FAST FIND : NN9984

D. Leg.vo 27/01/2010, n. 17

Attuazione della direttiva 2006/42/CE, relativa alle macchine e che modifica la direttiva 95/16/CE relativa agli ascensori.
Aggiornamenti e modifiche: D. Leg.vo 22/06/2012, n. 124.
Scarica il pdf completo
62225 767019
[Premessa]


Il Presidente della Repubblica


Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Vista la direttiva 2006/42/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 17 maggio 2006, relativa alle macchine e che modifica la direttiva 95/16/CE;

Vista la direttiva 2006/42/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 17 maggio 2006, relativa alle macchine e che modifica la direttiva 95/16/CE;

Vista la legge 7 luglio 2009, n. 88,

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62225 767020
Art. 1 - (Campo d'applicazione)

1. Le norme del presente decreto legislativo si applicano ai seguenti prodotti, così come definiti all’articolo 2:

a) macchine;

b) attrezzature intercambiabili;

c) componenti di sicurezza;

d) accessori di sollevamento;

e) catene, funi e cinghie;

f) dispositivi amovibili di trasmissione meccanica;

g) quasimacchine.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62225 767021
Art. 2 - Definizioni

1. Ai fini del presente decreto legislativo si intende per: «macchina» uno dei prodotti elencati all’articolo 1, comma 1, lettere da a) ad f).

2. Si applicano le definizioni seguenti:

a) «macchina » propriamente detta:

1) insieme equipaggiato o destinato ad essere equipaggiato di un sistema di azionamento diverso dalla forza umana o animale diretta, composto di parti o di componenti, di cui almeno uno mobile, collegati tra loro solidamente per un'applicazione ben determinata;

2) insieme di cui al numero 1), al quale mancano solamente elementi di collegamento al sito di impiego o di allacciamento alle fonti di energia e di movimento;

3) insieme di cui ai numeri 1) e 2), pronto per essere installato e che può funzionare solo dopo essere stato montato su un mezzo di trasporto o installato in un edificio o in una costruzione;

4) insiemi di macchine, di cui ai numeri 1

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62225 767022
Art. 3 - Immissione sul mercato e messa in servizio

N2 “1. Possono essere immesse sul mercato ovvero messe in servizio unicamente le macchine che soddisfano le pertinenti disposizioni del presente decreto legislativo e se non pregiudicano la sicurezza e la salute delle persone o, se del caso, degli animali domestici e dei beni, nonché, qualora applicabile, dell'ambiente quando sono debitamente installate, mantenute in efficienza e utilizzate conformemente alla loro destinazione o in condizioni ragionevolmente prevedibili.”

2. Possono essere immesse sul mercato unicamente le quasimacchine che rispettano le pertinenti disposizioni del presente decreto legislativo.

3. Il fa

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62225 767023
Art. 4 - Presunzione di conformità e norme armonizzate

1. Le macchine provviste della marcatura «CE» e accompagnate dalla dichiarazione CE di conformità, i cui elementi sono previsti dall’allegato II, parte 1 sezione A, sono ritenute rispondenti alle disposizioni del presente de

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62225 767024
Art. 5 - Procedura di contestazione di una norma armonizzata

1. Il Ministero dello sviluppo economico, qualora ritiene, anche a seguito di s

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62225 767025
Art. 6 - Sorveglianza del mercato

1. Riguardo alle macchine e alle quasimacchine, già immesse sul mercato, le funzioni di autorità di sorveglianza per il controllo della conformità alle disposizioni del presente decreto legislativo, sono svolte dal Ministero dello sviluppo economico e dal Ministero del lavoro e delle politiche sociali, che operano attraverso i propri organi ispettivi in coordinamento permanente fra loro al fine di evitare duplicazioni dei controlli.

2. Le amministrazioni di cui al comma 1 si avvalgono per gli accertamenti di carattere tecnico, in conformità alla legislazione vigente e senza nuovi o maggiori oneri per il bilancio dello Stato, dell’Istituto superiore di prevenzione e sicurezza del lavoro (ISPESL).

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62225 767026
Art. 7 - Clausola di salvaguardia

1. Il Ministero dello sviluppo economico informa immediatamente la Commissione europea e gli altri Stati membri delle misure restrittive adottate ai sensi dell’articolo 6, comma 4, con le relative motivazioni e precisando in particolare se la mancata conformità è dovuta:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62225 767027
Art. 8 - Misure specifiche riguardanti categorie di macchine potenzialmente pericolose

1. Sono considerate macchine potenzialmente pericolose le macchine con caratteristiche tecniche che presentano rischi dovuti a lacune di norme armonizzate che la Commissione europea ha ritenuto non soddisfare pienamente i requisiti essenziali di sicur

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62225 767028
Art. 9 - Valutazione della conformità delle macchine

1. Ai fini dell'attestazione di conformità della macchina alle disposizioni del presente decreto legislativo, il fabbricante o il suo mandatario applica una delle procedure di valutazione della conformità di cui ai commi 2, 3 e 4.

2. Se la macchina non è contemplata dall'allegato IV, il fabbricante o il suo mandatario applica la procedura di valutazione della conformità con controllo interno sulla

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62225 767029
Art. 10 - Procedure di valutazione della conformità delle quasi macchine

1. Il fabbricante di una quasimacchina, o il suo mandatario, prima dell'immissione sul mercato, si accertano che:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62225 767030
Art. 11 - Organismi notificati

1. Le attività di certificazione relative alla procedura di esame per la certificazione CE del tipo di cui all'allegato IX ed alla procedura di garanzia qualità totale di cui all'allegato X, sono effettuate da organismi autorizzati e notificati ai sensi del presente articolo ovvero da organismi autorizzati e notificati alla Commissione europea dagli altri Stati membri.

2. Possono essere autorizzati organismi in possesso dei requisiti di cui all'allegato XI, come precisati con il decreto ministeriale di cui al comma 4. Si presume che gli organismi che soddisfano i criteri di valutazione previsti dalle norme armonizzate pertinenti, i cui riferimenti sono pubblicati nella Gazzetta Ufficiale dell’Unione europea a titolo della direttiva 2006/42/CE, rispondano ai criteri pertinenti.

3. La pronuncia sull’autorizzazione è rilasciata entro centoventi giorni; in caso di richiesta di chiarimenti o di documenti, il termine è sospeso fino al ricevimento di questi ultimi. Il provvedimento di autorizzazione è adottato con decreto del Ministero dello sviluppo economico, di concerto con il Ministero del lavoro e delle politiche sociali e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana; il provvedimento di diniego è notificato al richiedente.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62225 767031
Art. 12 - Marcatura «CE»

1. La marcatura di conformità: «CE» è costituita dalle iniziali: «CE», conformemente al modello fornito nell'alleg

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62225 767032
Art. 13 - Non conformità della marcatura

1. Costituisce marcatura non conforme:

a) l'apposizione della marcatura «CE» ai sensi del presente decreto s

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62225 767033
Art. 14 - Obbligo di riservatezza

N2 “1. Ferme restando le disposizioni di cui al decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62225 767034
Art. 15 - Sanzioni

1. Salvo che il fatto non costituisce reato, il fabbricante o il suo mandatario che immette sul mercato ovvero mette in servizio macchine non conformi ai requisiti di cui all'allegato I del presente decreto è punito con la sanzione amministrativa pecuniaria da 4.000 euro a 24.000 euro. Alla stessa sanzione è assoggettato chiunque apporta modifiche ad apparecchiature dotate della prescritta marcatura CE, che comportano la non conformità ai medesimi requisiti.

2. Salvo che il fatto non costituisce reato, il fabbricante di una quasimacchina o il suo mandatario che contravviene alle prescrizioni di cui all'articolo 10 del presente decreto è punito con la sanzione amministrativa pecuniaria da 3.000 euro a 18.000 euro.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62225 767035
Art. 16 - Ascensori e montacarichi

1. Le disposizioni di attuazione della direttiva 2006/42/CE, per la parte relat

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62225 767036
Art. 17 - Deroga

1. Fino al 29 giugno 2011 è consentita l'immissione sul mercato e la mes

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62225 767037
Art. 18 - Abrogazioni

1. È abrogato il decreto del Presidente della Repubblica 24 luglio 1996,

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62225 767038
Art. 19 - Norme finali e transitorie

1. L’elenco indicativo dei componenti di sicurezza di cui all’allegato V è aggiornato con decreto di natura non regolamentare del Ministro dello sviluppo economico, di concerto con il Ministro del lavoro e delle politiche sociali, in attuazione degli eventuali aggiornamenti dell’elenco di tali componenti da parte dalla Commissione europea in base all'articolo 8, paragrafo 1, lettera

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62225 767039
ALLEGATO I - Requisiti essenziali di sicurezza e di tutela della salute relativi alla progettazione e alla costruzione delle macchine (previsto dall’art. 3, comma 3, lettera a))


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62225 767040
Principi generali

1. Il fabbricante di una macchina, o il suo mandatario, deve garantire che sia effettuata una valutazione dei rischi per stabilire i requisiti di sicurezza e di tutela della salute che concernono la macchina. La macchina deve inoltre essere progettata e costruita tenendo conto dei risultati della valutazione dei rischi.

Con il processo iterativo della valutazione dei rischi e della riduzione dei rischi di cui sopra, il fabbricante o il suo mandatario:

— stabilisce i

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62225 767041
1. Requisiti essenziali di sicurezza e di tutela della salute


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62225 767042
1.1. CONSIDERAZIONI GENERALI


1.1.1. Definizioni

Ai fini del presente allegato si intende per:

a) «pericolo», una potenziale fonte di lesione o danno alla salute;

b) «zona pericolosa», qualsiasi zona all'interno e/o in prossimità di una macchina in cui la presenza di una persona costituisca un rischio per la sicurezza e la salute di detta persona;

c) «persona esposta», qualsiasi persona che si trovi interamente o in parte in una zona pericolosa;

d) «operatore», la o le persone incaricate di installare, di far funzionare, di regolare, di pulire, di riparare e di spostare una macchina o di eseguirne la manutenzione;

e) «rischio», combinazione della probabilità e della gravità di una lesione o di un danno per la salute che possano insorgere in una situazione pericolosa;

f) «riparo», elemento della macchina utilizzato specificamente per garantire la protezione tramite una barriera materiale;

g) «dispositivo di protezione», dispositivo (diverso da un riparo) che riduce il rischio, da solo o associato ad un riparo;

h) «uso previsto», l'uso della macchina conformemente alle informazioni fornite nelle istruzioni per l'uso;

i) «uso scorretto ragionevolmente prevedibile», l'uso della macchina in un modo diverso da quello indicato nelle istruzioni per l'uso, ma che può derivare dal comportamento umano facilmente prevedibile.


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62225 767043
1.2. SISTEMI DI COMANDO


1.2.1. Sicurezza ed affidabilità dei sistemi di comando

I sistemi di comando devono essere progettati e costruiti in modo da evitare l'insorgere di situazioni pericolose. In ogni caso essi devono essere progettati e costruiti in modo tale che:

— resistano alle previste sollecitazioni di servizio e agli influssi esterni,

— un'avaria nell'hardware o nel software del sistema di comando non crei situazioni pericolose,

— errori della logica del sistema di comando non creino situazioni pericolose,

— errori umani ragionevolmente prevedibili nelle manovre non creino situazioni pericolose.

Particolare attenzione richiede quanto segue:

— la macchina non deve avviarsi in modo inatteso,

— i parametri della macchina non devono cambiare in modo incontrollato, quando tale cambiamento può portare a situazioni pericolose,

— non deve essere impedito l'arresto della macchina, se l'ordine di arresto è già stato dato,

— nessun elemento mobile della macchina o pezzo trattenuto dalla macchina deve cadere o essere espulso,

— l'arresto manuale o automatico degli elementi mobili di qualsiasi tipo non deve essere impedito,

— i dispositivi di protezione devono rimanere pienamente efficaci o dare un comando di arresto,

— le parti del sistema di controllo legate alla sicurezza si devono applicare in modo coerente all'interezza di un insieme di macchine e/o di quasi macchine.

In caso di comando senza cavo deve essere attivato un arresto automatico quando non si ricevono i segnali di comando corretti, anche quando si interrompe la comunicazione.


1.2.2. Dispositivi di comando

I dispositivi di comando devono essere:

— chiaramente visibili e individuabili utilizzando, se del caso, pittogrammi,

— disposti in modo da garantire una manovra sicura, univoca e rapida,

— progettati in modo tale che il movimento del dispositivo del comando sia coerente con l'azione del comando,

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62225 767044
1.3. MISURE DI PROTEZIONE CONTRO I PERICOLI MECCANICI


1.3.1. Rischio di perdita di stabilità

La macchina, elementi ed attrezzature compresi, deve avere una stabilità tale da evitare il rovesciamento, la caduta o gli spostamenti non comandati durante il trasporto, il montaggio, lo smontaggio e tutte le altre azioni che interessano la macchina.

Se la forma stessa della macchina o la sua installazione prevista non garantiscono sufficiente stabilità, devono essere previsti ed indicati nelle istruzioni appositi mezzi di fissaggio.


1.3.2. Rischio di rottura durante il funzionamento

Gli elementi della macchina, nonché i loro organi di collegamento, devono resistere agli sforzi cui devono essere sottoposti durante l'utilizzazione.

I materiali utilizzati devono presentare caratteristiche di resistenza sufficienti ed adeguate all'ambiente di utilizzazione, previsto dal fabbricante o dal suo mandatario, in particolare per quanto riguarda i fenomeni di fatica, invecchiamento, corrosione e abrasione.

Nelle istruzioni devono essere indicati i tipi e le frequenze delle ispezioni e manutenzioni necessarie per motivi di sicurezza. Devono essere indicati dove appropriato gli elementi soggetti ad usura, nonché i criteri di sostituzione.

Se nonostante le precauzioni prese sussistono rischi di disintegrazione o di rottura, gli elementi in questione devono essere montati,

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62225 767045
1.4. CARATTERISTICHE RICHIESTE PER I RIPARI ED I DISPOSITIVI DI PROTEZIONE


1.4.1. Requisiti generali

I ripari e i dispositivi di protezione:

— devono essere di costruzione robusta,

— devono essere fissati solidamente,

— non devono provocare pericoli supplementari,

— non devono essere facilmente elusi o resi inefficaci,

— devono essere situati ad una distanza sufficiente dalla zona pericolosa,

— non devono limitare più del necessario l'osservazione del ciclo di lavoro, e

— devono permettere gli interventi indispensabili per l'installazione e/o la sostituzione degli utensili e per i lavori di manutenzione, limitando però l'accesso

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62225 767046
1.5. RISCHI DOVUTI AD ALTRI PERICOLI


1.5.1. Energia elettrica

Se la macchina è alimentata con energia elettrica, essa deve essere progettata, costruita ed equipaggiata in modo da prevenire o da consentire di prevenire tutti i pericoli dovuti all'energia elettrica.

Gli obiettivi di sicurezza fissati dalla direttiva 2006/95/CE si applicano alle macchine. Tuttavia gli obblighi concernenti la valutazione della conformità e l'immissione sul mercato e/o la messa in servizio di macchine in relazione ai pericoli dovuti all'energia elettrica sono disciplinati esclusivamente dal presente decreto legislativo.


1.5.2. Elettricità statica

La macchina deve essere progettata e costruita in modo da evitare o da ridurre la formazione di cariche elettrostatiche potenzialmente pericolose e/o deve essere munita di mezzi che consentano di scaricarle.


1.5.3. Energie diverse dall'energia elettrica

Se la macchina è alimentata da fonti di energia diverse da quella elettrica, essa deve essere progettata, costruita ed equipaggiata in modo da prevenire tutti i rischi che possono derivare da tali fonti di energia.


1.5.4. Errori di montaggio

Gli errori commessi al montaggio o al rimontaggio di taluni pezzi, che potrebbero essere all'origine di rischi, devono essere resi impossibili dalla progettazione e dalla costruzione degli stessi oppure mediante indicazioni figuranti sui pezzi e/o sui loro carter. Le stesse indicazioni devono fig

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62225 767047
1.6. MANUTENZIONE

1.6.1. Manutenzione della macchina

I punti di regolazione e di manutenzione devono essere situati fuori dalle zone pericolose. Gli interventi di regolazione, di manutenzione, di riparazione e di pulitura della macchina devono poter essere eseguiti sulla macchina ferma.

Se per motivi tecnici non è possibile soddisfare una delle precedenti condizioni, devono essere prese disposizioni per garantire che dette operazioni possano essere eseguite in condizioni di sicurezza (cfr. punto 1.2.5).

Per le macchine automatizzate e, se del caso, per altre macchine, deve essere previsto un dispositivo di connessione che consenta di montare un dispositivo di diagnosi di ricerca delle avarie.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62225 767048
1.7. INFORMAZIONI


1.7.1. Informazioni e avvertenze sulla macchina

Le informazioni e le avvertenze sulla macchina dovrebbero essere fornite preferibilmente in forma di simboli o pittogrammi facilmente comprensibili. Qualsiasi informazione o avvertenza scritta od orale deve essere espressa nella o nelle lingue ufficiali della Comunità, che possono essere determinate, conformemente al trattato, dallo Stato membro in cui è immessa sul mercato e/o messa in servizio la macchina e può essere corredata, su richiesta, della o delle versioni linguistiche comprese dagli operatori.


1.7.1.1. Informazioni e dispositivi di informazione

Le informazioni necessarie alla guida di una macchina devono essere fornite in forma chiara e facilmente comprensibile. Non devono essere in quantità tale da accavallarsi nella mente dell'operatore.

Le unità di visualizzazione o qualsiasi altro mezzo di comunicazione interattiva tra operatore e macchina devono essere di facile comprensione e impiego.


1.7.1.2. Dispositivi di allarme

Quando la sicurezza e la salute delle persone possono essere messe in pericolo da un'avaria di una macchina che funziona senza sorveglianza, la macchina deve essere attrezzata in modo da emettere un segnale di avvertenza sonoro o luminoso adeguato.

Se la macchina è munita di dispositivi di avvertenza, essi devono poter essere compresi senza ambiguità e facilmente percepiti. Devono essere prese misure opportune per consentire all'operatore di verificare la costante efficienza di questi dispositivi di avvertenza.

Devono essere applicate le disposizioni delle specifiche direttive comunitarie concernenti i colori ed i segnali di sicurezza.


1.7.2. Avvertenze in merito ai rischi residui

Nel caso in cui permangano dei rischi, malgrado siano state adottate le misure di protezione integrate nella progettazione, le protezioni e le misure di protezione complementari, devono essere previste le necessarie avvertenze, compresi i dispositivi di avvertenza.


1.7.3. Marcatura delle macchine

Ogni macchina deve recare, in modo visibile, leggibile e indelebile, almeno le seguenti indicazioni:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62225 767049
2. Requisiti essenziali supplementari di sicurezza e di tutela della salute per talune categorie di macchine

N2Le

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62225 767050
2.1. MACCHINE ALIMENTARI E MACCHINE PER PRODOTTI COSMETICI O FARMACEUTICI


2.1.1. Considerazioni generali

Le macchine destinate ad essere utilizzate per prodotti alimentari o per prodotti cosmetici o farmaceutici devono essere progettate e costruite in modo da evitare qualsiasi rischio di infezione, di malattia e di contagio.

Vanno osservati i seguenti requisiti:

a) i material

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62225 767051
2.2. MACCHINE PORTATILI TENUTE E/O CONDOTTE A MANO


2.2.1. Considerazioni generali

Le macchine portatili tenute e/o condotte a mano devono:

— a seconda del tipo, avere una superficie di appoggio sufficiente e disporre in numero sufficiente di mezzi di presa e di mantenimento correttamente dimensionati, sistemati in modo da garantire la stabilità della macchina nelle condizioni di funzionamento previste,

— tranne quando sia tecnicamente impossibile o quando esista un dispositivo di comando indipendente, se le impugnature non possono essere abbandonate in tutta sicurezza, essere munite di dispositivi di comando manuali per l'avviamento e/o l'arresto disposti in modo tale che l'operatore non debba abbandonare i mezzi di presa per azionarli,

— essere esenti dai rischi dovuti all'avviamento intempestivo e/o al mantenimento in funzione dopo che l'operatore ha abbandonato i mezzi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62225 767052
2.3. MACCHINE PER LA LAVORAZIONE DEL LEGNO E DI MATERIE CON CARATTERISTICHE FISICHE SIMILI

Le macchine per la lavorazione del legno e di materie con caratteristiche fisiche simili devono rispettare i seguenti requisiti:

a) la mac

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62225 767053
2.3-bis. Macchine per l'applicazione di pesticidi

N4

2.3.1. Definizione

Per macchine per l'applicazione di pesticidi s'intendono le macchine specificamente utilizzate per l'applicazione di prodotti fitosanitari ai sensi dell'articolo 2, paragrafo 1, del regolamento (CE) n. 1107/2009 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 21 ottobre 2009, relativo alla commercializzazione dei prodotti fitosanitari.

2.3.2. Considerazioni generali

Il fabbricante di una macchina per l'applicazione di pesticidi, o il suo mandatario, deve garantire che sia effettuata una valutazione dei rischi di esposizione non intenzionale dell'ambiente ai pesticidi, in conformità della procedura di valutazione dei rischi e di riduzione dei rischi di cui ai Principi generali, punto 1.

Le macchine per l'applicazione di pesticidi devono essere progettate e costruite tenendo in considerazione i risultati della valutazione dei rischi di cui al primo comma in modo da poter essere utilizzate, regolate e sottoposte a manutenzione senza causare un'esposizione non intenzionale dell'ambiente ai pesticidi.

Devono sempre essere evitate fuoriuscite.

2.3.3. Comando e controllo

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62225 767054
3. Requisiti essenziali supplementari di sicurezza e di tutela della salute per ovviare ai pericoli dovuti alla mobilità delle macchine

Le macchine che presentano pericoli dovuti alla mobilità devono soddisfa

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62225 767055
3.1. CONSIDERAZIONI GENERALI


3.1.1. Definizioni

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62225 767056
3.2. POSTI DI LAVORO


3.2.1. Posto di guida

La visibilità dal posto di guida deve essere tale da consentire al conducente di far muovere la macchina e i suoi utensili nelle condizioni di impiego prevedibili, in tutta sicurezza per sé stesso e per le persone esposte. In caso di necessità, adeguati dispositivi devono rimediare ai pericoli dovuti ad insufficiente

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62225 767057
3.3. SISTEMI DI COMANDO

Se necessario, vanno previsti sistemi atti ad impedire l'uso non autorizzato dei comandi.

Nelle macchine dotate di telecomando, ogni unità di comando deve indicare chiaramente quali siano le macchine che essa è destinata a comandare.

Il sistema di telecomando deve essere progettato e costruito in modo da influenzare soltanto:

— la macchina in questione,

— le funzioni in questione.

Le macchine dotate di telecomando devono essere progettate e costruite in modo da rispondere unicamente ai segnali delle unità di comando previste.

3.3.1. Dispositivi di comando

Dal posto di manovra il conducente deve poter azionare tutti i dispositivi di comando necessari al funzionamento della macchina, tranne per quanto riguarda le funzioni che possono essere esercitate in condizioni di sicurezza solo mediante dispositivi di comando collocati altrove. Dette funzioni includono, in particolare, quelle di cui sono responsabili operatori diversi dal conducente o per le quali è necessario che il conducente lasci il posto di manovra per comandarle in condizioni di sicurezza.

I pedali eventuali devono essere progettati, costruiti e disposti in modo che possano essere azionati da un con

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62225 767058
3.4. MISURE DI PROTEZIONE CONTRO I PERICOLI MECCANICI


3.4.1. Movimenti incontrollati

La macchina deve essere progettata, costruita ed eventualmente montata sul suo supporto mobile in modo che al momento dello spostamento le oscillazioni incontrollate del suo baricentro non ne pregiudichino la stabilità né comportino sforzi eccessivi per la sua struttura.


3.4.2. Elementi mobili di trasmissione

In deroga al punto 1.3.8.1, nel caso dei motori, i ripari mobili che impediscono l'accesso alle parti mobili del compartimento motore possono non essere provviste di dispositivi di interblocco, a condizione che la loro apertura sia possibile soltanto con l'impiego di un utensile o di una chiave, oppure dopo aver azionato un comando situato sul posto di guida, se quest'ultimo si trova in una cabina completamente chiusa con una serratura per impedire l'accesso non autorizzato.


3.4.3. Ribaltamento o rovesciamento laterale

Quando per una macchina semovente con c

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62225 767059
3.5. MISURE DI PROTEZIONE CONTRO ALTRI PERICOLI


3.5.1. Batteria d'accumulatori

L'alloggiamento della batteria deve essere progettato e costruito in modo da impedire la proiezione dell'elettrolita sull'operator

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62225 767060
3.6. INFORMAZIONI ED INDICAZIONI


3.6.1. Iscrizioni, segnalazioni e avvertimenti

Le macchine devono essere provviste di iscrizioni e/o di targhe con le istruzioni per l'uso, la regolazione e la manutenzione, ovunque necessario, per garantire la sicurezza e la tutela della salute delle persone.

Tali mezzi devono essere scelti, progettati e realizzati in modo da essere chiaramente visibili e indelebili.

Fatte salve le prescrizioni da rispettare per la circolazione stradale, le macchine con conducente trasportato devono essere dotate della seguente attrezzatura:

— un avvertitore acustico che consenta di avvertire le persone,

— un sistema di segnalazione luminosa che tenga conto delle condizioni di impiego previste; quest'ultima condizione non si applica alle macchine destinate esclu

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62225 767061
4. Requisiti essenziali supplementari di sicurezza e di tutela della salute per prevenire i pericoli dovuti ad operazioni di sollevamento

Le macchine che presentano pericoli dovuti ad operazioni di sollevamento devono

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62225 767062
4.1. CONSIDERAZIONI GENERALI


4.1.1. Definizioni

a) «Operazione di sollevamento»: operazione di spostamento di unità di carico costituite da cose e/o persone che necessitano, in un determinato momento, di un cambiamento di livello.

b) «Carico guidato»: carico di cui l'intero spostamento avviene lungo guide rigide o flessibili, la cui posizione nello spazio è determinata da punti fissi.

c) «Coefficiente di utilizzazione»: rapporto aritmetico tra il carico garantito dal fabbricante o dal suo mandatario, fino al quale un componente è in grado di trattenere tale carico, ed il carico massimo di esercizio marcato sul componente.

d) «Coefficiente di prova»: rapporto aritmetico tra il carico utilizzato per effettuare le prove statiche o dinamiche della macchina di sollevamento o di un accessorio di sollevamento ed il carico massimo di esercizio marcato sulla macchina di sollevamento o sull'accessorio di sollevamento.

e) «Prova statica»: verifica che consiste nel controllare la macchina di sollevamento o un accessorio di sollevamento e nell'applicargli successivamente una forza corrispondente al carico massimo di esercizio moltiplicato per un coefficiente di prova statica appropriato; quindi, dopo aver soppresso il carico, nell'eseguire di nuovo un'ispezione della macchina o dell'accessorio di sollevamento per controllare che non si sia verificato alcun danno.

f) «Prova dinamica»: verifica che consiste nel far funzionare la macchina di sollevamento in tutte le possibili configurazioni al carico massimo di esercizio moltiplicato per il coefficiente di prova dinamica appropriato, tenendo conto del comportamento dinamico della macchina di sollevamento onde verificarne il buon funzionamento.

g) «Supporto del carico»: parte della macchina sulla quale o nella quale le persone e/o le cose sono sorrette per essere sollevate.


4.1.2. Misure di protezione contro i pericoli meccanici

4.1.2.1. Rischi dovuti alla mancanza di stabilità

La macchina deve essere progettata e costruita in modo che la stabilità prescritta al punto 1.3.1 sia mantenuta sia in servizio che fuori servizio, incluse tutte le fasi di trasporto, montaggio e smontaggio, in caso di guasti prevedibili di componenti e durante le prove effettuate in conformità del manuale di istruzioni. A tal fine il fabbricante o il suo mandatario deve utilizzare i metodi di verifica appropriati.


4.1.2.2. Macchina che si sposta lungo guide o su vie di scorrimento

La macchina deve essere munita di dispositivi che agiscono sulle guide o vie di scorrimento in modo da evitare i deragliamenti.

Se, nonostante la presenza di simili dispositivi, p

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62225 767063
4.2. REQUISITI PER LE MACCHINE MOSSE DA ENERGIA DIVERSA DA QUELLA UMANA

4.2.1. Comando dei movimenti

Devono essere utilizzati dispositivi di comando ad azione mantenuta per il comando della macchina o delle sue attrezzature. Per i movimenti, parziali o totali, per i quali non si corre il rischio di urto da parte del carico o della macchina, si possono sostit

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62225 767064
4.3. INFORMAZIONI E MARCATURA

4.3.1. Catene, funi e cinghie

Ogni lunghezza di catena, fune o cinghia di sollevamento che non faccia parte di un insieme deve recare una marcatura o, se ciò non è possibile, una targa o un anello inamovibile con i riferimenti del fabbricante o del suo mandatario e l'identificazione della relativa attestazione.

L'attestazione sopra menzionata deve contenere almeno le seguenti indicazioni:

a) nome e indirizzo del fabbricante e, se del caso, del suo mandatario;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62225 767065
4.4. ISTRUZIONI

4.4.1. Accessori di sollevamento

Ogni accessorio di sollevamento, o ciascuna partita di accessori di sollevamento commercialmente indivisibile, deve essere accompagnato da istruzioni che forniscano almeno le seguenti indicazioni:

a) uso previsto;

b) limiti di utilizzazione [in partic

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62225 767066
5. Requisiti essenziali supplementari di sicurezza e di tutela della salute per le macchine destinate ad essere utilizzate nei lavori sotterranei

Le macchine destinate ad essere utilizzate nei lavori sotterranei devono soddis

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62225 767067
5.1. RISCHI DOVUTI ALLA MANCANZA DI STABILITÀ

Le armature semoventi devono essere progettate e costruite in modo da permetter

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62225 767068
5.2. CIRCOLAZIONE

Le armature semoventi devono permettere alle persone di circolare senza intralci.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62225 767069
5.3. DISPOSITIVI DI COMANDO

I dispositivi di comando dell'acceleratore e dei freni che consentono di spostar

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62225 767070
5.4. ARRESTO DELLO SPOSTAMENTO

Le locomotive destinate ad essere impiegate nei lavori sotterranei devono esser

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62225 767071
5.5. INCENDIO

Il secondo trattino del punto 3.5.2 è obbligatorio per le macchine comprendenti parti ad alto

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62225 767072
5.6. EMISSIONI DI GAS DI SCARICO

I gas di scarico emessi da motori a combustione interna non devono essere evacuati verso l'alto.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62225 767073
6. Requisiti essenziali supplementari di sicurezza e di tutela della salute per le macchine che presentano particolari pericoli dovuti al sollevamento di persone

Le macchine che presentano pericoli dovuti al sollevamento di persone devono so

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62225 767074
6.1. CONSIDERAZIONI GENERALI


6.1.1. Resistenza meccanica

Il supporto del carico, incluse eventuali botole, deve essere progettato e costruito in modo da offrire lo

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62225 767075
6.2. DISPOSITIVI DI COMANDO

Se i requisiti di sicurezza non impongono altre soluzioni, come regola generale il supporto del carico deve ess

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62225 767076
6.3. RISCHI PER LE PERSONE CHE SI TROVANO NEL SUPPORTO DEL CARICO O SOPRA DI ESSO


6.3.1. Rischi dovuti ai movimenti del supporto del carico

Le macchine per il sollevamento di persone devono essere progettate, costruite e attrezzate in modo tale che le accelerazioni o le decelerazioni del supporto del carico non generino rischi per le persone.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62225 767077
6.4. MACCHINE CHE COLLEGANO PIANI DEFINITI


6.4.1. Rischi per le persone che si trovano nel supporto del carico o sopra di esso

Il supporto del carico deve essere progettato e costruito in modo da prevenire i rischi dovuti al contatto tra le persone e/o le cose, che si trovano nel supporto del carico o sopra di esso, con elementi fissi o mobili. Se necessario, per soddisfare qu

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62225 767078
6.5. MARCATURE

Nel supporto del carico devono figurare le informazioni necessarie per garantire la sicurezza, inclus

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62225 767079
ALLEGATO II – DICHIARAZIONI (previsto dall’articolo 3, comma 3, lettera e), dall’articolo 4, comma 1, e dall’articolo 10, comma 1, lettera c))


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62225 767080
1. Contenuto

A. Dichiarazione CE di conformità di una macchina

La dichiarazione e le relative traduzioni devono essere redatte alle stesse condizioni previste per le istruzioni [cfr. allegato I, punto 1.7.4.1, lettere a) e b)] e devono essere dattiloscritte oppure scritte a mano in caratteri maiuscoli.

Tale dichiarazione riguarda esclusivamente la macchina nello stato in cui è stata immessa sul mercato, escludendo i componenti aggiunti e/o le operazioni effettuate successivamente dall'utente finale.

La dichiarazione CE di conformità deve contenere gli elementi seguenti:

1. ragione sociale e indirizzo completo del fabbricante e, se del caso, del suo mandatario;

2. nome e indirizzo della

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62225 767081
2. Custodia

Il fabbricante della macchina o il suo mandatario custodisce l'originale della

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62225 767082
ALLEGATO III - MARCATURA «CE» (previsto dall’articolo 12, commi 1 e 2)

La marcatura «CE» di conformità è costituita dalle iniziali «CE» secondo il simbolo grafico che segue:


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62225 767083
ALLEGATO IV - Categorie di macchine per le quali va applicata una delle procedure di cui all'articolo 9, commi 3 e 4 (previsto dall’articolo 9, commi 2, 3 e 4)

1. Seghe circolari (monolama e multilame) per la lavorazione del legno e di materie con caratteristiche fisiche simili o per la lavorazione della carne e di materie con caratteristiche fisiche simili, dei tipi seguenti:

1.1. seghe a lama(e) in posizione fissa nel corso del taglio, con tavola o supporto del pezzo fissi, con avanzamento manuale del pezzo o con dispositivo di trascinamento amovibile;

1.2. seghe a lama(e) in posizione fissa nel corso del taglio, a tavola cavalletto o carrello a movimento alternato, a spostamento manuale;

1.3. seghe a lama(e) in posizione fissa nel corso del taglio, dotate di un dispositivo di avanzamento integrato dei pezzi da segare a carico e/o scarico manuale;

1.4. seghe a lama(e) mobile(i) durante il taglio, a dispositivo di avanzamento integrato, a carico e/o scarico manuale.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62225 767084
ALLEGATO V - Elenco indicativo dei componenti di sicurezza di cui all'articolo 2, comma 2, lettera c) (previsto dall’articolo 2, comma 2, lettera c))

1. Ripari dei dispositivi amovibili di trasmissione meccanica.

2. Dispositivi di protezione per rilevare la presenza di persone.

3. Ripari mobili automatici interbloccati progettati per essere utilizzati come mezzi di sicurezza nelle macchine di cui ai punti 9, 10 e 11 dell'allegato IV.

4. Blocchi logici per assicurare funzioni di sicurezza.

5. Valvole dotate di mezzi ausiliari per il rilevamento di guasti destinate ad essere utilizzate per il comando dei movimenti pericolosi delle macchine.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62225 767085
ALLEGATO VI Istruzioni per l'assemblaggio delle quasi-macchine (previsto dall’articolo 10, comma 1, lettera b))

Le istruzioni per l'assemblaggio delle quasimacchine devono contenere una descr

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62225 767086
ALLEGATO VII (previsto dall’articolo 3, comma 3, lettera b), e dall’articolo 10, comma 1, lettera a))


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62225 767087
A. Fascicolo tecnico per le macchine

La parte A del presente allegato descrive la procedura per l'elaborazione del fascicolo tecnico. Il fascicolo tecnico deve dimostrare la conformità della macchina ai requisiti della direttiva 2006/42/CE. Esso deve riguardare, nella misura in cui ciò sia necessario a tale valutazione, la progettazione, la fabbricazione ed il funzionamento della macchina. Il fascicolo tecnico deve essere redatto in una o in varie lingue ufficiali della Comunità; le istruzioni della macchina costituiscono un'eccezione a tale norma; ad esse vanno infatti applicate le disposizioni particolari previste dall'allegato I, punto 1.7.4.1.

1. Il fascicolo tecnico comprende gli elementi seguenti:

a) un fascicolo di costruzione composto:

– da una descrizione generale della macchina,

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62225 767088
B. Documentazione tecnica pertinente per le quasi-macchine

Questa parte dell'allegato descrive la procedura per l'elaborazione di una documentazione tecnica pertinente.

La documentazione deve dimostrare quali requisiti della direttiva 2006/42/CE siano applicati e soddisfatti. Essa deve riguardare la progettazione, la fabbricazione ed il funzionamento della quasimacchina, nella misura in cui ciò sia necessario per valutare la sua conformità ai requisiti essenziali di sicurezza e di tutela della salute applicati. La documentazione deve essere redatta in una o più delle lingue ufficiali della Comunità.

Essa comprende gli elementi seguenti:

a) un fascicolo di

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62225 767089
ALLEGATO VIII - VALUTAZIONE DELLA CONFORMITÀ CON CONTROLLO INTERNO SULLA FABBRICAZIONE DELLE MACCHINE (previsto dall’articolo 9, comma 2 e comma 3, lettera a))

1. Il presente allegato descrive la procedura secondo la quale il fabbricante o il suo mandatario, che ottempera agli o

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62225 767090
ALLEGATO IX - ESAME CE DEL TIPO (previsto dall’articolo 9, comma 3, lettera b), e comma 4, lettera a))

L'esame CE del tipo è la procedura secondo la quale un organismo notificato verifica e attesta che un modello rappresentativo di una macchina di cui all'allegato IV (di seguito «tipo») soddisfa i requisiti della direttiva 2006/42/CE.

1. Il fabbricante o il suo mandatario deve elaborare, per ogni tipo, il fascicolo tecnico di cui all'allegato VII, parte A.

2. Per ogni tipo, la domanda d'esame CE del tipo è presentata dal fabbricante o dal suo mandatario ad un organismo notificato di sua scelta.

La domanda contiene:

— il nome e l'indirizzo del fabbricante e, se del caso, del suo mandatario,

— una dichiarazione scritta che specifichi che la stessa domanda non è stata presentata a un altro organismo notificato,

— il fascicolo tecnico.

Inoltre il richiedente mette a di

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62225 767091
ALLEGATO X - GARANZIA QUALITÀ TOTALE (previsto dall’articolo 9, comma 3, lettera c), e comma 4, lettera b))

Il presente allegato descrive la valutazione della conformità di una macchina di cui all'allegato IV, fabbricata applicando un sistema di garanzia qualità totale, e descrive la procedura in base alla quale un organismo notificato valuta e approva il sistema qualità e ne controlla l'applicazione.

1. Il fabbricante applica un sistema qualità approvato per la progettazione, la fabbricazione, l'ispezione finale e il collaudo, come specificato al punto 2, ed è soggetto alla sorveglianza di cui al punto 3.

2. Sistema qualità

2.1. Il fabbricante o il suo mandatario presenta una domanda di valutazione del suo sistema qualità ad un organismo notificato di sua scelta.

La domanda contiene:

— il nome e l'indirizzo del fabbricante e, se del caso, del suo mandatario,

— i luoghi di progettazione, fabbricazione, ispezione, prove e deposito delle macchine,

— il fascicolo tecnico di cui all'allegato VII, parte A, per un modello di ciascuna categoria di macchina di cui all'allegato IV che intende fabbricare,

— la documentazione relativa al sistema qualità,

— una dichiarazione scritta che precisa che la stessa domanda non è stata presentata presso un altro organismo notificato.

2.2. Il sistema qualità deve garantire la conformità delle macc

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
62225 767092
ALLEGATO XI - CRITERI MINIMI CHE DEVONO ESSERE OSSERVATI DAGLI STATI MEMBRI PER LA NOTIFICA DEGLI ORGANISMI (previsto dall’articolo 11, comma 2)

1. L'organismo, il suo direttore ed il personale incaricato di eseguire le operazioni di verifica non possono essere né il progettista, né il fabbricante, né il fornitore, né l'installatore delle macchine che controllano, né il mandatario di una di queste persone. Essi non possono intervenire né direttamente né in veste di mandatari nella progettazione, fabbricazione, commercializzazione o manutenzione di tali macchine. Ciò non esclude la possibilità di uno scambio di informazioni tecniche fra il fabbricante e l'organismo.

2. L'organismo e il suo personale devono eseguire le operazioni di verifica con la massima integrità professionale e la massima competenza tecnica e devono essere liberi da qualsiasi pressione e incentivo, soprattutto di natura finanziaria, che possano influenzare il loro giudizio o i risultati del controllo, in

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Sicurezza

Attrezzature di lavoro: requisiti, obblighi, verifiche, abilitazioni all’utilizzo

Le norme del Testo unico della sicurezza sulle attrezzature di lavoro; Verifiche periodiche delle attrezzature di lavoro (attrezzature oggetto di verifica, modalità tecniche e procedurali, banca dati presso l’INAIL, prima verifica e verifiche successive, adempimenti in capo ai datori di lavoro, abilitazione, elenchi dei soggetti abilitati, tariffe applicabili); Attrezzature di lavoro che richiedono specifica abilitazione e formazione; Macchine agricole.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Norme tecniche
  • Macchine e prodotti industriali
  • Norme armonizzate

Norme armonizzate nella Direttiva macchine (Dir. 2006/42/CE)

Pagina informativa sintetica in merito alle Norme armonizzate per la prevenzione dei rischi derivanti dalla progettazione e dalla costruzione delle macchine nell'ambito della Direttiva 2006/42/CE. Disponibili gli elenchi aggiornati dei titoli e dei riferimenti delle Norme armonizzate. AGGIORNAMENTO MARZO 2018.
A cura di:
  • Angela Perazzolo
  • Macchine e prodotti industriali
  • Norme tecniche

Macchine per pesticidi: nuove disposizioni di salute e sicurezza

Le modifiche al D. Leg.vo 17/2010 che ha recepito la Direttiva macchine, per includere le nuove disposizioni riguardanti la sicurezza e la tutela della salute delle macchine utilizzate per i pesticidi.
A cura di:
  • Antonio Renato Soragnese
  • Finanza pubblica
  • Norme tecniche
  • Impiantistica
  • Provvidenze
  • Impianti di sollevamento e a fune
  • Impianti di sollevamento e a fune

Veneto: bando di finanziamento impianti di risalita per l’anno 2018

Il bando, rivolto a soggetti pubblici o piccole e medie imprese (PMI), assegna contributi in conto capitale destinati a nuovi impianti di risalita o a interventi di ammodernamento e innovazione tecnologica di impianti esistenti, comprese le opere di difesa dal pericolo valanghe e per la sicurezza idrogeologica inerenti gli impianti stessi. Le risorse previste ammontano a circa 4,5 milioni di euro e le domande vanno presentate entro il 22/10/2018.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Impiantistica
  • Norme tecniche
  • Impianti di sollevamento e a fune
  • Impianti di sollevamento e a fune

Autorizzazioni, vita tecnica e revisioni degli impianti funicolari aerei e terrestri

A seguito dell'emanazione del D.M. 01/12/2015, n. 203, presentiamo un approfondimento che riepiloga informa schematica e operativa le regole che disciplinano, a far data dal 22/12/2015, le autorizzazioni alla costruzione ed all’esercizio, la durata della “vita tecnica” e le revisioni degli impianti funicolari aerei e terrestri. Informazioni anche sulla disciplina precedente (D.M. 23/1985, superato dal D.M. 203/2015) e transitoria (art. 31 del D.L. "sblocca Italia" 133/2014).
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Impianti di sollevamento e a fune
  • Impianti di sollevamento e a fune
  • Norme tecniche
  • Impiantistica

Adeguamento a disposizioni tecniche impianti a fune per il trasporto di persone (D.M. 11/05/2017)

  • Finanza pubblica
  • Edilizia e immobili
  • Impianti sportivi
  • Norme tecniche
  • Impiantistica
  • Provvidenze
  • Impianti di sollevamento e a fune
  • Impianti di sollevamento e a fune

Lombardia, impianti di risalita e piste da sci: contributi per l'adeguamento e la sicurezza - Bando 2015

  • Efficienza e risparmio energetico
  • Norme tecniche
  • Energia e risparmio energetico
  • Macchine e prodotti industriali

Banca dati dei prodotti connessi all'energia: obblighi dei fornitori

  • Norme tecniche
  • Macchine e prodotti industriali
  • Energia e risparmio energetico
  • Efficienza e risparmio energetico

Banca dati dei prodotti connessi all'energia: obblighi dei fornitori

  • Norme tecniche
  • Macchine e prodotti industriali
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Inquinamento atmosferico

Motori macchine mobili non stradali: omologazione UE e immissione sul mercato