FAST FIND : NR27621

Circ. P.G.R. Piemonte 09/05/2012, n. 7/UOL

Decreto legge 13 maggio 2011, n. 70 “Semestre Europeo - Prime disposizioni urgenti per l’economia”, convertito con modificazioni nella legge 12 luglio 2011, n. 106: articolo 5, commi 9-14, prime indicazioni.
Scarica il pdf completo
685669 1466416
[Premessa]



Come è noto, il decreto legge 13 maggio 2011, n. 70, convertito nella legge 12 luglio 2011, n. 106 R (“Semestre europeo - Prime disposizioni urgenti per l’economia”), legge pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 160 del 12 luglio 2011, reca - nell’articolo 5 - norme innovative relative alle “costruzioni private”, secondo quanto enunciano sia la rubrica sia il comma 1 dell’articolo stesso.

Nell’ambito delle dispos

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
685669 1466417
1. IL CAMPO DI APPLICAZIONE DELLE NORME PER IL RINNOVO URBANO

Il complesso normativo in questione non ha portata estesa a tutto il territorio comunale, né a tutta l’edificazione esistente.

Esso riguarda esclusivamente (comma 9 dell’art. 5 in esame):

- “la r

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
685669 1466418
2. LE MODALITÀ PER LA RAZIONALIZZAZIONE E LA RIQUALIFICAZIONE

Relativamente al patrimonio edilizio esistente, come sopra descritto e delimitato, ed alla sua razionalizzazione e riqualificazione, la legge 106/2011 (comma 9 dell’articolo 5) individua in concreto la modalità di intervento, costituita dalla “demolizione e ricostruzione” degli edifici non contenuta nei limiti della “ristrutturazione edilizia” (identità di volume e di sagoma), ma costituita dal tipo di intervento che spesso, nel linguaggio dei piani regolatori generali, è denominato di “sostituzione”, connotato inoltre:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
685669 1466419
3. GLI ATTI AUTORIZZATIVI PER LA RAZIONALIZZAZIONE E LA RIQUALIFICAZIONE

La normativa statale in esame non rimane dunque “sospesa”, finché non intervenga una legge regionale applicativa dei suoi principi fondamentali: al contrario, il verificarsi delle scadenze temporali anzidette produce immediati effetti concreti.

Il momento temporale nel quale si trova attualmente la nostra Regione è quella indicata nel comma 14 dell’art. 5 della legge 106/2011: sono infatti ormai decorsi centoventi giorni dalla data di entrata in vigore della legge predetta (13 luglio 2011), poiché tale arco di tempo si è concluso il 10 novembre 2011.

Ovviamente, in Piemonte hanno operato in tale periodo - e tuttora operano - le disposizioni della legge regionale 14 luglio 2009, n. 20, come integrate e modificate dalla legge regionale 2 marzo 2011, n. 1 (cosiddetto “piano casa Piemonte”), disposizioni che già perseguono la finalità di riqualificare il patrimonio edilizio esistente e di esercitare stimoli allo sviluppo produttivo nel settore edilizio, con gli strumenti - non ancora corrispondenti a quelli della legge 106/2011 - che l’intesa Stato-Regioni per il “piano casa” aveva reso praticabili.

Si evidenzia pertanto che è sem

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
685669 1466420
4. INDICAZIONI OPERATIVE PER GLI ATTI AUTORIZZATIVI AGLI INTERVENTI DI RAZIONALIZZAZIONE E RIQUALIFICAZIONE

Alla luce di quanto sopra esposto, risulta pertanto definibile un procedimento amministrativo, in forza del quale i soggetti pubblici e privati possono presentare istanze di permesso di costruire (sono esclusi altri tipi di istanze, non comportanti l’analisi preventiva da parte degli Enti Locali) per interventi di razionalizzazione e riqualificazione urbana, che:

- corrispondano alle finalità della legge 106/2011;

- rispettino i limiti e le caratteristiche sopra esposti;

- si pongano eventualmente “in deroga”, rispetto alla vigente strumentazione urbanistica, generale ed attuativa.

Tali istanze di permesso edilizio sono istruite dagli uffici tecnici dei Comuni e sono quindi sottoposte alla deliberazione del Consiglio comunale, senza la preventiva necessità né di varianti urbanistiche, né di strumenti urbanistici esecutivi; ovviamente, seguirà l’eventuale rilascio del permesso di costruire ai sensi dell’art. 14 del d.p.r. 380/2001.R

Si ribadisce tuttavia quanto segue:

4.1 la norma trova applicazione solo ed esclusivamente nei co

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
685669 1466421
5. ALTRI TIPI DI INTERVENTO, DIVERSI DA QUELLI DI SOLO RINNOVO URBANO, CHE SONO AGEVOLATI DALLA NORMA STATALE (COMMA 13)

Non sussistono dubbi sul fatto che, essendo stato superato il citato limite temporale del 10 novembre 2011 senza l’approvazione di una specifica legge in materia e fino all’entrata in vigore di una eventuale normativa regionale dedicata a tali temi, valgono in Piemonte le previsioni del comma 13.

Si specifica che dette norme della legge statale, in quanto finalizzate a “liberalizzare le costruzioni private” (comma 1 dell’art. 5), hanno validità generale in tutti i contesti urbani, anche a prescindere dalla sussistenza di interventi di rinnovo e riqualificazione.

Pertant

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
685669 1466422
6. LE DESTINAZIONI D’USO “TRA LORO COMPATIBILI O COMPLEMENTARI”

La normativa statale in oggetto introduce per due volte il concetto delle destinazioni d’uso “tra loro compatibili o complementari”, senza peraltro aggiungere altri chiarimenti utili alla loro individuazione; le citazioni si ritrovano al comma 9 (per gli interventi di rinnovo urbano) ed al comma 13 (per tutti gli interventi).

A proposito della definizione di “destinazioni tra loro compatibili o complementari”, va ricordato, in via

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
685669 1466423
7. TRASMISSIONE DI DELIBERAZIONI E RELATIVI ELABORATI

Stante la necessità di mantenere conoscenza aggiornata delle trasformazioni interessanti il territorio, le deliberazioni di cui alla presente circolare ed i relativi elaborati tecnici sono trasmessi, a cura del Comune Competente, in copia informatica (formato .pdf) alla Regione - Direzione Programmazione Strategica, Politiche Territoriali ed Edilizia - entro 30 gior

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
685669 1466424
Allegato


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Urbanistica
  • Edilizia e immobili
  • Piano Casa
  • Edilizia privata e titoli abilitativi

Pubblicato il Decreto Sviluppo (D.L. 70/2011): Piano Casa-bis al via

Mini-rivoluzione per l'edilizia: silenzio-assenso per il permesso di costruire; autocertificazione per l'acustica e altre novità.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Piano Casa
  • Edilizia e immobili
  • Urbanistica
  • Pianificazione del territorio
  • Difesa suolo

Marche, riqualificazione urbana sostenibile: la L.R. 22/2011

Norme per la riqualificazione urbana sostenibile e assetto idrogeologico. Il provvedimento contiene anche la proroga fino al 31/12/2013 per la presentazione delle istanze di interventi ai sensi della L.R. 22/2009 sul Piano Casa regionale.
A cura di:
  • Denis Peraro
  • Aree urbane
  • Urbanistica
  • Edilizia e immobili
  • Titoli abilitativi
  • Edilizia privata e titoli abilitativi

Emilia Romagna: la disciplina dei titoli edilizi dopo il decreto sviluppo

Come applicare in Emilia Romagna le norme sull'attività edilizia privata recate dal decreto sviluppo 70/2011.
A cura di:
  • Piero de Paolis
  • Catasto e registri immobiliari
  • Leggi e manovre finanziarie
  • Tracciabilità
  • Rifiuti
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica
  • Urbanistica
  • Appalti e contratti pubblici
  • Pianificazione del territorio
  • Edilizia privata e titoli abilitativi

La conversione in legge del decreto sviluppo (D.L. 70/2011)

Le principali modifiche apportate dalla legge di conversione del D.L. 70/2011, a completamento dell’illustrazione già effettuata nel dettaglio delle novità introdotte dal medesimo per l’edilizia privata, le opere pubbliche ed altri comparti di interesse del settore tecnico.
A cura di:
  • Piero de Paolis
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Urbanistica
  • Edilizia e immobili

“Piano città” D.L. 70/2011: le misure incentivanti prevalgono su PRG e piani particolareggiati ed attuativi

Lo dispone la Legge di stabilità 2015; fermo in ogni caso il rispetto degli standard urbanistici e delle altre normative di settore aventi incidenza sulla disciplina dell’attività edilizia (antisismiche, sicurezza, antincendio, igienico-sanitarie, efficienza energetica, tutela ambientale, tutela dei beni culturali e del paesaggio).
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Beni culturali e paesaggio
  • Pubblica Amministrazione
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Urbanistica
  • Finanza pubblica
  • Tutela ambientale
  • Enti locali
  • Aree urbane
  • Difesa suolo
  • Provvidenze

Sicilia: aiuti ai Comuni per la tutela e lo sviluppo del territorio

  • Edilizia e immobili
  • Piano Casa
  • Standards
  • Titoli abilitativi
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Pianificazione del territorio
  • Urbanistica

Marche: obbligo di adeguamento dei regolamenti edilizi comunali al Regolamento edilizio tipo (RET)

  • Pianificazione del territorio
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Titoli abilitativi
  • Urbanistica
  • Standards
  • Piano Casa
  • Edilizia e immobili

Marche: obbligo di adeguamento dei regolamenti edilizi comunali al Regolamento edilizio tipo (RET)

  • Indici, tassi e costi di costruzione
  • Urbanistica
  • Pianificazione del territorio
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Edilizia e immobili
  • Titoli abilitativi
  • Costi di costruzione
  • Aree rurali
  • Agricoltura e Foreste
  • Agriturismo
  • Alberghi e strutture ricettive

Trento: obbligo di adeguamento dei Comuni al Regolamento urbanistico-edilizio provinciale

  • Pianificazione del territorio
  • Standards
  • Edilizia e immobili
  • Urbanistica

Piemonte, i regolamenti edilizi comunali devono adeguarsi al Regolamento edilizio tipo