FAST FIND : NR27300

Circ. Ass.R. Sicilia 21/12/2011, n. 1285

Linee guida sulle misure di tutela della salute e sicurezza dei lavoratori esposti al rischio amianto durante i lavori di manutenzione, rimozione dell’amianto o dei materiali contenenti amianto, smaltimento e trattamento dei relativi rifiuti, nonché di bonifica delle aree interessate.
Scarica il pdf completo
635206 682965
[Premessa]



IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
635206 682966
Titolo IX - capo III del D.Lgs. n. 81/08 e ss.mm.ii.


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
635206 682967
Premessa

A seguito degli incontri periodici con i responsabili dei servizi di prevenzione e sicurezza negli ambienti di lavoro (

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
635206 682968
Campo di applicazione

Fermo restando quanto previsto dalla legge n. 257/92, le imprese che intendono effettuare lavori di manutenzione, rimozione dell’amianto o dei materiali contenenti amianto presso edifici, strutture, apparecchi e impianti, mezzi di trasporto, compreso lo smaltimento ed il trattamento dei relativi rifiuti, nonché di bonifica delle aree interessate, devono adeguare la loro attività a quanto previsto nel titolo IX - capo

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
635206 682969
Lavori non soggetti a “notifica”

La commissione consultiva permanente per la salute e la sicurezza sul lavoro, di cui all’art. 6 del D.Lgs. n. 81/08, ha approvato, in data 19 gennaio 2011, il documento “Orientamenti pratici per la determinazione delle esposizioni sporadiche e di deboli intensità (ESEDI)”, ai sensi dei commi 2 e 4 dell’articolo 249 del D.Lgs. n. 81/2008, e s.m.i.., diffuso tramite circolare del Ministero del lavoro e delle politiche sociali del 25 gennaio 2011 e pubblicata nel sito www.lavoro.gov.it. Nei casi di “ESEDI” (acronimo di “Esposizioni sporadiche di debole intensità”) non si applicano gli artt. 250 (notifica preliminare), 251, comma1 (particolari misure di prevenzione e protezione in materia di amianto), 259 (sorveglianza sanitaria) e 260, comma 1 (iscrizione nel registro degli esposti) del D.Lgs. n. 81/2008.

Le superiori esenzioni si applicano a condizione che le attività lavorative espongano i lavoratori a concentrazioni molto basse di fibre di amianto e le cui condizioni espositive risultano generare un rischio il cui livello medio è dello stesso ordine di grandezza di quello medio definito accettabile per la popolazione generale, come stabilito dall’OMS (WHO, 2000).

Le attività “ESEDI” vengono identificate nelle lavorazioni che vengono effettuate:

a. per un massimo di 60 ore l’anno;

b. per non più d

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
635206 682970
Lavori soggetti a “notifica” ex art. 250 del D.Lgs. n. 81/08

La notifica va inviata allo S.Pre.S.A.L. dell’ASP territorialmente competente, a cura del datore di lavoro dell’impresa incaricata dell’attività di rimozione, prima dall’inizio delle seguenti tipologie di lavori, senza alcuna limitazione in termini di quantità e durata delle lavorazioni:

a) Attività di manutenzione durante le quali il lavoro viene effettuato solo su materiali non friabili:

a1) interventi di manutenzione riguardanti il fissaggio di lastre in MCA compatto in buono stato di conservazione senza intervento traumatico sulle stesse;

a2) riparazione di lastre o mattonelle in vinil-amianto mediante applicazione di collanti, impregnanti, sigillanti o con limitati riporti di guaine ricoprenti, o prodotti similari;

a3) applicazione di prodotti inertizzanti in elementi di impianto contenenti MCA non friabile in buone condizioni (ad es. rivestimenti di tubature);

a4) spostamento non traumati

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
635206 682971
Lavori soggetti al “piano di lavoro” ex art. 256 del D.Lgs. n. 81/08

Nei lavori, non compresi nei precedenti casi n. 1) e n. 2), che comportano la demolizione o la rimozione di materiali contenenti amianto da edifici, strutture, apparecchi e impianti, nonché mezzi di trasporto, dovrà essere predisposto un piano di lavoro.

Il datore di lavoro, quindi, almeno trenta giorni prima di eseguire una delle sopra indicate attività, dovrà predisporre e trasmettere allo S.Pre.S.A.L. dell’ASP territorialmente competente un piano di lavoro atto a prevedere le misure necessarie per garantire la sicurezza e la salute dei lavoratori sul luogo di lavoro e la protezione dell’ambiente esterno.

Il piano, in particolare, prevede e contiene informazioni sui seguenti punti:

a) anagrafica completa del committente e dell’impresa esecutrice;

b) luogo ove i lavori verranno effettuati;

c) natura dei lavori, data d’inizio e loro durata presumibile;

d) numero di lavoratori impegnati in cantiere;

e) rimozione dell’amianto o dei materiali contenenti amianto prima dell’applicazione d

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
635206 682972
Certificazione di restituibilità di ambienti bonificati dall’amianto (ex punto 6 dell’allegato al D.M. 6 settembre 1994)

Per ottenere la certificazione di restituibilità di ambienti bonificati dall’amianto in matrice friabile, finalizzata ad assicurare che le aree interessate possono essere rioccupate con sicurezza, occorre redigere apposita istanza da parte del proprietario del bene bonificato o del datore di lavoro dell’imp

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
635206 682973
Controllo dell’esposizione e valore limite (art. 253 del D.Lgs. n. 81/08)

In tutti i lavori comportanti esposizione al rischio amianto, le imprese esecutrici devono assicurarsi del mantenimento del rispetto del valore limite di 0,1 fibra per cm³ nell’aria dell’ambiente di lavoro mediante misurazioni periodiche.

Queste misurazioni devono essere eseguite durante i lavori e, a seconda della tipologia di intervento (lavori di rimozione amianto in mat

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
635206 682974
Informazione e formazione dei lavoratori (artt. 257 e 258 del D.Lgs. n. 81/08)

I lavoratori adibiti ad attività di demolizione o rimozione, ai sensi di quanto sancito dall’art. 258 del D.Lgs. n. 81/08, devono essere in possesso dell’attestato di formazione professionale previsto dall’art. 10, comma 2, lettera h), della legge 27 marzo 1992, n. 257.R

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
635206 682975
Sorveglianza sanitaria - Registro esposti - Cartella sanitaria (art. 259 del D.Lgs. n. 81/08)

I lavoratori esposti a rischio amianto, salvo nei casi di esposizione definita sporadica e di breve durata (ESEDI), devono essere avviati a sorveglianza sanitaria.

Il controllo sanitario deve comprendere, così come indicato all’art. 259 del D.Lgs. n. 81/08, una visita preventiva prima dell’immissione al lavoro e visite periodiche, stabilite dal medico competente con giusta motivazione.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Concessioni governative
  • Demanio
  • Calamità/Terremoti
  • Cave, miniere e attività estrattive
  • Commercio e mercati
  • Compravendite e locazioni immobiliari
  • Calamità
  • Impianti alimentati da fonti rinnovabili
  • Appalti e contratti pubblici
  • Aree urbane
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Enti locali
  • Mercato del gas e dell'energia
  • Mezzogiorno e aree depresse
  • Impatto ambientale - Autorizzazioni e procedure
  • Imposte sul reddito
  • Disciplina economica dei contratti pubblici
  • Fiscalità immobiliare locale (IMU-TARI-TASI)
  • Imprese
  • Infrastrutture e reti di energia
  • Inquinamento atmosferico
  • Servizio idrico integrato
  • Edifici di culto
  • Edilizia penitenziaria
  • Previdenza professionale
  • Rifiuti
  • Edilizia residenziale
  • Lavoro e pensioni
  • Provvidenze
  • Scarichi ed acque reflue
  • Leggi e manovre finanziarie
  • Catasto e registri immobiliari
  • Imposte indirette
  • Infrastrutture e reti di energia
  • Interventi vari
  • Marchi, brevetti e proprietà industriale
  • Opere idrauliche, acquedottistiche, marittime e lacuali
  • Parchi e aree naturali protette
  • Pianificazione del territorio
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici
  • Strade, ferrovie, aeroporti e porti
  • Trasporti
  • Uffici e luoghi di lavoro
  • Agevolazioni per interventi di risparmio energetico
  • Amianto - Dismissione e bonifica
  • Autorità di vigilanza
  • Fonti alternative
  • Barriere architettoniche
  • Beni culturali e paesaggio
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Agevolazioni per la prima casa
  • Alberghi e strutture ricettive
  • Terremoto Abruzzo
  • Terremoto Emilia Romagna, Lombardia e Veneto
  • Agevolazioni
  • Accise
  • Acque
  • Acque di balneazione
  • Agevolazioni per interventi di ristrutturazione e antisismici
  • Pubblica Amministrazione
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Protezione civile
  • Fisco e Previdenza
  • Impiantistica
  • Sicurezza
  • Urbanistica
  • Tutela ambientale
  • Edilizia scolastica
  • Edilizia e immobili
  • Energia e risparmio energetico
  • Finanza pubblica

La Legge di Stabilità 2016 comma per comma

Analisi sintetica e puntuale di tutte le disposizioni di interesse del settore tecnico contenute nella Legge di Stabilità 2016 (L. 28 dicembre 2015, n. 208), con rinvio ad approfondimenti sulle novità di maggiore rilievo.
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Sicurezza
  • Urbanistica
  • Fisco e Previdenza
  • Impiantistica
  • Pubblica Amministrazione
  • Prevenzione Incendi
  • Protezione civile
  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica
  • Edilizia scolastica
  • Energia e risparmio energetico
  • Provvedimenti di proroga termini
  • Lavoro e pensioni
  • Demanio idrico
  • Mercato del gas e dell'energia
  • Tracciabilità
  • Impatto ambientale - Autorizzazioni e procedure
  • Rifiuti
  • Beni culturali e paesaggio
  • Fiscalità immobiliare locale (IMU-TARI-TASI)
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Terremoto Abruzzo
  • Terremoto Centro Italia 2016
  • Terremoto Emilia Romagna, Lombardia e Veneto
  • Accise
  • Acque
  • Patrimonio immobiliare pubblico
  • Uffici e luoghi di lavoro
  • Pianificazione del territorio
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici
  • Scuole
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Appalti e contratti pubblici
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Enti locali
  • Calamità/Terremoti
  • Commercio e mercati
  • Avvisi e bandi di gara
  • Impianti di riscaldamento e condizionamento

Tutti i termini prorogati dal Decreto-Legge “Milleproroghe” 244/2016 (L. 19/2017)

Rassegna completa di tutti i termini in scadenza di interesse di professionisti tecnici, enti e pubbliche amministrazioni, imprese, prorogati dal consueto decreto-legge “Milleproroghe” (D.L. 244/2016 convertito in legge dalla L. 19/2017). Prevenzione incendi; Protezione civile, calamità e terremoti; Appalti, opere e infrastrutture; Pubblica amministrazione; Ambiente, fonti rinnovabili e sicurezza sul lavoro; Varie.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Acque
  • Sicurezza
  • Leggi comunitarie e europee
  • Acque per consumo umano
  • Uffici e luoghi di lavoro
  • Finanza pubblica
  • Inquinamento elettrico ed elettromagnetico
  • Impatto ambientale - Autorizzazioni e procedure

La Legge di delegazione europea e la Legge europea 2014 (L. 114/2015 e L. 115/2015)

Legge 9 luglio 2015, n. 114 (cosiddetta «Legge di delegazione europea 2014») e Legge 29 luglio 2015, n. 115 (cosiddetta «Legge europea 2014»): analisi delle principali disposizioni di interesse tecnico contenute nei due annuali provvedimenti che recano delega al Governo per il recepimento delle direttive europee e l’attuazione di altri atti dell’Unione europea ed apportano disposizioni per l’adeguamento di alcune disposizioni legislative nazionali ai provvedimenti europei.
A cura di:
  • Antonio Renato Soragnese
  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica
  • Disciplina economica dei contratti pubblici
  • Rifiuti
  • Provvidenze
  • Uffici e luoghi di lavoro
  • Strade, ferrovie, aeroporti e porti
  • Impresa, mercato e concorrenza
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Pianificazione del territorio
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Appalti e contratti pubblici
  • Cantieri temporanei e mobili
  • Distanze tra le costruzioni
  • Formazione
  • Sicurezza
  • Urbanistica
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Fisco e Previdenza

Tutte le misure contenute nel D.L. 69/2013 («decreto del fare») dopo la conversione in legge

INFRASTRUTTURE E OPERE PUBBLICHE: Piano città; Fondi sblocca cantieri; Expo 2015; Infrastrutture strategiche. SEMPLIFICAZIONE PER L’EDILIZIA: Modifica della sagoma e ristrutturazione edilizia; Distanze tra edifici; Interventi di edilizia libera; Permesso di costruire in presenza di vincoli; SCIA e comunicazione di inizio lavori; Agibilità; Proroga titoli abilitativi e convenzioni urbanistiche; Tariffe Consiglio superiore dei LL.PP.; Strutture ricettive all’aperto. AMBIENTE: Autorizzazione paesaggistica; Acque sotterranee emunte; Materiali di scavo; Norme Impianti poco inquinanti. APPALTI E CONTRATTI PUBBLICI: Anticipazione del prezzo; Dimostrazione requisiti; Offerte anomale; Appalti su lotti; Garanzia globale di esecuzione; Subcontratti di fornitura; Banca dati sui contratti pubblici; Determinazione del prezzo. FISCO E PREVIDENZA: Responsabilità solidale fiscale; Impignorabilità della prima casa; Durc. SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO E NEI CANTIERI: Volontariato; Duvri; Attività a basso rischio; Corsi di formazione; Verifiche periodiche attrezzature di lavoro; Semplificazione adempimenti nei cantieri; Prestazioni lavorative di breve durata. FINANZA PUBBLICA: Fondo di garanzia e incentivi alle PMI; Utilizzo dei fondi strutturali europei; Indennizzo per ritardi nei procedimenti amministrativi. TESTI NORMATIVI AGGIORNATI: Testo Unico dell’Edilizia; Testo Unico della sicurezza; Codice dei contratti pubblici e Regolamento di attuazione; Codice dell’ambiente.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Massimo Pipino
  • Amianto - Dismissione e bonifica
  • Provvidenze
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Finanza pubblica

Puglia: sostegno ai Comuni per le spese di decontaminazione, smaltimento e bonifica dell’amianto

La Regione Puglia mette a disposizione 3.000.000,00 (tre milioni) di euro a sostegno dei Comuni per le spese relative ad interventi per la rimozione e smaltimento di manufatti contenenti amianto presenti in fabbricati ed immobili di proprietà privata.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Finanza pubblica
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Amianto - Dismissione e bonifica
  • Provvidenze

Bolzano: contributi per la rimozione e lo smaltimento di amianto dagli edifici a uso abitativo

  • Amianto - Dismissione e bonifica
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Provvidenze
  • Finanza pubblica

Campania: incentivi per interventi di bonifica di materiali contenenti amianto triennio 2018-2020 - Anno 2020

  • Provvidenze
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Finanza pubblica
  • Amianto - Dismissione e bonifica

Campania: incentivi per interventi di bonifica di materiali contenenti amianto triennio 2018-2020 - Anno 2019

  • Finanza pubblica
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Amianto - Dismissione e bonifica
  • Provvidenze

Campania: incentivi per interventi di bonifica di materiali contenenti amianto triennio 2018-2020 - Anno 2018

04/01/2016

28/02/2017