FAST FIND : NN10183

D. Leg.vo 04/04/2010, n. 58

Attuazione della direttiva 2007/23/CE relativa all’immissione sul mercato di prodotti pirotecnici.
Con le modifiche introdotte da:
- D. Leg.vo 25/09/2012, n. 176
- D.L. 14/08/2013, n. 93 (L. 15/10/2013, n. 119)
Scarica il pdf completo
62424 1045458
[Premessa]



Il Presidente della Repubblica


Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Vista la direttiva 2007/23/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 23 maggio 2007, relativa all’immissione sul mercato di articoli pirotecnici;

Vista la legge 7 luglio 2009, n. 88 R, recante disposizioni per l’adempimento di obblighi derivanti dall’appartenenza dell’Italia alle Comunità europee - Legge comunitaria 2008, ed in particolare gli articoli

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62424 1045459
Art. 1 - Oggetto e campo di applicazione

1. Il presente decreto definisce la disciplina volta ad attuare la libera circolazione degli articoli pirotecnici nel mercato interno, assicurando, nel contempo, le esigenze di tutela dell’ordine e della sicurezza pubblica e di tutela della pubblica incolumità, la tutela dei consumatori e la protezione ambientale. Il presente decreto individua, inoltre, i requisiti essenziali di sicurezza che gli articoli pirotecnici devono possedere per poter essere immessi sul mercato.

2. Le disposizioni del presente decreto non si appli

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62424 1045460
Art. 2 - Definizioni

1. Ai fini del presente decreto si intende per:

a) articolo pirotecnico: qualsiasi articolo contenente sostanze esplosive o una miscela esplosiva di sostanze destinate a produrre un effetto calorifico, luminoso, sonoro, gassoso o fumogeno o una combinazione di tali effetti grazie a reazioni chimiche esotermiche automantenute;

b) immissione sul mercato: la prima messa a disposizione sul mercato comunitario di un prodotto in vista della sua distribuzione o della sua utilizzazione a

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62424 1045461
Art. 3 - Classificazione

1. Gli articoli pirotecnici sono classificati in categorie dal fabbricante conformemente al loro tipo di utilizzazione, alla loro finalità e al livello di rischio potenziale, compreso il livello della loro rumorosità. Gli organismi notificati di cui all’articolo 7 confermano la classificazione in categorie secondo le procedure di valutazione di conformità di cui all’articolo 6.

2. Gli articoli pirotecnici sono classificati nelle seguenti categorie:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62424 1045462
Art. 4 - Autorizzazione delle persone con conoscenze specialistiche

1. Le autorizzazioni all’esercizio dell’attività di utilizzo, a qualsiasi titolo, degli articoli pirotecnici di cui all’articolo 3, comma 2, lettera a), n. 4), lettera b), n. 2), e lettera c), n. 2), possono essere rilasciate solo ai soggetti in possesso delle abilitazioni di cui all’articolo 101 del regio decreto 6 maggio 1940, n. 635, e successive modificazioni, che abbiano superato corsi di formazio

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62424 1045463
Art. 5 - Limitazioni alla vendita di articoli pirotecnici

1. Gli articoli pirotecnici non sono venduti, né messi altrimenti a disposizione dei consumatori al di sotto dei seguenti limiti di età:

a) fuochi d’artificio della categoria 1 a privati che non abbiano compiuto il quattordicesimo anno;

b) fuochi d’artificio della categoria 2 e articoli pirotecnici delle categorie T1 e P1 a privati che non siano maggiorenni e che non esibiscano u

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62424 1045464
Art. 6 - Marcatura CE

1. Gli articoli pirotecnici devono soddisfare i requisiti essenziali di sicurezza previsti dall’allegato I.

2. Salvo quanto previsto dall’articolo 1, comma 2, lettera g), è vietato detenere, utilizzare, porre in vendita o cedere a qualsiasi titolo, trasportare, importare od esportare articoli che sono privi della marcatura CE e che non hanno

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62424 1045465
Art. 6-bis - Importazione di articoli pirotecnici marcati CE

N4

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62424 1045466
Art. 7 - Organismi notificati

N5 1. Il Ministero dell'interno - Dipartimento della pubblica sicurezza, comunica al Ministero dello sviluppo economico, per la successiva notifica alla Commissione dell'Unione europea e alle autorità competenti degli altri St

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62424 1045467
Art. 8 - Vigilanza sugli organismi notificati

1. Il Ministero dell’interno si avvale del comitato tecnico di cui all’articolo 4 del decreto legislativo 2 gennaio 1997, n. 7, per vigilare sull’attività degli organismi notificati.

2. All’articolo 4 del decreto legislativo 2 gennaio 1997, n. 7, sono apportate le seguenti modificazioni:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62424 1045468
Art. 9 - Caratteristiche della marcatura CE

1. La marcatura CE di conformità deve corrispondere al modello previsto dall’allegato IV e deve essere apposta dal fabbricante in modo visibile, facilmente leggibile ed indelebile sugli articoli pirotecnici, o su una piastrina di identificazione fissata su di essi, o sulla confezione, avente caratteristiche tali da non poter essere riutilizzata.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62424 1045469
Art. 10 - Adempimenti procedurali

1. Alle procedure relative all’esame «CE del tipo» e alle procedure di valutazione

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62424 1045470
Art. 11 - Etichettatura degli articoli pirotecnici

1. I fabbricanti e, qualora essi non siano stabiliti nell’Unione europea, gli importatori devono assicurare che gli articoli pirotecnici diversi dagli articoli pirotecnici per i veicoli siano adeguatamente etichettati, in modo visibile, leggibile e indelebile, nella lingua italiana.

2. L’etichetta degli articoli pirotecnici deve riportare, in caratteri facilmente leggibili, almeno il nome e l’indirizzo del fabbricante o, qualora il fabbricante non sia stabilito nella Comunità, il nome del fabbricante, nonché il nome e l’indirizzo dell’importatore, il nome e il tipo dell’articolo, i limiti minimi d’età e le altre condizioni per la vendita stabilite dall’articolo 5, la categoria pertin

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62424 1045471
Art. 12 - Etichettatura di articoli pirotecnici per i veicoli

1. L’etichetta degli articoli pirotecnici per i veicoli riporta il nome del fabbricante o, qualora il fabbricante non sia stabilito nella Comunità, il nome dell’importatore, il nome e il tipo dell’articolo e le istruzioni in materia di sicurezza.

2. Se l’artico

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62424 1045472
Art. 13 - Sistema informatico di raccolta dati

N8

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62424 1045473
Art. 14 - Sorveglianza del mercato

1. Il Dipartimento della pubblica sicurezza con il concorso del Dipartimento dei vigili del fuoco, del soccorso pubblico e della difesa civile del Ministero dell’interno controlla che gli articoli pirotecnici immessi sul mercato siano sicuri, adeguatamente immagazzinati e usati ai fini cui sono destinati.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62424 1045474
Art. 15 - Disposizioni procedurali

1. Il provvedimento adottato ai sensi dell’articolo 14 che limita l’immissione sul mercato di un prodotto o ne dispone il ritiro o il richiamo, deve essere adeguatamente motivato, con l’indicazione dei termini e delle autorità competenti cui è possibile ricorrere e deve essere notificato entro sette giorni dall’adozione.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62424 1045475
Art. 16 - Interventi d’urgenza e misure preventive

1. Oltre quanto stabilito dagli articoli 39 e 40 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza, approvato con regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, per gravi motivi di ordine e di si

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62424 1045476
Art. 17 - Disciplina sanzionatoria

1. L’articolo 53 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza, approvato con regio decreto 18 giugno 1931, n. 773 R, è sostituito dal seguente:

«Art. 53. — 1. E’ vietato fabbricare, tenere in casa o altrove, trasportare, immettere sul mercato, importare, esportare, trasferire, o vendere, anche negli stabilimenti, laboratori, depositi o spacci autorizzati, prodotti esplodenti che non siano stati riconosciuti e classificati dal Ministero dell’interno, sentito il parere di una commissione tecnica, ovvero che sono privi della marcatura CE e che non hanno superato la valutazione di conformità previsti dalle disposizioni di recepimento delle direttive comunitarie in materia di prodotti esplodenti.

2. Nel regolamento sono classificati nelle categorie e nei relativi gruppi, ai fini della sicurezza fisica dei depositi e dei locali di vendita, tutti i prodotti esplodenti secondo la loro natura, composizione ed efficacia esplosiva.

3. L’iscrizione dei prodotti nelle singole categorie è disposta con provvedimento del capo della polizia - direttore generale della pubblica sicurezza.

4. Salvo che il fatto costituisca più grave reato, le violazioni di cui al comma 1 sono punite con la reclusi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62424 1045477
Art. 18 - Disposizioni transitorie e finali

1. Con decreto del Presidente della Repubblica, è emanato, ai sensi dell’articolo 17, comma 1, della legge 23 agosto 1988, n. 400 R, su proposta del Ministro dell’interno, di concerto con i Ministri della giustizia, dell’economia e delle finanze, della difesa, dello sviluppo economico, del lavoro e delle politiche sociali, entro centottanta giorni dalla data di entrata in vigore del presente decreto, un regolamento recante, in particolare, l’adeguamento delle disposizioni regolamentari vigenti applicate alle categorie degli articoli pirotecnici ai fini del deposito, alle categorie a rischio, alle definizioni e ai criteri di classificazione degli articoli pirotecnici previsti dal presente decreto, con le conseguenti modifiche e abrogazioni delle disposizioni del regolamento di esecuzione del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza, approvato con regio decreto 6 maggio 1940, n. 635

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62424 1045478
Art. 19 - Disposizioni finanziarie

1. Dall’applicazione del presente decreto non devono derivare nuovi o maggiori oneri per la fin

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62424 1045479
Art. 20 - Entrata in vigore

1. Le disposizioni del presente decreto entrano in vigore il 1° luglio 2010.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62424 1045480
Allegato I - Requisiti essenziali di sicurezza (di cui all’articolo 6, comma 1)

1) Ogni articolo pirotecnico deve presentare caratteristiche di funzionamento conformi a quelle indicate dal fabbricante all’organismo notificato per assicurare il livello massimo di sicurezza e di affidabilità.

2) Ogni articolo pirotecnico deve essere progettato e fabbricato in modo da assicurarne uno smaltimento sicuro mediante un processo adeguato che comporti ripercussioni minime sull’ambiente.

3) Ogni articolo pirotecnico deve funzionare correttamente quando usato ai fini cui è destinato. Ogni articolo pirotecnico deve essere testato in condizioni affini a quelle reali. Ove ciò non sia possibile in laboratorio, le prove devono essere effettuate alle condizioni nelle quali l’articolo pirotecnico è destinato ad essere usato. Si devono esaminare o testare le seguenti inf

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62424 1045481
A. Fuochi d’artificio

1) Il fabbricante classifica i fuochi d’artificio secondo diverse categorie conformemente all’art. 3 sulla base del contenuto esplosivo netto, delle distanze di sicurezza, del livello sonoro o di fattori affini. La categoria è chiaramente indicata sull’etichetta:

a) i fuochi d’artificio della categoria 1 soddisfano le seguenti condizioni:

i) la distanza di sicurezza è pari ad almeno 1 m. Tuttavia, se del caso, la distanza di sicurezza può essere inferiore;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62424 1045482
B. Altri articoli pirotecnici

1) Gli articoli pirotecnici devono essere progettati in modo tale da ridurre al minimo i rischi per la salute, i beni materiali e l’am

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62424 1045483
C. Dispositivi d’accensione

1) I dispositivi d’accensione devono avere un innesco affidabile e disporre di una sufficiente capacità d’innesco in tutte le condizioni d’uso normali e prevedibili.

2) I dispositivi d’accensione de

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62424 1045484
Allegato II - Procedure di verifica della conformità (di cui all’articolo 6, comma 2)
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62424 1045485
B: Esame CE del tipo

1. Il presente modulo descrive la parte della procedura in base alla quale un organismo notificato accerta e attesta che un campione, rappresentativo della produzione in questione, soddisfa le pertinenti disposizioni del presente decreto.

2. La domanda di esame CE del tipo dev’essere presentata dal fabbricante a un organismo notificato di sua scelta.

La domanda comprende:

a) il nome e l’indirizzo del fabbricante;

b) una dichiarazione scritta che la stessa domanda non è stata presentata a nessun altro organismo notificato;

c) la documentazione tecnica quale descritta del punto 3. Il richiedente mette a disposizione dell’organismo notificato un campione rappresentativo della produzione in questione (di seguito «tipo»). L’organismo notificato può chiedere ulteriori campioni se necessari per effettuare il programma di prove.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62424 1045486
C: Conformità al tipo

1. Il presente modulo descrive la parte della procedura in cui il fabbricante si accerta e dichiara che gli articoli pirotecnici in questione sono conformi al tipo oggetto dell’attestato di certificazione CE e soddisfano i requisiti del presente decreto ad essi applicabili. Il fabbricante appone la marcatura CE a ciascun articolo pirotecnico e redige una dichiarazione

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62424 1045487
D: Garanzia della qualità di produzione

1. Il presente modulo descrive la procedura con cui il fabbricante che soddisfa gli obblighi di cui al punto 2 si accerta e dichiara che gli articoli pirotecnici in questione sono conformi al tipo oggetto dell’attestato di certificazione CE e soddisfano i requisiti del presente decreto. Il fabbricante deve apporre la marcatura CE a ciascun articolo e redigere una dichiarazione scritta di conformità. La marcatura CE dev’essere accompagnata dal numero d’identificazione dell’organismo notificato responsabile della sorveglianza di cui al punto 4.

2. Il fabbricante deve applicare un sistema approvato di qualità della produzione, esegue l’ispezione e le prove del prodotto finito secondo quanto specificato nel punto 3. Egli è assoggettato alla sorveglianza di cui al punto 4.

3. Sistema di qualità

3.1.Il fabbricante deve presentare una domanda di valutazione del suo sistema di qualità ad un organismo notificato di sua scelta per gli articoli pirotecnici in questione.

La domanda contiene:

a) tutte le informazioni pertinenti sulla categoria di articoli pirotecnici contemplati;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62424 1045488
E: Garanzia di qualità del prodotto

1. Il presente modulo descrive la procedura con cui il fabbricante che soddisfa gli obblighi di cui alla punto 2 si accerta e dichiara che gli articoli pirotecnici sono conformi al tipo oggetto dell’attestato di certificazione CE. Il fabbricante appone la marcatura CE su ciascun prodotto e redige una dichiarazione scritta di conformità. La marcatura CE deve essere accompagnata da un numero d’identificazione dell’organismo notificato responsabile della sorveglianza di cui al punto 4.

2. Il fabbricante applica un sistema di qualità approvato per l’ispezione e le prove degli articoli pirotecnici finiti come indicato nel punto 3. Egli è soggetto alla sorveglianza di cui al punto 4.

3. Sistema di qualità

3.1. Il fabbricante deve presentare una domanda di verifica del sistema di qualità degli articoli pirotecnici a un organismo notificato di sua scelta. La domanda contiene:

a) tutte le pertinenti informazioni sulla categoria di articoli pirotecnici completati;

b) la documentazione relativa al sistema di qualità;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62424 1045489
G: Verifica dell’esemplare unico

1. Il presente modulo descrive la procedura con cui il fabbricante accerta e dichiara che l’articolo pirotecnico cui è stato rilasciato l’attestato di cui alla lettera B è conforme ai requisiti pertinenti del presente decreto. Il fabbricante appone la marcatura CE sull’articolo e redige una dichiarazione di conformità.

2. L’organismo notificato e

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62424 1045490
H: Garanzia totale di qualità

1. Il presente modulo descrive la procedura con cui il fabbricante che soddisfa gli obblighi di cui al punto 2 si accerta e dichiara che gli articoli in questione rispondono ai requisiti applicabili del presente decreto che ad essi si applicano. Il fabbricante o il suo importatore appongono la marcatura CE a ciascun articolo e redigono una dichiarazione scritta di conformità. La marcatura CE è accompagnata dal numero d’identificazione dell’organismo notificato responsabile della sorveglianza di cui al punto 4.

2. Il fabbricante applica un sistema approvato di qualità della progettazione, della produzione, esegue l’ispezione e le prove del prodotto finito, secondo quanto specificato al punto 3, ed è assoggettato alla sorveglianza di cui al punto 4.

3. Sistema di qualità

3.1. Il fabbricante presenta una domanda di verifica del suo sistema di qualità ad un organismo notificato. La domanda deve contenere:

a) tutte le informazioni pertinenti sulla categoria di articoli pirotecnici contemplati;

b) la documentazione relativa al sistema di qualità.

3.2. Il sistema di qualità deve garantire la conformità dell’articolo ai requisiti

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62424 1045491
Allegato III - Criteri minimi che devono essere presi in considerazione dagli stati membri per quanto concerne gli organismi responsabili delle verifiche di conformità (di cui all’articolo 7, comma 2)


1. L’organismo, il suo direttore e il personale preposto alle prove di verifica non possono essere né il progettista, né il fabbricante, né il fornitore, né l’installatore né l’importatore degli articoli pirotecnici da controllare, né il mandatario di una di queste persone. Essi non possono intervenire né direttamente né come mandatari nella progettazione, produzione, commercializzazione, manutenzione o importazione di detti articoli. Ciò non

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62424 1045492
Allegato IV - Marcatura di conformità (di cui all’articolo 9, comma 1)

La marcatura di conformità CE è costituita dalle iniziali «CE» secondo il simbolo grafico che segue:


Parte di provvedimento in formato grafico

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Sicurezza

Commercializzazione e sicurezza di articoli pirotecnici - D. Leg.vo 123/2015

Entra in vigore dal 13/08/2015 la disciplina di recepimento della Direttiva 2013/29/UE concernente la messa a disposizione sul mercato di articoli pirotecnici. Tutti i dettagli sul campo di applicazione e sulle disposizioni transitorie concernenti la salvaguardia delle autorizzazioni emesse in vigenza della normativa precedente.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Sicurezza in atmosfera esplosiva
  • Sicurezza

Le Commissioni tecniche consultive in materia di sostanze esplodenti

Funzioni e compiti della Commissione consultiva centrale e delle Commissioni tecniche territoriali in materia di sostanze esplodenti, ricostituite con il D.M. 19/11/2014 dopo che il D.L. "spending review" 95/2012 ne aveva previsto la soppressione ed ha trasferito le competenze dei citati organismi ai relativi uffici delle amministrazioni nell'ambito delle quali operavano. AGGIORNAMENTO APRILE 2015: D.M. 17/03/2015 che ha modificato la composizione delle Commissioni tecniche territoriali.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Sicurezza
  • Cantieri temporanei e mobili

Sicurezza in cantiere e obblighi di committente, responsabile lavori, coordinatore sicurezza, imprese affidatarie ed esecutrici

COMMITTENTE E RESPONSABILE DEI LAVORI (Il committente nella normativa sulla sicurezza in cantiere; Il responsabile dei lavori e la delega da parte del committente; Sintesi degli obblighi del committente) - NOMINA DEL COORDINATORE PER LA SICUREZZA (Quando è obbligatoria la nomina, tempistiche; Lavori privati non soggetti a permesso di costruire e inferiori a 100.000 Euro ; Tabella riepilogativa obbligo di nomina del coordinatore per la sicurezza) - NOTIFICA PRELIMINARE - ULTERIORI ADEMPIMENTI DEL COMMITTENTE (Verifica dell’idoneità tecnico-professionale di imprese e lavoratori autonomi; Dichiarazione dell’organico medio annuo e del CCNL applicato; Trasmissione di copia della notifica preliminare; Assenza notifica preliminare o DURC) - COORDINATORE PER LA SICUREZZA (Coordinatore per la sicurezza in fase di progettazione; Coordinatore per la sicurezza in fase di esecuzione) - IMPRESA AFFIDATARIA E IMPRESA ESECUTRICE, DIFFERENZA E CASISTICHE - VERIFICA IDONEITÀ PROFESSIONALE DELLE IMPRESE - OBBLIGHI DELL’IMPRESA AFFIDATARIA (Obblighi connessi all’appalto con l’impresa esecutrice; Gestione pratica dei lavori; Obblighi contrattuali nei confronti delle imprese esecutrici; Lavori pubblici).
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Sicurezza

Attrezzature di lavoro: requisiti, obblighi, verifiche, abilitazioni all’utilizzo

Le norme del Testo unico della sicurezza sulle attrezzature di lavoro; Verifiche periodiche delle attrezzature di lavoro (attrezzature oggetto di verifica, modalità tecniche e procedurali, banca dati presso l’INAIL, prima verifica e verifiche successive, adempimenti in capo ai datori di lavoro, abilitazione, elenchi dei soggetti abilitati, tariffe applicabili); Attrezzature di lavoro che richiedono specifica abilitazione e formazione; Macchine agricole.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Prevenzione Incendi
  • Sicurezza
  • Locali di pubblico spettacolo

Le norme di sicurezza e antincendio per le attività di spettacolo viaggiante

L'articolo riporta un riepilogo in forma sintetica della normativa vigente in tema di sicurezza e prevenzione incendi per le attività di spettacolo viaggiante, alla luce delle disposizioni contenute nel D.M. 13/12/2012: campo di applicazione; normativa di riferimento; adempimenti per le nuove attività; adempimenti per le attività esistenti; montaggio, smontaggio e verifiche periodiche. In allegato all'articolo, l'elenco aggiornato delle attività spettacolari, attrazioni e trattenimenti di cui all'art. 4 della L. 337/1968, come da ultimo aggiornato dal D.M. 01/06/2018.
A cura di:
  • Alfonso Mancini