FAST FIND : NN10623

D. Min. Ambiente e Tutela Terr. e Mare 11/04/2008

Approvazione del Piano d'azione per la sostenibilità ambientale dei consumi nel settore della pubblica amministrazione.
Con le modifiche introdotte da:
- D. Min. Ambiente e Tutela Territorio e Mare 10/04/2013
Scarica il pdf completo
62867 1106962
[Premessa]



IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

DI CONCERTO CON IL MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE E

IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO


Vista la Comunicazione sulla Politica integrata dei prodotti (IPP) «Sviluppare il concetto di ciclo di vita ambientale)), COM 302(2003) del 18 giugno 2003, che individua tra gli strumenti utili per la attuazione di tale strategia, quello degli «acquisti verdi della pubblica amministrazione», altrimenti definito come Green Public Procurement (GPP), che, orientando la domanda pubblica verso beni e servizi migliori sotto il profilo ambientale, consente di conseguire specifici obiettivi strategici ambientali, di innescare un meccanismo di leva volto a modificare modelli di produzione e di consumo, di incoraggiare investimenti nel campo dell'innovazione ambiental

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62867 1106963
Art. 1. - Piano d'azione per la sostenibilità ambientale dei consumi nel settore della pubblica amministrazione

È approvato il «Piano d'azione per la sostenibilità ambientale dei consumi nel se

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62867 1106964
Art. 2. - Criteri ambientali minimi

Con successivi decreti del Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, sen

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62867 1106965
Art. 3. - Gestione del Piano d'azione

Per la gestione delle attività previste dal Piano d'azione, così come in dettaglio indicato al capitolo 6 del Piano d'azione, opera il «Comitato di ge

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62867 1106966
Art. 4. - Modifiche

Il Piano d'Azione è sottoposto a revisione almeno triennale. Gli obiettivi generali del Piano

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62867 1106967
Allegato -Piano d’azione per la sostenibilità ambientale dei consumi nel settore della Pubblica Amministrazione - Revisione 2013 N1

Parte di provvedimento in formato grafico

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

Criteri ambientali minimi negli appalti pubblici di servizi e forniture

Contenuti e obiettivi del Piano d’azione per la sostenibilità ambientale dei consumi della pubblica amministrazione (PAN-GPP), criteri ambientali minimi da introdurre negli appalti pubblici e riflessi pratici della disciplina a seguito delle modifiche introdotte all'art. 34 del D. Leg.vo 50/2016 ad opera del D. Leg.vo 56/2017 (c.d. "correttivo").
A cura di:
  • Alfonso Mancini

Punteggi premianti per utilizzo di materiali riciclati negli appalti

Con D.M. 24/05/2016 si è proceduto alla determinazione dei punteggi premianti per l'affidamento di servizi di progettazione e lavori per la nuova costruzione, ristrutturazione e manutenzione degli edifici e per la gestione dei cantieri della pubblica amministrazione, e dei punteggi premianti per le forniture di articoli di arredo urbano.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica

Canoni per le concessioni demaniali marittime. Quadro normativo e importi aggiornati (2017)

Questo articolo ricostruisce in estrema sintesi e con chiarezza il complesso ed articolato quadro normativo di riferimento che regola la materia dei canoni concessori per le aree di pertinenza del demanio marittimo. Sono poi riportate tabelle riepilogative degli importi, aggiornati al 2017 in virtù dell'ultimo decreto annuale (D.M. 02/12/2016 pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 18 del 23/01/2017). In allegato alla versione online sono infine disponibili le tabelle riepilogative elaborate in base ai dati forniti dal Ministero delle infrastrutture e dei trasporti contenenti anche tutti gli aggiornamenti per gli anni precedenti.
A cura di:
  • Dino de Paolis

Aggregazione, centralizzazione delle committenze e strumenti di negoziazione dopo il D. Leg.vo 50/2016

Questo articolo fa il punto sui modelli di acquisto (acquisto diretto, utilizzo di strumenti di negoziazione telematica, aggregazione, ricorso a centrali di committenza, ecc.) che l’ordinamento impone o mette a disposizione di stazioni appaltanti ed enti aggiudicatori alla luce del Codice dei contratti pubblici di cui al D. Leg.vo 50/2016 e delle altre norme vigenti. Sono trattate anche le disposizioni che prevedono l’obbligo di ricorso a soggetti aggregatori per determinate categorie di beni e servizi ed al superamento delle soglie di importo del fabbisogno annuale. Il contributo è aggiornato con le modifiche introdotte dal D. Leg.vo 19/04/2017, n. 56 (c.d. “correttivo”).
A cura di:
  • Dino de Paolis

Comuni non capoluogo di provincia e centrale unica di committenza. Tutti i chiarimenti ANAC

L'articolo riassume i contenuti principali della Determinazione ANAC 11/2015, che chiarisce i dubbi concernerti l'applicazione dell'art. 33, comma 3-bis, del D. Leg.vo 163/2006, in materia di acquisti aggregati/centralizzati obbligatori per i comuni non capoluogo di provincia, fornendo ai soggetti destinatari della disciplina ulteriori chiarimenti rispetto a quelli di prima applicazione precedentemente forniti dalla Determinazione ANAC 3/2015. Tra i vari punti toccati dall'atto, segnaliamo in particolare: gli obblighi dei Comuni in rapporto ai soggetti aggregatori e al mercato elettronico; la disciplina degli acquisti in economia; le forme di aggregazione utilizzabili; le modalità organizzative e l’individuazione del RUP; la disciplina cui assoggettare le società in house dei Comuni; deroghe e proroghe di contratti in scadenza. AGGIORNAMENTO 11/01/2016: Comunicato ANAC 08/01/2016 che - a seguito dell’emanazione della Legge di stabilità 2016 (L. 208/2015) - ha rettificato il precedente Comunicato 10/11/2015 in merito ai casi in cui non viene rilasciato il CIG.
A cura di:
  • Alfonso Mancini

18/04/2016

27/01/2016

23/12/2015