FAST FIND : NN10591

D. Leg.vo 15/03/2011, n. 35

Attuazione della direttiva 2008/96/CE sulla gestione della sicurezza delle infrastrutture stradali.
In vigore dal 23/04/2011.
Testo coordinato con le modifiche introdotte da:
- Comunicato in G.U. 15/04/2011
- D. Min. Infrastrutture e Trasp. 30/12/2015, n. 426
- D. Min. Infrastrutture e Trasp. 07/12/2016, n. 434
- D. Min. Infrastrutture e Trasp. 20/12/2017, n. 573
Scarica il pdf completo
62834 4333031
[Premessa]



N1


Il Presidente della Repubblica


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62834 4333032
Art. 1. - Finalità e campo di applicazione articolo 1, direttiva 2008/96/CE

1. Il presente decreto detta disposizioni per l'istituzione e l'attuazione di procedure volte alla valutazione di impatto sulla sicurezza stradale per i progetti di infrastruttura, ai controlli della sicurezza stradale, alla gestione della sicurezza della rete stradale ed alle ispezioni di sicurezza.

2. Il presente decreto si appl

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62834 4333033
Art. 2. - Definizioni articolo 2, direttiva 2008/96/CE

1. Ai fini del presente decreto si intende per:

a) rete stradale transeuropea: la parte ricadente nel territorio nazionale della rete stradale definita all'allegato I, sezione 2, della decisione n. 1692/96/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 23 luglio 1996, sugli orientamenti comunitari per lo sviluppo della rete transeuropea dei trasporti, e successive modificazioni;

b) organo competente: il Ministero delle infrastr

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62834 4333034
Art. 3. - Valutazione di impatto sulla sicurezza stradale per i progetti di infrastruttura articolo 3, direttiva 2008/96/CE

1. Per tutti i progetti di infrastruttura è effettuata, in fase di pianificazi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62834 4333035
Art. 4. - Controlli della sicurezza stradale articolo 4, direttiva 2008/96/CE

1. Per tutti i livelli di progettazione dei progetti di infrastruttura, nonché dei progetti di adeguamento che comportano modifiche di tracciato sono effettuati i controlli della sicurezza stradale, sulla base dei criteri di cui all'allegato II.

2. Per i progetti di infrastruttura le risultanze della VISS sono assunte a base dei controlli della sicurezza stradale.

3. Le risultanze dei controlli della sicurezza stradale costituiscono parte integrante della documentazione per tutti i livelli di progettazione e sono da ritenersi elem

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62834 4333036
Art. 5. - Classificazione e gestione della sicurezza della rete stradale aperta al traffico articolo 5, direttiva 2008/96/CE

1. Entro tre anni dalla data di entrata in vigore del presente decreto e successivamente con cadenza triennale, sulla base dell'esame del funzionamento della rete stradale aperta al traffico svolto dall'organo competente nel rispetto dei criteri riportati nell'allegato III, il Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, con proprio decreto, effettua la classificazione dei tratti ad elevata concentrazione di incidenti nonché la classificazione della sicurezza della rete esistente.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62834 4333037
Art. 6. - Ispezioni di sicurezza articolo 6, direttiva 2008/96/CE

1. L'organo competente, sulla base di un programma idoneo a garantire adeguati livelli di sicurezza, da adottare entro il 19 dicembre 2011 e da

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62834 4333038
Art. 7. - Gestione dei dati articolo 7, direttiva 2008/96/CE

1. Per ciascun incidente mortale verificatosi sulla rete stradale di cui all'articolo 1, comma 2, l'organo competente riporta in una apposita relazione di incidente, redatta secondo la repo

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62834 4333039
Art. 8. - Adozione di orientamenti articolo 8, direttiva 2008/96/CE

1. Il Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, entro il 19 dicembre 2011, adott

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62834 4333040
Art. 9. - Formazione dei controllori articolo 9, direttiva 2008/96/CE

1. Il Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, con decreto da adottarsi di intesa con il Ministro dell'istruzione, dell'università e della ricerca entro il 19 dicembre 2011, provvede ad adottare i programmi di formazione per i controllori della sicurezza stradale, fissando altresì le modalità di entrata in operatività e di gestione dell'elenco di cui all'articolo 4, comma 7.

2. I corsi di formazione iniziale per controllori, della durata non inferiore a centotta

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62834 4333041
Art. 10. - Disposizioni tariffarie

1. Alle attività di controllo, classificazione e ispezione, previste rispettivamente dagli articoli 4, 5 e 6, il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti provvede mediante tariffe da porre a carico deg

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62834 4333042
Art. 11. - Disposizioni finanziarie

1. Dall'applicazione del presente decreto non devono derivare nuovi o maggiori oneri

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62834 4333043
Art. 12. - Disposizioni di coordinamento, transitorie e finali

1. Gli allegati al presente decreto, sono aggiornati con decreto del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, di concerto con il Ministro delle politiche europee, in adeguamento alle modifiche introdotte ai corrispondenti allegati alla direttiva 2008/96/CE.

2. Fino all'adozione del decreto di cui all'articolo 3, comma 2, la VISS è redatta sulla base dei criteri di cui all'allegato I. Sono esclusi dall'obbligo di redazione della VISS i progetti di infrastruttura per i quali, alla data di entrata in vigore del presente decreto, è approvato il progetto preliminare.

3. I controlli di cui all'articolo 4, comma 1, per i progetti per i quali, alla data di ent

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62834 4333044
Allegato I direttiva 2008/96/CE (previsto dall'articolo 3) - Valutazione di impatto sulla sicurezza stradale per i progetti di infrastruttura

1. Componenti della valutazione di impatto sulla sicurezza stradale:

a) definizione del problema;

b) identificazione degli obiettivi di sicurezza stradale;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62834 4333045
Allegato II direttiva 2008/96/CE (previsto dall'articolo 4) - Controlli della sicurezza stradale per i progetti di infrastruttura

1. Criteri applicabili nella fase della progettazione preliminare:

a) analisi della situazione geografica;

b) analisi e verifica della funzionalità dell'infrastruttura all'interno della rete;

c) analisi delle condizioni plano altimetriche della nuova infrastruttura (vel

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62834 4333046
Allegato III direttiva 2008/96/CE (previsto dall'articolo 5) - Classificazione dei tratti stradali ad elevata concentrazione di incidenti e classificazione della sicurezza della rete

1. Criteri per l'individuazione dei tratti stradali ad elevata concentrazione di incidenti

L'individuazione dei tratti stradali ad elevata concentrazione di incidenti deve tener conto del numero di incidenti mortali nel corso degli anni precedenti per unità di distanza in rapporto al volume di traffico e, nel caso di intersezioni e svincoli, per punto di intersezione.

2. Criteri per l'individuazione dei tratti stradali da esaminare nell'ambito della classificazione della sicurezza della rete

L'individuazione di tratti stradali da esaminare nell'ambito della classificazione della sicurezza della rete tiene conto dei potenziali risparmi in termini di costi degli incidenti. I tratti stradali sono classificati in categorie. Pe

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62834 4333047
Allegato IV direttiva 2008/96/CE) (previsto dall'articolo 7) - Informazioni che devono figurare nelle relazioni di incidenti

Le relazioni di incidenti devono contenere i seguenti elementi:

1) localizzazione dell'incidente (eventualmente anche georeferenziata con coordinate GPS);

2) immagini e/o diagrammi del luogo dell'incidente;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Trasporti
  • Strade, ferrovie, aeroporti e porti

Valutazione e gestione sicurezza delle infrastrutture stradali (D. Leg.vo 35/2011)

Analisi del provvedimento che reca norme in tema di valutazione, controlli, ispezioni, classificazione e gestione della sicurezza stradale. Gli ingegneri in possesso di idonea certificazione professionale potranno iscriversi in un elenco ministeriale per lo svolgimento delle attività di controllo, classificazione ed ispezione della sicurezza delle infrastrutture stradali. AGGIORNAMENTO: il D.M. 20/12/2017, n. 573 ha prorogato al 01/01/2019 l’applicazione del decreto alle strade appartenenti alla rete di interesse nazionale.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica

Formazione di controllori ed ispettori della sicurezza stradale

Definito il programma dei corsi di formazione, che dovranno avere durata di almeno 180 ore e che forniscono preparazione anche per lo svolgimento delle ispezioni nelle gallerie stradali. Corsi di aggiornamento di 30 ore con cadenza almeno triennale.
A cura di:
  • Denis Peraro

Infrastrutture stradali: il D.M. 02/05/2012 in materia di gestione della sicurezza

Commento al decreto del ministero delle infrastrutture e dei trasporti che stabilisce Linee guida in materia di gestione delle sicurezza delle infrastrutture stradali in linea con la direttiva n. 2008/96/CE.
A cura di:
  • Antonio Renato Soragnese
  • Strade
  • Strade, ferrovie, aeroporti e porti
  • Pianificazione del territorio
  • Urbanistica
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Norme tecniche

L’installazione di impianti pubblicitari stradali

Pianificazione delle attività, dimensioni, caratteristiche, ubicazione e distanze da rispettare dentro e fuori dai centri abitati, autorizzazioni (enti competenti, documentazione da produrre, tempistica per il rilascio o il diniego, durata, rinnovo e decadenza, sanzioni, obblighi del titolare, rapporto con le autorizzazioni edilizie), sanzioni.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Strade
  • Strade, ferrovie, aeroporti e porti
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Norme tecniche
  • Urbanistica
  • Barriere stradali e dispositivi di ritenuta
  • Distanze tra le costruzioni
  • Edilizia e immobili

La manutenzione straordinaria di opere pubbliche può comprendere innovazioni (C. Stato 2016/2017)

Il concetto di manutenzione straordinaria di opere pubbliche non si riduce alla mera sostituzione di elementi costitutivi ammalorati o in via di obsolescenza, ma abbraccia anche un profilo evolutivo, esteso all’adozione di accorgimenti, addizioni e miglioramenti e finalizzati a meglio perseguire le originarie finalità pubblicistiche dell’opera.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica