FAST FIND : NR27156

L. R. Friuli Venezia Giulia 29/12/2011, n. 18

Disposizioni per la formazione del bilancio pluriennale ed annuale della Regione (Legge finanziaria 2012).
Stralcio.
Testo coordinato con le modifiche introdotte da:
- L.R. 09/03/2012, n. 3
- L.R. 08/04/213, n. 5
- L.R. 29/04/2015, n. 11
- L.R. 15/07/2016, n. 12
- L.R. 09/12/2016, n. 21
- L.R. 20/10/2017, n. 34
Scarica il pdf completo
622914 4183971
Art. 1 - Omissis


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
622914 4183972
Art. 2 - (Interventi in materia di agricoltura, foreste, caccia e pesca)

1-33. omissis

34. All’articolo 20 della legge regionale 5 dicembre 2008, n. 16 (Norme urgenti in materia di ambiente, territorio, edilizia, urbanistica, attività venatoria, ricostruzione, adeguamento antisismico, trasporti, demanio marittimo e turismo), sono apportate le seguenti modifiche:

a) al comma 3 le parole “Il Comune, individuato secondo i criteri fissati dai regolamenti di cui al comma 1, è l’autorità competente a ricevere la comunicazione preventiva dell’avvio dell’attività di utilizzazione agronomica” sono sostituite dalle seguenti: “La Regione, secondo i criteri fissati dai regolamenti di cui al comma 1, riceve la comunicazione dell’utilizzazione agronomica”;

b) al comma 4 dopo le parole “avvalendosi di ARPA” sono inserite le seguenti: “, di ERSA”;

c) dopo il comma 4 sono inseriti i seguenti:

“4 bis. L’ERSA svolge le attività di controllo sul rispetto della disciplina in materia di utilizzazione agronomica da parte delle aziende e, in caso di inosservanza delle disposizioni dei regolamenti di cui al comma 1, può impartire specifiche prescrizioni.

4 ter. In caso di inosservanza delle norme tecniche dei regolamenti di cui al comma 1 o delle prescrizioni di cui al comma 4 bis, l’ERSA può disporre, previa diffida, la sospensione a tempo determinato o il divieto di esercizio dell’attività di utilizzaz

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
622914 4183973
Art. 3 - (Interventi in materia di attività produttive)

1-24. Omissis

25.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
622914 4183974
Art. 4 - (Interventi in materia di commercio)

1. Al comma 1 dell’articolo 85 della legge regionale 5 dicembre 2005, n. 29 (Normativa organica in materia di attività commerciali e di somministrazione di alimenti e bevande. Modifica alla

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
622914 4183975
Art. 5 - (Interventi in materia di ambiente, energia, montagna, protezione civile)

1-36. Omissis

37. Al comma 6 dell’articolo 4 della legge regionale 23 luglio 2009, n. 12 (Assestamento del bilancio 2009 e del bilancio pluriennale per gli anni 2009-2011 ai sensi dell’articolo 34 della legge regionale 21/2007), dopo la parola “sorgente” sono aggiunte le seguenti: “, nonché alla realizzazione di interventi di sistemazione idrogeologica del territorio regionale”.

38-51. Omissis

52. Al comma 51 dell’articolo 3 della legge regionale 11/2011 sono apportate le seguenti modifiche:

a) le parole “piano regionale dei rifiuti solidi urbani” sono sostituite dalle seguenti: “piano regionale di gestione dei rifiuti urbani”;

b) le parole “entro il 31 dicembre 2011” sono sostituite dalle seguenti: &ldquo

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
622914 4183976
Art. 6 - (Interventi in materia di infrastrutture, territorio, edilizia e lavori pubblici)

1-5. Omissis

6. Ai fini di una corretta programmazione della finanza pubblica in particolare per quanto attiene l’incentivazione delle possibili entrate, nelle more dell’entrata in vigore del piano di governo del territorio di cui alla legge regionale 3 dicembre 2009, n. 22 (Procedure per l’avvio della riforma della pianificazione territoriale della Regione), le iniziative di pubblico interesse e la realizzazione di impianti a valenza regionale, nazionale e internazionale possono essere inserite negli strumenti di pianificazione comunale, a domanda motivata dei Comuni, nel rispetto dei criteri di cui all’allegato A delle norme tecniche di attuazione del piano urbanistico regionale generale (PURG), approvato con decreto del Presidente della Giunta regionale n. 826, del 15 settembre 1978, e successive modifiche.

7. Possono chiedere l’estensione del riconoscimento della valenza turistica ai fini dell’individuazione di zone territoriali omogenee G, come definite dal piano urbanistico regionale vigente, i Comuni limitrofi o viciniori a quelli già classificati turistici dal medesimo piano regionale.

8. Possono altresì chiedere l’estensione del riconoscimento di cui al comma 7 i Comuni, aventi caratteristiche anche diverse da quelle proprie dei Comuni montani e costieri, nel cui territorio viene proposta la realizzazione di impianti turistico-ricettivi rispondenti agli standard nazionali, europei o internazionali di settore.

9. In funzione della tipologia dell’intervento proposto e dell’ubicazione delle aree interessate, con decreto del Presidente della Regione, previa deliberazione della Giunta regionale, viene integrato con indicazione della sottozona applicabile, anche in via analogica, l’elenco dei Comuni a valenza turistica.

10. Le varianti agli strumenti urbanistici comunali adottate in adeguamento del riconoscimento di cui al presente articolo sono da considerarsi varianti sostanziali e sono predisposte in conformità alla direttiva 2001/42/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 27 giugno 2001, concernente la valutazione degli effetti di determinati piani e programmi sull’ambiente, e in conformità al decreto legislativo del 3 aprile 2006, n. 152 (Norme in materia ambientale), e successive modifiche.

11. Ai fini della corretta programmazione della spesa, in via di interpretazione autentica dell’articolo 3 bis, comma 2, lettera b), della legge regionale 20 agosto 2007, n. 23 (Attuazione del decreto legislativo 111/2004 in materia di trasporto pubblico regionale e locale, trasporto merci, motorizzazione, circolazione su strada e viabilità), i piani costituenti il sistema regionale delle infrastrutture di trasporto, della mobilità e della logistica:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
622914 4183977
Art. 7 - Omissis


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
622914 4183978
Art. 8 - (Interventi in materia di famiglia, associazionismo e cooperazione)

1-17. Omissis

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
622914 4183979
Art. 9 - Art. 10 - Omissis


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
622914 4183980
Art. 11 - (Interventi in materia di attività culturali e sportive)

1-7. Omissis

8. Alla legge regionale 3 aprile 2003, n. 8 (Testo unico in materia di sport e tempo libero), sono apportate le seguenti modifiche:

a) al comma 1 dell’articolo 5 le parole “entro il 31 gennaio” sono sostituite dalle seguenti: “dal 1 al 31 gennaio”;

b) dopo il comma 1 dell’articolo 5 è inserito il seguente:

“1 bis. Le domande hanno validità limitata all’anno solare in cui sono presentate.”;

c) dopo l’articolo 5 è inserito il seguente:

“Art. 5 bis - (Termini di inizio e di ultimazione dei lavori)

1. Qualora non ricorra la necessità espropriativa, la fissazione dei termini di inizio e ultimazione lavori, nonché la concessione di eventuali proroghe di inizio e di ultimazione dei lavori spettano all’organo concedente il contributo.

2. Il soggetto proponente l’intervento che intende dare inizio ai relativi lavori successivamente alla data di presentazione della domanda ma anteriormente alla data del decreto di concessione, comunica tale intenzione preventivamente al servizio competente in materia di sport e tempo libero.

3. In ogni caso i lavor

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
622914 4183981
Art. 12 - Omissis


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
622914 4183982
Art. 13 - (Interventi in materia di autonomie locali)

1-71. Omissis

72. Alla legge regionale 11 novembre 2011, n. 14 (Razionalizzazione e semplificazione dell’ordinamento locale in territorio montano. Istituzione delle Unioni dei Comuni montani), sono apportate le seguenti modifiche:

a) al comma 4 dell’articolo 2 è aggiunto, in fine, il seguente periodo: “Entro i successivi trenta giorni, la Giunta regionale, con propria deliberazione pubblicata nel Bollettino Ufficiale della Regione, ridefinisce o conferma gli ambiti territoriali delle Unioni montane tenendo conto dei criteri indicati al comma 1.”;

b) dopo il comma 2 dell’articolo 3 è aggiunto il seguente:

“2 bis. Fino alla definizione da parte della Giunta regionale della classificazione di cui al comma 2, trova applicazione la determinazione delle zone di svantaggio soci

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
622914 4183983
Art. 14 - Art. 15 - Omissis


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
622914 4183984
Art. 16 - (Altre norme intersettoriali e norme contabili)

1. Omissis

2. Il comma 2 dell’articolo 38 della legge regionale 20 marzo 2000, n. 7 (Testo unico delle norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto di accesso) è abrogato.

3. Al comma 5 dell’articolo 65 della legge regionale 7/2000, le parole “ferme restando le condizioni di abbonamento alla versione cartacea del bollettino medesimo” sono soppresse.

4. Dopo il comma 1 dell’articolo 4 della legge regionale 11 agosto 2010, n. 15 (Testo unico delle norme regionali in materia di impianto e di tenuta del libro fondiario), è aggiunto il seguente:

“1 bis. Le sedi e gli ambiti di competen

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
622914 4183985
Art. 17 - Art. 19 - Omissis


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
622914 4183986
Art. 20 - (Entrata in vigore)

1. La presente legge entra in vigore il giorno della sua pubblicazione nel Bollettino

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
622914 4183987
Allegati - Omissis


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

La Legge di Stabilità 2016 comma per comma

Analisi sintetica e puntuale di tutte le disposizioni di interesse del settore tecnico contenute nella Legge di Stabilità 2016 (L. 28 dicembre 2015, n. 208), con rinvio ad approfondimenti sulle novità di maggiore rilievo.
A cura di:
  • Dino de Paolis

Il “Collegato ambientale” 2016 comma per comma

Analisi sintetica e puntuale di tutte le disposizioni di interesse del settore tecnico contenute nella L. 28/12/2015, n. 221 (Disposizioni in materia ambientale per promuovere misure di green economy e per il contenimento dell'uso eccessivo di risorse naturali, cosiddetta “Legge sulla green economy” o “Collegato ambientale”), con rinvio ad approfondimenti sulle novità di maggiore rilievo.
A cura di:
  • Alfonso Mancini

Tutti i termini prorogati dal Decreto-Legge “Milleproroghe” 244/2016 (L. 19/2017)

Rassegna completa di tutti i termini in scadenza di interesse di professionisti tecnici, enti e pubbliche amministrazioni, imprese, prorogati dal consueto decreto-legge “Milleproroghe” (D.L. 244/2016 convertito in legge dalla L. 19/2017). Prevenzione incendi; Protezione civile, calamità e terremoti; Appalti, opere e infrastrutture; Pubblica amministrazione; Ambiente, fonti rinnovabili e sicurezza sul lavoro; Varie.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Amianto - Dismissione e bonifica
  • Strade, ferrovie, aeroporti e porti
  • Trasporti
  • Agevolazioni per interventi di risparmio energetico
  • Beni culturali e paesaggio
  • Fiscalità immobiliare locale (IMU-TARI-TASI)
  • Patrimonio immobiliare pubblico
  • Informatica
  • Infrastrutture e reti di energia
  • Imposte sul reddito
  • Lavoro e pensioni
  • Provvidenze
  • Imposte indirette
  • Rifiuti
  • Edilizia residenziale
  • Catasto e registri immobiliari
  • Difesa suolo
  • Servizi pubblici locali
  • Tutela ambientale
  • Edilizia scolastica
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Alberghi e strutture ricettive
  • Terremoto Abruzzo
  • Terremoto Emilia Romagna, Lombardia e Veneto
  • Terremoto regioni meridionali
  • Agevolazioni per interventi di ristrutturazione e antisismici
  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica
  • Fisco e Previdenza
  • Impiantistica
  • Urbanistica
  • Protezione civile
  • Pubblica Amministrazione
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Impianti di telefonia e comunicazione
  • Impresa, mercato e concorrenza
  • Enti locali
  • Federalismo fiscale
  • Aree urbane
  • DURC
  • Calamità/Terremoti
  • Appalti e contratti pubblici

La legge di stabilità 2015 comma per comma

Analisi sintetica e puntuale di tutte le disposizioni di interesse del settore tecnico contenute nella legge di Stabilità 2015 (L. 23 dicembre 2014 n. 190), con rinvio ad approfondimenti sulle novità di maggiore rilievo.
A cura di:
  • Dino de Paolis

Tutti i termini prorogati dal decreto-legge «Milleproroghe» 192/2014 (L. 11/2015)

Libretto di centrale impianti termici; Smaltimento rifiuti in discarica; SISTRI; Gestione dei rifiuti in Campania; Anticipazione prezzo nei lavori pubblici; Centrali uniche di committenza; Qualificazione contraente generale; Appaltabilità e cantierabilità grandi opere; Messa in sicurezza edifici scolastici; Interventi per il dissesto idrogeologico; Antincendio strutture ricettive; Antincendio nuove attività esistenti; Zone a burocrazia zero; Impianti a fonti rinnovabili e Conto energia in zone terremotate; Macchine agricole; Contribuenti minimi; Locazione immobili pubblici; Sfratti esecutivi; Processo amministrativo digitale; Affidamento servizio distribuzione gas; Accise sul combustibile impiegato per la cogenerazione.
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Energia e risparmio energetico
  • Impiantistica
  • Pubblica Amministrazione
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Enti locali
  • Impianti alimentati da fonti rinnovabili
  • Fonti alternative

Umbria: contributi agli enti pubblici per investimenti nelle energie rinnovabili e nel risparmio energetico (anno 2018)

  • Impiantistica
  • Impianti alimentati da fonti rinnovabili
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Provvidenze
  • Tutela ambientale
  • Imprese
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Fonti alternative
  • Finanza pubblica
  • Energia e risparmio energetico

Molise: incentivi alle imprese per la riduzione dei consumi energetici e delle emissioni di gas climalteranti

  • Rifiuti
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Caratteristica di pericolo HP 14 rifiuti ecotossici

  • Appalti e contratti pubblici
  • Avvisi e bandi di gara
  • Requisiti di partecipazione alle gare

Obbligo di compilazione del DGUE in forma elettronica in base a regole AgID