FAST FIND : NN11377

D. Min. Interno 16/03/2012

Piano straordinario biennale adottato ai sensi dell'articolo 15, commi 7 e 8, del decreto-legge 29 dicembre 2011, n. 216, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 febbraio 2012, n. 14, concernente l'adeguamento alle disposizioni di prevenzione incendi delle strutture ricettive turistico-alberghiere con oltre venticinque posti letto, esistenti alla data di entrata in vigore del decreto del Ministro dell'interno 9 aprile 1994, che non abbiano completato l'adeguamento alle suddette disposizioni di prevenzione incendi.
In vigore dal 29/04/2012:
Con le modifiche introdotte da:
- D. Min. Interno 29/03/2013
Scarica il pdf completo
656166 906055
[Premessa]



Il Ministro dell'interno


Visto il decreto legislativo 8 marzo 2006, n. 139, recante riassetto delle disposizioni relative alle funzioni ed ai compiti del Corpo nazionale dei vigili del fuoco, a norma dell'art. 11 della legge 29 luglio 2003, n. 229;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
656166 906056
Art. 1. - Scopo e campo di applicazione

1. Il presente decreto disciplina, ai sensi dell'art. 15, commi 7 e 8, del decreto legge 29 dicembre 2011, n. 216, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 febbraio 2012, n. 14,

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
656166 906057
Art. 2. - Piano straordinario di adeguamento antincendio

1. Il piano decorre dalla data di entrata in vigore del presente decreto ed indica il programma dell'

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
656166 906058
Art. 3. - Modalità di ammissione al piano straordinario di adeguamento antincendio

1. Gli enti e i privati responsabili presentano al Comando provinciale dei vigili del fuoco territorialmente competente, di seguito denominato Comando, entro il termine di 30 giorni dalla data di entrata in vigore del presente decreto, domanda di ammissione al piano, corredata della documentazione di cui all'art. 2, comma 7, del decreto del Presidente della Repubblica 1° agosto 2011, n. 151, R attestante il possesso dei requisiti di sicurezza antincendio previsti all'ar

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
656166 906059
Art. 4. - Controlli al termine del piano straordinario di adeguamento antincendio

1. Al termine dell'adeguamento alle disposizioni di prevenzione incendi previsti nel piano, gli enti e i privati responsabili presentano al Comando l'istanza per il controllo dell'avvenuto adempimento, con le modalità di cui all'art. 4, comma 1,

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
656166 906060
Art. 5. - Requisiti di sicurezza antincendio per l'accesso al piano straordinario di adeguamento antincendio

1. Le strutture ricettive di cui all'art. 1, comma 1, per l'ammissione al piano devono essere in possesso delle misure integrative di gestione della sicurezza indicate al comma 3 e dei requisiti di sicurezza antincendio previsti ai seguenti punti del Titolo II, dell'allegato al decreto del Ministro dell'interno 9 aprile 1994, integrato dal decreto del Ministro dell'interno 6 ottobre 2003: 9, 10, 11.2, 12, con le limitazioni di cui al comma 2 del presente articolo, 13, 14, 15, 17, 20.2, 20.3, con possibilità, per quest'ultimo punto, di prevedere la capacità di deflusso pari a quella indicata al punto 20.1 alle condizioni ivi riportate e, infine, 20.5, limitatamente alla larghezza della scala e della via di esodo ad uso promiscuo. Nel rispetto dei parametri di dimensionamento delle vie di esodo rientrano anche l'adozione di eventuali

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
656166 906061
Art. 6. - Entrata in vigore

1. Il presente decreto entra in vigore il trentesimo giorno successivo alla data di pubblicazione nel

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Prevenzione Incendi
  • Provvedimenti di proroga termini
  • Finanza pubblica
  • Alberghi e strutture ricettive

Antincendio strutture ricettive, classificazione, normativa, adeguamento

Classificazione strutture ricettive a fini di prevenzione incendi; Norme di base per le varie tipologie di strutture; Misure alternative per le strutture tra 26 e 50 posti letto; Regola tecnica verticale (RTV); Termini di adeguamento strutture esistenti all’11/05/1994; Eventuali altre attività presenti nella struttura ricettiva; Piano straordinario biennale di adeguamento di adeguamento; Riepilogo termini, casistiche e adempimenti per l’adeguamento.
A cura di:
  • Alfonso Mancini

Proroga di termini vari: conversione del decreto «Milleproroghe» 2012 (D.L. 216/2011)

Guida alle principali disposizioni contenute nel D.L. 216/2011 a seguito della conversione in legge. Confermate le proroghe inerenti verifiche sismiche degli edifici strategici e delle grandi dighe, gestione e tracciabilità dei rifiuti, prevenzione incendi per le strutture ricettive, immobili rurali, sospensione dei procedimenti di sfratto. SISTRI operativo dal 30/06/2012 e sfratti sospesi fino al 31/12/2012. Tabella riepilogativa delle proroghe di interesse.
A cura di:
  • Denis Peraro

Prevenzione incendi rifugi alpini: regola tecnica e scadenze per l’adeguamento prorogate

Il D. Min. Interno 03/03/2014 aggiorna le disposizioni di prevenzione incendi per le attività ricettive turistico-alberghiere, con riguardo al Titolo IV relativo ai rifugi alpini. Termini e modalità per l'adeguamento alle nuove disposizioni (proroga D.L. "Milleproroghe" 244/2016).
A cura di:
  • Alfonso Mancini

Centri di accoglienza per immigrati: chiarimenti sulle regole di prevenzione incendi da applicare

Il Dipartimento dei Vigili del Fuoco del Ministero dell’Interno, con la Circolare 26/05/2015, n. 5178, ha fornito chiarimenti sulle misure di prevenzione incendi da adottare nei centri di accoglienza per immigrati.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica

Tutti i termini prorogati dal decreto-legge «Milleproroghe» 192/2014 (L. 11/2015)

Libretto di centrale impianti termici; Smaltimento rifiuti in discarica; SISTRI; Gestione dei rifiuti in Campania; Anticipazione prezzo nei lavori pubblici; Centrali uniche di committenza; Qualificazione contraente generale; Appaltabilità e cantierabilità grandi opere; Messa in sicurezza edifici scolastici; Interventi per il dissesto idrogeologico; Antincendio strutture ricettive; Antincendio nuove attività esistenti; Zone a burocrazia zero; Impianti a fonti rinnovabili e Conto energia in zone terremotate; Macchine agricole; Contribuenti minimi; Locazione immobili pubblici; Sfratti esecutivi; Processo amministrativo digitale; Affidamento servizio distribuzione gas; Accise sul combustibile impiegato per la cogenerazione.
A cura di:
  • Dino de Paolis