FAST FIND : NN10236

Ord. P.C.M. 19/05/2010, n. 3879

Modalità di attivazione del Fondo per interventi straordinari della Presidenza del Consiglio dei Ministri, istituito ai sensi dell’articolo 32-bis del decreto-legge 30 settembre 2003, n. 269, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 novembre 2003, n. 326, ed incrementato con la legge 24 dicembre 2007, n. 244.
Scarica il pdf completo
62477 442150
[Premessa]




Il Presidente del Consiglio dei Ministri

Visto l'art. 5, comma 3, della legge 24 febbraio 1992, n. 225;

Visto l'art. 5, comma 3, della legge 24 febbraio 1992, n. 225;

Vista la legge 11 gennaio 1996, n. 23, ed in particolare l'art. 3;

Vista la legge 11 gennaio 1996, n. 23, ed in particolare l'art. 3;

Visto l'art. 107, comma 1, lettera c), del decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 112;

Visto l'art. 107, comma 1, lettera c), del decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 112;

Visto il decreto legge 7 settembre 2001, n. 343, convertito, con modificazioni, dalla legge 9 novembre 2001, n. 401;

Visto il decreto legge 7 settembre 2001, n. 343, convertito, con modificazioni, dalla legge 9 novembre 2001, n. 401;

Vista la legge 27 dicembre 2002, n. 289, recante «Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2003)» ed in particolare l'art. 80, comma 21;

Vista la legge 27 dicembre 2002, n. 289, recante «Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2003)&raq
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62477 442151
Art. 1.

1. La presente ordinanza disciplina le modalità di utilizzazione del Fondo per interventi straordinari della Presidenza del Consiglio dei Ministri, istituito ai sensi dell'art. 32bis del decreto legge 30 settembre 2003, n. 269, convertito, con modificazioni

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62477 442152
Art. 2.

1. La quota di competenza regionale di cui all'art. 1, comma 2, quale risultante dalla tabella in allegato 1 alla presente ordinanza, è assegnata alle singole regioni sulla base degli stessi criteri dell'ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri del 29 dicembre 2008, n. 3728.

2. Ai fin

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62477 442153
Art. 3.

1. Le risorse da destinare a ciascun intervento sono determinate secondo quanto riportato all'a

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62477 442154
ALLEGATO 1Tabella di ripartizione dell’annualità 2010


AMMINISTRAZIONE

Percentuale ripartizione

Finanziamento assegnato annualità 2010

Abruzzo

3,62%

723.818,25

Basilicata

2,32%

463.709,78

Calabria

7,43%

1.485.333,86

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Provvidenze
  • Edilizia scolastica
  • Finanza pubblica
  • Edilizia e immobili

Adeguamento antisismico scuole: risorse Fondo per interventi straordinari della Presidenza del Consiglio

Ripartite le risorse relative alle annualità 2016 e 2017. I provvedimenti con la ripartizione dei fondi ed i termini per le progettazioni esecutive e l'aggiudicazione degli interventi. Riepilogo completo della disciplina e degli adempimenti. AGGIORNAMENTO: D.M. 20/07/2017, n. 511, pubblicato sulla G.U. 12/09/2017, n. 213.
A cura di:
  • Alfonso Mancini

Il “terzo condono edilizio” (D.L. 269/2003) e le leggi regionali. Il caso della Regione Lazio

In relazione al c.d. “terzo condono edilizio”, introdotto dall’art. 32 del D.L. 269/2003, questo articolo illustra i rapporti tra la legge nazionale e le leggi regionali emanate in attuazione del medesimo art. 32, chiarendo le soluzioni adottate dalle varie regioni. Viene poi dedicata attenzione al caso della Regione Lazio, che con la L.R. 12/2016 ha cambiato le norme applicabili alle domande presentate prima dell’entrata in vigore della propria regolamentazione (L.R. 12/2004), generando rilevanti problemi applicativi, cui si cercherà di dare una prima risposta.
A cura di:
  • Xavier Santiapichi
  • Nicoletta Tradardi

Disciplina e regime fiscale dei mutui per la prima casa con provvista della Cassa depositi e prestiti

Sintetico approfondimento sulle norme che prevedono mutui agevolati per l’acquisto o la ristrutturazione della prima casa con provvista della CDP introdotte dal D.L. 102/2013. L’Agenzia delle Entrate (Risoluzione 61/E/2016) ha chiarito che tali mutui sono esenti dall'imposta di registro, dall'imposta di bollo, dalle imposte ipotecaria e catastale e da ogni altra imposta indiretta, nonché ogni altro tributo o diritto.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica

Social housing: I primi passi dell’edilizia residenziale sociale (ERS)

Le risorse finanziarie, statali e regionali, per l’edilizia residenziale pubblica sono da diversi anni ridotte a somme residuali. L’unica risposta possibile alla domanda abitativa non in grado di accedere al libero mercato appare sempre più l’Edilizia Residenziale Sociale (ERS) anche se, pur potendo contare su un impianto normativo consolidato, ha necessità di maggior impegno da parte degli enti locali.
A cura di:
  • Giancarlo Storto
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Edilizia e immobili
  • Abusi e reati edilizi - Condono e sanatoria

Condono edilizio: nozione di "ultimazione" in caso di lavori su edificio esistente (C. Stato 4827/2015)

Edificio "ultimato" e condono edilizio in sanatoria in caso di interventi su esistente. In caso di intervento tale da mutare i connotati strutturali dell'edificio si applica il criterio "strutturale", che prevede la sanatoria dell'edificio almeno al “rustico”, ovvero l’opera mancante solo delle finiture ma comprensiva delle tampognature esterne.
A cura di:
  • Anna Petricca