centro Italia 2016
  • Costruzioni in zone sismiche
  • Calamità/Terremoti
  • Edilizia privata e titoli abilitativi

Contributi per la ripresa delle attività economiche e produttive nei territori colpiti dal sisma a far data dal 24/08/2016

  • Efficienza e risparmio energetico
  • Norme tecniche
  • Energia e risparmio energetico
  • Macchine e prodotti industriali

Banca dati dei prodotti connessi all'energia: obblighi dei fornitori

05/06/2019

19/03/2019